GP d’Europa, è un Alonso straordinario

Le lacrime di Alonso

Valencia (Spagna), 24 giugno 2012 di Fiorenzo Di Costanzo. È stato un weekend pazzo di Formula1, con una Ferrari dalla duplice faccia: nel turno di qualifiche Alonso (undicesimo) e Massa (tredicesimo) non si qualificano nella top 10; in gara Alonso è assolutamente fantastico, Massa è coraggioso ma sfortunato. Vettel (Red Bull), come sempre su questo circuito cittadino, si trova alla grande e ottiene il miglior tempo nelle qualifiche, inseguito da Hamilton (McLarend). In seconda fila si piazzano le sorprese Maldonado (Williams) e Grosjean (Lotus).
Al via Vettel ed Hamilton partono benissimo e cercano subito di allungare su tutti; alle loro spalle si porta Grosjean che strappa subito la posizione a Maldonado che, partito male, perde più di una posizione. In partenza Alonso è subito aggressivo e si porta subito in ottava posizione, ma viene fermato da Hulkenberg (Force India). La Red Bull sul circuito cittadino di Valencia va proprio forte e in pochi giri Vettel riesce a staccarsi dalle spalle anche la vettura di Hamilton. Al decimo giro Grosjean riesce a superare Hamilton con un sorpasso veramente cattivo ottenendo così la seconda posizione, mentre nelle retrovie Alonso finalmente riesce a sopravanzare il tedesco della Force India. Dopo il primo giro ai box, Alonso è scatenato e infila in successione Webber (Red Bull), Schumacher (Mercedes), Senna (Williams) e Di Resta (Force India) e si porta in quarta posizione, alle spalle di Vettel, Grosjean e Hamilton.
Al 29° giro ecco il colpo di scena: la Toro Rosso di Vergne impatta la Caterham di Kovalainen e la giuria di gara decide di mandare in pista la Safety Car. È una vera fortuna per gli inseguitori di Vettel, che in quel momento aveva 20 secondi di vantaggio sui più immediati inseguitori. Alonso ed Hamilton decidono di rientrare ai box: i meccanici della McLaren combinano l’ennesimo disastro e permettono allo spagnolo della Ferrari di recuperare un’altra posizione.
Alla ripartenza Alonso attacca immediatamente Grosjean e si ritrova così in seconda posizione, alle spalle di Vettel, per il delirio del pubblico spagnolo. Ma le emozioni non finiscono qui: al 35° giro un problema tecnico tradisce Vettel che è costretto al ritiro: Alonso, dopo una rimonta clamorosa, si ritrova in prima posizione. Gli ultimi giri vedono Alonso gestire il suo margine sugli inseguitori, cosa resa ancora più agevole dal ritiro anche di Grosjean.
Per Alonso è la seconda vittoria stagionale e rompe così la “maledizione” che ha visto sette vincitori diversi nei primi sette appuntamenti stagionali. Alle spalle dello spagnolo si sono piazzati Raikkonen (Lotus) e Schumacher. Vanno a punti anche Webber, Hulkenberg, Rosberg (Mercedes), Di Resta, Button (McLaren), Perez (Sauber), Senna.

Classifica Mondiale: Alonso 111 punti, Webber 91 pt, Hamilton 88 pt, Vettel 85 pt, Rosberg 75pt.