Miss 365: Raffaello Tonon presidente di giuria

Raffaello Tonon
Raffaello Tonon

Sarà Raffaello Tonon, noto opinionista del piccolo schermo, il presidente di giuria di “Miss 365”, l’evento che eleggerà la Prima Miss dell’Anno di Miss Italia 2018, in streaming dalle ore 21 sul sito e sulla pagina Facebook del concorso di bellezza, oltre che su numerosi portali e siti web che hanno deciso di ospitare la diretta.
“Sono un amico del Concorso e di Patrizia Mirigliani, di tutti i progetti che ha realizzato e che realizzerà – dice Tonon – Miss Italia per me è un’icona, esattamente come il Festival di Sanremo e il panettone di Milano, è un simbolo della nostra cultura, delle nostre tradizioni e del nostro costume”.

Semplice il messaggio alle ragazze: “Devono essere consapevoli che la vita è una battaglia e che il mondo dello spettacolo è una sorta di palestra. Le battaglie ci spingono a dare sempre di più e dunque a migliorare e, di questo, le ragazze devono essere convinte”.

Infine qualche considerazione sulla serata: “Sarò un presidente di giuria attento, che cercherà di premiare la ragazza con il giusto mix di bellezza, cultura, ironia e anche autoironia… insomma, una miss completa, che abbia tutte le carte in regola, che si curi del corpo come della mente. I tempi sono cambiati, occorre avere qualcosa di più: bellezza, talento, cultura ma anche curiosità a 360°. È questo che fa la differenza”.

Miss 365 – Conferenza Stampa a Saint Vincent

foto conferenza stampa
foto conferenza stampa

“È per noi una grande soddisfazione ospitare un evento così importante, in grado di promuovere il territorio e riportare l’immagine del nostro Comune agli albori di una volta; le premesse per un’accoppiata vincente ci sono tutte e mi auguro che questa collaborazione si consolidi e duri nel tempoʺ.

Lo ha detto il sindaco di Saint Vincent, Mario Borgio, nella conferenza stampa al Parc Hotel Billia, alla vigilia dell’elezione di Miss 365 – Prima Miss dell’Anno. Il primo cittadino, interrogato sulla questione, non ha nascosto il desiderio di legarsi ad un ʺgrande marchio come Miss Italiaʺ e si è detto aperto al confronto, lasciando presagire iniziative in questa direzione.

“Ringrazio la Regione e il clima di accoglienza che ci ha riservato, che si sposa con lo stile e l’eleganza che da sempre il Concorso ricerca – ha detto la patron Patrizia Mirigliani – c’è un universo femminile che si sposta e che Miss Italia vuole raccontare attraverso le sue concorrenti… noi lo facciamo coniugando, da sempre, tradizione e modernitàʺ.

Nel corso dell’incontro con la stampa, sono intervenute anche Alice Rachele Arlanch e Rachele Risaliti, insieme a Linda Pani, Miss Social e Miss Equiiibra 2017.
La sala Gran Paradiso, dove domani le 22 ragazze si contenderanno in diretta Facebook il titolo di Miss 365, è quella del Grand Hotel Billia “che festeggia i suoi 110 anni di attività – come ricorda Marco Fiore – e che in passato ha ospitato personaggi celebri del calibro di Sofia Loren, Marcello Mastroianni, Nino Manfredi”.

Stasera sera sul palco ci sarà Francesco Facchinetti. Miss Italia si avvia così ufficialmente verso la celebrazione dei suoi 80 anni di vita.

Valdostana una grande Miss del passato

Salsomaggiore Terme - Finalia Miss Italia - (da sinistra) Barbara Borghesi, Roberta Capua, Helena Sanson e ...
Salsomaggiore Terme – Finalia Miss Italia – (da sinistra) Barbara Borghesi, Roberta Capua, Helena Sanson e …

Nella conferenza stampa di presentazione della finale di Miss 365 – La Prima Miss dell’Anno 2018, la patron di Miss Italia, Patrizia Mirigliani, ha voluto ricordare la valdostana Helena Sanson.

Classe 1970, Helena partecipò a Miss Italia nel 1984 con il titolo di Miss Ragazza Ok, quando aveva soltanto 14 anni. Nel 1986, a 16 anni, ci riprovò arrivando alle finali come Miss Selezione Fotografica e classificandosi seconda, dopo Roberta Capua, con il titolo di Miss Eleganza.

Helena Sanson – cognome veneto e un pizzico di sangue svedese nelle vene – è cresciuta in Valle d’Aosta. Dopo gli esordi come modella per Krizia e Coveri, e gli impegni tra New York, Miami e Londra, oggi è docente universitaria a Cambridge, una delle più prestigiose università del mondo, dove è direttore degli Studi in Lingue Moderne e Medievali. In questi anni ha insegnato rinascimento e storia delle donne e letteratura femminile italiana.

“Un esempio concreto di come Miss Italia non sia soltanto bellezza, ma anche talento…”. Sono tante le ragazze che si sono affermate, in questi anni, anche per le loro qualità umane e intellettuali.

Identikit delle aspiranti Miss 365

Concorso Miss 365
Concorso Miss 365

Sono 22 le ragazze arrivate a Saint Vincent da tutta Italia per aggiudicarsi un posto alla finalissima di Miss Italia di settembre conquistando il titolo di Prima Miss dell’anno. Hanno tra i 17 e i 25 anni. Sono laureate, studentesse, sportive e anche mamme. Come Alessia Spagnulo, di Montesilvano (Pe), che coltiva il sogno di diventare una tatuatrice, e della lombarda Deborah Pilenga, impiegata in una ditta di termoidraulica. Tra di loro anche aspiranti avvocate, biologhe, arredatrici d’interni, stiliste, educatrici.

Nell’edizione più social che mai dell’era 3.0 non potevano mancare youtuber e influencer di professione: nonostante la giovanissima età, Marika Ferrarelli è una di queste. C’è anche chi lavora come segretaria nell’azienda di famiglia, chi nello studio medico del padre, chi come conduttrice televisiva per un’emittente locale. Infine, c’è chi si paga gli studi facendo la hostess o la modella.

Tra le partecipanti c’è anche chi, dopo la laurea, ha voluto proseguire gli studi attraverso corsi di specializzazione e master: è il caso di Manuela Matera, che frequenta un master in tecniche autoptiche all’Università Cattolica di Roma. Tutte hanno la medesima ambizione: conquistare la corona di più bella d’Italia, pur restando con i piedi per terra.

Sensibili alle tematiche sociali e a quelle legate alla violenza di genere, alcune sono impegnate attivamente nel volontariato per l’integrazione dei disabili o per aiutare i bimbi orfani.
Le miss sono determinate anche nelle passioni e negli hobby.

Molte praticano sport, anche ad alti livelli: tra le finaliste c’è una pallavolista che gioca in prima divisione e ci sono anche ballerine di danza classica e moderna, tenniste e nuotatrici.
Due ragazze sono di origine straniera: una è di origine russa da parte di madre, un’altra è nata in Russia e si è trasferita in Italia all’età di due anni.

Patrizia Mirigliani con le sue Miss, al Festival del Cinema di Roma

Patrizia-Mirigliani
Patrizia-Mirigliani

ʺMiss Italia in quasi 80 anni di storia, ha arricchito e continua ad arricchire il mondo del cinema di splendide icone, rinnovando di volta in volta la tradizione inaugurata da Vittorio De Sica e dai registi del tempo. Innumerevoli le donne belle e talentuose che muovendo i primi passi proprio da Miss Italia sono riuscite a trovare un loro spazio professionale senza subire lo scotto di mortificazioni o umiliazioni a causa di condotte inquietanti che coinvolgono alcuni ambienti dello star system, come emerso recentemente. Arrivare al successo dalla porta principale senza trafile umilianti con la tutela che il concorso ha sempre garantito e’ uno dei pregi che ci viene riconosciuto”.

Così in una nota pubblicata sul suo profilo Facebook, la patron di Miss Italia Patrizia Mirigliani annuncia il red carpet di questa sera al Festival del Cinema di Roma con la neo eletta Miss Italia Alice Rachele Arlanch e l’altra finalista del Concorso, Samira Lui, friulana di origine senegalese, alludendo allo scandalo delle molestie sessuali venuto alla luce con il caso Weinstein.