“Scuole TPL in rete”

città-metropolitana-milano-
città-metropolitana-milano-

Si chiama “Scuole TPL in rete” il nuovo servizio disponibile dal 15 Dicembre, per coordinare al meglio la programmazione dell’attività didattica con quella dei servizi di trasporto pubblico.

La piattaforma – realizzata su iniziativa dell’Agenzia per il Trasporto Pubblico Locale del Bacino della Città Metropolitana di Milano, Monza e Brianza, Lodi e Pavia, nel quadro di un progetto in collaborazione con tutti i soci (comuni di Milano, Monza, Lodi, Pavia, Città Metropolitana di Milano, province di Monza e Brianza, Lodi, Pavia e Regione Lombardia) – è raggiungibile all’indirizzo https://scuole.tplinrete.it ed è destinata a tutti gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado (con sede nella città metropolitana di Milano o nelle provincie di Monza e Brianza, Lodi, Pavia) che utilizzano abitualmente il trasporto pubblico per andare a scuola.

L’obiettivo è quello di avere un servizio di trasporto pubblico che risponda alle necessità di spostamento casa-scuola-casa, per riprendere l’attività scolastica in presenza il prossimo 7 gennaio in piena sicurezza. Si punta, anche con il prezioso apporto dei dirigenti scolastici e dei docenti, impegnati da oggi a veicolare a studenti e famiglie l’iniziativa e lo spirito che la anima, a raccogliere un numero significativo di adesioni entro il 23 dicembre, tale da poter essere considerato effettivamente rappresentativo dell’utenza attesa a gennaio sulle linee del trasporto pubblico locale di nostra competenza.

“Garantire il pieno diritto allo studio è per noi un imperativo, sottolinea Beatrice Uguccioni, consigliere delegato alla mobilità della Città Metropolitana di Milano. Gli studenti non possono continuare a pagare il prezzo dell’inerzia dimostrata da molti adulti nel rispondere a questa emergenza; è per questa ragione che abbiamo elaborato questa proposta di organizzazione del trasporto, condivisa con il mondo della scuola, per consentire agli studenti delle superiori di utilizzare i mezzi pubblici in sicurezza alla ripresa delle lezioni in presenza. Il presupposto affinché questa proposta abbia successo è l’adesione del maggior numero possibile di studenti all’iniziativa: un piccolo impegno individuale che potrebbe produrre grandi risultati per giungere a una nuova normalità”.

Daniele Barbone, presidente dell’Agenzia, commenta: “Tempi eccezionali impongono a ognuno di fare qualcosa in più. Come Agenzia del trasporto pubblico locale abbiamo messo in campo il massimo dello sforzo organizzativo e di risorse per consentire la ripartenza in presenza degli studenti. Crediamo che la collaborazione delle famiglie e degli studenti in questo senso sia fondamentale”.

COME FUNZIONA

https://scuole.tplinrete.it è una web app fruibile attraverso il semplice accesso ad un browser per la navigazione.
Si può accedere da cellulare, computer o tablet.
L’applicazione consente di condividere le abitudini di viaggio in tre semplici passaggi:
1. indicare scuola e classe frequentata;
2. indicare luogo di residenza quali mezzi vengono abitualmente utilizzati per andare a scuola;
3. registrarsi a Scuole TPL in rete.

La web app non richiede di scaricare o istallare applicazioni sui propri dispositivi.
Non è un sistema di tracciamento, né invade la privacy delle persone. Tutti i dati raccolti sono gestiti con la massima attenzione al pieno rispetto della normativa sulla privacy e la protezione dei dati personali.

La web app Scuole TPL in rete è stata progettata e sviluppata con una finalità collaborativa, per mettere in rete e coordinare la programmazione degli orari delle scuole secondarie di secondo grado e la programmazione dei servizi di trasporto pubblico locale. Conoscere l’utilizzo abituale dei mezzi pubblici per andare e tornare da scuola consente di predisporre un servizio che risponda alle esigenze degli studenti, presente dove e nel momento in cui serve e con capacità adeguata ad assicurare un viaggio in condizioni di piena sicurezza.

In fase di registrazione è richiesto solo il codice fiscale, per assicurare l’univocità della registrazione, e un indirizzo di posta elettronica per confermare la registrazione e comunicare con gli utenti esclusivamente per le finalità indicate.

Una volta completata la registrazione l’utente potrà accedere attraverso la web app alla sua pagina personale, dove troverà le soluzioni di viaggio disponibili per i suoi spostamenti casa-scuola-casa, le segnalazioni di modifiche del servizio o alert in caso di situazioni o eventi potenzialmente critici. TPL in rete riceve dalla tua scuola gli orari delle lezioni in presenza di ogni classe e consente così un costante aggiornamento delle informazioni, senza bisogno di ulteriori operazioni dell’utente.

Revoca misure antismog

Revoca misure antismog
Revoca misure antismog

SMOG. Revocate da domani le misure temporanee a Milano, Bergamo, Brescia, Pavia e Lodi

Saranno revocate da domani, venerdì 20 novembre, le misure temporanee di primo livello attive nei Comuni con più di 30.000 abitanti, oltre a quelli aderenti su base volontaria nelle province di Milano, Bergamo, Brescia, Pavia e Lodi. Per due giorni consecutivi, infatti, i valori medi di PM10 sono stati al di sotto del limite in queste province.

AMBITI – Le misure temporanee di primo livello riguardano, nei Comuni con più di 30.000 abitanti, il riscaldamento domestico (riduzione di 1° delle temperature nelle abitazioni), l’agricoltura (divieto di spandimento liquami zootecnici) e divieto assoluto di combustioni all’aperto (accensione di fuochi, falò, barbecue, fuochi d’artificio) e il divieto di sosta con motore acceso per tutti i veicoli. Si raccomanda inoltre la massima adozione dello smartworking. Sono invece sospese le misure temporanee sul traffico, quindi le limitazioni temporanee per i veicoli euro 4 diesel, tenuto conto della delibera della Giunta Regionale del 9 novembre 2020 e del fatto che la Lombardia è collocata nello ‘scenario di tipo 4′, in forza delle misure restrittive nazionali introdotte con il DPCM 3 novembre 2020 e con l’ordinanza 4 novembre 2020.

RILEVAZIONE QUOTIDIANA – I dati sulla qualità dell’aria vengono esaminati ogni giorno e viene data comunicazione in maniera tempestiva circa la cessazione delle limitazioni temporanee. Come previsto dalla delibera regionale 7095 del 18 settembre 2017 e n. 712 del 30 ottobre 2018, qualora si registrasse un valore al di sotto della soglia unito a previsioni metereologiche con condizioni favorevoli alla dispersione degli inquinanti, oppure valori al di sotto della soglia per due giorni consecutivi, si potrà procedere con la disattivazione delle misure temporanee.

“103 + 103″ – Mostra Fotografica

Spazio53
Spazio53

La fotografia come espressione di riflessione e speranza mobilitatasi nei mesi scorsi a sostegno delle istituzioni sanitarie più esposte alla forza del Covid-19 con il progetto “Pop-Up” voluto dal Circolo Fotografico Oltrepò di Broni e dall’Associazione Spazio53 (http://www.popupfotografia.it), trova un’adeguata appendice nella mostra “103 + 103” che presenta tutte insieme le immagini donate dai 103 autori in segno di solidarietà e partecipazione.

La mostra “103 + 103”, organizzata da Spazio53 dal 12 al 27 settembre presso la Sala L. Pagano in piazza C. Battisti a Voghera, patrocinata dalla Provincia di Pavia, dal Comune di Voghera Assessorato alla Cultura e UNICEF, realizzata grazie anche al fondamentale contributo della Cifarelli SpA, eccellenza produttiva del territorio, vuole omaggiare l’impegno collettivo degli autori che hanno appoggiato incondizionatamente l’iniziativa e rendere merito alle singole opere.

Tutte le immagini esposte, il cui ricavato sarà devoluto – tolte le spese vive di stampa e spedizione – all’Ospedale Civile di Voghera,.saranno stampate con qualità Fine-Art su carta cotone 300g, nel formato 24×30 cm e consegnate in passpartout 30×40 cm.

L’iniziativa, oltre alle finalità benefiche, rappresenta un’interessante sintesi della fotografia contemporanea con fotografi nazionali e internazionali, alcuni già conosciuti nella zona di Voghera, altri che rappresentano una novità assoluta.

L’inaugurazione della mostra è prevista per sabato 12 settembre alle ore 18 e sarà introdotta dal critico Renzo Basora.

Informazioni al pubblico:
335 6356357 – 331 4303251
info@spazio53.com | www.spazio53.com

La Via Francisca del Lucomagno

sacro-monte-Credits-Tomaso-Bassan
sacro-monte-Credits-Tomaso-Bassan

Un doppio appuntamento per conoscere la Via Francisca del Lucomagno. Martedì 28 luglio, con il webinar promosso dal FAI – Fondo Ambiente Italiano, e mercoledì 29 luglio con l’incontro a Varese in Villa Toeplitz, lo storico cammino che unisce Lavena Ponte Tresa (VA), al confine con la Svizzera, con la città di Pavia si presenta con la guida ufficiale (Terre di Mezzo editore) di recente pubblicazione. Riportata a nuova vita nel suo tratto italiano grazie al progetto di valorizzazione promosso da nove realtà e 50 enti in collaborazione con la Regione Lombardia e la Provincia di Varese, anche con il sostegno del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale di Regione Lombardia – POR FESR 2014-2020, la Via Francisca del Lucomagno è l’occasione per scoprire o riscoprire un territorio ricco di testimonianze storiche, artistiche e naturalistiche. Lungo i suoi 135 km divisi in otto tappe, si attraversano la terra dei sette laghi e cinque parchi naturali, costeggiando i navigli per approdare al ponte coperto di Pavia sul Ticino. Dal Sacro Monte di Varese, passando per la collegiata di Castigione Olona, la canonica di Bernate Ticino, l’abbazia di Morimondo, il cammino si chiude con la consegna del Testimonium alla basilica di San Pietro in Ciel d’Oro dove è custodita la tomba di Sant’Agostino.

Il Monastero di Torba, bene FAI posto lungo la quarta tappa del cammino, è il protagonista del primo appuntamento. Martedì 28 luglio, il webinar organizzato dal Fondo Ambiente Italiano e rivolto a guide turistiche ed ambientali escursionistiche, alle associazioni di camminatori e agli operatori del turismo slow, presenta gli aspetti storici della Via Francisca del Lucomagno. Dalle 16, sono in programma gli interventi di Elena Castiglioni, Gruppo del lavoro Via Francisca del Lucomagno su “Il progetto della Via e le tappe del Cammino, oggi e nel passato”; Michela Piotto di Archeologistics presenta “I risultati della ricerca: le forme ospitalità nel Medioevo lungo la Via Francisca del Lucomagno”; Sara Zanni, archeologa e camminatrice, parla dell’esperienza dei cammini, mentre Marco Giovannelli, coautore insieme con Alberto Conte, illustra la guida della Via. Per informazioni e prenotazioni: 328 8377206, fai.cammini@fondoambiente.it.

Mercoledì 29 luglio la scena si sposta a Varese. Per la rassegna Giardini Letterari, alle 18.30 in Villa Toeplitz (via del Caslunco 16), l’insegnante e geografo Andrea Minidio intervista Marco Giovannelli (coautore della guida della Via Francisca del Lucomagno) e Marika Ciaccia (blogger, trekker e componente del Gruppo di lavoro per la valorizzazione della Via). L’incontro si svolge in presenza nel rispetto di tutte le norme di sicurezza. La partecipazione è libera, ma è consigliata la prenotazione registrandosi all’indirizzo: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-presentazione-de-la-via-francisca-del-lucomagno-di-marco-giovannelli-114265655652 .

Paola Dongu

Nylon in concerto con diretta streaming

nylon_foto_2019
nylon_foto_2019

Il giorno 29 febbraio 2020 dalle ore 21.30, presso Spaziomusica di Pavia, si esibirà il The Magnificent Flying Caravan, un collettivo di musicisti pavesi. Il locale è di riferimento per la musica dal vivo di tutta la provincia di Pavia e non solo.

Il concerto per la prima volta si svolgerà in diretta streaming sulla pagina Facebook di Spaziomusica (https://www.facebook.com/spaziomusica.pavia/), per provvedere all’emergenza sanitaria legata al Coronavirus. Il pubblico potrà godersi la buona musica direttamente da casa, senza uscire.

I Nylon parteciperanno all’iniziativa e si esibiranno in uno concerto che spazierà da un genere musicale ad un altro, insieme al gruppo The Winetellers e Beatrice Campisi.

La band, vincitrice del premio Rock Targato Italia (30/a edizione), presenterà i brani dell’ultimo album “Quasi fosse una tempesta”.