Milano si piega davanti alla leonessa Russa

Olimpia Milano
Olimpia Milano

Assago, 8 dicembre 2016

Partita importante di Eurolega molto importante.

L’Olimpia per la prima volta dopo sei anni, scende in campo senza l’ex capitano Alessandro Gentile, dato in prestito ad un altro club europeo.

Ad aumentare la difficoltà della partita è l’avversario, la Cska Mosca, prima in classifica in Eurolega con alle spalle una sola sconfitta a differenza dell’EA7 che ne ha cinque.

La partita non decolla,  nei primi 5 minuti di gioco entrambe le squadre hanno segnato meno di 10 punti, segno di un’alta intensità difensiva da ambo le parti.

 Cska concede molti tiri liberi all’Olimpia, a causa del bonus raggiunto a soli 5 minuti dal fischio iniziale, opportunità non sfruttata poiché le difficoltà a cronometro fermo persistono.

Nei primi 6 minuti di gioco il divario tra le due squadre non è molto, a dividerli sono spesso 2 o 4 punti ma dopo circa due minuti, grazie a due prodigi di Mclean la situazione diventa favorevole per i biancorossi che raggiungono un sudato 15-14.

A un minuto dal termine del primo quarto è completa parità 17-17. Arriva poi un canestro di Mclean e un fallo a canestro di Hickman e l’ EA7 ritorna in vantaggio  con un 23-21, dimostrandosi concentrata ad affrontare la forza travolgente del Cska.

Il quarto si conclude 23-21

Olimpia è con il fiato sul collo al Cska che in tre minuti non segna alcun punto. Tuttavia ben presto i russi si riprendono e in meno di un minuto segnano 6 punti consecutivi per il 27-27.

La difesa dell’Olimpia non molla e anche l’attacco si fa sentire con due bei canestri di Hickman che segnano il +5.

La concentrazione è altalenante, due palle perse di Sanders concedono punti facili al Cska e il primo tempo si conclude 38-36 per l’ Olimpia,  un punteggio molto basso, segno di un’altra intensità difensiva per entrambe le squadre.

Cska esce dagli spogliatoi molto concentrata e si dimostra essere la squadra più forte di Eurolega, in due minuti è già 40-43.

Subito Repesa chiama time out  per cercare di fare rientrare i ragazzi in partita.

La difesa si fa meno costante, sicuramente non è la stessa del primo tempo e in 5 minuti è gia +7 Cska.

Per l’Olimpia si fa sempre più dura.  Ormai la difesa , travolta e disorientata dal preciso attacco russo, non è più in grado di contenere l‘irrefrenabile voglia di vincere dei russi.

Sono pochi i giocatori in grado di risollevare un po’ la squadra, tra i quali Raduljica, Mclean ed Hickman, ed il quarto si conclude 54-66.

Riprende il gioco e per Milano si fa sempre più dura.  Attacco, difesa e rimbalzi sempre poco presenti.

Sul campo due squadre totalmente diverse rispetto al primo tempo.

La rimonta dell’EA7 si fa sempre più dura e a pochi minuti dall’inizio dell’ultimo quarto è +17 per  russi.

L’Olimpia sembra non essere più in partita e molti tifosi milanesi abbandonano il Forum,  vedendo svanire la speranza di vittoria canestro dopo canestro.

 Ormai hanno staccato la spina, l’entusiasmo e la concentrazione sono stati sotterrati dall’ attacco killer del Cska, egregiamente contenuto nel primo tempo.

La partita si conclude 64-79.

Il pubblico milanese esce dal Forum di corsa, facendo fatica ad aspettare l’uscita dal campo dei giocatori. È la quarta sconfitta europea consecutiva  per l’EA7 ed ora la strada verso i playoff si fa sempre più in salita.

Olimpia Milano – Fortitudo Bologna 87-61

Olimpia Milano Fortitudo Bologna Bormio 1 settembre 2016 Valtellina Basket Circuit
Olimpia Milano Fortitudo Bologna Bormio 1 settembre 2016 Valtellina Basket Circuit

Torna in Valtellina la Fortitudo Bologna e lo fa con una partita dal grande prestigio, affrontando i campioni d’Italia dell’Olimpia Milano EA7, reduci dalla vittoria nel debutto di domenica a Bormio contro Legnano e che, rispetto alla prima partita, aggiunge al roster Macvan e Simon. In borghese Raduljica e Kalnietis. Out Fontecchio

1° quarto. Parte forte Milano, oggi con Hickman titolare al posto di Cinciarini. Bologna fatica a trovare il canestro: 8 a 0 Milano al 4′ e 1° time out Boniciolli. Mancinelli sblocca Bologna che sbaglia troppo da sotto, 14 a 4 Milano al 6′. EA7 in controllo e più volte facile in contropiede. Gentile e Macvan firmano il 22 a 4, nuovo time out Bologna. Entrano anche Simon, Cinciarini, Pascolo e Cerella. Milano 24 a 6 in pieno controllo. Bologna costretta a far rientrare Mancinelli, ma in difficoltà in attacco.

2° quarto. Milano in difesa è un’altra cosa rispetto alla partita con Legnano. Fortitudo soffre a costruire gioco. Cinciarini per il 28 a 7. Reazione Fortitudo fino al 18 a 28 firmata Candi. Nervosismo in campo, Accenno di rissa tra Hickman e Montano, subito sedata. Doppio fallo tecnico. Ora è un’altra partita. McLean sblocca Milano, Bologna stavolta tiene. 35 a 21 EA7 al 18′. Abass allunga, Fortitudo paga lo sforzo del rientro: 21 a 39 ultimo minuto del quarto, che finisce 43 a 21.

3° quarto. Pascolo e Simon allungano per Milano. Bologna cerca di tenere: 29 a 50 al 24′. Raucci da tre, Simon e Gentile in panchina. Fortitudo in contropiede e Roberts da tre: 54 a 41 EA7. Entra Cerella per Cinciarini, subito a segno da tre. Esce Candi tra gli applausi. Milano allunga ancora con McLean 62 a 43 time out Boniciolli. Il quarto si chiude 64 a 43, questa volta vinto da Bologna di 1 punto.

4° quarto. Sanders e Macvan riportano Milano sul +18. Doppia bomba Fortitudo per il 73 a 49. Fortitudo dà spazio a tutta la panchina. Entra anche La Torre per EA7. 71 a 57 a 6′ dalla fine. Doppio time out, il punteggio non cambia. 79 a 53 e nuovo time out Bologna. 81 a 56 a 2′ dalla fine. Ampio spazio ai giovani di Bologna, partita vera fino all’ultimo, che si conclude 87 a 61 per l’EA7.

Parziali (Milano-Bologna): 24-7, 19-14, 21-22, 23-18

Tabellini: EA7: Cinciarini 7 (3/3, 1/2 tl), Hickman 12 (4/4, 3/4 tl), Simon 1 (0/2, 1/2 tl), Cerella 3 (1/5), Gentile 7 (3/9, 1/2 tl), Abass 6 (2/6, 2/2 tl), Sanders 11 (3/4, 4/8 tl), Macvan 17 (6/9, 4/4), Pascolo 8 (3/4, 3/4 tl), McLean 15 (5/5, 5/8 tl), La Torre (0/2). Fortitudo: Montano, Roberts 18, Mancinelli 11, Knox 8, Candi 7, Campogrande 3, Raucci 7, Italiano 3, Gandini 4, Di Poce, Constanzelli

Domani prosegue il Valtellina Basket Circuit a Bormio con due partite tra Italia e Turchia: alle ore 18 debutto del Galatasaray Istanbul contro la Fortitudo Bologna, mentre alle ore 20:30 al Pentagono scendono in campo Vanoli Cremona e Tofas Bursa. Come sempre a Bormio l’ingresso sarà libero.

Olimpia Milano EA7 – Legnano Knights 87 – 73

Milano Legnano Pentagono Bormio 28 agosto 2016
Milano Legnano Pentagono Bormio 28 agosto 2016

Dopo i primi giorni di atletica, pesi e allenamenti in palestra agli ordini di coach Jasmin Repesa, iniziano le partite del quarto ritiro consecutivo a Bormio dell’Olimpia Milano, che in precedenza hanno​ prodotto due scudetti per le scarpette rosse milanesi.

Gremito in ogni ordine di posti il Pentagono, con folta rappresentanza di tifosi legnanesi, saliti in Valtellina per assistere ad una prima storica per i Knights, allenati per il secondo anno da Mattia Ferrari, contro i campioni d’Italia.

Parziali (Milano – Legnano): 18-20, 22-19, 31-16, 16-18

1° quarto.Milano parte con Mc Lean, Gentile, Cinciarini, Abass e Sanders. I primi due punti sono di Legnano, che allunga fino all’8 a 0 con due tiri da tre. Primo punto della stagione di Milano firmato captina Gentile per il 9 a 1 Legnano.

Primo cambio EA7 Hickmanper Cinciarini e primo time out della stagione per Repesa dopo 5 minuti sul 9 a 3 Legnano. Entrano Pascolo e Fontecchio: ampia rotazione da subito per l’EA7, che soffre però la freschezza di Legnano che doppia Milano sul 16 a 8. Milano aumenta i giri e rientra sul 18 a 20. Si vedono i carichi di lavoro nelle gambe delle scarpette rosse. Legnano finora in controllo e più reattiva.

2° quarto. Cerella in quintetto per Gentile. Hickman per il primo pareggio sul 22 a 22. Primo vantaggio EA7 sul 24 a 22, la partita seguo lo stesso canovaccio fino al 29 a 27 Milano. Entra anche La Torre. Bomba di Frassinetti per il nuovo vantaggio di Legnano 32 a 31. In campo ora anche Gentile.
Serie di vantaggi alternati: regna l’equilibrio fino al 39 a 37 Milano a 1′ minuto dal riposo. Fine secondo quarto si chiude 40 a 39 Milano. Legnano finora alla pari con i campioni d’Italia.

3° quarto. Milano parte con Abass, Gentile, Cinciarini, Mclean e Sanders.EA7 parte forte, con un’altra intensità in difesa. Time out Legnano sul 39 a 46. Pascolo per Mclean. Tre minuti senza fare canestro per i Knights fino al 41 a 48 firmato Frassinetti. Adesso è Legnano ad aumentare la reattività sulle palle vaganti fino al 48 a 50. Milano a folate in questo quarto. Rientra Kickman con Cerella e Mclean. Proprio Hickman da fuori per il 52 a 48 al 5′. Ora è partita vera. Milano 59 a 53.
Legnano dà spazio anche alla panchina. Cerella in contropiede per il massimo vantaggio EA7 65 a 53. Il quarto si conclude sul 71 a 55. Milano ha preso il largo, con solo 2 fali commessi e una difesa che ha lasciato poco spazio ai legnanesi. 31 punti per Milano nel quarto, molti in contropiede su palle rubate.

4° quarto.​ Sanders. Abass, Cerella, Pascolo e Cinciarini. Si prosegue sulla falsariga del 3° quarto. Subito Abass per il 74 a 55. Ora Milano in difesa non fa passare nulla.
Legnano un po’ sulle gambe.
Time out coach Ferrari sul meno 19. Reazione Knights che si porta fino al meno 10 sul 68 a 78 al 37′. Spazio anche per La Torre nel finale. Abass allunga sull’83 a 70. Ancora Pascolo per l’85 a 71.

Finisce 87 a 73 per Milano tra gli applausi del Pentagono di Bormio, esaurito ancora una volta

In casa Milano i più positivi Mclean, Abass e in particolare Pascolo, Hickman ha fatto intravedere le sue qualità. Legnano, ​finchè le rotazioni hanno tenuto, alla pari con Milano. Per i Knights William Mosley ha impressionato, soprattutto atleticamente e per l’impegno sui due lati del campo. Buona prova offensiva anche di Frassinetti

Ricordiamo le assenze in casa Milano di Kalnietis, Dragic, Macvan, Simon e Raduljica, impegnati nelle Olimpiadi di Rio e Dragic nelle qualificazioni europee.

In casa Legnano out capitan Maiocco, per una botta rimediata al viso in settimana.

Olimpia Milano Campione d’Italia

Olimpia Milano
Olimpia Milano

L’Olimpia Milano vince il suo 27esimo scudetto

E’ stata sufficiente gara sei per decretare i campioni d’ Italia del campionato di basket 2015-2016

Dopo essere stata sotto di 11 punti, nel terzo e quarto quarto , Milano ha lottato fino a portarsi a + 7. Nell’ulitmo ed interminabile minuto, Milano è riuscita a conservare il risultato e chiudere la partita 74 a 70.

Davide Falco

34ª edizione per il Valtellina Basket Circuit

Jamel McLean Valtellina Basket Circuit 2015 (Milano-Darussafaka)
Jamel McLean Valtellina Basket Circuit 2015 (Milano-Darussafaka)

Mentre sta entrando nella fase cruciale la finale scudetto con protagonista l’Olimpia Milano, che proprio a Bormio ha iniziato la stagione 2015/16, la Valtellina lancia il programma del’estate sotto canestro con la consueta offerta di eventi che vedranno scendere sul parquet del Pentagono di Bormio, la capitale del basket estivo, giovani atleti e grandi campioni.

Dai camp, al corso allenatori, passando per il Trofeo Bulgheroni e le Finali Nazionali Under 14, fino all’evento più conosciuto: il Valtellina Basket Circuit, giunto alla 34ª edizione.

Si parte, come consuetudine, con il Trofeo Bulgheroni (14-19 giugno), manifestazione giovanile riservata alle rappresentative regionali under 13 maschili e femminili: rassegna nazionale nata nel 1989 e che si è sempre svolta in provincia di Sondrio.

Non mancheranno i camp per i giovani virgulti del basket: fondamentali, tecnica e tanto divertimento con i migliori Istruttori federali a Caspoggio (19-25 giugno, per i nati dal 2004 al 2009) e a Bormio (22-28 agosto, età massima partecipanti 18 anni): una full immersion nel mondo della pallacanestro, con possibilità anche di day camp.

Torna anche quest’anno l’appuntamento per gli aspiranti coach (19 giugno – 2 luglio) con il corso per Allenatore Nazionale di secondo e terzo livello, al quale parteciperanno numerosi coach provenienti da tutta Italia che seguiranno lezioni teoriche e pratiche per ottenere l’ambito tesserino.

Dall’11 al 17 luglio 32 squadre si contenderanno il Trofeo Nazionale Topolino “Diego Pini“, finali nazionali under 14 per società dedicate a Diego Pini, storica figura del basket valtellinese che ha permesso a Bormio di diventare il polo della pallacanestro estiva d’alto livello.

Come sempre in Valtellina arriverà il basket dei campioni. Dal 10 agosto al 20 settembre appuntamento con il 34° Valtellina Basket Circuit, l’evento che porta sui parquet della provincia di Sondrio squadre di tutto il mondo per la preparazione in vista della stagione agonista, e che ha visto giocare a Bormio anche Michael Jordan.

Per questa edizione già confermata la presenza di Olimpia Milano EA7 e Vanoli Cremona. Respiro internazionale dell’evento assicurato da Antibes, Monaco e Tolone dalla Francia, Tofas Bursa e Darussafaka Istanbul dalla Turchia. In corso contatti con team belgi, svizzeri, russi e turchi, tra cui Galatasaray Istanbul e Gaziantep, con l’Astana in Kazakistan e quasi certo l’arrivo di un college USA.

Non perdete gli allenamenti e le partite in programma al Pentagono di Bormio che saranno, come sempre, a ingresso gratuito.

Dal 1968 la provincia di Sondrio ospita il Valtellina Basket Circuit, un torneo di pallacanestro che coinvolge  le grandi squadre del basket italiano ed europeo. In Valtellina le squadre disputano amichevoli precampionato e si allenano in preparazione della stagione agonistica. Michael Jordan è stato il protagonista indiscusso del circuito in ben due occasioni, nel 1985 e 1990.