Heineken Cup: Trionfo del Leinester

Heineken Cup: Leinester

Cardiff (Galles)21 maggio 2011, di Fiorenzo Di Costanzo

E’ Leinster – Northampton Saints la sedicesima finale di Heineken Cup. Le due squadre giungono alla finale con uno score di tutto rispetto: Northampton nell’intera stagione europea non ha perso ancora, mentre il Leister ha perso solo in casa del Clermot nella fase a gironi. Il Leinster parte da chiara favorita ma si troverà di fronte una squadra che gioca un bellissimo rugby, di difficile lettura per le difese avversarie. I Dubliners, tuttavia, hanno parecchi giocatori da valutare nell’immediata vigilia della finale, primo su tutti O’Driscoll.

Il match parte subito forte, con i Saint che fin dai primi minuti mette sotto pressione la difesa del Leinster e dopo appena 7 minuti Dowson schiaccia il primo pallone in meta. Il Leinster non sembra subire il contraccolpo psicologico e riesce ad accorciare le distanze con il piazzato di Sexton, ma in pratica in campo c’è una sola squadra. Northampton continua a macinare gioco e in 14 uomini mette a segno la seconda meta. Sul finire del prmio tempo Northampton allunga ancora nel punteggio e si porta su un secco 22 a 6.

Al rientro in campo il Leinster è una furia. La formazione irlandese mostra tutto il suo orgoglio e grazie all’apporto dei suoi migliori uomini, O’Driscoll ed Heaslip conquistano la metà campo inglese, metro dopo metro, e Sexton mette a segno la prima meta per i suoi e riapre i giochi. Gli irlandesi sembrano finalmente aver ritrovato la giusta misura dei propri schemi offensivi e continuano a mettere pressione sulla difesa dei Saint che, contrariamente al primo tempo, non riescono più a gestire il pallone e a costruire un’azione offensiva. Dopo appena 10 minuti della ripresa, il risultato è sorprendentemente in equilibrio: il Leinster riesce a segnare la seconda meta, dopo aver visto annullare una meta dal TMO, e si porta sul 20 a 22.

Al minuto 57 ecco il sorpasso: ancora un calcio piazzato di Sexton porta i suoi sul punteggio di 22 a 23, e l’irlandese si ripete dopo pochi minuti con il calcio del 22 a 26. Gli inglesi ormai sono in preda degli irlandesi e al minuto 65 Hines segna la terza meta e Sexton realizza il suo 28esimo punto: il punteggio è ora di 22 a 33 per il Leinster. L’unico sussulto degno di nota del Northampton è di Ashton che ha un buon guizzo al minuto 70 ma si fa recuperare dalla retrovia azzurra, che per tutto il secondo tempo ha concesso nulla agli avanti dei Saint.

Il Leinster può così festeggiare la conquista della seconda Heineken Cup, bissando il trionfo del 2009 e guardare con fiducia alla finale di Celtic League che li vedrà contrapposti al Munster.

Match ball per Chieri

pallavolo Chieri

Chieri ad un passo dal ritorno in A1, Loreto pronta a rovinare la festa. Ci sarà il pubblico delle grandi occasioni domani sera al PalaFamila per Gara 3 di Finale Play Off Promozione della Findomestic Volley Cup A2 – Campionato del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia, quando sul rettangolo di gioco si affronteranno Famila Generali Chieri e Esse-ti Loreto.
Si parte dal 2-0 confezionato finora nella serie dalla squadra di Beltrami, autrice dell’impresa mercoledì al tie-break sul campo di Loreto con una prestazione da incorniciare.
Sarà ancora una volta Tony Zetova a far pendere l’ago della bilancia del match, anche alla luce dei 37 punti firmati in Gara 2. La squadra di Beltrami ha l’obbligo di giocare al massimo se vorrà tagliare il traguardo della Promozione in A1, dopo due anni di purgatorio. Dall’altra parte della rete, un’Esse-ti Loreto pronta a vendere cara la pelle. La formazione di Pistola potrebbe accusare il contraccolpo psicologico dopo la maratona di Gara 2, ma le marchigiane hanno sempre dimostrato di non mollare mai, nemmeno nei momenti più difficili.
Beltrami confermerà lo stesso sei+uno di partenza che ha espugnato il PalaSerenelli, mentre Pistola potrebbe partire con la novità Pietrelli e ridisegnare così l’assetto tattico.
La partita sarà tramessa in diretta televisiva su Sportube.tv e RTB Virgilio (829 SKY) con collegamento a partire dalle ore 17.55.

FINDOMESTIC VOLLEY CUP A2 – Campionato del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia
PLAY OFF PROMOZIONE 2010/11
Gara 3 Finale Promozione
Sabato 21 maggio ore 18.00 (diretta Sportube.tv e RTB Virgilio 829 Sky)

A Chieri (TO): Famila Generali Chieri – Esse-ti Loreto 2-0 nella serie
Arbitri: Lucio Parlato – Paolo Cassarino

Il risultato di Gara 2
Esse-ti Loreto – Famila Generali Chieri 2-3 (25-18, 23-25, 17-25, 25-20, 18-20)

Il risultato di Gara 1
Famila Generali Chieri – Esse-ti Loreto 3-1 (25-21, 25-22, 22-25, 25-22)

Il resto del programma di Finale Promozione
Ev. Gara 4
Mercoledì 25 maggio ore 20.30 (diretta Sportube.tv e RTB Virgilio 829 Sky)

A Loreto (AN): Esse-ti Loreto – Famila Generali Chieri
Ev. Gara 5
Sabato 28 maggio ore 18.00 (diretta Sportube.tv e RTB Virgilio 829 Sky)

A Chieri (TO): Famila Generali Chieri – Esse-ti Loreto

FINDOMESTIC VOLLEY CUP A2 – Campionato del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia
La formula dei Play Off Promozione

Vi hanno preso parte le squadre classificate dal 2° al 5° posto al termine della Regular Season che hanno disputato le Semifinali al meglio delle due partite vinte su tre (la gara di andata e l’eventuale gara 3 in casa della squadra con la miglior classifica al termine della Regular Season). Le due formazioni vincenti giochano la Finale al meglio delle tre partite vinte su cinque (la prima, la terza e l’eventuale gara 5 si giocheranno in casa della squadra con la miglior classifica al termine della Regular Season) e la formazione vincente sarà promossa in Serie A1.
Già promosso in A1 il Cariparma SiGrade Parma, vincitore della Regular Season.

Trofeo delle Regioni Kinderiadi 2011

Kinderiadi

Si è svolto  a Torino presso il Palazzo della Regione un incontro tra il presidente Carlo Magri e i media per parlare delle iniziative federali, che riguardano il mondo giovanile nazionale.

Assieme al Presidente federale, accompagnato dal neo ct della nazionale maschile Mauro, erano presenti: l’on. Roberto Cota, presidente della Regione Piemonte, Massimo Castiglia, Responsabile sponsorizzazioni Ferrero Spa e il presidente del CR Piemonte Ezio Ferro. In sala anche il vicepresidente Luciano Cecchi e il presidente del  CP Torino Paolo Marangon.

Quella odierna è stata un’occasione importante per illustrare due tra i progetti realizzati dalla Fipav in collaborazione con Kinder + Sport: le Scuole di Pallavolo e il Trofeo delle Regioni – Kinderiadi 2011.

Quello delle Scuole di Pallavolo Federali è un’iniziativa nata nel 2010 che rientra nell’ambito del protocollo d’intesa firmato nel dicembre 2008 con il MIUR. Questo prevede l’attribuzione attraverso un bando nazionale annuale, a quelle società sportive e istituti scolastici affiliati alla Fipav che hanno requisiti e progettuali rispondenti agli obiettivi federali per la fascia d’età 6-14 anni, la qualifica di “Scuola di Pallavolo”.

Oltre alle Scuole di Pallavolo è stato annunciato anche il Trofeo delle Regioni – Kinderiadi 2011, la storica kermesse giunta alla sua 28esima edizione dedicata ai giovani pallavolisti e beachers che si terrà proprio a Torino organizzata dal CR Piemonte dal 28 giugno al 3 luglio e che coinvolgerà oltre mille persone tra atleti e tecnici, con un indotto previsto di oltre 3mila presenze.

“Sono ovviamente soddisfatto di essere qui oggi in compagnia del Presidente della Regione Piemonte – ha esordito Carlo Magri – per pubblicizzare due importanti iniziative come queste. Il progetto delle Scuole di Pallavolo sta riscuotendo un notevole successo e il Trofeo delle Regioni è una manifestazione unica nel suo genere, una vera e propria vetrina per il nostro movimento,  il nostro  fiore all’occhiello”.      

Alla presentazione ha partecipato anche il nuovo commissario tecnico della nazionale maschile Mauro Berruto che, nella sua città, ha potuto evidenziare l’importanza dell’attività giovanile, vera linfa vitale per lo sviluppo della disciplina pallavolistica italiana: “Le squadre nazionali sono la punta dell’iceberg di una serie di progetti più ampi che comprendono naturalmente i giovani. Credo sia di fondamentale importanza la sinergia tra attività come quelle che oggi abbiamo presentato e l’attività delle varie rappresentative azzurre”.  

 

SCUOLE DI PALLAVOLO FEDERALI – Il progetto è stato elaborato per favorire lo sviluppo sociale della pratica sportiva così da garantire un punto di riferimento qualitativo identificabile sul territorio per l’apprendimento e la pratica della pallavolo giovanile, favorendo l’insegnamento della disciplina in rapporto con le istituzioni scolastiche.

Nel 2010 sono state 217 le qualifiche di Scuole di Pallavolo attribuite a quelle società sportive e istituti scolastici affiliati alla Fipav che hanno dimostrato di avere i requisiti rispondenti agli obiettivi federali per la fascia d’età 6-14 anni e quest’anno si registra un incremento di  116 scuole rispetto allo scorso anno (la graduatoria è provvisoria) con il coinvolgimento di circa 400 allenatori di secondo e terzo grado, che sono anche insegnati di educazione fisica.

Quest’ultimo dato evidenzia come siano state utilizzate più dell’80% delle professionalità disponibili sul territorio, un traguardo importante che evidenzia la validità del progetto. Questa è una delle molteplici iniziative proposte e realizzate che hanno permesso alla Fipav di essere la seconda Federazione in Italia dopo la Federcalcio come numero di società e atleti  tesserati (dati Coni – Istat relativi al 2009 e pubblicizzati lo scorso 27 aprile 2011)

Il numero di atleti tesserati federali  (331.785 al 2010) evidenzia una crescita notevole rispetto al 2005 (quando erano circa 287mila) e il dato è ancor più lusinghiero se si considera che nel 2011 si è già arrivati a quota 342.716.

Infine rimanendo in tema di numeri, per quanto riguarda la possibilità offerta agli istituti scolastici di potersi affiliare gratuitamente on line, al momento sono 440 gli istituti iscritti e 16679 gli studenti aderenti, dato molto interessante se si considera che lo scorso anno si era chiuso con una cifra pari a 2505 alunni.  

Negli anni scorsi, grazie ai positivi progetti “1,2,3…minivolley” (scuole primarie) e “1,2,3…volley”, circa 12mila scuole sono state fornite di impianti di gioco permettendo di mettere in contatto le migliori realtà pallavolistiche con gli istituti scolastici e creando un importante sinergia che oggi permette la collaborazione tra circa  mille istituti scolastici e le Scuole di Pallavolo Federali.

 

TROFEO DELLE REGIONI –  Il Trofeo delle Regioni – Kinderiadi è la rassegna giovanile che mette a confronto ogni anno le selezioni regionali maschili e femminili di tutta Italia, sia per l’indoor che per il beach volley. Una splendida iniziativa che vedrà scendere in campo le rappresentative di tutte le regioni d’Italia. L’edizione 2011 sarà un vero e proprio spot per le celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia che vedrà Torino al centro dei festeggiamenti.

Dal 28 giugno al 3 luglio oltre mille tra atleti e tecnici, con un indotto di oltre 3mila persone al seguito, “invaderanno” Torino per contendersi la vittoria nei quattro tornei. I campi allestiti saranno sette e la sede principale sarà il Palasport di Parco Ruffini.

Nolek e Maria conquistano Roma

Djokovic vince a Roma

Roma, 15 maggio 2011 di Fiorenzo Di Costanzo.

Dopo una settimana intensa di sport ed emozioni, vanno in scena le finali degli Internazionali BNL d’Italia.

Nell tardo pomeriggio è andata in scena la finale femminile, che vedeva di fronte la bella e brava Sharapova e l’australiana Stosur.

La tennista russa è giunta in finale battendo al secondo turno la connazionale Makarova, con un doppio 6-1, l’israliana Peer, con un doppio 6-2; dai quarti il percorso si è fatto più duro e la siberiana ha approfittato del ritiro della Azarenka, testa di serie numero 3, a livello dei quarti di finale, mentre in semifinale ha avuto la meglio sulla tennista numero 1 al mondo, la danese Wozniacki, con un combattuto 7-5, 6-3.

L’australiana, da canto suo, nei primi due turni non ha faticato molto e ha battuto agevolmente prima la ceca Benesova (6-1; 7-5) e poi la slovena Hecog (6-4; 6-3); ai quarti di finali, ahimè, ha avuto la meglio sulla nostra Francesca Schiavone, nella riedizione della finale del Roland Garros del 2010, con il punteggio netto di 6-3; 6-4, per poi affrontare in semifinale la cinese Li, battuta con il punteggio di 7-6; 6-0.

L’inizio della finale è stato ritardato dalla pioggia di circa 3 ore, ma questo non sembra aver raffreddata la voglia di vittoria della Sharapova che fin dal primo “15” mostra di voler prendere subito in pugno la situazione e subito si porta sul 3 a 0 con un parziale di 12 punti a 1, dopotutto i precedenti erano ben chiari: la russa conduce negli scontri diretti con un netto 7 a 0. I colpi dell’australiana non fanno male alla russa e anche quando sembra aver ritrovato fiducia nei propri mezzi, riportandosi sotto nel punteggio, fino al 4 a 2, la Sharapova non perde mai il controllo del match e in poco più di 30 minuti chiude il primo parziale di gara con il punteggio di 6 a 2.

Nel secondo set la Stosur sembra ritrovare un minimo di qualità nel proprio gioco, ma nel quarto game la Sharapova strappa ancora una volta il servizio alla rivale per poi salire sul punteggio di 3 a 2 riuscendo a difendere diverse palle break. Dal punto di vista psicologico il match sembra aver preso una direzione ben chiara, infatti la Sharapova non sbaglia praticamente niente e il braccio non le trema e riesce a conquistare anche il secondo set, con il punteggio di 6 a 4.

Maria Sharapova, dopo oltre un anno, ritorna alla vittoria e gli amanti del tennis ritrovano una delle protagoniste degli ultimi anni che ha ritrovato fiducia nei propri colpi dopo un periodo di appannamento.

 

In prima serata è andata in scena la finale maschile, tra lo spagnolo Nadal, vincitore già di 5 edizioni, e il serbo Djokovic , ancora imbattuto nel 2011.

Il maiorchino, nel primo turno che lo ha visto in campo, ha dovuto sudare non poco per avere la meglio sul nostro Lorenzi, che riesce a vincere il primo set e a lottare nel secondo, ma inevitabilmente lo spagnolo impone la legge del più forte nell’ultimo set. Negli ottavi e nei quarti affronta due buonissimi giocatori, Lopez e Cilic, ma il punteggio non è mai stato messo in discussione: 6-4; 6-2 rifilato allo spagnolo e 6-1. 6-3 al croato. In semifinale lo spagnolo affronta Gasquet, sorpresa del torneo che ha eliminato prima Federer e poi Berdych, in un match molto combattuto nel primo set ma che si chiude con la vittoria del numero 1 del torneo con il punteggio di 7-5; 6-1.

Il serbo ha avuto vita facile fino alla semifinale, pur avendo avuto un tabellone tutt’altro che agevole: nel secondo turno batte il polacco Kubot con un secco 6-0; 6-3; poi ha affrontato lo svizzero Wawrinka (6-4; 6-1), testa di serie numero 14, lo svedese Soderling (6-3; 6-0), numero 5 al mondo, e, in semifinale e nella partita più bella del torneo, lo scozzese Murray (6-1; 3-6; 7-6), numero 4 del mondo.

I precedenti sono a favore dello spagnolo, che conduce i confronti diretti per 16 a 10, anche se negli ultimi 3 precedenti, tutti del 2011, il serbo ha avuto la meglio, anche sulla terra battuta come al Master 1000 di Madrid.

La finale inizia come ci si attendeva, subito con scambi durissimi ed intensi, con Djokovic che non sembra risentire della maratona di oltre 3 ore effettuata ieri sera contro Murray. Nadal, memore della sconfitta di Madrid, cerca di essere più incisivo, fin dalla risposta e cerca di sfondare dal fondocampo. Il match prosegue sul filo dell’equilibrio fino al 4 pari, quando il serbo riesce a strappare il servizio al maiorchino e ha così la possibilità di servire per aggiudicarsi il primo set. Nadal, da grande combattente che è, nel turno successivo non molla il set e riesce a controbrekare il serbo; ma quando sembra avere ripreso in mano le retini del set, Nadal perde il secondo turno di servizio consecutivo e così il primo parziale si chiude con il punteggio di 6 a 4 a favore  di Djokovic.

Secondo set che parte subito con il break in favore di Djokovic, che ha la possibilità di servire per portarsi sul 3 a 0 ma ancora una volta Nadal non demorde e riesce a riequilibrare il match. La partita prosegue sul filo dell’equilibrio e sul sottile confine della rissa, con grandi scambi da fondo, con i due tennisti che picchiano duramente e senza esclusione di colpi. Sembra quasi di assistere ad un match di Pesi Massimi, ma Djokovic non accusa i colpi, anzi risponde colpo su colpo e alla fine dopo oltre 2 ore di dura battaglia riesce ad aggiudicarsi il torneo, con un doppio 6-4 che poteva essere ben più netto.

Djokovic con la vittoria odierna dimostra di essere il vero numero 1 al mondo, al di là della classifica, con la conquista della 37sima vittoria di fila nell’anno solare (39 considerando anche la Coppa Davis del 2010) e il trionfo nel settimo torneo stagionale.

Canoa coppa del mondo

Mondiali Canoa

ROMA, 2 MAGGIO – Si sono concluse con le convocazioni del kayak femminile e per i senior della canadese le selezioni della canoa azzurra di velocità che si sono svolte nel week end a Mantova in vista delle prime gare di Coppa del Mondo in programma dal 18 al 22 maggio a Racice, in Repubblica Ceca, e la settimana successiva a Duisburg. Il responsabile del settore kayak femminile Paolo Scrazzolo, d’accordo con la direzione tecnica federale ha convocato Norma Murabito (Aniene), Sofia Campana (Canoa San Giorgio), Fabiana Sgroi e Alessandra Galiotto (entrambe del centro Sportivo Remiero della Marina Militare) e Cristina Petracca (Aniene), Stefania Cicali e Alice Fagioli, delle Fiamme Azzurre.

  Quanto alla canadese, secondo le indicazioni del responsabile di settore Antonio Cannone allo staff tecnico federale, sono stati convocati Sergiu Craciun (Academy Bari), Luca Incollingo (Centro Sportivo Remiero Marina Militare) e Paolo Buccione (Fiamme Oro). Il loro raduno  si svolgerà a Sabaudia. A Mantova sono già in raduno da ieri i convocati del kayak maschile. Per i 1000 metri sono stati chiamati  Maximilian Benassi (Aniene), Matteo Galligani (Aniene), Andrea Facchin (Fiamme Gialle), Antonio Scaduto (Fiamme Gialle), Alberto Ricchetti (Fiamme Gialle), Riccardo Gualazzi (Fiamme Gialle), Andrea Ramella (Fiamme Gialle), Luca Piemonte (Forestale), Nicola Ripamonti(Canottieri Lecco), Mattia Colombi (Forestale), Nicola Dall’Acqua (Academy Bari), Carlo Cecchini (Idroscalo), Matteo Florio (LNI Mantova), Albino Battelli (Posillipo). Inoltre, per i 200 metri sono in raduno a Milano Michele Zerial (Academy), Mauro Pra Floriani (Fiamme Oro), Alberto Regazzoni (Sabazia) e Jaka Jazbec (Forestale). A Milano lavoreranno negli stessi giorni in allenamento anche gli under 23 della specialità Mauro Crenna (Sestese), Manfredi Rizza (Ticino Pavia), Edoardo Chierini (Nazario Sauro) e Marco Buonfiglio (Idroscalo).

Dopo le trasferte di Coppa del Mondo lo staff tecnico federale valuterà la situazione in vista della partecipazione agli Europei in programma a Belgrado dal 17 al 19 giugno.