I Wonder Stories : Renzo Piano – L’Architetto della luce

Renzo Piano - l'architetto della luca
Renzo Piano – l’architetto della luca

A inaugurare la stagione 2018/2019 delle I Wonder Stories sarà RENZO PIANO – L’ARCHITETTO DELLA LUCE, l’atteso documentario diretto dal maestro del cinema Carlos Saura che ritrae il genio e il processo creativo di uno dei più grandi architetti viventi, Renzo Piano.

Il film sarà nelle sale italiane il 14, 15, 16 e 17 ottobre.
Quando cresci con l’idea che costruire è un’arte, ogni volta ti sembra di assistere a un miracolo. Così è per Renzo Piano, architetto italiano tra i più celebri al mondo, autore del Centre Pompidou di Parigi, dell’Auditorium Parco della Musica a Roma e degli edifici del New York Times. A raccontare questo genio dell’architettura è un genio del cinema, Carlos Saura.

Il racconto in presa diretta di uno dei più recenti progetti curati da Piano, il centro Botìn a Santander, diventa presto riflessione sul processo creativo. Per capire che l’arte, sia essa cinema o architettura, non è un atto prevedibile. Spesso è un po’ come guardare al buio: prima di capire ciò che accadrà, bisogna dare il tempo agli occhi di adattarsi.

Le proiezioni saranno precedute da una video-introduzione di Corrado Nuzzo, Maria DI Biase e Mauro Casciari, voci di Radio2, conduttori di Radio2 Summer Club.

Le Giornate del Cinema Lucano a Maratea

Antonella Slvucci
Antonella Slvucci

Tre grandi kermesse cinematografiche lucane che, grazie alla loro sinergia, continueranno a crescere e a raccogliere consensi sempre maggiori. Con questo spirito,  lunedì 9 luglio, sono state presentate a Roma le nuove edizioni di: Le Giornate del Cinema Lucano a Maratea / Premio Internazionale Basilicata, Pisticci Lucania Film Festival e Bella Basilicata Film Festival.

In una gremita sala conferenze di Palazzo Ferrajoli, la conduttrice Janet De Nardis ha coordinato gli interventi di Paride Leporace, Direttore della Lucana Film Commission; Nicola Timpone, Responsabile Marketing della Lucana Film Commission; Antonella Caramia, organizzatrice de Le Giornate del Cinema Lucano, a Maratea / Premio Internazionale Basilicata; Rocco Calandriello, Direttore del Pisticci Lucania Film Festival e Vito Leone, Direttore del Bella Film Festival.

Si è parlato, oltre che della meritata ascesa delle tre manifestazioni, del ruolo fondamentale del Cineturismo a cura del GAL START 2020, in quest’ottica di crescita e sinergia tra i Festival, grazie alla presenza di Leonardo Braico e Giuseppe Lalinga del GAL START 2020.

Riflettori puntati, in particolare, sull’edizione in partenza de Le Giornate del Cinema di Maratea, che si terranno nella perla del Tirreno dal 24 al 29 luglio. Per festeggiare al meglio il decennale, quest’anno si è deciso di puntare su un cast internazionale.

Oltre ai già annunciati super ospiti del calibro dell’attrice Sophia Loren e del regista e attore John Landis, nel corso della conferenza stampa i è stato ufficializzato l’arrivo a Maratea di uno dei beniamini del grande pubblico di tutte le età: Jean Claude Van Damme.

L’attore di origini belga, che ha sbancato il box-office con film come “Lionheart” e “Street Fighter” entrati nella storia del cinema d’azione, salirà sul palco, come la Sophia Nazionale, sabato 28 luglio.

Tra gli altri ospiti spiccano i nomi degli attori Alessio Boni (molto applaudito ieri in conferenza stampa), Isabella Ferrari, Violante Placido, Fabio De Luigi, Francesco Pannofino, Alessio Boni e i registi Paolo Genovese, Giancarlo Fontana e Giuseppe G. Stasi.

Presenti, inoltre, la Squadra Nazionale Attori, volti della fiction italiana ed emergenti. Degna di nota, la partecipazione di RaiTeche, rappresentata in conferenza stampa dalla dottoressa Barbara Francesconi, con due prodotti restaurati e digitalizzati che raccontano la storia di Maratea:  la serie di Mario Soldati e Cesare Zavattini del 1960 “Chi Legge ? Viaggio lungo il Tirreno” e il documentario del ’59 di Baldo Fiorentino “Lana a Maratea”.

Anche quest’anno, a Le Giornate del Cinema Lucano a Maratea / Premio Internazionale Basilicata, i prestigiosi premi, consistenti in statue in argento del Cristo redentore, verranno realizzati dal Maestro orafo Michele Affidato.

Proiezioni, interviste esclusive, tavole rotonde e master-class saranno alla base del ricco menù della decima edizione a cui non è escluso possano aggiungersi, nei prossimi giorni, nuove sorprese.

Muse: Drones World Tour

muse-drones-world-tour-loc
muse-drones-world-tour-loc

MUSE: DRONES WORLD TOUR
Solo il 12 e 13 luglio nelle sale spazioCinema

Anteo Palazzo del Cinema
12 e 13 luglio ore 20 e 21.50
CITYLIFE Anteo
12 e 13 luglio ore 20 e 21.50
spazioCinema Cremona Po
12 e 13 luglio ore 20
Metropol spazioCinema
12 e 13 luglio ore 20
Arianteo Palazzo Reale
12 luglio ore 21.45
Arianteo CityLife
13 luglio ore 21.45

La band multi-platino di fama mondiale e i loro spettacolari droni a tutto tondo arriveranno sul grande schermo come appuntamento in contemporanea per tutti i fan dei Muse solo il 12 e 13 luglio.

Girato e registrato durante diverse date del tour nel 2016, il Muse: Drones World Tour presenterà alcuni dei più grandi successi della carriera dei Muse tra cui “Psycho”, “Madness”, “Uprising”, “Plug in Baby”, “Supermassive Black Hole” e “Knights of Cydonia”.

Il film concerto, diretto da Tom Kirk e Jan Willem Schram, contiene inoltre effetti speciali mai visti prima, che rispecchiano il l’impressionante livello della produzione scenica creativa che i fan dei Muse si aspettano, offrendo un’incredibile esperienza sensoriale.

Oltre all’esclusiva testimonianza del gruppo che racconta il concetto creativo alla base del progetto, i punti salienti dello spettacolo includono droni che volano in mezzo al pubblico, proiezioni di dimensioni giganti ed elaborati effetti laser che creano un mondo misterioso e distopico.

MUSE: Drones World Tour
12 e 13 luglio 2018

Biglietteria:
intero 12 euro/ ridotto 10 euro

Per info e acquisto biglietti: www.spaziocinema.info

Festival Nazionale del Cinema e della Televisione

Luciano Ligabue-credito fotografico obbligatorio di Toni Thorimbert
Luciano Ligabue-credito fotografico obbligatorio di Toni Thorimbert

Il Festival Nazionale del Cinema e della Televisione di Benevento ha deciso di dedicare a Luciano Ligabue l’apertura della seconda edizione, in programma a Benevento dal 4 al 9 luglio.

La giornata sarà una celebrazione degna dell’artista: un vero e proprio “Liga Day” cinematografico che avrà inizio nel pomeriggio con le proiezioni dei suoi primi due film, “Radiofreccia” e “Da Zero a Dieci”. In serata è prevista, nella splendida arena dell’Hortus Conclusus disegnata dal Maestro Mimmo Paladino, la proiezione del suo ultimo film, “Made In Italy”, in contemporanea all’incontro con Ligabue che avverrà all’interno del centro storico. L’artista sarà intervistato da Alessio Viola, giornalista e conduttore di Sky Tg24.

L’incontro, aperto al pubblico, sarà l’occasione per ripercorrere il suo ultimo lavoro cinematografico e la sua straordinaria carriera come cantautore, musicista, regista e scrittore. Per la sua ultima pellicola, il Festival ha infatti deciso di assegnare a Ligabue i premi “Miglior film della stagione” e “Miglior regista della stagione”.

Due riconoscimenti legati alla meravigliosa storia che Ligabue ha saputo raccontare, per la capacità di scavare nell’animo delle persone e regalare emozioni, commuovendo e facendo riflettere. E per l’oggettiva capacità di migliorare e migliorarsi nel suo terzo lavoro per il grande schermo.

Il Festival Nazionale del Cinema e della Televisione – Città di Benevento è il primo ed unico evento, in Italia, ad unire in una sola manifestazione il mondo del piccolo e grande schermo, attraverso eventi, incontri, interviste, spettacoli, concerti, concorsi, masterclass, proiezioni e dibattiti, aperti al pubblico.

Un evento che mancava sul territorio italiano e che è in grado di coniugare il mondo cinematografico e televisivo attraverso l’impatto comunicativo dei protagonisti presenti alla Kermesse.

La Kermesse, nei cinque giorni di Manifestazione, copre tutto il centro storico della città, con più di cinquanta eventi nei cinque giorni del Festival, 4 eventi teatrali in chiave cinematografica in anteprima nazionale, 200 opere, tra lungometraggi e cortometraggi in concorso e il concerto di chiusura del Festival previsto il 9 luglio all’interno del Teatro Romano della città di Benevento, diretto dal Premio Oscar, Nicola Piovani. Concorsi, destinati ai lungometraggi indipendenti e ai lungometraggi riconosciuti di interesse culturale dal Mibact, diretti dal produttore cinematografico, premio Oscar per il film “La Grande Bellezza”, Nicola Giuliano.

Oltre sessanta gli ospiti presenti nel corso dell’edizione 2017, prima edizione del Festival che ha registrato la presenza di oltre centomila persone, provenienti da ogni parte d’Italia, e che è stato aperto da Toni Servillo (Paolo Ruffini, Salvatore Esposito, Fortunato Cerlino, Cristina Donadio, Lino Banfi, Paolo Calabresi, Stefano Fresi, Jasmine Trinca, Edoardo Leo, Enrico Vanzina, Fulvio Lucisano, Nicola Giuliano, Piera degli Esposti, Fabrizio Frizzi e tanti altri…).

“Giorgio Strehler. L’umanità del teatro”

_Arlecchino4647_Ciminaghi-PiccoloTeatroMilano
_Arlecchino4647_Ciminaghi-PiccoloTeatroMilano

Da sabato 16 dicembre fino a domenica 24 dicembre, proseguono e si concludono le iniziative di Giorgio Strehler. L’umanità del teatro.

Sabato 16 dicembre, ultimo appuntamento con le proiezioni al Chiostro di via Rovello. Questa volta sarà possibile rivedere Strehler legge ‘‘Vita di Galileo’’ (1995): trent’anni dopo una regia entrata nella storia, Strehler torna in prima persona a leggere il testo di Brecht.
La visione, della durata complessiva di 6 ore e 41 minuti, è divisa in due momenti: la prima parte alle ore 10, la seconda e la terza alle ore 15.
Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

Lunedì 18 dicembre, al Teatro Grassi (ore 19.30), verrà proiettato Strehler, il mago dei prodigi, ideazione, testi e regia Maurizio Porro, produzione RR Records e RSI Radiotelevisione svizzera.
Pensato e diretto dal critico Maurizio Porro, il documentario racconta ed esplora la vita e la carriera del grande maestro con l’ausilio di interviste ad artisti internazionali, tra cui Riccardo Muti, Peter Brook, Andrea Jonasson, Ariane Mnouchkine, Jack Lang.
Ingresso gratuito con prenotazione su www.piccoloteatro.org

Mercoledì 20 dicembre (ore 18), al Teatro Studio Melato, quella dedicata a Strehler e Goldoni è l’ultima delle quattro serate intitolate agli autori – Cechov, Shakespeare, Brecht e Goldoni — con cui Strehler intrecciò negli anni un rapporto d’amore e di profonda sintonia intellettuale.
Alter ego di tutta una vita, Goldoni è l’autore che Strehler ha riscoperto e restituito al teatro italiano. Con i Mémoires, grande progetto rimasto in sospeso, il regista intendeva raccontare il teatro e la sua vita.
Ingresso gratuito con prenotazione su www.piccoloteatro.org

Giovedì 21 dicembre, al Teatro Studio Melato (ore 19.30), va in scena MAESTRO! memorie di un guitto, scritto, diretto e interpretato da Stefano de Luca. L’attore e regista porta in scena ricordi e aneddoti dei dieci anni trascorsi a fianco del suo Maestro, colui che gli ha insegnato a offrire al teatro tutto se stesso.
Ingresso 15 euro.

Domenica 24 dicembre, a partire dalle ore 18, Palazzo Reale.
A vent’anni dalla morte di Giorgio Strehler, avvenuta la notte di Natale del 1997, il Piccolo Teatro lo ricorda con la proiezione straordinaria, sulla facciata di Palazzo Reale, del filmato Strehler legge i ‘‘Mémoires’’di Carlo Goldoni.

Sono, infine, sempre visitabili, a partire dalle ore 15, la mostra allestita al Teatro Strehler e la videoinstallazione multimediale nello spazio RovelloDue.