La puntualità di Alitalia

alitalia
alitalia

Con il 92,4% dei voli atterrati in orario, nello scorso mese di gennaio Alitalia è risultata la compagnia aerea più puntuale in Europa fra i vettori tradizionali (non low-cost).

A certificarlo è l’“Airline On-Time Performance Report” di Cirium (che ha acquisito FlightStats), società leader nell’analisi dei dati dell’industria del trasporto aereo.

Confrontando le diverse classifiche per area geografica elaborate nel report di Cirium, emerge inoltre che Alitalia si è posizionata al secondo posto nel mondo fra i vettori tradizionali per la puntualità dei propri voli.

Il dato del primo mese del 2020 conferma l’eccellente andamento operativo della Compagnia italiana e segue quello relativo all’intero 2019 quando Alitalia è risultata la seconda compagnia aerea più puntuale in Europa e la settima nel mondo, salendo di una posizione nella classifica mondiale rispetto al 2018.

Per la rilevazione della puntualità Cirium monitora per ciascuna compagnia la quasi totalità dei voli effettuati e segue la metodologia “A14” ovvero con una tolleranza in arrivo di 14 minuti rispetto all’orario di atterraggio previsto.

Onu riconosce il valore di Areu

Gallera
Gallera

I professionisti dell’AREU (Azienda Regionale di Emergenza Urgenza) e i Vigili del Fuoco hanno ottenuto dalle Nazioni Unite la certificazione Insarag (International Search and Rescue Advisory Group) come “i migliori team classificati fino ad ora”. La definizione è di Jasper Holmer Lund, segretario Insarag, una rete globale di oltre 80 paesi e organizzazioni che fa capo delle Nazioni Unite.

L’Insarag si occupa di questioni relative alla ricerca urbana e al salvataggio, con l’obiettivo di stabilire standard internazionali minimi per i team USAR (Urban Search And Rescue) e la metodologia per il coordinamento internazionale nella risposta ai terremoti.

A guadagnarsi il prestigioso riconoscimento sono stati i team USAR Italia, formati dai Vigili del Fuoco e dagli operatori sanitari di AREU. Da Amatrice a Rigopiano fino al ponte Morandi, gli USAR sono stati protagonisti di grandi interventi di soccorso, che hanno visto gli uomini di AREU in prima fila negli interventi di assistenza sanitaria al team e anche, dove necessario, di assistenza alle vittime delle calamità.

“La presenza di medici e infermieri all’interno dei nuclei – ha spiegato l’assessore Gallera – assume un ruolo di primaria importanza nell’efficacia delle operazioni USAR e per questo motivo il personale medico infermieristico e tecnico è selezionato tra i professionisti esperti in soccorso extra-ospedaliero con una formazione specifica ad interventi in ambienti ostili”.

“Durante le operazioni – ha sottolineato l’assessore – il personale sanitario è sempre integrato con le squadre di intervento. Ad esempio, una volta individuate e raggiunte le vittime da parte del personale tecnico, uno o due operatori sanitari possono accedere al sito e procedere con la stabilizzazione del paziente. Sono molto orgoglioso che anche l’ONU riconosce e valorizza tutto il lavoro di formazione, addestramento e operatività sul campo svolto da questi team unici in Italia”.