Campionato di Calcio: torna “Pressing Serie A”

Pressing Serie A
Pressing Serie A

Riparte il Campionato di Calcio e torna “Pressing Serie A” con due puntate a settimana

Riparte il Campionato e torna dal 21 giugno su Italia 1 “Pressing Serie A”. Oltre alla classica puntata della domenica in seconda serata, il programma andrà in onda anche in occasione di ogni turno infrasettimanale del Campionato con highIights, gol, immagini e commenti in studio.

Riprende il grande calcio e Mediaset seguirà i match con i programmi informativi, con i servizi nei telegiornali e soprattutto con tutti gli aggiornamenti di SportMediaset.it.
Per “Tiki Taka” invece è allo studio una nuova formula editoriale per la prossima stagione. Con Pierluigi Pardo si valuteranno nuove collaborazioni giornalistiche nell’ambito dell’informazione sportiva Mediaset.

Coronavirus, Bike Sharing Milano

Bike Sharing Milano
Bike Sharing Milano

Coronavirus, Bike Sharing Milano. Assessore Terzi: non comprendo allarme Granelli, già comunicato che regole sono uguali a quelle per TPL

(Milano) “Non comprendo le preoccupazioni dell’assessore
Granelli in merito al bike sharing, che addirittura considera ‘a rischio.
Gli abbiamo gia’ comunicato che, nel rispetto delle vigenti regole di
distanziamento, confermiamo che sia per bike sharing che per car sharing, in
ambito comunale, valgono le stesse regole adottate per gli altri mezzi del
Tpl e che pertanto l’uso di guanti e mascherine dovra’ essere garantito
dagli utenti stessi”.
L’assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilita’
sostenibile, Claudia Maria Terzi, replica cosi’ all’assessore del Comune di
Milano, Marco Granelli.

“Sottolineo – conclude Terzi – che l’ultima ordinanza regionale recepisce le
linee guida approvate all’unanimita’ dalla Conferenza delle Regioni,
apportandovi all’occorrenza correzioni piu’ restrittive. Nel giusto
bilanciamento tra le diverse esigenze abbiamo applicato alle attivita’ di
noleggio, la flessibilita’ necessaria per garantire da un lato la sicurezza
sanitaria e dall’altro la continuita’ del servizio”.

 

Palazzo Marino: caccia al tesoro online

Caccia al tesoro
Caccia al tesoro

Palazzo Marino. Una caccia al tesoro online per scoprire la città

Milano – Una caccia al tesoro online su tutta la città, per una settimana dedicata alle ragazze e ai ragazzi delle scuole secondarie di Milano, e aperta anche ad appassionati e curiosi. Si tratta di un’iniziativa realizzata da Frame-Festival della Comunicazione, Comune di Milano, YesMilano e che è parte del progetto europeo Food Wave-Empowering Urban Youth for Climate Action che ha l’obiettivo di sensibilizzare i giovani sui temi del cambiamento climatico.

Sul sito www.cacciatesoromilano.it è possibile iscrivere la propria squadra gratuitamente a partire da sabato 30 maggio, fino al 5 giugno. Dopo l’apertura, che si terrà l’8 giugno con un messaggio del Sindaco Giuseppe Sala, ogni mattina, per cinque giorni, dalle 10 alle 14 vi sarà una tappa con 10 prove da superare, tra enigmi, iscrizioni da decifrare, indovinelli, quiz e indizi nascosti in diversi luoghi di Milano, dal centro alla periferia. Senza muoversi di casa, ma navigando nelle mappe web e collaborando in chat coi compagni di squadra.

Le squadre si cimenteranno in prove di abilità sui temi più svariati (arte, architettura, storia di Milano, tradizioni, cucina, sport, scienza e tecnica, musica, botanica, ecologia). Le tappe comprenderanno anche prove speciali dedicate alla sostenibilità, alla sana alimentazione, alla lotta agli sprechi, al riciclo e alle buone pratiche green.

Tra una prova e l’altra, ci saranno delle guide ad accompagnare i giocatori con dei brevi video: 18 milanesi che provengono dal mondo della cultura, dello sport, dello spettacolo, dell’informazione e della musica.

Oltre al Sindaco Sala i testimonial saranno Stefano Boeri, Beppe Severgnini, Claudio Bisio, Gherardo Colombo, Gad Lerner, Gino Vignali, Daria Bignardi, James Bradburne, Enrico Bertolino, Pierluigi Pardo, Danco Singer, Davide Oldani, Philippe Daverio, Javier Zanetti, Demetrio Albertini, Cristiana Capotondi, Andrea De Carlo, Francesca Valla.

Canale 5: serata-speciale con «Dunkirk»

fullres-BBSDTKT002
fullres-BBSDTKT002

Lunedì 1° giugno, dalle 21.30, serata-speciale con la prima visione dell’acclamato «Dunkirk» seguita dal documentario «L’Operazione Dynamo»

A 80 anni dall’evento, la pluripremiata opera di Chris Nolan ricorda il valore
e il sacrificio dei soldati, in una battaglia simbolo di unità e spirito di corpo.

Lunedì 1° giugno, a partire dalle ore 21.30, Canale 5 propone una serata speciale composta dal film di Chris Nolan «Dunkirk» e dal documentario L’Operazione Dynamo.
Gli eventi ricordati nella pellicola e nel doc a seguire raccontano quanto accadde tra il 26 maggio e il 4 giugno 1940 – esattamente 80 anni fa – sulla spiaggia di Dunkerque, territorio strategico a lungo conteso tra Spagna, Paesi Bassi, Inghilterra e la stessa Francia.

La prima visione in chiaro della pluripremiata opera acclamata dalla critica internazionale, gode di un grande cast che vede presenti Harry Styles, James D’Arcy, Kenneth Branagh, Cillian Murphy, Tom Hardy. Notevole la colonna sonora, a cura del grande Hans Zimmer.

Nolan mette in scena la rocambolesca evacuazione via mare dei soldati britannici, attraverso il porto di Dunkerque, l’unico che aveva resistito ai tedeschi grazie al sacrificio dei militari francesi. I morti sul campo furono 3.500, tra le fila britanniche, e 6.000, tra quelle francesi: di quest’ultimi, 34.000 vennero fatti prigionieri.
A disposizione del nemico, unica soddisfazione, rimase un bottino di proporzioni incredibili: i britannici furono costretti ad abbandonare 2.000 cannoni, 60.000 automezzi, 76.000 tonnellate di munizioni, 600.000 tonnellate di carburante e rifornimenti di ogni genere.

Era la fase iniziale della grande offensiva in Occidente sferrata dalle truppe tedesche della Wehrmacht, durante il primo periodo della Seconda guerra mondiale.
Il conflitto che provocò uno spaventoso numero di morti, tra 55 e 60 milioni (senza precedenti il coinvolgimento della popolazione civile, con bombardamenti a tappeto sulle città, rappresaglie e sterminio pianificato), si concluse con la vittoria degli Alleati, in Europa, l’8 maggio 1945 e, in Asia, nel settembre successivo.

A seguire, il documentario L’Operazione Dynamo, della serie Campi di battaglia, ricostruisce le operazioni di imbarco a Dunkerque, con immagini di repertorio e approfondimenti, ricordando il valore dei tanti combattenti, morti per salvare i propri commilitoni.

Milano: 2,5 milioni per scuole d’infanzia 0-6

Comune Milano, Laura Galimberti
Comune Milano, Laura Galimberti

Educazione. Dal Comune 2,5 milioni per sostenere il sistema educativo privato 0-6

Milano, 31 maggio 2020 – Il Comune di Milano mette a disposizione risorse fino a 2,5 milioni di euro, provenienti dal Fondo di Mutuo Soccorso, per sostenere il sistema educativo integrato che ha subìto importanti perdite economiche a causa dell’emergenza sanitaria dovuta al diffondersi del Coronavirus. Le linee di indirizzo per l’erogazione di questi fondi sono state approvate dalla Giunta.

I contributi saranno dedicati ai gestori privati di Centri Prima Infanzia, Micronidi, Nidi d’Infanzia, Nidi Famiglia, in possesso di regolare CPE (comunicazione preventiva di esercizio) o autorizzazione al funzionamento e alle Scuole dell’Infanzia paritarie private in possesso del relativo riconoscimento ministeriale.

“Siamo consapevoli – dichiara l’assessora all’Educazione Laura Galimberti – delle difficoltà in cui si stanno muovendo i gestori privati dei servizi alla prima infanzia, anche perché il sostegno alle opportunità per i più piccoli è spesso mancato in questa fase da parte delle istituzioni nazionali e regionali. Di fronte a questa situazione, abbiamo scelto di non rimanere inerti e siamo i primi a intervenire allocando risorse perché le realtà di questa rete, patrimonio inestimabile della città, possano continuare a operare garantendo un’offerta complementare rispetto a quella pubblica. Si tratta di un contributo che arriva, nel momento del bisogno, dalla generosità dei milanesi che, anche se in sofferenza, continuano a essere solidali. A loro va il nostro grazie”.

Le risorse, erogate attraverso la partecipazione a un avviso che verrà pubblicato a breve, andranno a sostenere le spese di mantenimento delle sedi destinate a questo tipo di servizi e a parziale copertura dei danni economici subiti da chi, in seguito alla sospensione dell’attività durante la fase del lockdown, ha concesso alle famiglie una riduzione o un esonero dalle rette dei bambini frequentanti per i mesi in cui non è stato possibile usufruire del servizio.

Sulla base della disponibilità finanziaria, verrà riconosciuto un contributo massimo di 300 euro a bambino a tutti i gestori di servizi e attività dedicate ai bambini di età compresa tra 0 e 3 anni, in possesso di una CPE. Ad esempio, un nido con 30 utenti potrà ricevere un contributo di 9mila euro; mentre per le scuole dell’Infanzia paritarie il contributo massimo sarà di 50 euro per ogni bambino frequentante alla data del lockdown.