Bollate-Colletta alimentare 2020

gc_banco_alimentare
gc_banco_alimentare

La Colletta alimentare 2020 cambia formula ma prosegue la sua attività benefica a sostegno delle famiglie in difficoltà. Quest’annno, con l’epidemia da Covid in corso, l’esigenza degli organizzatori è stata quella di continuare a donare ma in sicurezza per tutti, volontari e persone bisognose. Per questo la classica Colletta, giunta al 24° anno di attività, cambia formula, ma non sostanza come dicono gli organizzatori.

Dal 21 novembre all’8 dicembre alle casse dei supermercati aderenti o sul sito www.mygiftcard.it si potranno acquistare le card da 2, 5 e 10 euro che saranno trasformate in cibo per le tante persone in difficoltà. A fine Colletta il valore complessivo di tutte le card acquistate sarà convertito in cibo non deperibile come pelati, legumi, alimenti per l’infanzia, olio, pesce e carne in scatola e altri prodotti che servono maggiormente.

Tutto il cibo così raccolto sarà distribuito alle persone bisognose tramite le strutture caritative partner della Colletta, per la Lombardia il Banco Alimentare della Lombardia che potrà aiutare 1.148 strutture caritative che assistono oltre 204.000 persone bisognose.

Quindi non più scatoloni, ma card per l’edizione 2020. E nemmeno più volontari fuori dai supermercati, sempre per questioni di sicurezza. Anche se un gruppo limitato di loro sarà presente nei supermercati il 28 novembre, ultimo sabato del mese, per invitare chi entra a partecipare alla raccolta, spiegando la particolare modalità di questa edizione ai tempi del Coronavirus.

“Il Covid ha messo in difficoltà un numero crescente di persone – dice il Sindaco Francesco Vassallo. Aderire a iniziative importanti come il Banco Alimentare è fondamentale per dare una mano a chi ha bisogno e per rafforzare, una volta in più, il senso di solidarietà collettivo. Per questo Bollate è ancora una volta presente e sostiene la Colletta Alimentare 2020”.

Giornata Nazionale della Colletta Alimentare

Pirovano
Pirovano

Rio Mare, azienda leader del mercato del tonno in scatola, aderisce alla 22° Giornata Nazionale della Colletta Alimentare in programma sabato 24 novembre per sostenere laFondazione Banco Alimentare Onlus nella raccolta di alimenti di prima necessità.

L’impegno dell’Azienda per la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare,portato avanti ormai da 7 anni, ha permesso di raccogliere lo scorso anno 5,2tonnellate di alimenti,un contribuito al raggiungimento delle 8.000 tonnellateottenute a livello nazionale e che hanno aiutato 1 milione 600mila persone bisognose.

“Siamo orgogliosidi poter sostenere nuovamente questa importante iniziativa – afferma Luciano Pirovano, Sustainable Development Director di Bolton Food– Da anni collaboriamo con Banco Alimentare portando avanti progetti che testimoniano il nostro impegno nel promuovere e incoraggiare comportamenti solidali. Questo tema ci è caro, soprattutto dopo aver visto i dati ISTAT relativi al 2017, secondo i quali in Italia sono oltre i 6 milioni le persone in stato di povertà assoluta. Dati così allarmanti ci spingono sicuramente a rafforzare il nostro impegno. Per questo vogliamo aiutare le famiglie in difficoltà a rispondere in modo adeguato ai propri fabbisogni alimentari, essendo da sempre impegnati nel promuovere un’alimentazione corretta ed equilibrata. Il pesce in scatola infatti ha valori nutrizionali paragonabili a quello fresco e contribuisce all’apporto di proteine nobili, alcune vitamine del gruppo B e gli Omega 3 spesso carenti nella dieta di chi ne beneficia, oltre ad avere lunghi tempi di conservazione e confezioni sicure e resistenti, fondamentale in un’ottica di redistribuzione”.

Rio Mare supporta il Banco Alimentare dal 2011, donando le eccedenze della propria produzione e i prodotti non vendibili provenienti dai punti vendita della GDO – impegno che ad oggi ha permesso all’Azienda di donare 3.300.000lattine, contribuendo a soddisfare il fabbisogno proteico giornaliero di oltre 1 milione di persone – e recuperando i pasti non consumati dalla mensa dello stabilimento di Cermenate attraverso il programma Siticibo.

La collaborazione con il Banco Alimentare si inserisce all’interno del progetto di Corporate Social Responsibility di Rio Mare“Qualità Responsabile” e testimonia l’impegno dell’Azienda per una qualità a 360° perseguita lungo tutta la filiera, nel rispetto dell’ambiente e delle persone, dal momento in cui il pesce viene pescato fino a quando il prodotto arriva sulla tavola dei consumatori. L’impegno di Rio Mare, infatti, non si esaurisce con la produzione e la distribuzione di prodotti di qualità, ma si completa attraverso attività ed iniziative nell’area della sostenibilità della pesca, della tutela dell’ambiente, del rispetto delle persone e nella promozione dei principi di una corretta alimentazione.