Le misure nelle stazioni di FERROVIENORD dal 4 maggio

Trenord
Trenord

 

FERROVIENORD metterà in atto dal prossimo 4 maggio – in collaborazione con Trenord e nel rispetto del quadro normativo nazionale e regionale – un piano di gestione delle stazioni per la Fase 2, basato sul principio del mantenimento della distanza tra le persone per evitare occasioni di aggregazione e dell’adozione delle misure di protezione e sicurezza. Queste le principali misure.

CARTELLI DI AVVISO E SEGNALAZIONE  Sarà avviata una campagna di comunicazione specifica, condivisa con Trenord e Regione Lombardia, con affissione di cartellonistica in italiano e inglese, sulla gestione dei movimenti nelle stazioni e le misure di comportamento. Si partirà dalla stazioni più frequentate come Milano Cadorna e Milano Bovisa per poi estenderla alle altre. Saranno coperti in via prioritaria i 20 principali scali dove transita il 70% degli utenti. La stessa campagna sarà rilanciata anche sui profili social del Gruppo FNM.

ANNUNCI SONORI E MESSAGGI SU TELEINDICATORI  In tutte le stazioni, saranno riprodotti messaggi audio e a scorrimento sui teleindicatori in italiano e inglese sui corretti comportamenti.

VIDEOMESSAGGI  Un videomessaggio, basato sulla campagna di comunicazione, sarà trasmesso sui 400 monitor presenti in tutte le stazioni per richiamare i corretti comportamenti.

DISTINZIONE BANCHINE PER RICEVIMENTO TRENI CONTEMPORANEI  A Milano Cadorna, verrà razionalizzata la circolazione dei treni per evitare la concomitanza dei flussi in salita e in discesa dai treni.

SEPARAZIONE FLUSSI  A Milano Cadorna i flussi in entrata e in uscita verranno separati con specifiche indicazioni. Lo stesso avverrà nei sottopassi di Milano Affori e Saronno.

DISTANZIAMENTO PERSONE NELLE ZONE A RISCHIO  A Milano Cadorna, Milano Bovisa e Milano Domodossola saranno applicati “bolli” per indicare i punti in cui sostare.

SANIFICAZIONE E PULIZIE  Proseguiranno gli interventi di pulizia e sanificazione delle stazioni con utilizzo di prodotti certificati e si procederà all’installazione di dispenser con gel igienizzanti nei principali scali.

ASCENSORI E SCALE MOBILI  Su ascensori e scale mobili, che verranno progressivamente rimessi in funzione, saranno applicate le indicazioni sul corretto utilizzo (una persona alla volta in ascensore e mantenimento della distanza sulle scale mobili).

Biglietterie ferroviarie: presidio da tutelare

biglietteria
biglietteria

In relazione a notizie veicolate in particolar modo dai social network, Regione Lombardia fa sapere in una Nota che “Si opporra’ ad eventuali progetti di chiusura delle biglietterie ferroviarie sul territorio lombardo”.

Infatti, prosegue la Nota “La Regione considera la presenza del bigliettaio un antidoto alla desertificazione delle stazioni, un punto di riferimento per gli utenti che devono acquistare biglietti e abbonamenti e un deterrente per i criminali, contribuendo a rendere piu’ vivi e sicuri in particolare gli scali ferroviari medio-piccoli”.

Nella Nota si fa inoltre presente che Trenord ha l’obbligo di comunicare alla Regione con tre mesi d’anticipo l’eventuale serrata definitiva delle biglietterie, pena il mancato rispetto del contratto di servizio che puo’ comportare sanzioni.

Ipotesi – conclude la Nota – che Regione Lombardia non vuole neppure prendere in considerazione in quanto reputa “Le biglietterie un servizio storicamente garantito e che tale deve rimanere. Chi insinua che la Regione vorrebbe chiuderle o e’ in malafede o non conosce le normative vigenti”

Trenord: “Discovery Train”

Trenord-Discovery-train
Trenord-Discovery-train

Laghi, montagne e parchi, città d’arte, divertimento: per la primavera e l’estate 2018 Trenord lancia “Discovery Train”, il pacchetto di itinerari e proposte per il tempo libero che quest’anno inaugura la stagione in occasione del “ponte” del 1° maggio.

Tanti percorsi suddivisi nei quattro cluster tematici che invitano a riscoprire, in maniera sostenibile ed economica, le bellezze della Lombardia, “a portata di treno” grazie al capillare servizio offerto da Trenord che raggiunge 422 stazioni con oltre 2.300 corse ogni giorno.

Nato per promuovere un turismo sostenibile, “Discovery Train” vuole inoltre venire incontro alla sempre maggiore domanda di treno anche nel tempo libero. Infatti, i Clienti di Trenord che hanno utilizzato il treno nel fine settimana hanno fatto segnare un balzo del 14% nell’ultimo triennio (4,1% rispetto al 2017): 670mila ogni week end.

Una formula che piace: nell’ultimo anno i viaggiatori che hanno scelto di partire in treno alla scoperta della Lombardia con le proposte “Discovery Train” sono cresciuti del 23% rispetto all’anno precedente.

I biglietti speciali “Discovery Train” si possono acquistare nelle biglietterie Trenord, online su store.trenord.it e sul proprio smartphone grazie alla App Trenord, disponibile per iOs e Google Play.

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.trenord.it.
___________

“Discovery Train” in dettaglio

CLUSTER LAGHI DI LOMBARDIA
Treni dei Laghi. Tra le 422 stazioni servite da Trenord, il 10% si affaccia su un lago: per questo il treno è il mezzo ideale per raggiungere le località lacustri e trascorrere una giornata di relax, senza problemi di parcheggio e traffico. Sono numerose le proposte di Trenord per trascorrere una giornata sui laghi lombardi: “Tesori del Lago di Como”, da Varenna, e “Girolario” per un tour da Como a Lecco o viceversa, “Lago Maggiore Tour”, “Lago di Garda Tour”, “Monte Isola” sul Lago d’Iseo. I biglietti speciali, proposti per singoli e famiglie, sono comprensivi di viaggio in treno e battello.

CLUSTER MONTAGNE E PARCHI DI LOMBARDIA
Train&Bike. Prima in treno e poi in bici con “Train&Bike”, proposta ideata per chi ama lo sport e non vede l’ora di lanciarsi in salite e discese in mountain bike sulle vette lombarde, ma anche per chi vuole rilassarsi con una pedalata sul lago o tra le vie di una città storica. Con “Train&Bike” il biglietto del treno permette di godere di sconti speciali per il noleggio di bici in Valtellina a Tirano, a Sondrio e in Valmalenco (offerta valida nei week end nei mesi di aprile, maggio, giugno, settembre, ottobre; valida tutti i giorni nei mesi di luglio e agosto), a Iseo, Mantova e parco del Mincio, Desenzano del Garda (offerta valida tutti i giorni).

Via Francigena. A pellegrini e appassionati di trekking che decidono di avventurarsi lungo la Via Francigena, Trenord offre uno sconto speciale del 10% sul viaggio in treno nelle stazioni lungo la tratta lombarda dello storico percorso che nel medioevo univa Canterbury (Gran Bretagna) a Roma e ai porti della Puglia. L’offerta è dedicata ai titolari della Credenziale del Pellegrino fornita dall’Associazione Europea delle Vie Francigene.

CLUSTER CITTÀ D’ARTE DI LOMBARDIA
Arte e cultura. Trenord guida i visitatori alla scoperta dei tesori e delle bellezze nelle città lombarde: con “Discovery Train” chi va in treno può godere di sconti speciali per l’ingresso a musei e luoghi di cultura come il Museo della Scienza e della Tecnologia e il Complesso Monumentale del Duomo a Milano, i Musei Civici a Brescia (Museo di S. Giulia, Brixia. Parco archeologico di Brescia romana, Museo delle Armi, Cinema Nuovo Eden) e a Mantova (Musei ed Eventi di Palazzo Te, Musei e Tempio di San Sebastiano, Palazzo della Ragione, Teatro Bibiena).

Queste agevolazioni si aggiungono agli sconti che Trenord dedica ai propri clienti tutto l’anno, con la formula “Trenord Plus”: fra le altre proposte, l’ingresso al Museo Bagatti Valsecchi di Milano, la visita a mostre temporanee come McCurry (Pavia), Tiziano (Brescia), Frida Khalo e Dürer (Milano), ma anche a Villa Carlotta (Tremezzo, Lago di Como) e Villa Taranto (Verbania, Lago Maggiore).

CLUSTER DIVERTIMENTO IN LOMBARDIA
Gardaland. Per il divertimento dei più piccoli – e non solo – anche quest’anno Trenord propone tariffe speciali per chi va a Gardaland in treno. L’offerta, che sarà attiva dal 4 maggio, comprende il viaggio in treno da qualsiasi stazione della Lombardia a Peschiera del Garda e l’ingresso al parco divertimenti.

A queste proposte con “Trenord Plus” si aggiungono sconti per l’ingresso nelle sale UCI Cinemas, dedicati agli abbonati.

Sicurezza a Milano

Polizia Locale - reati predatori
Polizia Locale – reati predatori

Durante le festività e nel periodo dei saldi, vista la grande affluenza di cittadini e turisti sulle principali direttrici commerciali di Milano, la Polizia Locale ha potenziato i servizi di prevenzione e contrasto ai reati predatori, ovvero furti con destrezza e scippi. Solo nel mese di dicembre sono stati effettuati oltre 4.800 controlli e 26 arresti in flagranza e sono state denunciate a piede libero 24 persone.

I controlli, che hanno permesso di allontanare 245 persone sospette o che già in passato erano state fermate per furto, si sono concentrati sulle assi commerciali del centro fino a Loreto e alcune altre direttrici, come via Padova, oltre alle stazioni principali dei treni. A dicembre si è prestata attenzione ai mercatini di Natale del centro e di piazza Gae Aulenti, piazza XXV aprile, fiera degli Oh-bej Oh-bej e la zona di City Life.

Grazie anche ai dispositivi di videosorveglianza, gli agenti dell’Unità Reati Predatori sono riusciti ad incastrare due donne, facenti parte della cosiddetta ‘banda delle Bosniache’, che erano riuscite a derubare di 7.500 euro una turista sudamericana che aveva da poco prelevato i contanti.

Altri due malviventi sono stati denunciati per furto all’interno di negozi del centro: una donna di 40 anni italiana è stata collegata a diversi furti di capi d’abbigliamento di valore e nella sua abitazione è stata recuperata refurtiva per un valore di circa 30mila euro.

Un 26enne italiano è stato colto sul fatto nel tentativo di rubare in un grande magazzino vestiti di marca per un valore di circa 1.500 euro. Nella sua abitazione è stata recuperata refurtiva per un valore di oltre 7mila euro. La merce è stata restituita ai legittimi proprietari.

Tra le più recenti operazioni dell’Unità Reati Predatori della Polizia locale, l’individuazione di un cittadino di origine marocchina responsabile di due rapine a mano armata avvenute sulla linea 90-91 e alla stazione della MM2 Romolo. L’uomo, già a San Vittore per altri fatti analoghi, è stato collegato alle due rapine grazie alle indagini svolte dalla Polizia locale. In uno dei due episodi aveva minacciato con un coltello un ragazzo per sottrargli il cellulare.

Dopo la denuncia presentata dal giovane, gli investigatori della Polizia locale sono riusciti, esaminati i tabulati telefonici, a rintracciare il telefono che nel frattempo era stato messo in vendita online e, in una decina di giorni, è stato rivenduto per ben quattro volte. Gli agenti sono riusciti così a risalire al rapinatore, che è stato riconosciuto dalla vittima. Gli acquirenti online sono stati denunciati per ricettazione o incauto acquisto.

Sempre per furto di cellulare sono stati deferiti all’Autorità giudiziaria due minorenni. Immortalati dalle telecamere di sorveglianza di un pubblico esercizio, utilizzavano un particolare modus operandi. Si avvicinavano alle potenziali vittime, sedute ai tavoli di bar o ristoranti, che tenevano in vista il telefono. Con un foglio, riportante richieste di aiuto causa indigenza, coprivano il telefono. Poi con un espediente distraevano la vittima e con destrezza mettevano a segno il furto.

Telecamere attive sulla rete di Ferrovienord

ferrovie_nord_milano
ferrovie_nord_milano

Per garantire la sicurezza dei viaggiatori, sulla rete di Ferrovie nord sono presenti 1.939 telecamere a circuito chiuso, installate in tutti i punti sensibili, 178 videoregistratori digitali e 281 Help Point, apparecchiature collocate all’interno delle stazioni, che possono essere utilizzate per richiedere assistenza in caso di necessità.

Il comfort è invece assicurato da varie  dotazioni: oltre 100 ascensori (di cui 40 installati nel 2015); 70 stazioni con banchina alta, che elimina il dislivello per l’accesso al treno (erano 54 nel 2013); realizzazione di sottopassi, pensiline, rampe e scivoli e rifacimento della pavimentazione delle banchine con l’inserimento di percorsi per ipovedenti.

IL BILANCIO 2015 – Sono questi alcuni dei dati e delle informazioni contenuti nel Bilancio di Sostenibilità 2015 del Gruppo FNM, approvato dal Consiglio d’Amministrazione. Il documento, realizzato in maniera innovativa in base alle indicazioni fornite dalle linee guida internazionali GRI-G4, rendiconta le iniziative e i risultati raggiunti in ambito economico, sociale e ambientale.

SVILUPPO SOSTENIBILE TEMA FONDAMENTALE – “Il tema della sostenibilità – spiega il

– rappresenta sempre di più un valore aggiunto per le aziende, in grado di valorizzare il loro marchio e migliorare quella che si usa chiamare la brand reputation, ossia l’immagine pubblica dell’azienda e il modo in cui viene considerata. Nel caso specifico di FNM, questo riguarda, in maniera significativa, il rapporto con le comunità e il territorio in cui il Gruppo opera. Porre al centro delle politiche di mobilità lo sviluppo sostenibile, per migliorare la qualità della vita dei lombardi, è la nostra mission, il cuore delle nostre attività. A testimonianza dell’importanza che attribuiamo a questo tema, una novità dei prossimi mesi sarà la predisposizione di un masterplan della sostenibilità che accompagnerà e integrerà il nuovo Piano industriale”.

SICUREZZA CIRCOLAZIONE– Sul tema della sicurezza della circolazione, va ricordato che i 320 km complessivi della rete di Ferrovienord sono dotati di sistemi di segnalamento e regolazione della circolazione molto avanzati e di elevata affidabilità, del tutto identici a quelli in uso su Rete Ferroviaria Italiana (RFI). Entro il 2017 sarà inoltre completata l’installazione di sistemi di ausilio alla condotta (già in uso sull’80% del traffico), sulla base di un programma, avviato nel 2008 e finanziato da Regione Lombardia con 45,3 milioni di euro.

PASSAGGI A LIVELLO – Per quanto riguarda i passaggi a livello, dal dicembre 2012 sono stati investiti oltre 40 milioni di euro per realizzare opere che ne hanno eliminati 25. Nella nuova programmazione 2016-2018 è prevista inoltre l’eliminazione di ulteriori 19 passaggi a livello.

ENERGIA – Importanti interventi sono stati anche realizzati sul fronte dell’efficienza e del risparmio energetico. Due in particolare le iniziative in corso: la sperimentazione del recupero dell’energia dalla frenatura dei treni, con l’utilizzo di super condensatori (l’energia recuperata viene utilizzata attualmente per l’alimentazione della illuminazione a LED della stazione di Lonato Pozzolo); l’installazione di pannelli fotovoltaici, come ad esempio nella nuova stazione di Cormano-Cusano (due impianti con potenza nominale di 51,45 kW e 60 kW).