Comune di Milano Piano: di illuminazione

Marco-Granelli
Marco-Granelli

Sono 149 gli interventi per l’illuminazione cittadina in programma tra il 2017 e il 2019 con un investimento di circa 15 milioni di euro. Questo il piano di illuminazione messo in atto dal Comune di Milano con interventi già effettuati nel 2017, in corso in questi mesi, e da realizzare entro la fine dell’anno in corso e nel 2019.

“L’illuminazione pubblica è un servizio fondamentale – dichiara Marco Granelli assessore alla Mobilità e Ambiente -. Permette di aumentare i livelli di sicurezza reale e percepita nei quartieri della città. Da tempo A2A, concessionario del servizio, ha sostituito integralmente tutti gli impianti di illuminazione pubblica introducendo la tecnologia Led che ha migliori prestazioni ambientali. Ma l’Amministrazione continua a pianificare nuovi interventi e il potenziamento degli impianti esistenti. Per questo l’importante investimento di illuminazione viene condiviso con residenti, associazioni di cittadini e pianificato insieme ai Municipi che ci danno indicazione per circa i 2/3 del totale degli interventi”.

Nel 2017 e nei primi mesi del 2018 sono stati realizzati 29 interventi per un valore di 523mila euro. Attualmente sono in corso di realizzazione altri 23 interventi dal costo complessivo di 6,7 milioni di euro. Entro l’estate 2019 verranno realizzati ulteriori 53 interventi per un valore complessivo di 3,8 milioni di euro.

In collaborazione con i Municipi l’Amministrazione sta elaborando un nuovo elenco di interventi che saranno realizzati tra la fine del 2019 e nel primo semestre 2020: 44 per un valore di circa 4 milioni di euro. Entro l’autunno 2018 questo elenco sarà approvato in maniera definitiva.

Gli interventi in corso riguardano grandi parchi, aree verdi di medie e piccole dimensioni, aree cani e aree giochi, incroci dove il potenziamento dell’illuminazione consente maggiore sicurezza per gli attraversamenti pedonali, vie prive di illuminazione o dove l’illuminazione è scarsa, spesso anche per la vegetazione che negli anni è cresciuta.

Tra questi interventi vi sono alcune sostituzioni di torri faro ammalorate e potenziamenti nei grandi parchi, per esempio il parco Formentano di largo Marinai d’Italia, della Resistenza (ex Baravalle), Trenno, Forlanini, Lambro, Teramo.

Più illuminazione nell’area verde di via Butti-Guerzoni, via Paul Valery, via Petrocchi e via Arturo Graf ma anche nuovi impianti dove l’illuminazione era assente come il parco della Guastalla, finanziato anche grazie al contributo dell’associazione Amici della Guastalla, e il parco di Villa Litta ad Affori.

Nuove luci nell’area cani di piazzale Susa, Arturo Jemolo a Muggiano, Gabrio Rosa al Corvetto. Potenziamento al campo bocce di viale Argonne. Sarà illuminata la nuova pista ciclabile di piazza Amendola – piazza Conciliazione.

Fra i luoghi storici che saranno meglio illuminati, le Colonne di San Lorenzo, un intervento fortemente voluto da commercianti e residenti della zona, per contribuire a una maggiore sicurezza.

Oltre alla sostituzione degli impianti sono stati inseriti, in coincidenza di molti attraversamenti pedonali e incroci, fari integrativi al fine di meglio illuminare il passaggio pedonale e migliorare la sicurezza del pedone ad esempio in via Mosso, traversa di via Padova, piazza Lavater-via Ramazzini.

Più illuminazione anche in corrispondenza dei cantieri M4 in viale Argonne, piazza San Babila e corso Europa. Fra gli interventi in programma successivamente e inseriti nel Pto 2018 le aree cani di piazzale Libia e via Massena, gli incroci di via Pellegrino Rossi e, inoltre, viale Piave, piazza Tirana, via Marghera, via Rembrandt, via Olona, via Ponte Seveso, via Pepe, via Sebenico, ultimo tratto di via Padova, largo Crocetta.

I passaggi pedonali di via Quarenghi e via Terzaghi in corrispondenza della scuola. I parchi del quartiere Adriano e le aree verdi di via De Sanctis, via Chiarelli, parco Pertini.

Milano: lavori al Duomo

duomo-milano-notte
duomo-milano-notte

Si avvicina un grande traguardo per il simbolo di Milano nel mondo: il completamento del nuovo impianto d’illuminazione esterna del Duomo.

Nei giorni scorsi, infatti, il Consiglio di Amministrazione della Veneranda Fabbrica ha dato il via libera definitivo a un importante accordo stipulato congiuntamente con il Comune di Milano e A2A per la valorizzazione dell’illuminazione esterna della Cattedrale, che permetterà ai turisti e ai cittadini di Milano di ammirare il monumento simbolo della città in tutta la sua bellezza anche nelle ore serali e notturne.

I lavori partiranno a breve e prevedono, dopo il completamento della nuova illuminazione interna della Cattedrale inaugurata il 1 maggio 2015 e di quella della Madonnina, della facciata e delle vetrate ultimata in occasione del Natale 2016, il rifacimento di quella perimetrale e della parte alta del Duomo, comprendente le coperture e le guglie.

Le attività per la nuova illuminazione esterna dovrebbero terminare entro dicembre 2018, quando il simbolo di Milano risplenderà finalmente in tutto il suo fulgore, interamente rivestito di nuova luce.

574 PROIETTORI A LED
Il nuovo impianto di illuminazione degli esterni del Duomo, che comprende l’intero perimetro della Cattedrale, le coperture e le guglie, prevede un aumento di 196 proiettori rispetto ai 378 installati attualmente da A2A (non ancora LED), elevando il numero complessivo a 574, di cui 368 allocati sulle Terrazze del Duomo e 206 distribuiti sui pali ed i palazzi circostanti (consulta il progetto).

La Veneranda Fabbrica, sulla base del progetto esecutivo affidato nel 2016 all’Ing. Pietro Palladino dello Studio Ferrara Palladino e Associati (approvato dalla Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio di Milano) ha acquistato i nuovi corpi illuminanti relativi all’impianto: tutto è dunque pronto per la partenza dei lavori.

La scelta degli apparecchi, appositamente realizzati da ERCO, prosegue nel segno dell’efficienza e del rispetto dell’ambiente, privilegiando la tecnologia LED. L’intero progetto prevede una spesa per la Veneranda Fabbrica indicativamente di oltre € 1.000.000,00.

L’ACCORDO
L’accordo sottoscritto prevede una durata della convenzione pari a 4 anni, la fornitura da parte della Veneranda Fabbrica ad A2A dei corpi illuminanti da installarsi sul Duomo e sugli edifici circostanti.
La Veneranda Fabbrica, inoltre, provvederà, a propria cura e spese alla manutenzione ordinaria e straordinaria dell’impianto di illuminazione installato sulla sezione Duomo.
A2A si occuperà dell’installazione dei corpi illuminanti e della manutenzione ordinaria e straordinaria dell’impianto di illuminazione installato nelle aree limitrofe al Monumento. Inoltre, A2A curerà la posa dei contatori dedicati alla nuova illuminazione, realizzando il sezionamento in modo da poter misurare con precisione i consumi energetici del Duomo.

Il Comune di Milano, riconoscendo gli oneri conseguenti alle attività di relativa competenza, corrisponderà ad A2A il costo dell’installazione dell’impianto, stimato in € 195.000,00. Inoltre, Il Comune si farà carico anche del costo delle utenze dell’energia elettrica, limitando a 3.650 ore l’utilizzo annuo dei proiettori posti sulla sezione Duomo.

Fashion Week: progetto Via Gesù – nuove luci

Inaugurazione dell'illuminazione di via del Gesù The Flow of Light
Inaugurazione dell’illuminazione di via del Gesù The Flow of Light

Via Gesù si accende di nuova luce in occasione della settimana della moda uomo. È stato inaugurato questa sera dagli assessori Cristina Tajani (Commercio, Moda e Design) e Marco Granelli (Mobilità) con Sciaké Bonadeo, Presidente del Consorzio via Gesù, il nuovo sistema che oltre a illuminare la via consente a cittadini, residenti e turisti di scoprire, in modo interattivo, una delle vie più caratteristiche della città per la moda maschile e i tesori d’arte e di stile.

“Il progetto Via Gesù: the flow of light non è solo un innovativo intervento di illuminazione pubblica ma la testimonianza della capacità di Milano di rispondere alle sfide del futuro già nel presente, grazie all’unione di scienza, cultura e tecnologia e di produrre una visione comune e condivisa tra cittadini, aziende e Istituzioni”. Così gli assessori Cristina Tajani (Commercio, Moda e Design) e Marco Granelli (Mobilità), che proseguono: “Una nuova illuminazione più smart e fruibile per la via simbolo internazionale della moda uomo, segno dell’attenzione che l’Amministrazione ha per questo importante comparto del Made in Italy”.

Via Gesù: the flow of light è ideato realizzato da Artemide e promosso dall’Associazione di via Gesù insieme alla fondazione Riccardo Catella in sinergia con il Comune di Milano e A2A. Un’installazione illuminotecnica permanente in sintonia con il concetto di Smart City di cui il Comune è da tempo promotore.

Un fiume di luce che supera il concetto di illuminazione urbana e diventa fonte di informazione, relazione e cultura in un’area centrale e storica della città. Via Gesù è da oggi protagonista di un progetto sperimentale che valorizza, grazie alle opportunità offerte delle nuove tecnologiche impiegate, le peculiarità di un luogo dove si susseguono boutique raffinate, botteghe artigiane, antiquari, il Four Seasons Hotel Milano nato dalla trasformazione del Convento di Santa Maria del Gesù e perle come la casa museo Bagatti Valsecchi.

Le undici nuove lampade Nur Led Outdoor ideate da Artemide e installate lungo tutta la via in sostituzione delle normali luci a led, grazie a particolari sensori affiancati alla tecnologia bluetooth Low Energy consentiranno di stabilire una connessione diretta con gli smartphone o i tablet dei passanti, introducendoli in un flusso di aggiornamenti informativi grazie ai quali scoprire le realtà commerciali presenti in loco e la storia della via e del quartiere insieme alle tante opportunità culturali, turistiche e molte altre curiosità.

La piattaforma intelligente si integra in un network cittadino smart e “senseable” consentendo la misurazione di differenti parametri di gestione e lo scambio dei dati aperto a diverse applicazioni. La nuova illuminazione stradale di via Gesù racconta una città sempre più attenta a valorizzare la propria storia e architettura con l’utilizzo delle nuove tecnologie. Il costo complessivo del progetto è interamente sostenuto dagli ideatori e dall’Associazione di via Gesù e donato alla città.

Milano: Luminarie Natale 2017

luminarie Porta Venezia (foto repertorio)
luminarie Porta Venezia (foto repertorio)

L’asse di corso Buenos Aires da piazzale Loreto ai Caselli di Porta Venezia: 1.600 metri di luci con led a basso consumo e 120 sfere di Natale. Momento simbolico di inaugurazione l’accensione, questa sera, delle luci in Porta Venezia con il sindaco Giuseppe Sala e il presidente di Confcommercio Milano Carlo Sangalli. Assieme a loro Cristina Tajani, assessore al Commercio del Comune di Milano, Gabriel Meghnagi (presidente della rete associativa vie Confcommercio Milano e di Ascobaires) e Massimiliano Ceresini, direttore marketing Liu Jo S.p.A, sponsor dell’illuminazione in corso Buenos Aires-Porta Venezia.

Giuseppe Sala, Sindaco di Milano: “È sempre una grandissima emozione questo periodo dell’anno, quando Milano si veste di luci e colori, dalla periferia al centro, trasformando le sue strade e le sue piazze in luoghi davvero magici e regalando un’immagine di sé ancor più affascinante. Grazie allo sforzo congiunto di tutte le componenti più attive della città – aziende, enti pubblici e privati, associazioni e singoli sponsor – quest’anno siamo riusciti a portare l’atmosfera del Natale in oltre 180 vie, con circa 35 chilometri di luminarie. Si tratta di una tradizione ormai consolidata, che ogni anno ci ricorda l’importanza di lavorare insieme per rendere la nostra città sempre più bella, accogliente e attrattiva”.

Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio Milano: “Le luminarie accendono il Natale milanese che speriamo intenso per consumi e solidarietà vera. Milano continua a vivere un momento molto positivo. Superata l’Ema, la nostra città ha di fronte a sé progetti di maggior respiro come il rilancio delle periferie e la Città metropolitana che possono realmente determinare il suo futuro”.

Cristina Tajani, assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio: “Grazie alla collaborazione tra Comune, Confcommercio e Lui Jo, uno degli assi commerciali più rilevanti di Milano, corso Buenos Aires si accende per le festività natalizie. Una sinergia pubblico-privato che ha permesso di illuminare non solo il centro, ma tutte le zone di Milano nel segno della solidarietà tra i diversi quartieri e associazioni del centro e della periferia oltre a consentire a cittadini e turisti di passeggiare accolti dalle suggestive luci di una via simbolo della città”.

Gabriel Meghnagi, presidente rete associativa vie Confcommercio Milano e presidente Ascobaires: “La sinergia fra pubblico e privato ha reso possibile l’accensione di molte luci natalizie non solo sulle principali vie dello shopping – come in corso Buenos Aires con un design ecosostenibile molto apprezzato dagli operatori commerciali – ma anche in periferia. Occorre proseguire su questa strada con l’impegno di tutti”.

Marco Marchi, Amministratore Unico & Head of Style di Liu Jo S.p.A: “Siamo molto felici di poter essere anche quest’anno sostenitori di un progetto così importante per la città: si tratta sicuramente di un aiuto concreto per la zona e l’attività commerciale, in un momento dell’anno fondamentale – come quello natalizio, ma anche un modo per contribuire al consolidamento di Milano come città attiva ed inclusiva. Il tempo libero dei cittadini ha un valore speciale per le aziende e per Liu Jo, in particolare, è fondamentale poter contribuire al miglioramento di contesti urbani positivi, in cui i cittadini possono vivere proprio quel tempo libero nel migliore dei modi”.