SCHERMA, DAL 15 AL 20 GIUGNO CAMPIONATI EUROPEI

Scherma Legnano

Saranno oltre 400 gli atleti, di 41 Paesi, che si sfideranno nel Castello di Legnano (Mi), dal 15 al 20 giugno, nei campionati Europei di scherma. L’evento, considerato il più importante appuntamento continentale prima dei Giochi olimpici di Londra, interesserà i migliori atleti europei nella specialità del Fioretto, Sciabola e Spada, individuali e a
squadre. La manifestazione, che coinvolgerà anche il Pala Borsani di Castellanza (Va), dove si disputeranno le fasi di
qualificazioni, è stata presentata oggi a Milano dall’assessore regionale allo Sport e Giovani Luciana Ruffinelli, dal
presidente del Comitato organizzatore ‘Legnano 2012′ Nicola Caletti e dal presidente della Federazione italiana di scherma Giorgio Scarso.
L’assessore Ruffinelli ha aperto il suo intervento ricordando la figura di Edoardo Mangiarotti, che ha definito “schermidore straordinario e uomo esemplare”.

TRAMPOLINO DI LANCIO PER OLIMPIADI – “Questi Campionati europei – ha ricordato Luciana Ruffinelli – sono uno degli eventi più prestigiosi di tutta la stagione, paragonabili a un Mondiale o alle stesse Olimpiadi, sia per la caratura degli schermidori che vi prendono parte, sia per l’occasione che rappresentano per la qualificazione olimpica per Londra. Infatti, in base ai risultati degli Europei, sarà aggiornato il ranking mondiale e, di conseguenza, stilati i tabelloni olimpici. Un buon risultato in questa competizione significherà quindi assicurarsi una buona partenza, a Londra, fra un mese. Il mio plauso va agli organizzatori, che sono riusciti a riportare in Italia una competizione che mancava da ben 13 anni, facendo di Legnano, che ha legato il suo nome al Palio e a un eroe con la spada, la Città della scherma”. Le finali e semifinali di ciascuna specialità si terranno nella cornice del Castello di Legnano.

VETRINA PER LE NOSTRE IMPRESE – “Questa straordinaria disciplina – ha sottolineato l’assessore Ruffinelli -, che ha regalato alla Lombardia, più di ogni altra, tantissimi titoli e soddisfazioni di livello internazionale, rappresenta per tutto il territorio milanese e varesino un’occasione unica sia per i nostri giovani, come forma educativa, sia per il turismo, ma anche una vetrina per tutte le nostre imprese. In provincia di Varese e Milano sono tante le Pmi che producono materiale sportivo mettendo in campo, soprattutto nell’ambito dell’abbigliamento, innovazione e ricerca. Credo che la vittoria di un campione che indossa, ad esempio, un sottotuta realizzato in una particolare microfibra, prodotta da un’azienda che fa parte di un certo distretto industriale dell’abbigliamento sportivo, accenda i riflettori
internazionali sull’azienda che l’ha prodotto e su tutto il comparto produttivo a essa collegato”.