Targa alle vittime eccidio via Schievano

Targa vittime eccidio via Schievano
Targa vittime eccidio via Schievano

MILANO. ECCIDIO VIA SCHIEVANO, SCOPERTA TARGA IN MEMORIA VITTIME. DE CORATO: “DA REGIONE SEGNO CONCRETO VICINANZA FAMILIARI”

L’assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato, ha scoperto la targa che Regione Lombardia ha dedicato alle vittime dell’eccidio di via Schievano avvenuto a Milano l’8 gennaio 1980. La targa è posizionata all’interno di Polis Lombardia.

Alla cerimonia commemorativa hanno preso parte i familiari dei tre poliziotti assassinati dalla Brigate Rosse, il Vice prefetto di Milano Natalino Manno, il Vicario del Questore di Milano Cristiano Tatarelli, per il Comune di Milano, il consigliere Rosario Pantaleo e rappresentanti dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.

“Avevamo preso l’impegno con i familiari delle vittime e lo abbiamo mantenuto – ha detto l’assessore De Corato. Il ricordo degli agenti di Polizia, il vicebrigadiere Rocco Santoro, l’appuntato Antonio Cestari e la guardia Michele Tatulli, in servizio presso il commissariato di Porta Ticinese della Questura di Milano, rimasti uccisi nell’attentato dalle Brigate Rosse di via Schievano l’8 gennaio 1980, sarà sempre nitido. Quella odierna è stata un’occasione per ribadire alle famiglie delle vittime la nostra concreta vicinanza”.

“L’8 gennaio scorso avevo assicurato ai familiari degli agenti, che lamentavano l’oblio per tutti quegli uomini caduti durante il terrorismo e la ribalta dei loro carnefici, che non ci saremmo dimenticati dei loro cari. Il luogo che abbiamo scelto per posizionare la targa è importante: all’interno di Polis Lombardia, infatti, passeranno tutti gli agenti di Polizia locale che frequenteranno corsi di formazione. Potranno così leggere i nomi di chi quarant’anni fa fu barbaramente trucidato perché rappresentava lo Stato”.

Monopattini: obbligo casco

Incidente con monopattino
Incidente con monopattino

Monopattini, De Corato: nuovo incidente a Milano, chiesto ad Areu censimento sinistri, subito obbligo casco per tutti

L’assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato, ha chiesto all’Agenzia Regionale Emergenza Urgenza (AREU) un censimento degli incidenti nei quali sono coinvolti monopattini elettrici.

“Stanotte – ha aggiunto l’assessore – a Milano si è verificato il terzo incidente in monopattino elettrico in 5 giorni, anche questo da ‘codice rosso’. E’ un dato che dove far alzare il livello di attenzione sull’utilizzo di questi dispositivi e soprattutto sulla necessità di regolamentarli imponendo l’obbligo del casco a tutti”.

“L’iniziativa di rapportarsi con AREU – ha concluso De Corato – è proprio finalizzata a monitorare in maniera precisa e puntuale come e quanti incidenti vedano coinvolti questi mezzi”.

Milano: arrestati 8 stranieri per rapine e furti

De Corato e Forze dell'Ordine
De Corato e Forze dell’Ordine

Milano. Otto stranieri fermati in tre giorni per rapine e furti, De Corato: gran lavoro Forze dell’Ordine nonostante Covid

(Milano, 29 mag) L’assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione
e Polizia Locale Riccardo De Corato ha commentato alcune brillanti
operazioni eseguite a Milano dalle Forze dell’ordine.

“Esprimo i miei complimenti – ha affermato De Corato – agli agenti della
Polizia di Stato e ai Carabinieri per le ottime attivita’ di controllo del
territorio che, nel giro di tre giorni, hanno portato all’arresto di otto
stranieri per rapine e furti”.

“In particolare – ha proseguito – i Carabinieri hanno fermato un sudanese di
30 anni che, in viale Tunisia, a Milano, aveva derubato del portafogli un
ragazzo, minacciandolo con una bottiglia di vetro, e un gruppo di cinque
giovani nordafricani che, in piazza Gae Aulenti, avevano picchiato e
derubato due ragazzi ucraini”.

“Gli agenti della Polizia di Stato – ha aggiunto – hanno individuato,
seguito e fermato una coppia di ladri sudamericani che aveva preso di mira i
negozi del centro, rubando circa 600 euro di merce. L’operazione si e’
conclusa con l’arresto dello zio 31enne, mentre il nipote minorenne, che
faceva da palo, e’
stato indagato a piede libero”.

“Nonostante ogni giorno siano impegnate su tutti i fronti per i controlli
legati al contagio da Covid-19 – ha concluso De Corato
– le nostre Forze dell’ordine garantiscono sempre la massima efficienza per
la tutela della legalita'”.

 

Covid-19: De Corato, a Prefetti e Sindaci

De Corato
De Corato

‘assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato, ha scritto ai prefetti delle 12 province lombarde, ai sindaci dei Comuni capoluogo di provincia ed a quelli più popolosi, chiedendo l’istituzione di nuclei anti assembramento misti formati da agenti di Polizia locale e Forze dell’ordine, “possibilmente h24 e di pronto intervento per impedire sul nascere ogni tipologia di assembramento e soprattutto di condotte in violazioni delle norme emanate e tutt’ora in vigore”.

“E’ già operativo – ha ricordato l’assessore – tra Regione Lombardia e gli enti locali con le realtà organizzative più strutturate di polizia locale del territorio lombardo un accordo di collaborazione denominato ‘SMART 2020 Emergenza COVID 19′ attraverso il quale finanziamo il lavoro straordinario dei vigili urbani sino a maggio 2020″. De Corato ha infine auspicato l’intervento dei prefetti affinché valutino la proposta “da approfondire nei Comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica per trovare immediate soluzioni alle problematiche”.

Obbligo seggiolini auto dal 6 marzo

seggiolino antiabbandono
seggiolino antiabbandono

Obbligo seggiolini auto,De Corato:somme ben spese per salvare vite bambini
(Milano, 06 mar) L’assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato, ricorda che
“da oggi è entrato in vigore l’obbligo del cosiddetto ‘dispositivo antiabbandono’, che riguarda i conducenti residenti in Italia che trasportano bambini di età inferiore a 4 anni”.

“E’ un tema al quale da tempo Regione Lombardia ha dedicato grande attenzione – ha aggiunto De Corato – informando tempestivamente i cittadini su obblighi, sanzioni e tipologie di dispositivi da acquistare”.

Multe per i trasgressori – “La legge – ricorda l’assessore – prevede sanzioni per la mancata adozione dei dispositivi, in estensione a quanto già previsto dall’attuale Codice della strada per il mancato uso delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta dei bambini, multa che va da 81 a 326 euro.
Se la violazione ricorre per almeno due volte nell’arco di due anni è prevista la sanzione accessoria della sospensione della patente per un periodo che va dai 15 giorni ai 2 mesi”.

Bonus da 30 euro – “Ogni euro investito per salvare una sola vita è ben speso” ha concluso Riccardo De Corato. “E’ prevista l’erogazione – ha detto ancora De Corato – di voucher di 30 euro per l’acquisto, spendibile esclusivamente presso uno dei negozianti registrati sulla piattaforma web del Ministero delle Infrastrutture”. “Chi lo ha già comprato – ha concluso – può invece chiedere entro 60 giorni, a partire dal 21 febbraio 2020, il rimborso di
30 euro allegando lo scontrino o la ricevuta fiscale e una autocertificazione sul modello disponibile on line”.