Mike James MVP di febbraio in EuroLeague: il giusto riconoscimento per una stagione strepitosa

Basketball
Basketball

Importante riconoscimento per lo statunitense Mike James, guardia dell’Olimpia Milano, che ha ottenuto il titolo di MVP (Most Valuable Player) per il mese di febbraio in EuroLeague. Dopo 4 vittorie su altrettante gare in campo europeo, che vanno ad arricchire una stagione già esaltante in campionato per la squadra di coach Pianigiani, il cestista di Portland porta a casa l’ambito titolo che lo conferma come uno dei perni del roster milanese, già favorito per la vittoria dello scudetto e in ottima forma anche fuori dai confini nazionali.

Video

Un mese a dir poco perfetto quello di Mike James e compagni, che per la prima volta incasellano una serie di sole vittorie in campo europeo, contro Gran Canaria, Darussafaka, Maccabi e Khimki, con statistiche eccellenti. Per il cestista statunitense, una media di ben 18.8 punti a partita, 3.8 rimbalzi, 4.5 assist e 6.3 falli subiti, con un 77,4% di realizzazioni nei tiri liberi, che gli sono valsi un 21.8 di valutazione media e, dunque, l’ambito titolo di MVP del mese.

Nato e cresciuto a Portland, nell’Oregon, Mike James è sbarcato a Milano la scorsa estate dopo aver giocato in Grecia, al Panathinaikos, e aver fatto una piccola parentesi tra Phoenix Suns e New Orleans Pelicans. Considerato una sorta di “autodidatta” del basket, James è uno di quegli atleti capaci di formarsi e crescere nell’ombra, senza clamori, tanto da affermare egli stesso di non aver mai pensato, ai tempi del college, di poter diventare un professionista.

Eppure, il playmaker classe 1990 ha dimostrato di essere un vero e proprio talento naturale, soprattutto durante le esperienze fuori dal territorio statunitense. Croazia (KK Zagabria), Israele (Hapoel Gilboa), quindi l’Italia, precisamente nella Fulgor di Omegna, che ha rappresentato il primo incontro con il nostro Paese, e ancora importanti esperienze in Grecia e in Spagna, quando la Saski Baskonia preleva James dal Kolossos Rodi e gli offre l’opportunità di esordire in EuroLeague e di giocare le Final Four.

L’Europa rappresenta da quel momento un terreno fertile per Mike James, che si consacra definitivamente nel Panathinaikos, con due scudetti e due partecipazioni ai playoff europei, prima di raggiungere Pianigiani e i suoi all’ombra della Madonnina. Una scelta rivelatasi proficua sia per il giocatore che per la squadra, oggi entrambi in stato di grazia e lanciatissimi verso i più importanti traguardi stagionali, sia individuali che di team.

Simone_Pianigiani
Simone_Pianigiani

Ecco allora che arriva la prima volta per Mike James come MVP in EuroLeague, ma anche la prima volta per un giocatore dell’Olimpia Milano, a coronamento di un periodo davvero eccezionale per tutta la squadra. Asfaltata anche Torino nell’ultima gara di campionato, l’Olimpia non sembra avere rivali neppure in patria.

Grazie al buon vantaggio maturato sulle inseguitrici, Venezia e Cremona in primis, l’Olimpia Milano è infatti ormai ampiamente favorita per la conquista finale del titolo nazionale. Un roster di qualità e un gioco spumeggiante rendono infatti difficile per qualsiasi avversaria confrontarsi con i biancorossi, puntualmente visti come favoriti nelle ultime gare sia dai bookmakers che dagli addetti ai lavori.

6 i punti di vantaggio sui veneti, 8 su Cremona, ben 10 sulle altre inseguitrici dirette Avellino, Varese e Brindisi, al momento il team biancorosso ha segnato un solco piuttosto profondo tra sé e gli altri, blindando per il momento la testa della classifica. A dare però ancora maggiore concretezza a questo distacco è proprio l’intensità messa in campo dalla squadra di Milano, che non lascia attualmente grandi margini di recupero alle pur ottime formazioni che la seguono in graduatoria.

Con queste premesse e un Mike James al top della sua forma, nessun obiettivo sembra impossibile: non resta che stare a guardare e godersi questo intenso finale di stagione, con la speranza di vedere Milano finalmente anche sul tetto d’Europa, per un trofeo che in Italia manca ormai dal 2001, quando a vincere fu la Virtus Kinder Bologna.

Prossima tappa a Mosca, in casa del CSKA, dove i milanesi cercheranno di cancellare il tabù che li vede vincitori nella capitale russa per l’ultima volta ben 9 anni fa, nel 2010.