Festival della Mente a Sarzana

Bandakadabra
Bandakadabra

Torna il Festival della Mente – il primo festival europeo dedicato alla creatività e alla nascita delle idee, promosso dalla Fondazione Carispezia e dal Comune di Sarzana – giunto alla sua XVI edizione: dal 30 agosto al 1 settembre, a Sarzana, con la direzione di Benedetta Marietti (www.festivaldellamente.it).

Tema di quest’anno il futuro.
«Il concetto di “futuro” è sempre stato importante e necessario per la mente umana – spiega Benedetta Marietti – ma acquista particolare significato in un’epoca come la nostra, densa di cambiamenti sociali, di trasformazioni tecnologiche e di incognite che gravano sul presente. Con il consueto approccio multidisciplinare, il festival si interroga sugli scenari possibili che ci attendono in campo scientifico e umanistico, senza però dimenticare che per guardare al domani bisogna conoscere il passato. E con la ferma convinzione che per immaginare il futuro che vogliamo è necessario creare e inventare una realtà nuova a partire dall’oggi. Spero che il festival, attraverso le voci competenti e appassionate dei relatori, riesca a trasmettere la convinzione che tutti noi possiamo e dobbiamo diventare “inventori del futuro”».

Sono 7 gli eventi serali che animeranno la cittadina di Sarzana nel weekend dal 30 agosto al 1o settembre.

Venerdì 30 agosto alle 21 in piazza d’Armi Fortezza Firmafede la Bandakadabra – estrosa formazione di fiati e percussioni – porterà sul palco Figurini, spettacolo comico-teatral-musicale dai toni vagamente surreali e dadaisti, che unisce temi apparentemente inconciliabili: un riferimento alle atmosfere western e alle colonne sonore di Ennio Morricone si trasforma in un brano dei Beatles, che a sua volta diventa l’occasione per riflettere ironicamente sulla tossicità degli smartphone e sulla sfortunata vita amorosa dei musicisti di “insuccesso”.
Alle 21.15 al Teatro degli Impavidi Beatrice Venezi, tra i più giovani direttori d’orchestra d’Europa, incontrerà l’attore Gioele Dix in Il tempo che non c’è. Insieme ai Solisti di Milano Classica, confronteranno i loro artisti più amati provando a immaginare un futuro per il loro mestiere.

Sabato 31 agosto alle 21 al Canale Lunense lo storico Paolo Colombo e l’illustratore Michele Tranquillini saranno protagonisti dell’incontro Ernest Henry Shackleton. L’eroe che sconfisse l’Antartide. Attraverso le parole di Colombo e gli acquerelli disegnati dal vivo da Tranquillini si ripercorrerà la storia dell’esploratore polare britannico Sir Ernest Shackleton e della sua impresa di attraversamento a piedi dell’Antartide. Facendo rivivere al pubblico di Sarzana quest’avventura, si cercherà di rispondere a una domanda importante: cosa significa essere eroi?
Alle 21.15 in piazza d’Armi Fortezza Firmafede l’attore Umberto Orsini, che calca le scene da ormai sessant’anni e ha lavorato con Fellini, Visconti, Zeffirelli e Ronconi, in dialogo con lo scrittore Paolo Di Paolo, in Il futuro del teatro. Muovendo dalla convinzione che il teatro sia un eterno presente, un futuro che si costruisce osando, Orsini ripercorrerà la sua carriera riflettendo su come si crei il futuro in scena: nella scelta dei testi, nell’interpretazione, nel dialogo con la platea e nella costruzione del pubblico.
Sempre alle 21.15 al Teatro degli Impavidi due esploratori del suono, il pianista improvvisatore e compositore Cesare Picco e il musicista e dj Alessio Bertallot si cimenteranno in Piano vs Groove: un viaggio tra i brani iconici della dj culture che si combinerà con la forza evocativa del pianoforte, contribuendo a creare un caleidoscopico nuovo mondo di suoni.

Domenica 1 settembre alle 21.15 in piazza d’Armi Fortezza Firmafede Lorenzo Jovanotti e Paolo Giordano in un incontro speciale pensato per il festival dal titolo L’invenzione del futuro. Non esiste invenzione che non sia anche il frutto delle visioni che altri hanno avuto prima di noi: da Magellano a Mozart, da Gabriel García Márquez a Joseph Conrad, da Albert Einstein a Jimi Hendrix, ogni creazione nuova è il prodotto complesso delle intuizioni che l’hanno preceduta. È possibile trovare una curva che colleghi quei punti e indichi la traiettoria del futuro? Jovanotti e Giordano risponderanno a questa domanda.
Sempre alle 21.15 al Teatro degli Impavidi, in anteprima per il pubblico del Festival della Mente, il regista Raphael Tobia Vogel porterà in scena Marjorie Prime, un testo che esplora il rapporto tra memoria e identità, scritto dal drammaturgo Jordan Harrison – finalista al premio Pulitzer 2015 – e prodotto dal Teatro Franco Parenti. Se esistessero tra noi i Prime, ologrammi di persone care venute a mancare, riusciremmo a relazionarci a loro come se fossero l’originale? L’Intelligenza Artificiale può soddisfare i nostri più chiari bisogni e i nostri più intimi desideri ed essere utilizzata per sconfiggere la solitudine o aiutare l’essere umano a conoscersi meglio? Se ne avessimo l’opportunità, come decideremmo di ricostruire il nostro passato e cosa decideremmo di dimenticare? Sul palco gli attori Ivana Monti, Francesco Sferrazza Papa, Elena Lietti e Pietro Micci.

Manuela Ventura nel film tv: “Prima che la notte”

Manuela Ventura1 Ph Luca Guarneri
Manuela Ventura1 Ph Luca Guarneri

L’attrice catanese Manuela Ventura è Cettina Centamore nel film tv
“Prima che la notte” diretto da Daniele Vicari in onda su Rai 1 il prossimo mercoledì 23 Maggio.
Nelle vesti del protagonista Giuseppe Fava, indimenticato giornalista catanese, uno straordinario Fabrizio Gifuni.

Prima che la notte andrà in onda in occasione de La giornata della legalita’ dopo essere stato presentato in anteprima nella prestigiosa cornice del Teatro Petruzzelli al Festival del Cinema di Bari BIF&ST (venerdì 27 aprile)

La storia di Pippo Fava (interpretato da Fabrizio Gifuni) raccontata dal regista Daniele Vicari riporta la grande tradizione del cinema italiano “di denuncia” sulla prima rete Rai.

Il ricordo di un personaggio carismatico e complesso perché sempre controcorrente e indomito, che sposò la causa della ricerca e del racconto pubblico della verità fino alle sue estreme conseguenze. La storia straordinaria di un uomo che ha saputo costruire il futuro nonostante tutto.

“Desideravo essere dentro questo racconto- dichiara la Ventura- ancor di più perché è un grande racconto corale. Ho fatto quello che in quegli anni, poiché ero piccola, non avevo potuto fare, partecipare, esserci, sentire. E’ stato come ripercorrere, da una posizione più di ascolto che di azione, un momento che ha segnato, scosso, animato la mia città. E’ stata un’esperienza molto intensa, direi proprio necessaria. Credo che, come me, in molti abbiano atteso questo racconto e finalmente questo film è arrivato.
Penso che questo film riconsegni, almeno a me, perlomeno è quello di cui soprattutto sento il bisogno, la voglia di riappropriarmi di quell’amore e gioia di vivere che ha sempre indossato Fava che, come dice assai bene il regista, non ha perso “perché è riuscito a costruire il futuro”, e in molti qui in città lo sentiamo come un richiamo.
Un’esperienza straordinaria fu quella, ancora oggi viva e presente, la certezza l’ho trovata anche nelle parole della vera Cettina Centamore che ho avuto il piacere di conoscere.
Poi, il lavoro accurato fatto dal regista con tutti noi attori, attraverso un’importante fase di preparazione, è stato fondamentale per restituire anche il grande affiatamento, la passione, il clima di allegria e di fiducia di quella redazione giornalistica catanese, sentire provare Fabrizio Gifuni mentre ripeteva gli editoriali di Fava è stato come essere a teatro , è stato uno scambio dal vivo, commovente e al tempo stesso una carica di energia. E’ questo ciò che credo colpisca soprattutto di questo film, lo slancio vitale, l’ardore, la disposizione così poetica e umana verso la vita che ha sempre, fino alla fine, coltivato in se e con gli altri Giuseppe Fava”.

South African Airways guarda con fiducia al futuro

south african airway
south african airway

South African Airways (SAA) è ottimista riguardo al suo futuro, grazie anche al miglioramento delle performance registrate specialmente sulle rotte domestiche e regionali. La maggior parte delle operazioni della compagnia rimangono intatte grazie alle forti azioni messe in atto e nonostante le deboli performance registrate nell’anno finanziario 2017.

La compagnia è stata in grado di mantenere intatta la programmazione dei voli, indice significativo della stabilità delle proprie operazioni.
SAA plasma il futuro con la realizzazione del suo piano di risanamento, che porterà a risultati concreti e che trasformerà la compagnia in un’azienda finanziariamente sostenibile.

I risultati di questo piano saranno visibili nell’anno finanziario 2019/2020.
La compagnia aerea ha annunciato i risultati dell’anno finanziario che si è concluso lo scorso marzo 2017, a seguito della propria Assemblea Generale Annuale.

La Relazione Finanziaria per l’anno finanziario 2016/2017 è stata approvata dall’Assemblea. SAA ha registrato perdite per 5,67 miliardi di Rand per l’anno finanziario conclusosi a marzo 2017.

Questa è stata la prima assemblea tenutasi dalla nomina di Mr Vuyani Jarana, CEO di SAA, del nuovo Consiglio di Amministrazione e di un nuovo rappresentante degli azionisti. Nel novembre 2017 sono stati eletti sei nuovi membri nel consiglio di amministrazione di SAA, tra cui Mr Johannes Bhekumuzi (JB) Magwaza, nominato nuovo Presidente. Il Ministro delle Finanze Nhlanhla Nene è stato nominato il 27 febbraio 2018, marcando il proprio ritorno come rappresentante degli azionisti

Drake: Il nuovo singolo “God’s Plan”

drake-
drake-

DRAKE batte DRAKE e tutti gli altri.
Il suo nuovo singolo “GOD’S PLAN” è la canzone più ascoltata in streaming al mondo di tutti i tempi con oltre 100 milioni di stream in una settimana ed è la canzone più ascoltata in streaming sia su Apple Music (60 milioni di stream/settimana) che su Spotify (4.7 milioni di stream in un solo giorno).

Il brano ha debuttato al #1 posto della classifica americana singoli, la Billboard Hot 100, ma a fare la differenza rispetto al passato è il fatto che il brano ha raggiunto la #1 posizione solo grazie allo streaming ed è la prima volta che Drake debutta direttamente in vetta.

Oltre agli Stati Uniti, la canzone ha debuttato al #1 posto anche nella classifica inglese.

“God’s Plan” è una delle due tracce (l’altro inedito è “Diplomatic Immunity”) che Drake ha pubblicato a sorpresa lo scorso 19 gennaio nell’EP “Scary Hours”. Il brano è un’auto riflessione di Drake sulla sua vita e sul suo futuro, sulla gente che lo circonda e su chi desidera il suo fallimento.