Teatro: Dittico Musella/Mazzarelli – “La società” e “Strategie fatali”

musella_mazzarelli_foto laila pozzo
Premio Inbox 2010, Premio della Critica 2014, Premio Le Maschere del Teatro 2014 a Lino Musella come miglior attore emergente. Questi sono solo alcuni dei riconoscimenti inanellati negli ultimi anni dalla compagnia MusellaMazzarelli, tra le più interessanti e originali realtà della nuova scena teatrale italiana, che sceglie Firenze per inaugurare il nuovo anno.

Due gli appuntamenti, e gli spettacoli, che la vedranno protagonista. Inaugura il dittico venerdì 8 gennaio, al Teatro delle Arti di Lastra a Signa (ore 21 – biglietti 10/13/15 euro), “La società – tre atti di umana commedia”, tra gli spettacoli più premiati della passata stagione. Scritto, diretto e interpretato da Lino Musella e Paolo Mazzarelli – in scena anche Fabio Monti e Laura Graziosi –  la commedia si dipana tra i registri del comico e del tragico, narrando le peripezie di quattro amici alle prese con un locale da gestire.

I migliori ideali, l’amicizia, il sogno di una gestione condivisa non basteranno ad evitare che la società finisca nel peggiore dei modi, assieme ai rapporti e agli ideali coltivati dai quattro per l’intera vita. Come nei precedenti lavori, l’aspetto tragico e quello comico sono in costante equilibrio fra loro, svelando il volto di un nemico intimo e invisibile: quel seme della discordia che si nasconde in ogni tentativo di Società e, prima ancora, in ogni uomo che dica “io”.
Venerdì 8 gennaio sempre al Teatro delle Arti, alle ore 19,15, la compagnia MusellaMazzarelli incontra il pubblico nell’ambito del progetto  “Il cantiere dello spettatore” (ingresso libero). Segue (ore 20) Cenainteatro con buffet e drink a 6 euro.

Sabato 9 gennaio i due attori, registi e drammaturghi saranno invece al Teatro Cantiere Florida (ore 21 – biglietti 12/15 euro) per misurarsi con le geniali intuizioni che Jean Baudrillard espose in “Les stratégies fatale (1983). È il Teatro, inteso sia come ambiente fisico che come ultimo possibile luogo di indagine metafisica, il tema di “Strategie fatali”.

Si intrecciano così tre storie, sette attori, sedici personaggi, riuniti in un’unica multiforme indagine che, grazie a una scrittura diretta, spiazzante ed al tempo stesso comica, mette di fronte alcuni dei grandi temi del contemporaneo (il terrore, il porno, i nuovi media) con alcuni temi eterni dell’essere umano (il maligno, l’illusione, il fantasma), alla ricerca di una verità che il teatro, magico luogo di incontri, rende possibile.

Con questo nuovo spettacolo – interpretato da Marco Foschi, Fabio Monti, Lino Musella, Paolo Mazzarelli, Laura Graziosi, Giulia Salvarani, Astrid Casali – la compagnia prova ad arricchire il proprio gioco teatrale, apre le porte – usando Shakespeare e Baudrillard come chiavi – ad una scrittura che chiama in causa un numero crescente di compagni di scena, ma tiene fede a quella sua caratteristica cifra stilistica che si muove sul confine sottile fra comico e tragico. Un confine in cui la vita e il teatro si toccano fra loro e – insieme – prendono aria, fuoco, luce.

Spettacoli proposti nell’ambito della stagione 2015/2016 realizzata in collaborazione con la Fondazione Toscana Spettacolo.

Venerdì 8 gennaio – ore 21 – biglietti 15/13/10 euro
Teatro delle Arti – via G. Matteotti 5/8 – Lastra a Signa (Firenze)
MarcheTeatro, MusellaMazzarelli
LA SOCIETÀ
Tre atti di umana commedia
scritto e diretto da Lino Musella, Paolo Mazzarelli
con Fabio Monti, Laura Graziosi, Paolo Mazzarelli, Lino Musella
Spettacolo vincitore del Premio della Critica 2014
Premio Le Maschere del Teatro 2014 a Lino Musella come miglior attore esordiente

Sabato 9 gennaio – ore 21 – biglietti 15/12 euro
Teatro Cantiere Florida – via Pisana 111r – Firenze
MarcheTeatro, MusellaMazzarelli e EmmeA Teatro
STRATEGIE FATALI
testo e regia di Paolo Mazzarelli e Lino Musella
assistente alla regia Dario Iubatti
con Marco Foschi, Fabio Monti, Paolo Mazzarelli, Lino Musella,
Laura Graziosi, Astrid Casali, Giulia Salvarani

” Arcitaliani”

arcitaliani 4
Prende il via lunedì 2 novembre con la prima nazionale di “Arcitaliani o le 600 giornate di Salò” la stagione 2015/2016 del Teatro delle Arti di Lastra a Signa (Firenze).

Il testo porta la firma di Massimo Sgorbani, tra i nomi più apprezzati della nuova drammaturgia italiana, che nell’occasione rinnova la collaborazione con il regista Gianfranco Pedullà e il Teatro Popolare d’Arte a cui si affianca la Compagnia di danza Simona Bucci: quasi un musical, sullo sfondo di una Milano stremata dalla Seconda Guerra Mondiale, dove una strana famiglia, liberamente ispirata al personaggio Pampurio del Corriere dei Piccoli, vaga di casa in casa. In scena  Giusi Merli, Gianfranco Quero, Marco Natalucci, Rosanna Gentili, Roberto Caccavo, Gaia Nanni, Gianna Deidda, Rosaria Lo Russo, Massimo Altomare, Angela Degennaro, Isabella Giustina, Eleonora Venturi, Fausto Berti, Matteo Zoppi.

La nuova stagione in abbonamento del Teatro delle Arti è realizzata in collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo e Compagnia Simona Bucci. Undici i titoli in cartellone da novembre ad aprile, per un programma che intreccia i linguaggi del teatro classico e quello contemporaneo. Tra i temi trainanti, l’opera e l’eredità di Pier Paolo Pasolini – nel quarantennale della scomparsa – attraverso una produzione originale e lo spettacolo “Il vantone” con Ninetto Davoli.

Tra gli artisti attesi anche Lello Arena, Amanda Sandrelli, Isa Danieli, Maria Paiato. Completano il programma la rassegna di danza “Resi_Dance”, il teatro indipendente de “Il posto delle Arti”,  le domeniche per bambini di “Fabula” e “Con gli occhi di Pasolini” (sab 31 ottobre “Un viaggio nel cinema minore di Pasolini” a cura  di Gabriele Rizza).