Verissimo: Epilogo vicenda Pamela Prati

PRATI TOFFANIN
PRATI TOFFANIN

Pamela Prati, in esclusiva a Verissimo sabato 11 maggio alle ore 16,10, risponde al fuoco di fila di domande di Silvia Toffanin sul suo discusso matrimonio, che ha occupato per mesi giornali e programmi tv.

 “Tutto ciò mi ha distrutta. Abbiamo deciso di rimandare le nozze perché mancano gioia e serenità. Era tutto confermato: location, chiesa, testimoni: uno doveva essere Pingitore. L’altra, dopo l’impossibilità di Simona Ventura, ho pensato di farla fare a Pamela (Perricciolo ndr).”

Molto dimagrita e provata la Prati racconta: “Non riesco più a parlare. Dicono che sono stata truffata, plagiata, ma da chi? Io sono una donna di 60 anni e non vado in tv a dire bugie. Volevo condividere una gioia e invece ha portato solo dolore”.

Verissimo, che doveva seguire in esclusiva con le sue telecamere il matrimonio, non ha mai ricevuto conferma esatta da parte del gruppo di Pamela Prati di una data e una località precisa.
A Silvia Toffanin, che le domanda perché, la show girl risponde: “Perché avevamo cambiato location. Ci hanno detto di no all’ultimo per tutto quello che avevano sentito. Poi abbiamo trovato un’altra location in Toscana a Prato, e doveva essere l’8 maggio”.

Sulla misteriosa identità del futuro marito, Marco Caltagirone, e sul fatto che non sia uscita nemmeno una foto perché, afferma lo sposo, c’era un contratto d’esclusiva con ‘Verissimo’ (valido solo per il matrimonio, ndr), la Prati confessa: “Lui non fa parte del mondo dello spettacolo, quindi pensava di non poter farsi vedere perché avevamo un’esclusiva del matrimonio. L’ha fatto in buona fede!

Le foto di Marco esistono, ma lui fin dall’inizio mi ha detto che non voleva apparire”. E sulla telefonata fatta dal futuro sposo al programma ‘Live-Non è la D’Urso’, Pamela dichiara: “Confermo che era lui che ha chiamato in diretta Barbara D’Urso”.

Incalzata da Silvia Toffanin, sul mostrare una foto di Caltagirone, Pamela risponde: “In camerino te la faccio vedere. Se vuole venire e apparire lo deciderà lui, non verrà certo obbligato da me. Se avessi voluto divulgare le foto prima, l’avrei fatto”.

Un giallo dietro l’altro, tanto che Silvia Toffanin rivela un dettaglio emerso durante le trattative per portare il presunto futuro marito in trasmissione. Dopo la richiesta, la risposta dell’entourage è stata che Caltagirone, essendo molto ricco, non voleva firmare nessun documento e che al massimo ci proponevano che poteva venire girato di spalle: “Questa cosa non la so e non so chi l’abbia riferita sinceramente. A me non interessa, sono i media che stanno parlando e gettando fango su di me. Non ho guadagnato niente, sono stata strumentalizzata”.

Convinta ad andare a prendere una foto e provare a chiamare al telefono Marco, Pamela Prati se ne va dallo studio, scatenando la reazione di Silvia Toffanin che afferma: “È tutto una barzelletta che non fa neanche più ridere”.

Dopo circa mezz’ora la showgirl torna sui suoi passi, rientra in studio e decide di mostrare solo alla conduttrice la foto di Marco Caltagirone: “È un uomo di 54 anni e l’unico motivo per cui non si mostra è per una questione di riservatezza. In questo momento – aggiunge – non c’è un’atmosfera delle migliori tra di noi. Io non ce la faccio più, perché scrivono delle cose non belle, ma è la loro versione”.

Una storia che ha scatenato reazioni condannabili, sia sui social che nella vita reale: “Non abbiamo ammazzato nessuno, solo perché non si fa vedere non vuol dire che non esista. Esiste eccome. Sono state dette cose orrende, solo perché siamo personaggi famosi veniamo messi alla gogna: non va bene. Bisogna stare attenti, hanno ucciso alcuni artisti in passato parlandone male in questo modo”.

E rivela un episodio scioccante: Mi hanno fatto trovare l’acido fuori dalla porta di casa con un biglietto orrendo. Ma è tutto nelle mani di chi di dovere. Si sta esagerando”. E l’agente Eliana Michelazzo, presente tra il pubblico in studio, aggiunge in lacrime: “Abbiamo paura adesso. Siamo state aggredite, con l’acido, con un biglietto di minacce con scritto ‘Al matrimonio ci arrivate a metà’”.

Nessun problema finanziario e un futuro che dovrebbe prevedere ancora delle nozze: “Non ho nessun problema economico. Dove sta il guadagno in questa storia? Adesso basta. Mi sposerò, ma lo farò in maniera privata, visto quello che è successo. E da oggi, quello che farò saranno solo fatti miei”.

Thegiornalisti tornano sul palco del PalaFlorio

Thegiornalisti CIRCO MASSIMO
Thegiornalisti CIRCO MASSIMO

Come promesso da Tommaso Paradiso durante il concerto del 2 aprile a Bari, durante il quale si è esibito in compagnia di un’invalidante laringotracheite, i THEGIORNALISTI tornano nella loro forma migliore sul palco del PalaFlorio con una seconda data prevista per martedì 7 maggio 2019, un concerto imperdibile con cui il gruppo vuole ringraziare tutti i fan per il prezioso supporto e l’affetto dimostrato durante lo scorso live.

Tutti coloro che sono in possesso del biglietto dello show del 2 aprile, riceveranno l’invito per questa data e potranno parteciparvi gratuitamente.
Per farlo, i possessori dei biglietti dovranno inviare una fotografia dello stesso all’indirizzo email prenotazioni@vivoconcerti.com entro e non oltre il 25/04/2019, specificando nel testo della mail NOME, COGNOME e DATA DI NASCITA.
I rimanenti biglietti per partecipare allo show saranno in vendita a partire dalle ore 12:00 di venerdì 26 aprile alle fasce di prezzo sotto specificate. Di seguito tutti i dettagli.

La nuova tappa barese si aggiunge agli appuntamenti della tranche primaverile del “LOVE TOUR 2019” della band, che registra il tutto esaurito anche al PalaCalafiore di Reggio Calabria, sabato 4 maggio 2019, per un totale di 14 live sold out su 16 tappe, con oltre 250.000 biglietti venduti.

Il 7 settembre, la band capitanata da Tommaso Paradiso porterà uno show esplosivo al Circo Massimo di Roma: una nuova conquista per i THEGIORNALISTI, che saranno il primo gruppo italiano ad esibirsi sul palco dell’antico stadio romano.

In tour, la band presenterà un vero e proprio inno all’amore per ripercorrere i suoi più grandi successi e stupire ancora una volta il pubblico con i brani di “LOVE” (21 settembre 2018), il nuovo album certificato disco di platino, che ha debuttato al primo posto della classifica ufficiale FIMI/Gfk dei dischi più venduti in Italia, toccando la vetta già dal suo esordio.

Il disco è stato anticipato dall’uscita dei singoli “Questa nostra stupida canzone d’amore” (triplo disco di platino), “Felicità puttana” (triplo disco di platino) e “New York” (disco di platino). Su Spotify, la band ha superato i 200 milioni di stream.

DETTAGLI NUOVA DATA BARI
MARTEDÌ 7 MAGGIO 2019 – NUOVA DATA
BARI @ PALAFLORIO

Orari:
Apertura Porte: 19:00
Inizio Show: 21:00

 

Atm: lotta all’evasione tariffaria

atm
atm

Nei primi otto mesi del 2018 l’impegno di Atm nella lotta all’evasione tariffaria è stato totale, con nuove modalità di controllo e un sostanziale incremento delle forze messe in campo dall’Azienda. Dai prossimi giorni ulteriori iniziative e azioni di dissuasione nelle stazioni del metrò.

I passeggeri controllati nei primi otto mesi sono quasi il 60% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e le multe, se pur in crescita del 34,5%, aumentano proporzionalmente molto di meno. Ciò significa che a fronte di più controlli più viaggiatori pagano il biglietto.

Questo è stato possibile grazie a un incremento del personale di controlleria che è passato dai 102 addetti dello scorso settembre ai 152 di oggi (incremento del +50%) e del personale di Security passato da 94 addetti ai 130 di oggi (+38%).

L’impegno dell’Azienda nella lotta all’evasione è sempre maggiore, e a partire dai prossimi giorni, una nuova iniziativa si affiancherà alle modalità di controllo sperimentate nei primi mesi del 2018: squadre itineranti composte da Guardie Particolari Giurate, Assistenti alla Clientela e operatori di esercizio della metropolitana presidieranno le stazioni delle quattro linee del metrò all’ingresso dei tornelli (e non più solo in uscita o nei corridoi di interscambio).

Le squadre miste presidieranno a rotazione ogni mattina e ogni pomeriggio alcune stazioni del metrò, con l’obiettivo di coprire l’intera rete metropolitana. Questa nuova modalità di presidio non ha solo l’obiettivo di “scovare” chi non paga il biglietto già nel momento dell’ingresso, ma anche quello di rendere le stazioni un luogo più sicuro e fornire ulteriore assistenza alla clientela.

In aggiunta alle modalità di controllo sopracitate, Atm prosegue con il piano di chiusura dei tornelli in metrò, che coinvolge la quasi totalità delle stazioni, e ha appena definito di procedere (attraverso una gara ad evidenza pubblica) alla sostituzione dei tornelli con nuove strutture anti-evasione.

Inoltre ha introdotto modalità di acquisto dei titoli di viaggio sempre più semplici e innovative, come l’acquisto via SMS e via App, fino al recente avvio del sistema di pagamento contactless in metropolitana.

Dante, Inferno di Corrado d’Elia: repliche

corrado
corrado

Un nuovo, clamoroso successo di pubblico per Corrado d’Elia: non si ferma la richiesta di biglietti per il nuovo progetto Dante, Inferno, che dopo il debutto dell’11 giugno alla sala Cavallerizza del Teatro Litta continua ad essere richiestissimo, con posti in rapido esaurimento anche per le repliche già aggiunte del 12, 13, 14, 16, 20, 21, 22 giugno alle ore 19:30.

Per ringraziare il pubblico e dare la possibilità di vedere lo spettacolo a coloro che non sono riusciti ad assicurarsi un biglietto, vengono fissate altre due nuove recite in più, il 19 e il 23 giugno alle 19:30, per un totale di nove alzate di sipario straordinarie.

Dall’11 al 23 giugno 2018 / Milano, MTM Sala Cavallerizza
Compagnia Corrado d’Elia
DANTE, INFERNO
progetto e regia di Corrado d’Elia
con Corrado d’Elia
assistente alla regia Federica D’Angelo
immagine e grafica Chiara Salvucci
organizzazione Beatrice Nannetti Pozzi
produzione Compagnia Corrado d’Elia
NUOVA PRODUZIONE

Francesco Taskayali – concerto rinviato

Francesco Taskayali4@MarcoTriolo
Francesco Taskayali4@MarcoTriolo

E’ rinviato a venerdì 8 giugno il concerto che il pianista Francesco Taskayali avrebbe dovuto tenere mercoledì 9 maggio allo Spazio Alfieri di Firenze.

Il posticipo si è reso necessario per motivi tecnici. Venerdì 8 giugno Francesco Taskayali si esibirà allo spazio estivo Il Fiorino sull’Arno, la serata è a ingresso gratuito.

Chi è in possesso del biglietto per il 9 maggio può chiederne il rimborso recandosi presso il punto vendita dove i tagliando è stato acquistato o scrivere all’indirizzo mail dal quale ha ricevuto conferma dell’acquisto online.