Lollapalooza Berlino: Edizione 2018

lollapalooza2018-
lollapalooza2018-

È tutto pronto. La quarta edizione del Lollapalooza Berlino – che si terrà all’Olimpiastadium e all’Olimpiapark l’8 e il 9 Settembre 2018 – è pronta a salpare. Tantissimi i nomi di richiamo della musica internazionale: dai Weeknd, che presenteranno il loro nuovo album “My Dear Melancholy”, nella loro unica apparizione europea, allo spettacolare 3D show dei Kraftwerk; dagli acclamatissimi National alla freschezza degli Imagine Dragons; dal carisma indiscutibile di Liam Gallagher alle atmosfere intime di Ben Howard fino ai potenti set di grandissimi dj come David Guetta, Kygo e Armin Van Buren.

Ma non solo, tanti anche gli ospiti emergenti che calcheranno tutti i palchi del festival: Rag’n’Bone Man, autore della bellissima Human, la scatenata Dua Lipa, il talentuoso songwriter L.A. Salami, il giovanissimo Fil Bo Riva e tanti altri per completare una line up davvero fantastica.

Ad ospitare questo grande show quest’anno sarà la suggestiva cornice dell’Olympia Park e dell’Olympiastadium, nel cuore di Berlino. Dai Genesis a Micheal Jackson, dai Rolling Stones a Madonna tutti i più grandi hanno calcato il palco di questo grande tempio della musica e del calcio mondiale (ricordate i gloriosi mondiali del 2006?): quest’anno è il turno del Lollapalooza Berlino che ha deciso di onorare questa grandissima location con una line up spettacolare.

Tanti i palchi a disposizioni, fatevi un giro sulla mappa – la potete trovare qui: https://www.lollapaloozade.com/en/ -, scoprirete i tanti segreti del festival, dalle venue principali fino ai palchi per i più esigenti, dove rilassarsi e ascoltare grande musica con ottimo cibo e bevande di grande qualità.

Ma Berlino è anche una città magica, capace di offrire tantissimo in termini di offerta culturale e divertimento. Dal sottobosco underground alle mostre più in voga, dal culture clubbing all’arte del tatoo, dalla storia ai mercatini in cui scovare delle chicche altrove introvabile. Una location perfetta per un grande festival.

I 2 day ticket sono disponibili a 139 euro mentre i giornalieri invece costano 79 euro.
Sono anche disponibili degli speciali pacchetti come il Lolla Esperience Ticket (con tanto di tour nel backstage) a 229 euro e il VIP ticket a 289 euro.
Per acquistare i ticket e ogni altra informazione visita il sito ufficiale del festival qui:
https://www.lollapaloozade.com/en/tickets/

Festivaletteratura: Atlante, una mappa collettiva on the road da Brescia a Mantova

Mappa
Mappa

Con il progetto Atlante il Festivaletteratura di Mantova si lancia quest’anno in un’avventura editoriale mai tentata prima: la redazione collettiva e on the road di una mappa turistica del territorio che si distende tra Brescia e Mantova, sul percorso che passa per Rezzato, Desenzano, Solferino, Cavriana, Volta Mantovana e Goito.
L’obiettivo è di offrire uno strumento di esplorazione decisamente inusuale, compilato sul campo da tutti coloro che prenderanno parte a questo viaggio cartografico – compiuto rigorosamente a piedi – e destinato a chi vorrà esplorare in profondità e con il giusto tempo questo scorcio di Lombardia posto tra colli, laghi e pianura, forse ancora non conosciuto come meriterebbe.
In un viaggio in quattro tappe (la partenza è prevista da Brescia domenica 3 settembre, l’arrivo a Mantova mercoledì 6), i partecipanti – guidati da Luigi Farrauto e Andrea Novali, map designers e incalliti viaggiatori – avranno il compito di segnare sulle mappe mute, inserite in uno speciale taccuino impressioni, appunti, immagini, notizie relative ai punti di attrazione che incontreranno, guidati anche dalle segnalazioni pervenute sul sito di Festivaletteratura durante l’estate.

Piccoli tesori artistici, oasi naturali, ma anche botteghe, storie e personaggi notevoli andranno a comporre una guida della Lombardia profonda proposta sotto forma di installazione alla Tenda dei Libri di piazza Sordello per tutta la durata del Festival (da mercoledì 6 a domenica 10 settembre).

Ma per il successo di Atlante serve l’aiuto di tutti! La precisione e il dettaglio della mappa finale dipenderà certo dalla sensibilità e dalla capacità di osservazione dei partecipanti ad Atlante, ma soprattutto dalla conoscenza diffusa di chi vive e conosce il territorio.
Attraverso un apposito form attivo sul sito festivaletteratura.it/atlante è possibile infatti segnalare ai curatori di Atlante tutti i luoghi imperdibili presenti sul percorso Brescia – Mantova o nelle immediate vicinanze, che – nell’opinione di chi ce li segnalerà – devono assolutamente entrare in questa guida collettiva. Insieme alle indicazioni su memorie storiche, opere d’arte, oasi naturalistiche, vedute panoramiche, corti rurali, case private, botteghe, fabbriche, atélier di artisti, saranno particolarmente preziose le indicazioni sulle bellezze sconosciute e i posti segreti che solo chi vive nei luoghi attraversati dal percorso conosce. Saranno le loro annotazioni sulla mappa

Aperte le Prevendite di botticelli. Inferno

Botticelli_POSTER
Botticelli_POSTER

Arriva in oltre 230 sale il docufilm che racconta la storia della Mappa dell’Inferno di Dante dipinta da Botticelli

Mentre si scatena l’Infernomania con eventi e rassegne in tutta Italia, aprono le prevendite di Botticelli. Inferno, il docu film che racconta la storia del disegno che Botticelli dedicò all’Inferno di Dante e che sarà nelle sale solo dal 7 al 9 novembre.

Del resto, a distanza di secoli, l’opera di Botticelli continua a coinvolgere ed emozionare. I suoi quadri più celebri portano nei musei e nelle mostre di tutto il mondo migliaia e migliaia di visitatori ogni anno. Tuttavia uno dei suoi disegni più intimi e misteriosi – forse uno dei più importanti per comprenderlo nel profondo- è rimasto a lungo chiuso nei depositi climatizzati del Vaticano.

Si tratta del disegno che Botticelli dedicò all’Inferno di Dante e che diventa oggi protagonista di un film documentario originale, appassionato e coinvolgente.

 Botticelli. Inferno trasporterà gli spettatori in un altro mondo: un viaggio nel sottosopra attraverso i nove livelli dell’inferno. Proprio come nell’opera di Dante, infatti, solo attraversando Inferno e Purgatorio si potrà giungere al Paradiso e uscire “a riveder le stelle”.

Botticelli fece rivivere le descrizioni dantesche in un totale di 102 disegni minuziosi. Il fulcro dell’opera è proprio la “Mappa dell’Inferno”: una sorta di guida attraverso l’inferno con tutti i suoi vari livelli. Un lavoro affascinante e allo stesso tempo efferato su peccatori e contrappassi, incubi e punizioni. Ma cosa ci racconta oggi questa immagine oscura? Quanto svela di quel lato più inquieto e mistico di Botticelli e quanto parla alle nostre anime moderne?