Lainate: presepi nelle sale della storica Villa

presepe

8 dicembre 2017 – 14 gennaio 2018 – Villa Litta
10° Mostra Presepi
Nella splendida cornice di Villa Litta la tradizionale mostra dei Maestri Presepisti italiani giunta alla decima edizione
8 dicembre ore 15.30
Inaugurazione della Mostra
ORARI MOSTRA • FESTIVI E PREFESTIVI: 10.00-12.30 e 15.30-18.30 • DAL 26 DICEMBRE feriali solo pomeriggio: 15.30-18.30 festivi e prefestivi: 10.00-12.30 e 15.30-18.30 • nei giorni 25 DICEMBRE E 1 GENNAIO apertura solo pomeridiana 15.30-18.30

Ingresso libero

Quest’anno hanno deciso di stupirci. E lo faranno davvero. Non si può svelare tutta la sorpresa… ma di certo possiamo dirvi che vi sembrerà di immergervi in un ‘Villaggio dei presepi’.
L’AIAP Associazione Italiana Amici del Presepio – Sede Milano-Lainate ha deciso di celebrare i suoi 10 anni di attività con una Mostra che supera se stessa.

In esposizione, nelle sale di Villa Visconti Borromeo Litta a Lainate (MI) ci saranno oltre 50 opere artigianali provenienti da tutta la Lombardia, “presepi di alto valore artistico, che superano di gran lunga le edizioni precedenti”, assicurano Angelo Giuliani, che con Valentino Croci e altri volontari, è impegnato in questi giorni nella definizione dell’allestimento.

Sono loro che ogni anno viaggiano per la Lombardia a selezionare i migliori presepi degli artisti lombardi e li prenotiamo per l’anno successivo, oltre ovviamente a ospitare nuove opere dei loro volontari. Ricordiamo che in linea di massima 4 sono le tradizioni del presepe: c’è quello popolare ambientato nelle nostre stalle, cascine, borghi… occidentali, quello orientale riconoscibile dalle figure maschili in turbante.

C’è quello napoletano caratterizzato dalla presenza degli angeli e quello spagnolo simile al ‘nostro popolare’. Tra i presepi di Villa Litta non mancheranno anche opere con ambientazione moderna in una stazione della metropolitana milanese – fermata Duomo.

L’allestimento dell’edizione 2017 aggiungerà originalità alla mostra. Da settimane infatti i volontari sono al lavoro per completare i dettagli di una mostra unica nel suo genere.
“L’idea è nata circa un anno fa – spiegano – e progetti alla mano abbiamo ricreato ambiente dopo ambiente, sala dopo sala, alcune ambientazioni davvero originali”.

Ci saranno richiami a Villa Litta, ma anche una natività sui generis realizzata riproducendo luoghi e volti di personaggi affrescati in una villa di delizia nata e voluta completamente ‘pagana’, senza cioè che – per volontà dei proprietari – non fosse mai rappresentata un’immagine sacra.

Villa Visconti Borromeo Litta – Oltre 30mila visitatori in una sola stagione

Sala di Enea lainate

Oltre 30mila visitatori nella sola stagione primavera-estiva, cui vanno ad aggiungersi altre migliaia di visitatori della chiusura d’anno in occasione della mostra dei Presepi.

Un dispiegamento di forze mai visto prima, nell’anno di Expo, per garantire un’apertura costante sette giorni su sette. In chiusura d’anno è tempo di bilanci sulla ‘Stagione delle visite’ a Villa Visconti Borromeo Litta a Lainate, un bilancio tracciato dall’Amministrazione comunale e dall’Associazione Amici di Villa Litta, che nei sei mesi di apertura del Ninfeo, coincidenti con quelli della manifestazione universale, hanno ‘fatto gli straordinari’ per raccontare e far vivere a visitatori italiani e stranieri un’esperienza indimenticabile all’interno del gioiello cittadino.

Quasi 23 mila i biglietti staccati (più di 3000 dei quali nel solo mese d’agosto in cui per la prima volta la villa non ha mai chiuso i suoi cancelli), cui vanno ad aggiungersi le circa 3000 presenze registrate alla manifestazione dedicata al verde e natura Ninfeamus ad apertura della stagione, altri 2000 per l’appuntamento con il buon cibo e buon vino di Vininvillalitta a maggio, e altre circa 2000 persone che hanno partecipato ai concerti proposti nell’ambito della rassegna ‘La Villa delle Meraviglie’, hanno partecipato alla festa della famiglia o ad altri eventi che hanno avuto come teatro la villa e il suo parco storico.

Da segnalare un dato interessante: è visibilmente aumentata nel corso del 2015 la scelta di Villa Litta come location per shooting fotografici o location per allestire set per spot televisivi o per film.

Prima dell’estate Maria Grazia Cucinotta è stata testimonial dello spot ‘Nativi ambientali’ firmato dal Ministero dell’Ambiente in collaborazione con Conai-Consorzi di Filiera, e pezzo forte della campagna di sensibilizzazione per stimolare l’attenzione ad una corretta separazione dei rifiuti. All’inizio di settembre  è stato girato il remake in versione cinese de ‘Il matrimonio del mio migliore amico’ – My Best Friend’s Wedding che sarà nelle sale del mercato orientale in occasione del prossimo San Valentino.

In passerella sono scesi cani con pedegree per una nota rivista di settore, la villa ha fatto da sfondo a servizi fotografici di moda, design e altro ancora. Novità di quest’anno l’apertura dei palazzi e delle sale della villa, visitabili con guida, durante la mostra dei Presepi.

A soli 4 euro è possibile infatti fino al 10 gennaio 2016, su prenotazione, per i gruppi, effettuare la visita guidata. Scrivere a: segreteria@villalittalainate.ito tel: 3393942466.

Per informazioni e dettagli visitare anche il sito: www.villalittalainate.it

Feste di piazza, presepi e altro ancora per il Natale

Nott de Bisò - - Copy Cral ospedaliero A_ Banzola
Le Terre di Faenza, fra pianura e collina in provincia di Ravenna, anche nel periodo invernale propongono molti appuntamenti e iniziative di natura turistica, per chi è alla ricerca di cultura, ottima enogastronomia, ma anche di relax. Passeggiando fra le strade e le viuzze dei borghi, le piazze, i palazzi di Faenza, Casola Valsenio, Riolo Terme, Brisighella, Castel Bolognese sarà possibile scoprire le bellezze di questo territorio e le molte iniziative in programma dal 6 dicembre 2015 all’inizio del nuovo anno, all’insegna del Natale, delle festività del periodo e delle tradizioni locali.

La città di Faenza ha in programma due eventi che fanno parte della cultura e della tradizione cittadina. L’8 dicembre ci sarà la Sagra del Torrone. In occasione della festa dell’Immacolata Concezione, il centro storico si riempie dei profumi e del sapore del torrone, tra sfavillanti luminarie e le vetrine delle numerose botteghe ceramiche.
Tradizionale festa folcloristica che si svolge nella splendida cornice della Piazza del Popolo della città Manfreda il 5 gennaio di ogni anno, La Nott de Bisò conclude le iniziative legate al Niballo-Palio di Faenza: giostra tra cinque cavalieri rionali che si svolge nella quarta domenica di giugno. Il Niballo –  che deve il suo nome ad Annibale, antico nemico proveniente da oltre mare – viene bruciato la notte di vigilia dell’Epifania come segno conclusivo dell’anno e simbolo di tutte le avversità e problemi che ognuno vorrebbe “bruciare” per cominciare una nuova vita.

Bruciarlo e berci sopra, come succede nella Nott de Bisò, è quindi un allegro sberleffo alla malasorte. Secondo la tradizione, il Niballo giunge nella Piazza del Popolo su un carro trainato da buoi: a trasportarlo e portarlo al rogo è il Rione vincitore del Palio dell’anno appena trascorso.

Il culmine della festa è a mezzanotte quando il rappresentante del Rione vestito in un tradizionale costume cinquecentesco appicca il fuoco al maestoso fantoccio. In quel momento più che mai si vuoteranno i caratteristici “Gotti” ricolmi di “bisò”, cioè le caratteristiche ciotole colme di vino caldo, bollito con aromi e spezie. Il “gotto” è simbolo dei cinque Rioni e della città di Faenza e viene proposto ogni anno con uno stile decorativo diverso.

Numerosi e variegati i presepi.
A Riolo Terme nella frazione di Borgo Rivola, dal 20 dicembre al 31 gennaio nei pressi della Chiesa della Costa sarà visibile un presepe meccanico con scene in movimento, realizzato interamente con materiali di recupero.

Nella frazione di Pieve Cesato di Faenza sarà possibile ammirare un originale presepe artistico statue in cartapesta a grandezza naturale (dal 24 dicembre al 31 gennaio), mentre nella frazione di Corleto il presepe sarà allestito all’interno della splendida cripta del X Secolo della Pieve di Santo Stefano (dal 25 dicembre al 31 gennaio). A Faenza città, invece, nella chiesa di San Francesco ci sarà il tradizionale presepe animato (dal 24 dicembre al 6 gennaio).

A Castel Bolognese il 22 dicembre prenderà vita il Presepe vivente, tra fuochi, fiaccole e la rappresentazione dei mestieri di un tempo. Presepe vivente anche nella suggestiva cornice del centro storico medioevale di Brisighella, il 26 dicembre.
A Casola Valsenio da non perdere è quello monumentale realizzato in muratura (con mattoni, pietre, cemento, ferro e legno) nella frazione di Prugno (dal 13 dicembre al 31 gennaio).
Sempre a Casola Valsenio il primo gennaio si terrà il tradizionale concerto itinerante per le vie del paese quale segno benaugurale per il nuovo anno.

Per festeggiare il Capodanno in piazza.
Sono tre gli appuntamenti in programma nella lunga notte del 31 dicembre: a Faenza con musica e spettacoli dal vivo, a Brisighella con un grande falò, a Riolo Terme all’interno della Rocca con animazione per bambini e famiglie.

Inoltre.
La Rocca di Riolo Terme per tutto il periodo natalizio sarà al centro di molte iniziative a tema: il 6 dicembre ci sarà un laboratorio creativo per bambini e ragazzi, il 12 un laboratorio di addobbi natalizi usando materiale di riciclo, il 27 un’avvincente caccia al tesoro per bambini all’interno delle stanze della Rocca, il 6 gennaio un pomeriggio di animazione per bambini e la preparazione della calza della Befana.

Dal 12 dicembre al 6 gennaio, in contemporanea alla Rocca di Riolo Terme e al Museo Civico di Castel Bolognese sarà allestita la mostra personale del ceramista Sante Ghinassi.

Per informazioni generali su tutti gli eventi:
Terre di Faenza tel. 0546 71044 www.terredifaenza.it