Pianto tutto

Teatro Comunale di Cassano Valcuvia
direzione artistica Teatro Periferico
 
Via IV Novembre, 4 – 21030 Cassano Valcuvia (Va)
Info: 3341185848 – 0332.995519
info@teatroperiferico.it
www.teatroperiferico.it <http://www.teatroperiferico.it>
Su Facebook cerca: Teatro Periferico di Cassano Valcuvia
 
SABATO 11  FEBBRAIO ORE 21.00
Biglietti: ingresso unico 5 euro (consigliata la prenotazione)

PIANTO TUTTO
Di Riccardo Piferi, Marianna Stefanucci, Rita Pelusio
Con Rita Pelusio da Colorado Cafè e Zelig off.


 
A grande richiesta Rita Pelusio torna al teatro di Cassano Valcuvia con “Pianto tutto”, un monologo dove la fragilità emotiva è il punto di partenza per un esilarante viaggio.
Lo spettacolo affronta il tema del pianto in chiave comica, sul palcoscenico si alternano Rita, i suoi personaggi e le sue canzoni, per dar vita a un mondo in cui convivono leggerezza e introspezione, cinismo e malizia, ironia e disincanto.
Di questa brava attrice comica si possono elencare diverse eccellenze come il Primo premio e Premio della critica al concorso Cabaret Emergenti di Modena ’06; il Premio Massimo Troisi ‘06 come Miglior attrice comica e poi numerose partecipazioni a diverse edizioni della trasmissione televisiva Colorado Cafè e Zelig off.

La stessa attrice, autrice, comica racconta del suo spettacolo:
 
 
“Questo spettacolo mi ha colto all’improvviso come la voglia di piangere che arriva quando meno te l’aspetti e non puoi mandarla via… e allora cosa fai? Ci giochi.
Saltello, come dentro a una pozzanghera, e trovo aspetti comici e grotteschi, incontro donne, le fuoriclasse della lacrima, le amiche care con le quali ho condiviso molti fazzoletti …e decido di portare in scena una reazione alla vita… Se vivo in un tempo dove i sentimenti vengono messi in vendita ai migliori offerenti, allora voglio cercare una dimensione intima e sincera da condividere con il pubblico. Come si piange? Quando si piange? Perché si piange? Per gli stessi motivi per i quali si ride, e allora capovolgo il pianto e rido …fino a che non mi vengono le lacrime agli occhi.”