McDONALD’S riapre in Lombardia

McDonald's
McDonald’s

McDONALD’S riapre in Lombardia
Attraverso i servizi McDrive, McDelivery e di asporto disponibili nei ristoranti della Regione, McDonald’s torna a servire i suoi clienti.
Milano, 4 maggio 2020 – McDonald’s riapre le sue porte in Lombardia con i servizi McDelivery, McDrive e di asporto, dopo aver adottato scrupolosamente tutte le misure di sicurezza e di igiene per garantire ai propri dipendenti e consumatori la tutela della propria salute.
Sul sito McDonald’s, al link che segue, è disponibile l’elenco dei ristoranti della Regione interessati dalla riapertura e le informazioni sui servizi disponibili: https://www.mcdonalds.it/riaperture
Sin dall’inizio, McDonald’s ha affrontato la situazione dovuta alla diffusione del Coronavirus con la massima attenzione e responsabilità, mettendo al primo posto la sicurezza e la salute dei propri 24.000 dipendenti in tutta Italia. Oggi, a distanza di quasi due mesi, torna a servire i suoi clienti, e lo fa in totale sicurezza attraverso l’adozione di misure e procedure rigorose.
Sanificazione dei locali, degli arredi e delle attrezzature; monitoraggio dello stato di salute dei dipendenti; gel igienizzante, guanti e mascherine; maggiore frequenza delle attività di pulizia e igiene: in questo modo McDonald’s garantisce la sicurezza e il benessere dei propri dipendenti, oltre a tutelare i propri consumatori.
Dal punto di vista operativo, per il servizio McDelivery è prevista la consegna senza contatto, sia ai rider, all’esterno del ristorante, sia al cliente. Per quanto riguarda il McDrive, la presa dell’ordine avviene in massima sicurezza tramite interfono e la consegna del pacchetto dal finestrino dell’auto. Il servizio di asporto è disciplinato in modo molto rigoroso per garantire la sicurezza dei clienti e dei dipendenti. Gli ingressi nel ristorante sono contingentati e i prodotti vengono consegnati in modalità contactless dal personale. L’ordinazione può avvenire in autonomia ai kiosk, per i quali McDonald’s ha messo in atto procedure straordinarie di pulizia e igienizzazione, o in cassa.

McDonald’s Italia
In Italia da 35 anni, McDonald’s conta oggi 600 ristoranti in tutto il Paese per un totale di 24.000 persone impiegate che servono ogni giorno circa 1 milione di clienti. I ristoranti McDonald’s italiani sono gestiti per il 90% secondo la formula del franchising grazie a 140 imprenditori locali che testimoniano il radicamento del marchio al territorio. Anche nella scelta dei propri fornitori McDonald’s conferma la tendenza a essere un marchio “locale”, con oltre l’84% di fornitori che è rappresentato da aziende con stabilimenti in Italia.

Olive all’Ascolana solidali – McDonald’s sostiene Arquata del Tronto

McItaly_Olive
McItaly_Olive

Arrivano in tutti i 540 ristoranti McDonald’s in Italia, le Olive all’Ascolana solidali,che sosterranno il Comune di Arquata del Tronto recentemente colpito dal sisma.Per ogni porzione di Olive all’Ascolana venduta McDonald’s devolverà 1€ per la costruzione di nuovo centro sportivo per bambini e ragazzi sito nel comune ascolano.

Le Olive all’Ascolana sono fornite da SIA,l’azienda della famigliaSpeca con sede a Offida, in provincia di Ascoli Piceno. Attiva dagli anni ’70, SIA oggi conta 45 dipendenti.

Fortunatamente, le recenti scosse non hanno compromesso il sito produttivo che può garantire le forniture,seppur con qualche problematica dovuta alle difficoltà logistiche e alla compromissione di alcune arterie viarie.

L’obiettivo è ambizioso: McDonald’s conta di distribuire 250.000 porzioni di Olive all’Ascolana e devolvere così 1€ a porzione a favore della costruzione di un nuovo centro sportivo per bambini e ragazzi nel Comune Arquata del Tronto.

Questa iniziativa vede la partecipazione di tutti i 540 ristoranti McDonald’s d’Italia che invitano i clienti,tramite l’acquisto delle Olive all’Ascolana, a sostenere la comunità di Arquata del Tronto.

Insieme alle Olive all’Ascolana, arriva in tutti i ristoranti McItaly, l’evento annuale di McDonald’s che celebra l’eccellenza delle carni italiane.

Quest’anno è la volta della carne Chianina, dal 9 al 29 novembre, e della carne Romagnola, dal 30 novembre al 20 dicembre. Le carni contenute nei due panini provengono dagli allevamenti aderenti al Consorzio di Tutela del Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale IGP.

Olive all’Ascolana
Disponibili dal 9 novembre al 20 dicembre

 Ingredienti: olive verdi denocciolate, con ripieno di carne, poi impanate e fritte.