Festa a Chianciano

Terme di Chianciano

04 Agosto 2011 – di Carlo Torriani – E’ appena iniziata la stagione estiva è già Chianciano Terme mette in calendario la “Grande Festa” , una kermesse dal fascino e dal successo garantito che si terrà nei giorni di 2-3-4 settembre 2011. Anche quest’anno gli eventi in programma saranno cultura, cinema, gusto, spettacoli e divertimenti per tutta la famiglia.

Il cinema è, come sempre, uno dei protagonisti assoluti della scena e trova nella cittadina termale il luogo ideale per tutti i cinefili e  per tutto quel mondo che vi gira attorno. Un legame che va oltre la celebre opportunità regalata da Fellini con il suo film-capolavoro ”8/12”. Quello con il grande regista riminese è un legame che si è consolidato e arricchito, anche dopo la sua morte; quel luogo ricreato nel film, una Chianciano termale trasfigurata (ma neanche poi tanto) da Fellini in un luogo immaginario ma reale al tempo stesso,  ha fatto della cittadina una sorta di “presidio” d’eccezione dove poter ritrovare se stessi e quella dimensione di benessere ideale.

La Grande Festa avrà la presenza importante e qualificata della Terre di Siena Film Commission, sempre impegnata a proporre il territorio senese come location straordinaria per film, produzioni televisive e pubblicitarie. Sarà anche l’occasione per assegnare l’ambito premio Terre di Siena Film Commission, riservato a personalità del mondo dello spettacolo che si siano particolarmente distinte per la particolare attività e dedizione artistica.

Non solo cinema ma tre giorni di divertimento, cultura, arte, incontri, degustazioni e una Notte Bianca, tutta da scoprire, dal tramonto all’alba, tra musica ed eventi da non perdere. Le iniziative sono a ingresso gratuito.

La Grande Festa è l’occasione  per lasciarsi trasportare tra le innumerevoli bellezze di questa cittadina, per scoprirne tutti gli aspetti più affascinanti e la ricca offerta. Chianciano Terme è una città viva e tutta da vivere in ognuna delle sue declinazioni: da quella termale, a quella congressuale, senza dimenticare quella sportiva, enogastronomica, artistica e culturale.

Ulteriori informazioni a: Apt Chianciano Terme Val di Chiana -tel.  0578. 671.122  –        www.vivichiancianoterme.it

 

 

La cascina La Barbatella: degustazione vini nel Monferrato

Elisa Zini – A Nizza Monferrato, sopra un’altura circondata da vigneti, sorge la cascina La Barbatella. Con i suoi 4,5 ettari di vigneto, posizionato nella migliore esposizione collinare, dove sole, ombra e fertilità regnano in armonia, ci si trova nel luogo adatto per la produzione di vini di altissima qualità, ricchi di tradizione e cultura. Acquistata nei primi anni ottanta dalla famiglia Sonvico, passione, saggezza e impegno hanno permesso alla straordinaria fecondità dei terreni di dar vita a veri e propri nettari d’uva. L’azienda trasforma direttamente l’uva coltivata nei propri vigneti miscelando opportunamente colori, profumi e aromi, arricchendo nel tempo, con nuove varietà di vigne, la propria produzione.

Grazie a tale arte sono stati prodotti vini insigniti di prestigiosi premi, nazionali ed internazionali: l’azienda è stata premiata per ben 18 volte con i “Tre bicchieri rossi”, ambito riconoscimento assegnato dalla guida “Vini d’Italia” edita dal Gambero Rosso, in collaborazione con Slow Food. Sempre citata nelle migliori Guide nazionali ed estere, la cascina La Barbatella produce il celebre Monferrato rosso “Sonvico”, citato tra i migliori vini d’Italia dal 1988 ad oggi. A metà anno 2010 La Barbatella è stata rilevata dalla famiglia Perego. Lorenzo e Cinzia, marito e moglie, hanno l’onore di perpetuare l’eredità lasciata dall’eccelso lavoro di Angelo Sonvico condividendo l’amore per la cultura e le tradizioni del territorio astigiano. Due gli enologi di riferimento in cascina: Giuliano Noè, a cui si deve l’invenzione del pregiato vino Noè (prodotto dalla vinificazione di uve Cortese e Sauvignon Blanc), e Beppe Rattazzo. Il loro rigore, che nulla lascia al caso, fa di questa Azienda un piccolo gioiello. Tra i vini pluripremiati si ricordano “La vigna dell’Angelo” (Barbera d’Asti DOC Superiore Nizza) e il “Sonvico” (Monferrato rosso DOC, ottenuto da uve Barbera e Cabernet Sauvignon). 

La giovane famiglia Perego da sempre amante dell’arte nelle sue diverse forme (Cinzia è laureata in Lettere – Storia dell’Arte e Lorenzo è uno scultore e un pittore) ha un sogno: unire la passione e l’amore per l’arte (pittura, musica, teatro…) con la cultura del vino e del gusto. “Per questo motivo la cascina “La Barbatella” rappresenta per noi il luogo ideale per far convivere in armonia tutto questo” spiegano Lorenzo e Cinzia, “Ci piacerebbe che il gusto per il bello abbracciasse la musica, il teatro e il buon cibo in un connubio che mostri le nostre personalità perché è così che vogliamo vivere. Nella storia il vino è sempre stato un simbolo di condivisione, di unione, di incontri, un modo per stare insieme in armonia e non vorremmo perdere tale tradizione”.

Cinzia racconta: “Mio marito Lorenzo, ad esempio, ha ideato l’etichetta di un vino, il Mystere, usando un bozzetto di un suo quadro che raffigura le vigne d’inverno. E poi ogni fine settimana, su prenotazione, apriamo la cascina a degustazioni gratuite di vino per tutti gli interessati e insieme facciamo assaggiare anche i formaggi tipici del Monferrato”.  

Il 9 luglio 2011 alla cascina La Barbatella si è tenuta una degustazione di vini e formaggi in una splendida cornice estiva, insieme a musica jazz suonata dal vivo, in giardino. A seguire il debutto nazionale dello spettacolo teatrale “W l’Italia.it… Noi non sapevamo” di Egidia Bruno, voluto e sovvenzionato dalla famiglia Perego: uno spettacolo sulla “questione meridionale” e su quella unità d’Italia che ha cambiato la storia di ognuno di noi. La rappresentazione si è tenuta nel sontuoso cortile di Palazzo Crova, sede di una prestigiosa enoteca.

Se volete passare un fine settimana nella splendida cornice del Monferrato degustando un’ottima varietà di vini (bianco e rosso) potete prenotarvi presso la cascina La Barbatella: ci saranno Lorenzo e Cinzia Perego  ad accogliere tutti in un clima davvero familiare e di qualità, all’insegna del buon vino e delle dolci tradizioni enogastronomiche.

 

www.labarbatella.com

Prenotazioni: cascina@labarbatella.com

Tel. 0141701434 Fax. 0141721550

Strada Annunziata 55 Nizza Monferrato (Asti)

 

Villach – Vacanze estive

Villacher Kirchtag

 

Milano, 20 luglio 2011 – di Carlo Torriani – La regione di Villach (Austria),a pochi chilometri da Tarvisio propone ai turisti che decideranno di trascorrere in questo angolo di Carinzia le proprie vacanze estive propone  un calendario  ricco e variegato di eventi. Tra montagne incontaminate e laghi cristallini il comun denominatore è ancora il binomio “divertimento & gusto”, senza dimenticare cultura e arte. Si parte  con la festa dei girasoli di Ackern dalle magiche atmosfere bucoliche per poi soffermarsi ad ammirare spettacoli teatrali e musicali durante il tradizionale Festival dell’Estate Carinziana. Per chiudere in bellezza l’appuntamento imperdibile per tutti gli amanti della birra con la nota Villacher Kirchtag,  la festa della birra di Villach, una tra le più grandi manifestazioni folkloristiche austriache.

Ecco il programma:

Dal primo al 31 luglio  – Festa dei girasoli di Ackern     

E’ un palcoscenico “campestre” quello che accoglie i partecipanti della “Festa dei Girasoli”: una distesa di bellissimi girasoli e al centro balle di fieno utilizzate come poltrone e tavolini, falò circondati da pietre su cui sedersi per ammirare il fuoco, golosi barbeque, spaventapasseri, bancarelle e un palcoscenico dal quale gruppi musicali di vario tipo intrattengono e allietano la serata.

Dal 10 luglio al 20 agosto – Festival dell’Estate Carinziana.

Il Festival musicale dell’Estate Carinziana (“Carinthischer Sommer”) è considerato il maggiore festival musicale austriaco. Dal’10 luglio al 20 agosto si susseguiranno numerosi spettacoli e concerti che spazieranno dalla musica antica a quella contemporanea. Cornice dell’evento ancora una volta la cittadina di Ossiach, sulla riva meridionale del lago cui dà il nome, parte della regione turistica di Villach. Il convento di Ossiach, sulle sponde del lago, fu ristrutturato in epoca barocca e dal 1969 è la principale sede del festival dell’Estate Carinziana. Nel corso degli anni al Convento si sono affiancati il Centro Congressi di Villach e la casa in pietra “Domenig-Steinhaus” del noto architetto Günther Domenig.

Dal 31 luglio al 7 agosto – 68° Villacher Kirchtag

Nota in Italia come “Festa della Birra” la Villacher Kirchtag è la più grande festa folkloristica austriaca con oltre 200.000 visitatori. Da una parte la caotica e vivace confusione delle strade cittadine e del parco divertimenti che promette ore memorabili e dall’altra le rinomate zone del centro e la Piazza del Municipio animata da gruppi musicali provenienti dalla Carinzia, dal territorio Alpe-Adria e da tutta Europa. Musiche,  danze, cucina tradizionale, degustazioni di birra e  spettacoli. La Villacher Kirchtag nasce nel1936 su iniziativa dell’allora sindaco della città di Villach il quale desiderava ripristinare il tradizionale “Mercato Annuale” dei tempi di Federico II. L’imperatore infatti nel 1225 decretò che il 25 luglio, in occasione della festività di San Giacomo Apostolo, si celebrasse il mercato annuale che poteva essere spostato di al massimo 14 giorni prima o dopo il 25 luglio. Fu il primo mercato in tutta la Carinzia e prese il nome di Kirchtag. Iniziarono a prendere parte a questo mercato non solo commerciati della città di Villach, ma anche mercanti provenienti da paesi vicini e dall’intera Carinzia. A partire dal 1966 si iniziò a festeggiare la Villacher Kirchtag il primo sabato di agosto e da una sola giornata la festa si prolungò ad una settimana.

26-27 agosto – Faakersee Triatholn

Un triathlon olimpico (1.500 metri di nuoto, 38 chilometri in bici e 9,6 km di corsa a piedi) alla quarta edizione che anche quest’anno si svolge sulle rive del piccolo lago Faak noto per la sua acqua potabile (proprio così: si può bere!).

KÄRNTENCARD –

Con la Kärnten Card si ha la chiave per avventure, divertimento e tanti vantaggi. Si apre la porta ad oltre 100 mete turistiche carinziane, che si possono visitare liberamente, gratis e anche più volte se lo si desidera compresa la via libera su linee di navigazione e funivie. La Kärnten Card è acquistabile in oltre 140 punti vendita di tutta la Carinzia – per esempio negli uffici turistici. In tanti alberghi la Kärnten Card è gratuita gratis per la durata del soggiorno.

La Kärnten Card è valida sino al 26 ottobre 2011 alle seguenti tariffe:
Kärnten Card 1 settimana: 34,00 Euro adulti, 14,00 Euro bambini (1996 – 2004).
Kärnten Card 2 settimane: 42,00 Euro adulti, 18,00 Euro bambini (1996 – 2004).
Kärnten Card 5 settimane: 53,00 Euro adulti, 26,00 Euro bambini (1996 – 2004).

La Kärnten Card è gratuita per i bambini di età inferiore ai 6 anni (2005).

 

Clusane

Clusane

Milano, 13 luglio 2011 – di Carlo Torriani – Dal 18 al 24 luglio 2011 si svolgerà a Clusane sul Lago d’Iseo la trentesima edizione della “Settimana promozionale della tinca al forno”. Con euro 20.00 nei ristoranti che esporranno l’apposita locandina sarà possibile degustare il caratteristico piatto della tinca al forno con la polenta, il dessert, il caffè, l’acqua minerale e mezza bottiglia di vino Franciacorta.

L’iniziativa è degli Operatori Turistici Clusane che dal 1981 hanno voluto organizzare questo appuntamento per valorizzare il piatto caratteristico che nel secolo scorso era il tradizionale pranzo che consumavano i lavoratori che prestavano la loro attività nelle torbiere. Ripescata l’antica ricetta del XVIII secolo il “piatto povero” è poi diventato una ghiottoneria che ora richiama numerosi turisti a gustare la tinca, tipico pesce del Sebino. Ovviamente gli chef in questi anni si sono cimentati a preparare qualche ricetta variabile ma tutte hanno come elemento base la tinca.

Ad inaugurare la manifestazione sarà la cena sotto le stelle di domenica 17 luglio con una spettacolare tavolata allestita sul Lungolago Capponi, che vede riuniti i ristoranti associati, i clienti affezionati e tutti coloro che vorranno prenotarsi per un’esperienza singolare.

Il piatto tradizionale potrà essere degustato nei seguenti ristoranti: Trattoria Al Porto, Ristorante Da Sandro, Antica Trattoria del Gallo, Trattoria del Muliner, Ristorante La Barca, Ristorante Le Margherite, Ristorante Punta da Dino, Ristorante Villa Giuseppina.

L’opportunità di una gita a Clusane oltre a soddisfare la gola può essere anche il motivo di visitare la zona vecchia del paese con la Chiesa Vecchia (recentemente ristrutturata e sede di concerti e incontri), il Castello, la Chiesetta di San Rocco, alcuni archi in Via Molino e parte di mura dell’antico Castrum, alcune case molto antiche tra le quali una con mura rotonde all’inizio di via Ponta, i resti di un edificio romano nonché una gita sul lago con meta anche Montisola.

Il ricco programma delle serate clusanesi è contenuto nei pieghevoli distribuiti presso gli uffici turistici, le attività commerciali e le strutture alberghiere del Lago d’Iseo e della Franciacorta. Dal gioco alla musica, dalla fotografia al teatro, attraverso cultura e folclore saranno gli eventi che animeranno le serate di piccini e accompagnatori.

Ulteriori informazioni a O.T.C. tel. 030.982.91.42.

Giardini di Sissi

Giardini di Sissi

Milano, 06 luglio, 2011 – di Carlo Torriani – Ai Giardini di Sissi a Castel Trauttmansdorff di Merano è stata inaugurata una nuova attrazione: “Il Regno sotterraneo delle piante”, unica nel suo genere,  che svela al visitatore, attraverso  un emozionante percorso,  i segreti della vita sotterranea del mondo vegetale. Si tratta di ammirare il mondo sotterraneo delle piante per carpire i misteri e le forze invisibili che rendono possibile questo splendore. Un mondo sconosciuto ed emozionante illustrato attraverso un percorso multimediale scavato nella roccia, lungo quasi 200 metri e suddiviso dalla zona ingresso in 5 caverne.

Sottoterra, il visitatore può comprendere quanto siano complessi e importanti i meccanismi fisiologici della vita delle piante, le fonti di reperimento dell’acqua, della luce e possono capire la funzione delle radici e di cosa esse rappresentino per un albero: un prezioso sguardo “dietro le quinte”. In questo percorso in cui rimbomba l’eco di ogni passo e diretto nel profondo della terra, improvvisamente si schiude un grande padiglione ricavato nella roccia in cui vengono rappresentati i principi fondamentali della vita vegetale sotterranea.

         Gli stretti sentieri, con voci e giochi di luci a segnalare il percorso, procedono di caverna in caverna, e gli elementi essenziali del regno sotterraneo delle piante, arrivano a porsi al centro dell’attenzione: acqua, terra, sostanze nutritive, radici e luce.

         Dopo aver illustrato al visitatore l’indispensabilità di questi elementi, le sostanze nutritive si contendono il primato nella catena alimentare di bulbi e radici, che crescono in un’altra caverna ancorandosi fermamente alla terra in maniera terribilmente emozionante, stimolante, divertente e istruttiva. Le stazioni multimediali sotterranee offrono un chiaro accesso alle conoscenze botaniche più basilari: un esperienza che coinvolge tutti e 5 i sensi.

I Giardini di Sissi occupano una superficie di 12 ettari e oltre 100 metri di dislivello e offrono numerose attrazioni e picchi di fioriture suddivisi nell’arco dell’anno, che modificano il panorama quasi ogni settimana: ecco perché meritano più di una visita.

Un team di 24 esperti giardinieri hanno piantato e curato più di un 1 milione di bulbi tra cui tulipani, narcisi e crochi. Complessivamente i giardini custodiscono oltre 5.800 specie diverse di piante e fiori, offrendo a coloro che non desiderano limitarsi alla bellezza estetica della rigogliosa flora, la possibilità, accompagnati da una delle 21 preparatissime guide, di scoprire un meraviglioso universo botanico.

Orari: dal 1°aprile al 31 ottobre 9-19 – dal 1° al 15 novembre 9-17 – venerdì di giugno, luglio ed agosto 9 23 –  www.giardinidisissi.it