10 anni di Bike sharing : promozioni ed iniziative

BikeMi
BikeMi

Dieci giorni di tariffe speciali, sette nuove stazioni da inaugurare e 150 nuove biciclette elettriche con seggiolino per bambini in arrivo nei prossimi giorni. E ancora, un convegno alla Statale e molte novità in agenda per il 2019: BikeMi compie dieci anni e festeggia con la città il successo del servizio di sharing nato il 3 dicembre del 2008.

A presentare le iniziative in programma sono stati oggi, in una conferenza stampa a Palazzo Marino, il Sindaco di Milano Giuseppe Sala, l’assessore alla Mobilità e Ambiente Marco Granelli, il Presidente di Atm Luca Bianchi e il general manager di Clear Channel Italia Mats Lundquist.

“Questi primi dieci anni – ha detto il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala – mettono in evidenza due aspetti del successo di BikeMi: la vocazione di Milano verso tutto ciò che la può rendere più moderna e sostenibile e l’attitudine dei milanesi verso l’uso della bicicletta, sempre più diffusa e apprezzata come mezzo di trasporto. I numeri che abbiamo presentato oggi sono davvero impressionanti. Basti pensare che il servizio conta oggi 650.000 iscritti, che gli utilizzi in dieci anni sono stati 23 milioni e che sono stati percorsi più di 46 milioni di chilometri senza produrre emissioni inquinanti. Un risultato davvero ottimo. Utilizziamo questo decennale come punto di partenza”.

Per celebrare il compleanno delle bici gialle, dal 3 al 13 dicembre, gli abbonati BikeMi potranno utilizzare gratuitamente senza limiti di tempo le biciclette normali ed elettriche, la cui flotta verrà implementata con l’arrivo di 150 nuovi modelli con pedalata assistita e seggiolino; il 13 dicembre chiunque potrà attivare gratuitamente un abbonamento giornaliero.

“Il 13 dicembre – dichiara Marco Granelli assessore alla Mobilità e Ambiente – entrano in esercizio sette nuove stazioni, Angilberto-Comacchio, Bologna, Ortles-Ripamonti, Ortles-Orobia, Cuoco-Monte Cimone, Corvetto-Polesine, Gabrio Rosa, realizzate nell’ambito del progetto europeo Sharing cities. A queste, entro il 2019, se ne aggiungeranno altre 34, portando il numero delle stazioni sparse per la città a quota 323. A crescere, il prossimo anno, sarà anche la flotta delle ‘gialle’, che passeranno dalle attuali 3.650 a 4.280, alle quali si uniranno le 1.150 elettriche a pedalata assistita, segno che questi 10 anni sono per noi un punto di partenza”.

Numeri in crescita che rispondono al gradimento dei cittadini per un servizio pensato da Comune e ATM, e gestito da Clear Channel, che conta ad oggi più di 650mila iscritti e 23 milioni di utilizzi per oltre 46 milioni di chilometri percorsi in città. Pedalate che hanno permesso di risparmiare oltre 9,3 milioni di chili di anidride carbonica in termini di mancate emissioni, alle quali si aggiunge il contributo di una centrale di ricarica elettrica con energia (75 khW/annui) prodotta da pannelli fotovoltaici.

“Siamo molto contenti di festeggiare i primi 10 anni di BikeMi che è sempre più apprezzato dai cittadini. Oggi si è raggiunto un traguardo importante: 150 nuove biciclette elettriche con seggiolino, un ulteriore step per rendere il servizio sempre più fruibile anche dalle famiglie – ha commentato il Presidente di Atm Luca Bianchi –. I cittadini scelgono sempre di più la sostenibilità e anche Atm è impegnata su questo fronte a 360 gradi. Non solo in termini di sostenibilità ambientale, con il piano ‘full electric’ che prevede entro il 2030 solo mezzi elettrici, ma anche sociale. L’iniziativa di inclusione di alcuni ex-detenuti presentata oggi va proprio in questa direzione”.

BikeMi ha quindi raggiunto e superato gli obiettivi per i quali era nato e oggi è a tutti gli effetti un servizio di trasporto pubblico efficiente e capillare, con stazioni che non distano tra di loro più di quattrocento metri, in grado di collegare i quartieri alle grandi reti di trasporto pubblico.
Un sistema che ha il merito di diffondere buone pratiche, invogliando anche chi non vive in città ad utilizzare le due ruote a pedali per gli spostamenti. Grazie allo sharing, infatti, possono andare in bici anche i “cittadini temporanei” che si trovano a Milano per lavoro o vacanza, e possono sperimentare le due ruote anche persone che non vogliono acquistare il veicolo o che organizzano gli spostamenti passando dalla metropolitana, al bus e a sistemi più flessibili.

“BikeMi è il fiore all’occhiello del nostro sistema di Bike sharing che gestiamo in varie città del mondo tra cui Santiago del Cile e Trondheim in Norvegia – dichiara Mats Lundquist, General Manager di Clear Channel Italia –. In questi 10 anni abbiamo percorso 120 volte il tragitto terra-luna con un risparmio di emissioni annue di 2.000 auto. Per ringraziare i nostri abbonati della loro fedeltà dal 3 al 13 dicembre le tariffe per gli extra utilizzi saranno offerte gratuitamente a tutti. In più giovedì 13 dicembre presenteremo i risultati della Customer Satisfaction survey alla Statale di Milano in occasione dell’evento celebrativo dei 10 anni”.

Le biciclette in condivisione sono ormai una parte ormai decisiva del sistema di mobilità sostenibile e a basso impatto per il quale Milano sta diventando un modello e punto di riferimento, grazie alla capacità di integrare i mezzi tradizionali con quelli più moderni della sharing mobility.

10 ANNI DI BIKEMI IN NUMERI
650.000 iscritti
23 milioni di utilizzi
46.120.088 km percorsi
323 stazioni entro il 2019
4.280 biciclette a pedalata tradizionale entro il 2019
1.150 biciclette elettriche a pedalata assistita
2017 l’anno con il maggior numero di utilizzi (4.285.009) e più chilometri percorsi (8.570.018)
5 aprile 2017 (mercoledì) il giorno con più prelievi (23.370) in 10 anni
Cadorna la stazione più utilizzata
Martedì il giorno della settimana col maggior numero di prelievi
8-9; 18-19; 9-10; 19-20 le fasce orarie con più prelievi e più restituzioni

Festa della Donna, BikeMi, sconti e fiocchi gialli

8+marzo
8+marzo

Per la Festa della Donna, BikeMi, il bike sharing milanese, fa un regalo alle donne: tutte le bici del bike sharing saranno vestite con fiocchi gialli e le tariffe oltre la prima mezz’ora di utilizzo saranno eliminate quindi offerte gratuitamente.

Sempre riservata alle donne che vorranno sottoscrivere un abbonamento annuale l’8 marzo è stata attivata una promozione speciale: 29 euro anziché 36.

Per maggiori informazioni sulle modalità di accesso alla promozione è possibile andare sul sito www.bikemi.com o sulla pagina Facebook.

BikeMi, San Valentino: trova il cuore e vinci l’abbonamento

BikeMi - San Valentino
BikeMi – San Valentino

Anche il BikeMi si prepara a San Valentino, martedì 14 febbraio tutte le bici del bike sharing milanese saranno addobbate con dei pendagli a forma di cuore. Tra questi, dieci saranno personalizzati ciascuno con un “verbo dell’amore”: amaMi, baciaMi, rispettaMi e molti altri.

Chi troverà il cuore personalizzato avrà la possibilità di vincere due abbonamenti o rinnovi annuali a BikeMi per un totale di 20 abbonamenti/rinnovi.
Per aggiudicarsi il premio, il vincitore dovrà staccare il pendaglio, scattarsi un selfie e postare la foto sui social network utilizzando l’hashtag #BikeMiAma.

La foto dovrà essere pubblicata sulla pagina Facebook di BikeMi oppure inviata tramite un tweet a @bikemi o pubblicata sul proprio profilo Instagram. Il Customer Care BikeMi contatterà poi i vincitori per consegnare il codice coupon che darà diritto al premio.
L’operazione si concluderà nella giornata di mercoledì 15 febbraio.

Bike Sharing: 2016 da record

bike_share
bike_share

Il freddo non ferma il BikeMi. Nei primi 10 giorni di gennaio, quest’anno particolarmente rigido, ci sono stati 60 mila prelievi di bici gialle e 555 abbonamenti annuali. In 1.400 hanno usato il bike sharing persino il primo gennaio.

D’altra parte tutto il 2016 è stato un anno da record anche se confrontato con i numeri già straordinari del 2015 dell’Expo. Le bici gialle e rosse sono state utilizzate 4.079.999 volte che corrispondono a quasi 8 milioni e 200 mila chilometri percorsi in un anno, se si considera che in media un utilizzo corrisponde a 2 chilometri.

Questo significa che gli utenti BikeMi hanno percorso in bici più di 203 volte la circonferenza della Terra con un risparmio di oltre 1 milione e 600 mila chili di CO2. Il calcolo si basa sul Defra’s carbon conversion factor che quantifica il consumo di un’auto media, senza considerare il tipo di carburante. L’incremento di utilizzi e di chilometri percorsi e Co2 risparmiata è del 30 % rispetto all’anno precedente.

“Un trend in continua crescita – dichiara Marco Granelli assessore alla Mobilità e Ambiente – quello del bike sharing a Milano. Ne siamo felici ma sappiamo che questa è anche una responsabilità ed è importante continuare a investire su un servizio fondamentale per gli spostamenti cittadini. Anche per questo abbiamo appena finanziato con 600 mila euro il ricambio delle batterie delle bici rosse, quelle a pedalata assistita”.

A dimostrare questa grande crescita sono stati anche i vari record di utilizzi in un solo giorno, tutti inanellati nell’anno appena concluso. Nel 2015 abbiamo celebrato più volte il superamento dei 15.000 utilizzi giornalieri fino ad arrivare a sfiorare i 16.000 prelievi ma il 2016 ha battuto ogni previsione.

Ad aprile la Design Week aveva fatto registrare un nuovo record ogni giorno, fino ad arrivare a superare i 20.000 utilizzi in un giorno, la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile ha decretato il record di sempre con 21.699 utilizzi registrati il 21 settembre 2016.

Aumentano gli utilizzi del Bike sharing milanese così come crescono di pari passo i suoi abbonati annuali che, proprio a fine anno, hanno superato i 55.000 con un aumento del 24 % rispetto al 2015.

Restano pressoché fissi rispetto all’anno precedente gli abbonamenti settimanali (8.066) e giornalieri (31.829) sottoscritti nel 2016, segno che chi prima sceglieva BikeMi occasionalmente ora invece lo fa stabilmente preferendo la sottoscrizione a lungo termine.

Record per il bike sharing di Milano

Furgone trasporto bikemi
Furgone trasporto bikemi

Nuovo record per il bike sharing di Milano: è stata superata la soglia dei 15 milioni di prelievi dal 3 dicembre 2008 quando è stato introdotto il servizio. Una lunga pedalata collettiva per fare 330 volte il giro della terra con 13.250.000 chilometri percorsi.

“Milanesi, city user e turisti hanno adottato il bike sharing – dichiara Marco Granelli assessore alla Mobilità e Ambiente – e le bici gialle e rosse del BikeMi sono da tempo una costante del paesaggio urbano della città, in centro e in periferia. Grazie alla diffusione degli stalli voluta dal Comune oggi si integrano con il sistema di trasporto pubblico affinché sia più efficiente e capillare e aiutano a renderlo sempre più sostenibile”.

Il successo del BikeMi, il servizio di bike sharing gestito da Clear Channel, era stato immediato, con 707mila utilizzi fin dal primo anno, 1.268.000 chilometri percorsi e quasi 13mila abbonati del 2009. Ma dopo sette anni l’incremento è ancora costante. Tra il 2014 e il 2015 l’incremento degli abbonati è stato del 53%.

E il 6 novembre scorso gli abbonati attivi erano 54mila – gli utilizzi 3.600.000 – con 6.600.000 chilometri percorsi nel 2016 (si calcola che la media per ogni prelievo è di quasi 2 chilometri).

Negli anni sono aumentate anche le biciclette: erano quasi 900 all’introduzione del servizio, oggi sono 4.650. A Milano c’erano 68 stazioni, oggi sono 280.

E se il record di prelievi giornaliero è stato di 21.699 nella giornata di mercoledì 21 settembre, complici le miti temperature, anche la brutta stagione non ferma i ciclisti milanesi: nel bimestre ottobre-novembre 2014 ci sono stati oltre 460mila prelievi e nello stesso periodo nel 2015, sono stati 630mila con un incremento del 36%. Restano aperti i giochi del 2016 anche se a oggi siamo già a 470 mila.

Sul fronte ambientale si calcola che siano stati risparmiati 2 milioni e 700mila chili di CO2 e alla buona pratica dei milanesi, che usano sempre di più la bicicletta, si affianca la recente introduzione di tre furgoni alimentati a metano per effettuare il trasporto delle bici gialle e rosse tra gli stalli.

Dopo l’installazione dei pannelli solari che ricaricano le batterie delle bici elettriche che quindi non vedono mai una presa di corrente, nell’ambito delle politiche volte a ridurre al minimo l’impatto ambientale, BikeMi ha messo in atto un progetto sostenibile per la gestione del sistema che porterà alla sostituzione di tutto l’attuale parco di 25 mezzi con veicoli a metano.

Inoltre, per il servizio di road assistance, cioè di piccole riparazioni alle bici su strada, viene utilizzato il FreeDuck4 Ducati, un quadriciclo elettrico leggero.