Boss Doms pubblica il remix di “Back To My Bed”

BOSS DOMS feat. Achille Lauro_Back To my Bed REMIX_FOTO
BOSS DOMS feat. Achille Lauro_Back To my Bed REMIX_FOTO

REDUCE DAL SUCCESSO DEL SUO
PRIMO SINGOLO DA SOLISTA
“I WANT MORE”

DI CUI HA PUBBLICATO ANCHE UNA SERIE DI REMIX CON ARTISTI DI FAMA INTERNAZIONALE TRA CUI HOSH

BOSS DOMS
eclettico e magnetico produttore della
scena musicale italiana

PUBBLICA
MERCOLEDÌ 25 NOVEMBRE
LO SPECIALE REMIX DELLA HIT INTERNAZIONALE
“BACK TO MY BED”
DI ELDERBROOK
INSIEME AD
ACHILLE LAURO

Boss Doms pubblica mercoledì 25 novembre uno speciale remix di “Back To My Bed”, l’eclettico produttore rielabora la hit internazionale di Elderbrook insieme ad Achille Lauro.

Un remix permeato da avanguardismo e sperimentazione, che ormai sono diventate cifra stilistica di BOSS DOMS, e che vede quest’ultimo insieme all’amico e collega Achille Lauro. Il singolo di Elderbrook, produttore e cantautore inglese nominato ai Grammy per la sua hit “Cola” realizzata in collaborazione con Camelphat, assume una veste dai toni romantici e introspettivi. Tutto parte con una ritmica musicale più lenta e cadenzata, per poi sfociare progressivamente in un tripudio di sonorità dance ed elettroniche, in perfetta sintonia con la versione originale ma connotata, allo stesso tempo, dall’impronta estremamente personale dei due artisti.
Sul raffinato beat costruito da BOSS DOMS si inseriscono le parole e la voce di Achille Lauro, che regala al pezzo un gusto “rebel glam”. Uno speciale remix, l’interpretazione di un brano internazionale fatta da due artisti così eclettici, che fanno ricorso a quella potente commistione di stili musicali eterogenei che li ha contraddistinti nei loro lavori.

“Per me è stato un onore lavorare ad un brano di un artista del calibro di Elderbrook: uno degli act di musica elettronica più caldi del momento – racconta Boss Doms – Ho fatto 15 versioni diverse del remix, alla quindicesima tutti pensavamo che fosse quella giusta ma io non ne ero ancora convinto. Così, mi sono svegliato la mattina dopo, a soli due giorni dalla consegna, e in tempo da record ho chiuso la sedicesima versione, che è proprio quella che sentirete: quella GIUSTA!”

Achille Lauro: “Ho creduto nel talento di Boss Doms fin dal primo giorno. È un produttore estremamente eclettico: riflette quello che per me deve essere oggi la musica, ossia un’esperienza artistica ‘no gender’. Credo che nel 2020 la musica non debba più essere ingabbiata in generi: sarà premiata solo l’originalità.
Quando l’ho conosciuto eravamo molto piccoli ed Edo suonava e produceva già musica elettronica. Insieme abbiamo condiviso gran parte della nostra vita e tantissimi palchi d’Italia. Conoscendone sogni, ambizione e talento io e il nostro team siamo stati entusiasti del suo ritorno al mondo dell’electro-pop. Siamo tutti al suo fianco per sostenerlo nel suo percorso verso il panorama internazionale. Ha tutte le carte in regola per sfondare”.

“Back To My Bed” giunge a pochi mesi dalla pubblicazione di “I Want More”, il primo singolo da solista di BOSS DOMS, uscito a fine luglio, di cui l’eclettico e magnetico produttore ha regalato anche una serie di esplosivi remix in collaborazione con artisti di fama internazionale come Christian Nielsen, Darius Syrossian, Havoc&Lawn, Hosh e Piero Pirupa.

Anche questo progetto si inserisce nel nuovo percorso da solista che BOSS DOMS ha intrapreso con lo scopo di rendere la musica techno fruibile a tutti, un percorso di metamorfosi iniziato in questo ultimo anno dall’artista, una condizione inevitabile come la transizione tra passato e presente, separati ma interdipendenti, una crisalide che non si accontenta di ancorarsi alla sua forma, diventando farfalla.

LINK UFFICIALI
Instagram: @bossdoms
Facebook: Boss Doms
Spotify: Boss Doms

Achille Lauro chiude la trilogia con “1920”

Achille Lauro
Achille Lauro

ACHILLE LAURO – “1920”

Achille Lauro chiude la trilogia

Dopo 1990 e 1969

ESCE IL 4 DICEMBRE IL NUOVO SIDE PROJECT

REGISTRATO INTERAMENTE DAL VIVO CON ORCHESTRA

1920 – ACHILLE LAURO & The Untouchable Band

Big party, paillettes, black swing, gessati, Chicago, vecchi Gangster italo-americani, questo è il mood del nuovo side project di Achille Lauro: 1920 – ACHILLE LAURO & THE UNTOUCHABLE BAND, in uscita il 4 dicembre su tutte le piattaforme digitali e negli store in formato cd e vinile, già disponibile in preorder. 8 tracce, tra brani inediti e riedizioni in pieno ritmo jazz anni ‘20, un dialogo tra passato e presente, l’improvvisazione più ricercata. Cover, come My Funny Valentine, Tu vuò fa’ l’americano e Jingle Bell Rock; inediti, tra cui Piccola Sophie, Pessima e Chicago; riedizioni, come Cadillac 1920 e Bvlgari Black Swing. Achille Lauro aggiunge al progetto la collaborazione di importanti artisti del panorama musicale italiano: Gigi D’Alessio, colonna portante della musica italiana; Izi e Gemitaiz, affermate star del mondo urban; Annalisa, ormai al fianco di Achille Lauro dall’incredibile esibizione sul palco dell’Ariston.

Il side project chiude la trilogia di repack del passato: con 1990, tributo alla musica Dance, e a 1969 – Achille Idol Rebirth, dall’animo punk-rock, certificato Disco di Platino da Fimi/Gfk, Achille Lauro dimostra di saper indossare giacche di pelle, tacchi glitter e fedora sempre con la stessa credibilità. 1920 – ACHILLE LAURO & THE UNTOUCHABLE BAND prende ispirazione dal desiderio di leggerezza nato durante il Proibizionismo dei primi anni del ‘900. Un sapiente mix di generi e artisti diversi per un esperimento che diventa una vera e propria Jam Session.

“Sono tornato completamente cambiato da questo viaggio negli anni ’20. La mia concezione di fare musica è sconvolta, tutto ciò che pensavo prima si è capovolto – afferma Achille Lauro – Inizialmente mi concentravo solo sulla mia ossessione di seguire da vicino tutti i minimi dettagli del lavoro; oggi, grazie a questa trilogia ‘69 – ‘90 – ‘20, ho capito che è stato tutto solo l’entrée di quello che sto per proporre”.

 

1920 – ACHILLE LAURO & THE UNTOUCHABLE BAND

TRACKLIST

1. My funny Valentine

2. Chicago

3. Pessima

4. Tu vuo’ fa’ l’americano (feat Gigi D’alessio)

5. Cadillac 1920

6. Bvlgari Black Swing (feat. Izi & Gemitaiz)

7. Piccola Sophie

8. Jingle Bell Rock (feat. Annalisa)

Achille Lauro: Opera Performance Love is Love

Achille_Lauro
Achille_Lauro

“Love is Love” è la prima opera metafisica di Achille Lauro, una performance, che si completa con un’esposizione pittorica.

L’opera sarà esposta il 25 ottobre 2020, dalle 10 alle 17, all’interno del Museo del Cinema, nell’incredibile cornice della Mole Antonelliana di Torino, simbolo della città, in occasione della 35′ edizione del Lovers Film Festival, uno dei più importanti festival cinematografici LGBTQI d’Europa.

Dalle 10 alle 13 l’opera ha preso vita con una performance.

Nell’opera l’artista racconta il significato dell’essere oggetto di una discriminazione di genere, rinchiudendo in una gabbia due persone ed esibendo il loro sentimento in silenzio.

La gabbia, minimale e fatiscente, ricorda le gabbie da circo e le due persone svestite all’interno due animali addestrati per l’ultimo spettacolo. L’atto d’amore, rinchiuso tra le sbarre, diventa metaforicamente solo intrattenimento per il grande pubblico, come se la scelta di amare necessitasse approvazione o applausi, raccontando la nudità che si percepisce quando si è sottoposti a giudizio.

L’opera rappresenta la purezza di chi vuole solo scegliere l’amore in libertà, in contrapposizione agli stereotipi imposti dal mondo esterno e il pregiudizio verso il sentimento.

Nella gabbia, come sospeso nel vuoto, il dipinto ​“Love is Love” realizzato dall’artista.

Alle ore 21.15 Achille Lauro parteciperà, in collegamento da casa, anche a ‘Conversazioni maleducate’, una chiacchierata sul tema della mascolinità tossica con la direttrice artistica del festival Vladimir Luxuria.

Achille Lauro, 1969 – Achille Idol Rebirth

Achille Lauro
Achille Lauro

Achille Lauro

1969 – Achille Idol Rebirth

L’alter ego dell’artista più discusso degli ultimi anni rinasce,
tornando dal suo passato per completare il già Disco d’Oro “1969”,
un viaggio nel tempo iniziato solo un anno fa

In formato cd e su tutte le piattaforme digitali

Achille Lauro premiato al Matera Art International Film Festival

Esce per Elektra Records/Warner Music Italy in formato CD e su tutte le piattaforme digitali, “1969 – Achille Idol Rebirth”, la rivisitazione dell’album che ha portato a conoscenza del grande pubblico il più estroverso e discusso artista italiano. Dalla sua prima pubblicazione dello scorso anno – già certificata Disco d’Oro – il successo di Achille Lauro è inarrestabile: 405 milioni di streams per i suoi brani, 90 milioni di views totali su YouTube, più di 35.000 copie vendute per gli album. Alla vigilia dell’uscita di 1969 – Achille Idol Rebirth, è ancora forte il successo di 1990, il side project omaggio ai favolosi Nineties uscito il 24 luglio per Elektra Records/Warner Music Italy di cui l’artista è Chief Creative. L’album ha debuttato direttamente al primo posto della classifica di vendita Fimi/Gfk nella categoria album e nella categoria vinili.

L’album astronave del tempo “1969” che ospita “Rolls Royce”, aggancia nuove navicelle spaziali per completarsi definitivamente: “Me Ne frego”, il brano che ha consacrato definitivamente il successo dell’artista grazie alle sue live performance Glamour uniche al Festival di Sanremo, “Maledetto Lunedì”, singolo ElectroPop poetico e decadente dei due produttori romani Frenetik&Orang3. Prende a bordo i grandi successi del 2020: dalla struggente ballad “16 Marzo” – che a pochissimi dall’uscita mesi è certificata Disco d’Oro e conta ormai quasi 30 milioni di ascolti sulle diverse piattaforme – al famosissimo “Bam Bam Twist”, tormentone estivo che rievoca il ballo piu sexy e provocante della storia, per mesi in vetta alle classifiche radiofoniche. “1969 – Achille Idol Rebirth” contiene inoltre una riedizione dell’immortale “C’est La Vie”, magistralmente reinterpretata dalla regina del cantautorato italiano Fiorella Mannoia, e la sconvolgente “Maleducata”, soundtrack ufficiale della famosa serie Baby 3 trasmessa in 190 paesi del mondo.

Icona, punkrocker, popstar, l’alter-ego abbandona il sepolcro dopo essere stato crocifisso e risorge ad Icona Glam. Inno alla Pansessualità, no gender, fluido oltre il maschile e il femminile, avverso agli schemi e alle omologazioni, poeta pasoliniano e neorealista.

Rinasce cosi “ACHILLE IDOL” l’alter ego dell’artista più discusso degli ultimi anni, tornando dal suo passato per completare “1969” un viaggio nel tempo iniziato solo 1 anno fa.

***

Gioventù sregolata ed eccessiva come James Dean.
Lusso e maledizione come Marilyn.
Sesso e Rock N Roll come Hendrix.
Viva Las Vegas come Elvis.
Voglio una fine così, C’est la vie.

***

“Maleducata” sconvolgente videoclip

Achille Lauro
Achille Lauro

Achille Lauro
Atmosfere da Rocky Horror Picture Show nello sconvolgente videoclip di “Maleducata”

Da oggi disponibile su Youtube

Venerdì 25 settembre la riedizione del suo album
“1969 – Achille Idol Rebirth”

Achille Lauro è oramai un riferimento del punk rock italiano e lo dimostra continuando a stupire il proprio pubblico senza mai fermarsi un attimo: è disponibile da oggi su YouTube il videoclip di Maleducata, il nuovo singolo già in radio e su tutte le piattaforme digitali.
Un video fatto di eccesso e sregolatezza, che inneggia all’amore libero e in chiave moderna ripropone il vecchio ed intramontabile slogan “Peace and Love”. Non ci sono fiori, non ci sono Hippies ma gender fluid, che nel loro insieme rappresentano tutte le forme del libero amore. Achille Lauro è il cerimoniere di un mondo freaks in cui la parola d’ordine è: “amatevi è siate liberi da tutti gli schemi”. Tanti i richiami a The Rocky Horror Picture Show, lo spettacolo teatrale di Richard O’Brien portato sul grande schermo nel 1975 da Jim Sharman: Lauro diventa un moderno Frank-N-Furter, in reggicalze, corsetto e tacchi alti.
Non esistono “cose da femmina”, tutti sono liberi di essere Maleducata, di perdersi nel mondo senza regole di Achille Lauro, scevro da preconcetti e limitazioni omofobe. Un immaginario soft porn 2.0, shakerato con suoni punk rock e raccontato da labbra carnose e sensuali, truccate di un rosso intenso e in primissimo piano: sono le labbra di Achille Lauro che a tratti ci portano alla mente la sensualità di Billy Idol o dell’inarrivabile Mick Jagger.
Le immagini – per la regia di Giulio Rosati – calzano come un guanto di latex alle sonorità Seventies del brano, al suo sound internazionale, ricercato e unico. La voce di Lauro è calda e sussurrata, fuori controllo come nel punk londinese, tra il gemito di chitarre elettriche sexy e distorte e un ritmo di batteria duro: Maleducata è un perfetto mix di sensualità estrema, di libertà e Rock and Roll. Il brano anticipa “1969 – Achille Idol Rebirth”, riedizione dell’album certificato Disco d’Oro, in uscita il 25 settembre.