Controllo documenti

Aeroporto Caravaggio di Orio al Serio (Bg)

All’Aeroporto di Orio al Serio prosegue con ottimi risultati l’attività di controllo documentale effettuata dal personale SACBO addetto al check-in. Nei giorni di intenso movimento passeggeri, in coincidenza con le partenze per le ferie d’agosto, la verifica della regolarità dei documenti in possesso di cittadini stranieri prenotati su voli in partenza dallo scalo bergamasco viene svolta con la stessa attenzione e meticolosità che, nel caso delle relazioni con gli aeroporti della Gran Bretagna, hanno visto da tempo assegnato il riconoscimento “Approved Gate Check”, concesso e prorogato dall’Ufficio Controllo Immigrazione del Regno Unito. Si tratta di un attestato che premia la collaborazione e sinergia tra SACBO e Polizia di Frontiera di Orio al Serio.

Nella giornata di sabato 6 agosto, in particolare, il personale addetto al check-in ha provveduto a individuare e segnalare alla Polizia di Frontiera due casi di passeggeri in possesso di passaporto contraffatto. Nella prima circostanza la persona, in partenza su volo Ryanair diretto a Bristol e presentatosi al check-in con passaporto greco irregolare, è stato segnalato alla Polizia di Frontiera che ne ha successivamente accertato la nazionalità albanese. Nel secondo caso si è trattato di un tentativo di sostituzione di persona. A far scattare la segnalazione alla Polizia di Frontiera è stato il profilo del passeggero, diretto a Stoccolma Skavsta, risultato non corrispondente alla foto sul passaporto in fase di controllo da parte dell’addetto al check-in.

I due ultimi episodi confermano la qualità del lavoro di verifica dei documenti svolto ai banchi di accettazione e l’attività di accertamento eseguita dalla Polizia di Frontiera, che consentono di condividere e coordinare proficuamente le azioni di deterrenza all’immigrazione clandestina.