“Franciacorta Stage”

Brindisi
Brindisi

Si è svolta questa mattina, presso lo Stand Franciacorta a Vinitaly, la presentazione ufficiale della tappa del giro d’Italia, Franciacorta Stage, che il 23 Maggio prossimo attraverserà il rinomato territorio vinicolo.

Davanti al pubblico di operatori e curiosi, Pier Bergonzi, Vice Direttore della Gazzetta dello Sport, ha introdotto la 17° tappa, unica dedicata al vino, che partendo da Riva del Garda si concluderà ad Iseo passando attraverso i comuni della Franciacorta: Ome, Rodengo Saiano, Paderno Franciacorta, Bornato, Cazzago San Martino, Erbusco, Corte Franca, Iseo, Provaglio d’Iseo, Monticelli Brusati e Passirano.

“Non sarà una tappa affatto scontata. – dice Mauro Vegni, Direttore del Giro d’Italia – Subito dopo la cronometro e prima delle tappe di montagna la corsa rosa attraverserà alcuni tra i paesaggi più belli della Franciacorta, e ci regalerà un finale ad alta tensione”.

Il Presidente del Consorzio Franciacorta, Vittorio Moretti, è quindi intervenuto parlando della grande sintonia che lega il mondo del ciclismo a quello del vino: “Il ciclismo è uno sport che ha alla sua radice la passione, il sacrificio, la tenacia, la determinazione. Sono caratteristiche simili a quelle che ogni produttore vitivinicolo di Franciacorta ha in questi anni saputo metter in campo per riuscire ad ottenere risultati di eccellenza riconosciuti in tutto il mondo”.

Martina Cambiaghi, Assessore allo Sport di Regione Lombardia, partecipando alla presentazione nella sua prima uscita istituzionale, ha sottolineato l’importanza delle wine stage come strumento di valorizzazione del territorio e delle eccellenze italiane, di cui Franciacorta è uno dei maggiori esempi: “lo sport non è mai solo sport, ma un’occasione per unire e arricchire. Nel caso del Giro d’Italia, a questo grande valore si aggiunge la riscoperta del territorio”.

Proprio in rappresentanza del meraviglioso territorio che farà da cornice alla manifestazione è intervenuta infine Camilla Alberti, Vice Presidente Strada del Vino Franciacorta: “E’ con orgoglio e soddisfazione che ci stiamo preparando ad accogliere questo evento nella nostra terra che non è solo un luogo in cui si producono grandi vini, ma anche luogo di grandi emozioni. Emozioni che ci accompagneranno per tutto il mese, grazie ai tanti eventi del calendario di Aspettando il Giro”.

Tutta la Franciacorta, infatti, si tingerà di rosa e sarà animata nei giorni precedenti la tappa dai tanti imperdibili eventi – tra food & wine, arte e cultura, sport e natura – che coinvolgerà tutti anche al di fuori del territorio. Già a partire da domani i più curiosi potranno lanciarsi nelle prime attività organizzate in occasione del Salone del Mobile, facendo un giro su Tram Corallo, ad esempio.

Un salotto viaggiante all’interno dello storico tram 1928 riletto in chiave contemporanea, che circolerà nel distretto di Brera. Sempre in occasione del Salone, l’eleganza di Franciacorta incontra la creatività di Studio Pepe, in un progetto inedito ed esclusivo: Club Unseen.

Uno spazio segreto nel cuore di Milano in cui godere di prodotti simbolo dell’eccellenza unici nel loro genere, avvolti da un contesto contemporaneo, rilassante ed informale. La Notte Rosa di Iseo del 18 maggio aprirà poi il weekend più atteso del mese, quello in cui Aspettando il Giro coinciderà con Aspettando il Festival, in cui cantine e ristoranti organizzeranno eventi e menù a tema.

In giugno tornerà infatti, in una veste più glamour e internazionale, anche il Franciacorta Summer Festival. Il via dall’1 al 3 giugno con un weekend dedicato al food, che avrà il suo momento culmine nel bellissimo parco della settecentesca Villa Fassati Barba di Passirano.

Pier Bergonzi ha concluso la presentazione mostrando al pubblico il rinomato Trofeo senza fine, simbolo della Gara e la maglia ufficiale della tappa che, di un intenso colore blu, propone un soggetto grafico “optical” dove l’incrocio delle linee richiama i filari ed i vigneti del paesaggio della Franciacorta.

La maglia, in tessuto tecnico traspirante, garantisce una vestibilità impeccabile ed un confort ottimale, grazie anche al tessuto in compressione lieve e alle finiture a taglio vivo, tipiche del tocco di “Castelli”, che da anni è sinonimo di eccellenza nel mondo dell’abbigliamento per ciclismo.

Al termine, l’immancabile brindisi tra i partecipanti, che hanno stappato una bottiglia di Franciacorta molto speciale, realizzata con un’etichetta dedicata a Franciacorta Stage.

Per maggiori informazioni visita il sito: stage.franciacorta.net

Franciacorta

Al-Rocol_vigneti
Al-Rocol_vigneti

Con l’avvicinarsi della bella stagione l’Azienda Al Rocol di Ome in provincia di Brescia, fra le primissime cantine della Franciacorta ad aver creato un agriturismo oltre 20 anni fa, apre le porte della sua tenuta di 34 ettari a chi vuole trascorrere una rilassante e ritemprante giornata o solo qualche ora fra il verde dei vigenti e i fitti boschi; due piacevoli attività pensate per coloro che hanno desiderio di sport e movimento oppure il relax assoluto: il Wine Trekking con selfie e lo Sparkling Picnic con prodotti locali.

Wine Trekking con selfie – Il selfie è considerato una vera moda sia per fissare un momento della propria vita che per condividerlo con altri durante una bella camminata per immortalare la giornata: la fotografia andrà a personalizzare la bottiglia di Franciacorta che tutti i partecipanti al Wine Trekking con selfie si porteranno a casa.

Il trekking, guidato dal proprietario di Al Rocol, Gianluigi Vimercati Castellini o dai suoi collaboratori, si snoda lungo i percorsi più belli dal punto di vista paesaggistico e più interessanti dal punto di vista atletico-sportivo della tenuta nel settore più remoto e selvatico della Franciacorta.

Si fa tappa in 3 vigneti dove si assaggiano i 3 Franciacorta che vengono prodotti dalle loro uve e il percorso si conclude con la visita guidata in cantina per scoprire i segreti della meticolosa e lenta lavorazione del Franciacorta. In ricordo della piacevole esperienza en plein air i partecipanti ricevono una bottiglia di Franciacorta contenente una Cuvée (ossia un assemblaggio) delle uve dei 3 vigneti dove si sono fermati per le degustazioni con la loro foto datata e firmata accanto all’etichetta. Il Wine Trekking con selfie dura 3/ 4 ore ed è alla portata di tutti e organizzato durante il weekend secondo un calendario pubblicato sul sito www.alrocol.com e, su richiesta, in ogni giorno della settimana per piccoli gruppi.

Sparkling Picnic – Si tratta di un cestino ricolmo di genuini prodotti locali da gustare con una spumeggiante bottiglia di Franciacorta e passeggiando lentamente si va alla ricerca di un angolo appartato dove sostare per gustare il picnic. Un sito potrebbe essere vicino al vecchio roccolo di caccia, oggi dismesso, di straordinaria architettura vegetale con querce secolari i cui rami si intrecciano gli uni negli altri dove si gode una splendida vista sui vigneti della tenuta e le colline della Franciacorta.

E’ possibile fermarsi sui soleggiati terrazzamenti con geometrici filari di viti o nei prati fiancheggiati da ulivi per assaggiare i vari vini differenti per tipologia inseriti nei Cestini Franciacorta e Millesimato o preferire i vini rossi del Cestino Curtefranca.
Oltre a torte salate, torte dolci, pane fatto in casa, tutti i cestini contengono una golosa selezione di formaggi, salami ed altri prodotti locali, che si potranno acquistare nel Wine Shop annesso alla cantina oppure direttamente dai produttori che si trovano nel raggio di una decina di km che si possono raggiungere anche in bicicletta.

Inoltre chi lo desidera può fermarsi a pernottare nelle stanze affacciate sulla piscina immersa nel verde di un grande prato oppure negli accoglienti appartamenti ricavati nel corpo centrale della tenuta o in un vecchio rustico fra i vigneti e gustare i genuini cibi dai sapori dimenticati preparati nel ristorante dell’Agriturismo con i prodotti dell’orto e della fattoria, seguendo il ricettario della famiglia Vimercati Castellini.

Per informazioni: Azienda agricola Al Rocol – Via Provinciale,79 – Ome (Brescia) Telefono 030/685.25.42

Carlo Torriani

L’Albereta omaggia il Maestro Gualtiero Marchesi

Carmen Moretti de Rosa-Gualtiero marchesi
Carmen Moretti De Rosa-Gualtiero Marchesi

«Mi piaceva chiamarla Signor Marchesi! Grazie per tutto quello che mi ha insegnato. Buon viaggio Signor Marchesi» – queste le parole di Carmen Moretti de Rosa all’indomani della scomparsa del maestro che per oltre 20 anni ha segnato indelebilmente l’Albereta Relais et Chateaux.

Il resort nel cuore della Franciacorta è stato dal 1993 la casa di Gualtiero Marchesi: un lungo periodo di successi vissuto a fianco della famiglia Moretti. Il Maestro all’Albereta aveva trovato la pace e il raccoglimento che la sua Milano non riusciva più a dargli. Un luogo magico per accogliere, con la dovuta calma, gli ospiti e gli amici che accorrevano a lui da tutto il mondo.

Oggi la Brigata dell’Albereta, guidata da Fabio Abbattista, omaggia il grande imperatore della cucina italiana con il lutto al braccio.

“Marchesi mi ha insegnato il rigore di pensiero e l’importanza dell’organizzazione millimetrica per gestire una cucina e un hotel. Con lui ho capito che per avere successo e per parlare delle cose, prima devi conoscerle a fondo, che si tratti di un vino, di un ingrediente o di un piatto. Marchesi era sì precisione e rigore, ma anche un uomo che sapeva vivere con leggerezza. – prosegue Martino de Rosa, presidente di At Carmen – Ricordo che, anni fa, eravamo a Monaco di Baviera. Stanchissimi e infreddoliti, sotto una spanna di neve mi disse: “Martino, ora tsIa1/LC6zkEoSFMtguwojrFFoiZwLvisswurst della città. Ci divertimmo tantissimo e con semplicità. Questo era Gualtiero. Era davvero uno di famiglia”.

Gualtiero Marchesi ha guidato le cucine de L’Albereta sin dall’apertura del 23 settembre 1993. Al suo fianco sono passati quelli che oggi sono i grandi nomi della cucina contemporanea, da Carlo Cracco ad Andrea Berton, da Enrico Crippa a Paolo Lopriore e Davide Oldani.

Weekend di Primavera in Franciacorta

La Franciacorta_Cicloturismo
La Franciacorta_Cicloturismo

E’ arrivatala primavera e trascorrere un weekend in Franciacorta può essere l’occasione per gustare sapori, colori, atmosfere, scoprire in libertà antichi borghi, paesaggi tappezzati da vigneti, piccoli e grandi tesori d’arte e storia, pregiati vini a ridosso del lago d’Iseo fra le mete più amate da enoturisti e wine lovers italiani e stranieri.

Fra le varie attività i turisti possono scegliere, tra l’altro, le pedalate sulle due ruote lungo cinque itinerari eno-ciclo-turistici dedicati ciascuno a una tipologia di Franciacorta e le passeggiate tematiche ad anello nei luoghi più interessanti della Franciacorta dal punto di vista naturalistico ed ambientale: le mappe con i percorsi sono scaricabili dal sito www.stradadelfranciacorta.it dove si trovano anche gli indirizzi di chi noleggia mountain -bike, biciclette elettriche a pedalata assistita e city bike, delle guide naturalistiche ed escursionistiche a cui ci si può rivolgere per farsi organizzare dei tour su misura e delle strutture attrezzate per accogliere i cicloturisti.

Non possono mancare un pic nic e wine trekking fra le vigne, workshop fotografici, tour in Vespa o su auto vintage (con un apripista esperto ad indicare i percorsi), corsi di cucina con focus sugli abbinamenti dei cibi con le varie tipologie di Franciacorta, dog trekking nei vigneti, golf.

Inoltre, approfittando dei ponti festivi di questo periodo, vengono organizzati Week end enogastronomici con visita, oltre alle cantine, anche ai laboratori di piccoli produttori agroalimentari di qualità. Non mancano i Week end Acqua&Terra che includono una tappa sul lago d’Iseo dove degradano le colline della Franciacorta e a Monte Isola, l’isola lacustre abitata più grande d’Europa.

Per qualsiasi opzione sono disponibili diversi pacchetti, anche di più giorni, messi a punto dai tour operator associati alla Strada del Franciacorta, a cui ci si può rivolgere per informazioni.

Per accogliere gli enoturisti le cantine sono aperte al pubblico anche durante i weekend per visite guidate con degustazioni di vini Franciacorta ma con prenotazioni direttamente presso le cantine il cui elenco è scaricabile al sito della
Strada Franciacorta.

Gli appassionati di arte e storia possono visitare il Monastero medievale di San Pietro in Lamosa a Provaglio d’Iseo, l’Abbazia Olivetana di Rodengo Saiano decorata con opere dei grandi pittori della Scuola bresciana rinascimentale, il Convento dell’Annunziata di Rovato, oasi di pace che conserva capolavori d’arte e da cui si gode uno straordinario panorama sulla Franciacorta, il Maglio quattrocentesco di Ome ancor oggi in funzione (un vero e proprio museo vivente, dove si possono conoscere da vicino la storia e i metodi di lavorazione del ferro, antichissimo mestiere di queste terre), il Castello di Bornato.

Una tappa consigliabile per gli amanti della natura è la Riserva naturale delle Torbiere del Sebino che in tarda primavera si copre di una straordinaria fioritura di rosate ninfee:
un’oasi naturalistica unica nel suo genere in Europa. facilmente visitabile seguendo i percorsi con passerelle ben segnalati lungo i 4 kmq. circa di acqua, canne e vegetazione palustre dove hanno trovato il loro habitat ideale migliaia di uccelli:

Ulteriori informazioni: Associazione Strada del Franciacorta
tel. 030.776.08.70 – info@stradadelfranciacorta.it

(Carlo Torriani)

Franciacorta: Festival d’Estate

-Festival-Franciacorta-Estate_ph-N.Tirelli
-Festival-Franciacorta-Estate_ph-N.Tirelli

In occasione  della festa in omaggio a Christo, il noto artista bulgaro che  dal 18 giugno al 3 luglio  realizzerà sul lago d’Iseo THE FLOATING PIERS, la sua ultima attesissima opera, uno spettacolare camminamento sulle acque composto da 200 mila cubi di polietilene ricoperti da circa 70.000 metri di tessuto color giallo cangiante, largo 16 metri che attraverserà il lago per 3 km. da Sulzano a Monte Isola per poi circondare l’isola di San Paolo.

In particolare saranno organizzati nelle due settimane  nei paesi del territorio della Franciacorta  diversi  eventi che animeranno con musiche i luoghi di particolare interesse storico artistico, cantine franciacortine,  happening, mostre, degustazioni  che avrà il suo clou nel weekend del 25 e 26 giugno con il  “Festival franciacorta d’estate”, organizzato dalla Strada del Franciacorta: una grande festa che avrà come protagonisti vini e prodotti, vignaioli e chef che insieme, contribuiscono a rendere unico questo straordinario territorio, amatissimo dagli enoturisti italiani e stranieri.

Il programma:

La giornata di sabato 25 sarà dedicata alla scoperta del territorio, dei suoi vini, dei suoi prodotti e dei suoi cibi. Le cantine organizzeranno micro eventi a tema, visite guidate e degustazioni. Saranno aperte al pubblico anche le aziende di prodotti tipici e le distillerie che sveleranno ai visitatori i segreti delle loro lavorazioni. La serata sarà all’insegna di un grande avvenimento  diffuso su tutto il territorio che coinvolgerà ristoranti, trattorie e agriturismo associati alla Strada del Franciacorta, ciascuno dei quali proporrà il suo Menu dedicato alla cultura enogastronomica locale.. In alcuni ristoranti durante le cene saranno organizzati eventi a tema.

Domenica 26 giugno, appuntamento nello storico Palazzo Monti della Corte di Nigoline di Corte Franca, una delle dimore nobiliari franciacortine: i prati del suo parco secolare e l’antico brolo accoglieranno una grande festa en plein air all’insegna dello Street Food a base di prodotti franciacortini.
Sarà allestito un Banco d’assaggio  con oltre 60 cantine che avranno una loro postazione e metteranno in degustazione varie tipologie di Franciacorta: un’occasione unica per il pubblico  di conoscere da vicino i produttori e di degustare i vini. A creare cibo di strada  saranno gli chef dei più rinomati e conosciuti ristoranti della Franciacorta.

Con loro cucinerà Lorenzo Cogo, lo Chef/imprenditore stellato più giovane d’Italia: a soli 25 anni di età conquista la sua prima Stella Michelin  con l’apertura del  suo ristorante El Coq a Marano Vicentino (ora in via di trasferimento a Vicenza).  Ci saranno aree dedicate a barbecue e food truck e ai partecipanti sarà consegnata una coperta da stendere nel prato  su cui sedersi per il  pic-nic. Dalle ore 18 spazio all’aperitivo e alla festa finale con musica e dj set dedicata alla Franciacorta con un unico grande banco di assaggio per la degustazione dei Franciacorta accompagnata ai classici sapori dei prodotti del territorio e al barbecue.

( Carlo Torriani )