INCONTRI POSSIBILI – quarto appuntamento

ANTONIO_LATELLA_PH_ANDREA_PIZZALIS
ANTONIO_LATELLA_PH_ANDREA_PIZZALIS

12 dicembre – Antonio Latella
Regista, autore, già direttore della Biennale di Venezia Teatro.
Quarto appuntamento di Incontri Possibili.

Corrado d’Elia, regista, attore e direttore di Teatri Possibili, insieme a Sergio Maifredi, regista e direttore artistico del Teatro Pubblico Ligure, avranno il piacere di dialogare in diretta online con Antonio Latella, regista e drammaturgo di fama europea, vincitore di numerosi premi Ubu.

Antonio Latella è figura di spicco del teatro contemporaneo. I Più grand teatri e festival internazionali, da Avignone a Vienna a Salisburgo, producono o si contendono i suoi spettacoli. E’ stato direttore della Biennale di Venezia Teatro.

Durante l’incontro ci si confronterà sulla situazione del teatro, in Italia e in Europa, esplorandone una visione di futuro.

“…in quanto esseri umani, abbiamo il desiderio e il bisogno di raccontare storie, e di ascoltarle. Per questo il teatro ha resistito a tutto, attraverso i millenni: le storie rendono la nostra vita più facile, ci aiutano ad avere meno paura. È un onore avere questo compito. Non so se il teatro del futuro sarà un teatro povero, ecologico, tecnologico, elettronico…

All’Italia auguro un teatro libero, che sappia e voglia parlare a tutti e che non si soffermi sulle distinzioni nominali tra on e off, tra ciò che è o non è “di ricerca”” – afferma Antonio Latella.

CPM Music Institute: Open Day Junior

CPM_Open Day Junior sabato 19 settembre
CPM_Open Day Junior sabato 19 settembre

Sabato 19 settembre al CPM Music Institute (Via Elio Reguzzoni, 15 – Milano), dalle ore 11.00 alle ore 13.00, si terrà l’Open Day dedicato ai corsi Junior (dai 5 ai 12 anni): una giornata di orientamento per conoscere e visitare la scuola di Franco Mussida e ricevere tutte le informazioni sui corsi dedicati ai più piccoli e ai giovanissimi.

L’Open Day Junior è un giorno di fondamentale importanza poiché permette a tutti coloro che sono interessati di entrare in contatto con il mondo del CPM, visitare la scuola e partecipare a delle lezioni aperte che aiuteranno i futuri allievi a scoprire lo strumento a loro più adatto.

Le lezioni aperte saranno tenute dai docenti Michele Fantoni (Basso), Emiliano Cava e Matteo Sarubbi (Batteria), Paola Candeo, Sarah Cappelletti e Sara Dell’Orto (Canto), Matteo Canali, Fabio Dozzini, Luca Gambino e Giulio Milanesi (Chitarra), Maximilian Agostini, Luca Gambino e Valeria Martini (Pianoforte&Tastiere). Nello specifico, la giornata prevede 3 sessioni di lezioni della durata di 30 minuti ciascuna per dare la possibilità a coloro che parteciperanno di provare anche più di uno strumento: 1° sessione dalle ore 11.00 alle ore 11.30, 2° sessione dalle ore 11.30 alle ore 12.00, 3° sessione dalle ore 12.00 alle ore 12.30.

Per partecipare è necessario prenotarsi inviando un’e-mail al seguente indirizzo corsi@cpm.it o telefonando allo 02.6411461

I corsi Junior del CPM, attivi dall’a.a. 2015/2016, sono realizzati appositamente con l’intento di avvicinare i più piccoli e i più giovani alla Musica con un approccio didattico ben strutturato. I corsi prevedono, infatti, lezioni di strumento, Musica d’Insieme e di teoria musicale. Inoltre, ogni anno al termine del percorso di studi viene organizzata una giornata nel Teatro del CPM per la preparazione dello spettacolo finale.

Nel periodo di emergenza sanitaria, il CPM Music Institute ha proseguito i programmi didattici con lezioni online interattive, teoriche e strumentali, potenziando così il proprio sistema scolastico. Oltre 465 allievi provenienti da tutta Italia sono seguiti con programmi personalizzati, tenendo conto delle singole necessità, caratteristica che da sempre contraddistingue il metodo di formazione del CPM.

Roberto Bolle: #iodanzoascuola!

fotoondance
fotoondance

Un annuncio che suona come una speranza. Roberto Bolle ha fatto scrivere sui social di OnDance – la piattaforma che è una declinazione della grande festa della danza che l’Étoile ha creato 3 anni fa a Milano facendola diventare subito un enorme successo – che il fitto calendario di lezioni di danza online che ha intrattenuto migliaia di persone nel periodo del lockdown con maestri di ogni stile e di tutto il mondo, è arrivato alla sua ultima settimana.

Secondo le ultime disposizioni infatti lunedì 25 maggio potranno riaprire le scuole di danza.
Una notizia che non può non essere accolta con grande gioia da Bolle, da sempre in prima linea per difendere il settore e in particolare le fasce più in difficoltà che possono ricominciare a lavorare. Un arrivederci che è un invito a non avere paura e a ballare “adesso è il momento di tornare a danzare nelle scuole, nelle palestre, con i vostri maestri!

In sicurezza e nel rispetto della vostra e altrui salute, ma finalmente #iodanzoascuola!”. La piattaforma di OnDance continuerà dal 25 maggio in poi a intrattenere il vasto pubblico di appassionati della danza e non solo con ospiti speciali, progetti, incontri e iniziative online in attesa di poter tornare nelle piazze e nei teatri.

Di seguito la nota integrale e il calendario dell’ultima settimana di lezioni.
“Cari ballerini, ci siamo, il lockdown è agli sgoccioli.
Finalmente lunedì 25 possono riaprire le scuole di danza!
Siamo stati felici di danzare insieme e di avervi tenuto compagnia in questi mesi.
Abbiamo organizzato più di 150 classi con oltre 50 maestri da tutto il mondo.
Abbiamo danzato oltre 20 danze diverse. Abbiamo imparato decine di coreografie.
Questo è il programma della settimana prossima, una settimana eccezionale, con nuovi importanti ospiti e seguitissime conferme.
Sarà l’ultima settimana con un calendario così ricco di lezioni.
Ma non è un addio, continueremo a farci compagnia in qualche modo, fino a quando potremo finalmente tornare a ballare insieme!
Ma adesso è il momento di tornare a danzare nelle scuole, nelle palestre, con i vostri maestri! In sicurezza e nel rispetto della vostra e altri salute, ma finalmente #iodanzoascuola!”

Week 10

Lunedì 18
14.30 Classico principianti Brigida Bossoni
16:00 Flamenco Mara Terzi
17.30 Contemporaneo Marco Pelle
19:00 Pointe work Viktorina Kapitonova

Martedì 19
11:00 Yoga Marta Castronuovo
14:30 Classico intermedio Andrea Piermattei
16:00 Classico principianti Beatrice Carbone
17.30 Contemporaneo Elisabetta Minutoli
19:00 Body workout Marco Agostino e Martina Arduino

Mercoledì 20
10.15 Warmup Denise Gazzo
11:00 Classico Avanzato Sophie Sarrote
16:00 Propedeutica Roberto Prete
17.30 Contemporaneo Francesco Gammino
19:00 Pointe work Virna Toppi

Giovedì 21
11:00 Classico intermedio Pierpaolo Ciacciulli
15:00 Warmup Bodycode Pino Carbone
16.30 Musical Giuseppe Verzicco
18:00 Contemporaneo tecnica Graham Marzia Memoli

Venerdì 22
11:00 Classico avanzato Anna Tsygankova ok
16:00 Classico principianti Beatrice Carbone
17.30 Contemporaneo Mario Piazza
19:00 Stretching Denise Gazzo

Sabato 23
14.30 Workshop stile Bigonzetti Stefania Figliossi
16:00 Modern Bill Goodson
17.30 Classico Avanzato Julie Kent
19:00 Pointe work Misa Kuranaga

Domenica 24
11:00 Classico intermedio Alessandro Tiburzi
15:00 Sbarra Pointe Work Mara Galeazzi
17:00 Contemporaneo Francesco Annarumma

Ondance è su Youtube e sui Social

Pensare l’infosfera

luciano_floridi_bredformat-
luciano_floridi_bredformat-

La filosofia pone domande, ma porre domande non è la cosa più importante, bisogna porre quelle giuste al momento giusto per avere risposte significative e corrette.
La filosofia è necessaria per ripensare ciò che si può definire progetto umano. E la filosofia evolve come evolve l’umanità.
Oggi l’indagine filosofica non può prescindere dalle tecnologie digitali che influenzano e formattano la nostra comprensione del mondo e la nostra relazione con esso.

Luciano Floridi terrà le tre lezioni al Teatro Franco Parenti (Sala Grande) di Milano:

#1 La filosofia come design concettuale – lunedì 10 febbraio h 19.00
#2 Il capitale semantico – lunedì 17 febbraio h 19.00
#3 Utopia digitale? Il verde e il blu – lunedì 24 febbraio h 19.00

Sicurezza: Guardie Ecologiche Volontarie

Gev
Gev

Da oggi 21 Novembre fino al prossimo 10 gennaio, è aperto il bando per diventare Guardie Ecologiche Volontarie (Gev) e scegliere così di dedicare parte del tempo libero al bene della città. Per iscriversi basta andare sul sito del Comune di Milano a questo link.

Le Gev attualmente in servizio a Milano sono 196 e il loro contributo è consistente: 31mila ore di servizio nel 2017, di cui circa il 70% nella vigilanza diretta sul territorio. Nel corso dell’ultimo anno sono state fatte circa 790 relazioni di servizio e nell’attività di educazione ambientale sono stati coinvolti oltre 8.800 ragazzi delle scuole primarie con interventi sui temi dell’acqua, aria, verde, rifiuti, energia e risparmio energetico.

C’è tempo fino al prossimo 10 gennaio per iscriversi al corso di formazione per aspiranti Gev. L’impegno richiesto è serio, anche perché, dopo un corso teorico e pratico di circa sessanta ore e dopo aver superato un esame di fronte alla Commissione Regionale, si diventa pubblici ufficiali con funzioni di Polizia Amministrativa, potendo accertare e sanzionare gli abusi di propria competenza, che riguardano principalmente il regolamento del verde. Il corso di 26 lezioni in aula si svolgerà presso la Scuola del Corpo della Polizia Locale in via Boeri 7 a Milano.

Alle Guardie ecologiche volontarie è richiesto un minimo di 14 ore mensili di attività dedicata in maggior parte alla vigilanza e controllo del verde pubblico per prevenire, segnalare o accertare fatti e comportamenti errati nei parchi cittadini. Dotati di una sede in ogni Municipio, le Gev hanno a disposizione tutti gli strumenti tecnici di lavoro, tra cui auto, biciclette e smartphone da usare in servizio e avranno anche la possibilità di avere un abbonamento annuale ATM pagato al 70% dal Comune.

“Innanzitutto voglio ringraziare – ha detto la vicesindaco Anna Scavuzzo – tutte le guardie ecologiche volontarie del Comune di Milano che quotidianamente mettono a disposizione il loro tempo per il bene collettivo: difendere e tutelare il verde, farlo apprezzare e rispettare e spiegarne il valore ai più giovani. Un impegno serio e importante che serve alla città: per questo lavoriamo per aumentare il numero di Gev che operano nei nostri parchi e promuovere questo prezioso servizio che migliora il benessere e la vivibilità delle nostre aree verdi”.