Franco Battiato in Concerto per Telethon

Battiato foto
Battiato foto

Sarà Franco Battiato il protagonista del grande concerto organizzato da BNL e dal Gruppo BNP Paribas Italia il 21 novembre alle ore 21:00 all’Auditorium, con l’obiettivo di raccogliere fondi a favore della Fondazione Telethon, per la cura delle malattie genetiche rare.

Compositore-cantante e regista, FRANCO BATTIATO con la sua musica di ricerca ha attraversato le avanguardie europee aprendo alla musica di larga comunicazione alternandola alle sue opere più classiche, in questo esclusivo appuntamento ci trasporterà in un viaggio nella sua dirompente e straordinaria produzione, tra pop, scomposizioni ritmiche ardite e canzone d’autore.

Ad accompagnarlo sul palco l’Ensemble Symphony Orchestra, con una struttura sinfonica che si comporrà di 25 elementi con Carlo Guaitoli alla direzione d’orchestra e pianoforte, e Angelo Privitera alle tastiere e programmazioni.

L’Ensemble Symphony Orchestra è nata in seno all’Orchestra Sinfonica di Massa e Carrara grazie alla fusione delle esperienze classiche e liriche di alcuni tra i migliori strumentisti italiani provenienti da importanti teatri nazionali come il Carlo Felice di Genova, il Maggio Musicale Fiorentino, il Teatro Comunale di Bologna, l’Orchestra della Toscana, la Fondazione Toscanini di Parma.

A oggi, è una delle Orchestre più conosciute nel panorama artistico nazionale, grazie ai molteplici progetti cui ha partecipato, agli artisti di fama internazionale con cui ha collaborato e alla straordinaria conoscenza dei linguaggi e delle strutture più divers

La partnership di BNL e del Gruppo BNP Paribas Italia con Telethon è uno dei maggiori progetti di fundraising in Europa: una collaborazione che ha permesso di raccogliere complessivamente, dal 1992, oltre 267 milioni di euro.

Questa cifra ha contribuito a sostenere la Fondazione Telethon per finanziare 2.570 progetti di ricerca, con 1.556 ricercatori coinvolti e più di 470 malattie genetiche studiate.

Questo ha prodotto oltre 10.000 pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali ed ha permesso di sviluppare 27 diverse strategie terapeutiche per 25 malattie genetiche rare, prima considerate incurabili.

Il Gruppo BNP Paribas pone la responsabilità sociale come elemento cardine della sua attività, confermando il proprio ruolo d’impresa che opera non solo come attore economico-finanziario, ma anche come soggetto attivo nel favorire la diffusione di valori condivisi, vero e proprio patrimonio collettivo.

Dalla sua nascita, la Fondazione Telethon ha investito in ricerca scientifica circa 500 milioni di euro. Si può donare a Telethon tutto l’anno grazie alle agenzie BNL, ai bancomat e ai canali on line della Banca.

Lunedì 21 novembre 2016
ore 21:00
Auditorium di Milano, Largo Gustav Mahler

 

ROBERTO FABBRI

Reduce dal grande successo del “No Words Spring Tour” e del Festival Internazionale della Chitarra Città di Fiuggi, di cui anche quest’anno è stato direttore artistico, venerdì 27 luglio il compositore e chitarrista di fama internazionale ROBERTO FABBRI aprirà il concerto di FRANCO BATTIATO in Piazza Matteotti a Sogliano al Rubicone (Forlì-Cesena).

Inizio concerto: ore 21.00

Costo biglietto: € 50,00 + prevendita (posti numerati) / €27,00 + prevendita (posti in piedi)

per info:  0541/785708

Roberto Fabbri sarà in concerto il 19 agosto al Summer Guitar Fest di Herceg-Novi (Montenegro), il 5 settembre al Festival di Mezza Estate di Cremona e il 28 settembre a Bistagno (Alessandria) nell’ambito della rassegna chitarristica Musica Estate 2012.

Roberto Fabbri, unico chitarrista classico italiano che sia riuscito a far conoscere, apprezzare e utilizzare la propria metodologia chitarristica a livello mondiale, in particolare in Spagna, è nato a Roma nel 1964. Concertista, compositore, autore e didatta, ha studiato chitarra presso il Conservatorio di Musica “S. Cecilia” di Roma. Alla carriera concertistica ha da sempre affiancato una notevole attività editoriale, collaborando con numerose case editrici (Anthropos, Berben, Playgame, EMR, Warner Bros, Carisch). Le sue oltre 30 pubblicazioni per chitarra sono tradotte in cinque lingue,  compreso il cinese, e distribuite in tutto il mondo dalla prestigiosa casa editrice italiana Carisch. Tiene regolarmente concerti e masterclasses, insieme a prestigiosi nomi del panorama chitarristico internazionale, nei più importanti festival chitarristici e nelle più prestigiose sale d’Europa, Stati Uniti, Sud America, Russia ed Asia. È testimonial della prestigiosa liuteria spagnola Josè Ramirez. Nel 2010 Fabbri ha ricevuto degli importanti riconoscimenti: il prestigioso premio “Socio De Honor” al “Festival Internacional Andrés Segovia” di Madrid, e il Premio Speciale Didattica 2010 della casa editrice Carisch per oltre 150.000 copie vendute dei suoi libri.

Franco Battiato al Festival di Mezza Estate

 

Il cartellone del Festival di Mezza Estate organizzato da PubliAEventi si arricchisce di una data di prestigio: l’8 settembre alle 21 all’Arena Giardino si esibirà Franco Battiato. Il concerto del maestro siciliano è inserito nello Short Summer Tour, che conta una manciata di appuntamenti esclusivi in alcune località selezionatissime. Le prevendite saranno aperte da martedì 24 luglio su www.vivaticket.it e www.ticketone.it oppure presso le biglietterie di Cremona in via Antico Rodano e in viale Po. Il costo dei biglietti è di 60 euro (+ prevendita) per la platea e la tribuna centrale; 50 euro (+ prevendita) per le tribune laterali; 30 euro (+ prevendita) per le tribune A e B.
Battiato riporterà sul palco il tanto acclamato set live che lo ha visto protagonista l’anno passato: Short Summer Tour lo vede nuovamente sul palco con Carlo Guaitoli al pianoforte, Angelo Privitera alle tastiere e programmazione, Davide Ferrario alla chitarra, Lorenzo Poli al basso e Giordano Colombo alla batteria al fianco degli strumentisti del Nuovo Quartetto Italiano.
Per l’occasione all’Arena Giardino verranno installate tribune aggiuntive (le stesse già montate nella passata edizione) per portare l’anfiteatro sotto le stelle di Cremona ad una capienza di circa 2.600 posti.
Main sponsor dell’evento è la Wal-Cor dei fratelli Carlo e Aldo Santini, già promotori, negli anni recenti, degli indimenticabili live cremonesi di Lou Reed e Patti Smith.

 

Il Festival di Mezza Estate, inoltre, ha predisposto una speciale promozione per il concerto dei Marlene Kuntz del 31 luglio: ogni biglietto acquistato dà diritto ad un secondo biglietto al costo di 1 euro. Un’opportunità unica per ammirare in azione una delle rock più rappresentative del panorama italiano contemporaneo.

IL PALCOSCENICO VERTICALE

La mostra Il Palcoscenico Verticale’ nasce intorno all’idea di sipario che diviene oggetto artistico in una sinergia con altre arti, fra musica, video e fotografia,

Un’ iniziativa a cura dell’associazione Amici Della Contemporaneità Teatrale che si terrà dal 24 luglio al 9 settembre al Teatro Obihall di Firenze, nell’ambito dell’Estate Fiorentina.

 

Quattro artisti italiani contemporanei: Aldo Mondino, Carla Accardi, Getulio Alviani e Mimmo Palladino, sulla scia della tradizione tutta italiana dei sipari dipinti, reinterpretano, dal 2005 ad oggi, la loro idea di sipario. Nasce così la collezione di sipari d’artista del Teatro Obihall, realizzata grazie al contributo dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.

 

Aldo Mondino fu il primo ad accogliere con entusiasmo l’idea: il suo sipario “Applausi” viene presentato il 5 aprile 2005. Due anni più tardi è Carla Accardi a fare suo il progetto e a ideare il secondo sipario d’autore: “Sipario Rossooro”, inaugurato nel luglio 2007. Nel maggio 2010 è la volta di Getulio Alviani che con il suo gioco di bianchi e neri crea il terzo sipario “Permutabile Negativopositivo”. L’ultimo contributo è di Mimmo Paladino il cui sipario “Attori” viene utilizzato la prima volta il 19 gennaio 2012 in occasione del concerto della Bandabardò.

 

Il Palcoscenico Verticale, mostra curata dal critico Marco Meneguzzo, favorisce l’incontro fra le arti: ai sipari d’autore si aggiungono infatti video, fotografie e installazioni sonore.

 

La rassegna video  a cura dello Schermo dellArte illustra, in documentari  compresi fra il 1985 e il 2008, il modo di lavorare dei singoli artisti e il loro rapporto con alcuni musicisti, fra cui ad esempio, Franco Battiato, che presta la sua musica per un documentario sull’opera di Carla Accardi e Brian Eno, autore delle musiche delle installazioni di Paladino alla Roundhouse di Londra e all’Ara Pacis di Roma.

Protagonista d’eccezione di questo rapporto fra musica e arte è  Lucio Dalla che interpreta Sancho Panza nel Quijote di Mimmo Paladino, primo lungometraggio dell’artista presentato al Festival di Venezia nel 2006, una delle ultime pellicole interpretate dal cantautore (proiezioni all’Arena piccola del Nelson Mandela Forum, il 31/7 e 20/8 ore 21.45).

 

Due le installazioni, a cura di RAM radioartemobile, la cui componente sonora è a firma di Gianna Nannini: per Carla Accardi e la sua “Superficie in ceramica” crea un pavimento sonoro  che sarà  allestito sul palcoscenico, dove il rumore dei passi si accompagna a suoni e musica concreta; Getulio Alviani firma insieme alla Nannini “Mi meraviglio di me”, installazione allestita nel ridotto del teatro.

 

Completa l’esposizione, la galleria fotografica di ritratti di artisti contemporanei di Maria Mulas, che dà il suo personale contributo ritraendo, fra gli altri, gli artisti dei sipari in mostra.

ENZO AVITABILE

ENZO AVITABILE domenica 22 luglio riceve, durante la serata finale del Premio Lunezia (a Marina di Carrara in Piazza Menconi), il “PREMIO LUNEZIA ETNO-MUSIC 2012” per il valor Musica-Letterario del suo ultimo disco “Black Tarantella(Black Tarantella-CNI Music).

Questa la motivazione del premio «Chi meglio di Enzo Avitabile potrebbe rappresentare la fusione di culture diverse, che però non è rinuncia alle proprie origini? Lo sa bene anche lui e così, per festeggiare i suoi trent’anni di carriera, nell’album “Black Tarantella” per prima cosa rimescola tutti gli ingredienti della sua attività più recente: un substrato di soul, una napoletanità senza stereotipi, una fusione di ritmi africani e rap, e tant’altro ancora, realizzando il miracolo che, malgrado le compenetrazioni, l’insieme ha un sound preciso e specifico per chi conosce il repertorio. Secondo, insiste sui temi internazionalisti che ha sempre approfondito, fruga dentro le miserie del mondo, ribadendo un senso di appartenenza al genere umano intero, senza nessuna barriera, parlando sia in lingua (lingue, dovremmo dire) che in dialetto (anzi, dialetti). Infine, splendidamente coerente, applica in misura esponenziale una pratica da lui sempre seguita: collaborare con amici e colleghi stimati. L’alternarsi di voci, suoni e timbri di provenienza (geografica e musicale) differenti però non stona, e l’amalgama etico-estetico è palese. Pino Daniele, Raiz, Daby Tourè, Francesco Guccini, Bob Geldolf, David Crosby, Mauro Pagani, Franco Battiato sembrano membri di una sola band.»

Black Tarantella” è un disco cosmopolita: 13 brani di cui 11 duetti con alcune delle voci più rappresentative del panorama italiano e internazionale come PINO DANIELE, RAIZ, FRANCESCO GUCCINI, DABY TOURÈ (compositore e pluristrumentista originario della Mauritania), ENRIQUE & SOLEA MORENTE (Enrique è stato uno dei massimi esponenti contemporanei del flamenco, Solea è sua figlia), IDIR (uno dei cantanti algerini più noti all’estero), BOB GELDOF, CO’ SANG, FRANCO BATTIATO, DAVID CROSBY, MAURO PAGANI e TOUMANI DIABATE’ (musicista del Mali).