News Wizz Air

Wizz A321Neo
Wizz A321Neo

Wizz Air, una delle compagnie aeree a più rapida crescita in Europa e il più grande vettore lowcost dell’Europa Centrale e Orientale accoglie oggi ad Amburgo il primo dei 256 Airbus neoche ha ordinato. L’Airbus A321neo di nuova generazione è dotato di due motori GTFPratt&Whitney, possiede la più ampia cabina a 239 posti a corridoio centrale con configurazione a classe unica e offre la massima flessibilità di Wizz Air, efficienza carburante e bassi costi operativi.

L’A321neo garantisce inoltre significativi benefici ambientali con una riduzione dell’impatto acustico di quasi il 50%, se comparato con l’aeromobile della generazione precedente. Prima di entrare in servizio nel 2016, il motore GTF Pratt and Whitneyha confermato le aspettative di ridurre del 16% il consumo di carburante e del 50% le emissioni di ossido di azoto.

Oggi ad Amburgo in occasione della cerimonia di consegna, JózsefVáradi, CEO di Wizz Air, ha dichiarato: “oggi comincia una nuova era nella storia di Wizz Air.
Siamo orgogliosi di dare il benvenuto nella nostra flotta in espansione al nostro primo aeromobile A321neo con motori GTF – il primo del più grande ordine al mondo di Airbus a corridoio unico. Siamo convinti che l’A321neo segnerà un momento storico per WIZZ, poiché continuiamo a crescere come leader di mercato e ad espanderci in Europa e oltre. Questo aeromobile dalla tecnologia avanzata ci permetterà di diventare una delle compagnie aeree più ecosostenibili e allo stesso tempo di abbassare i costi operativi nell’attuale contesto macroeconomico, restiamo infatti il produttore con le tariffe più basse e con il costo unitario più basso in Europa. Wizz Air continuerà a incentivare la domanda di viaggi aerei nell’Europa centrale, orientale e oltre, offrendo le tariffe più basse ai propri passeggeri e continuando a garantire un’ottima esperienza di viaggio a bordo di una delle flotte più giovani.”

 

“Tú sí que vales”: esordio boom

Tu-Si-Que-Vales-2018-giuria-
Tu-Si-Que-Vales-2018-giuria-

Per la quinta edizione di “Tú sí que vales”, risulta essere il  leader assoluto della prima serata con 4.761.000 spettatori totali e il 28.76% di share sul pubblico totale, che sale al 29.42% di share commerciale; successo anche sui giovani 15-34enni con il 30.11% di share.

Giancarlo Scheri, direttore Canale 5: «Serata televisiva d’eccellenza quella di ieri su Canale 5: altissima qualità e intrattenimento di assoluto livello internazionale. Gli ascolti sono da capogiro: è difficile scegliere tra i tanti numeri record (share, audience, valori medi, picchi) i più adatti a incorniciare il successo di questo programma. “Tú sí que vales” è una tra le trasmissioni più amate della tv italiana, pensata per ogni fascia di età e in grado di appassionare allo stesso modo e con la stessa intensità adulti e bambini. I giudici, Maria de Filippi, Gerry Scotti, Rudy Zerbi e Teo Mammucari, sono giganti del piccolo schermo, degli assoluti fuoriclasse. Complimenti a Iva Zanicchi, nuovo e irresistibile capo della giuria popolare, ai conduttori, Belen Rodriguez, Martin Castrogiovanni e Alessio Sakara, alla regia di Paolo Carcano e Andrea Vicario. Grazie a tutto il team artistico e produttivo che lavora instancabilmente da prima dell’estate per cercare, in tutto il mondo, i più spettacolari e improbabili performer che andranno ad arricchire questa nuova stagione».

Gogol Bordello: forti vibrazioni in Villa Arconati

festival-di-villa-arconati-gogol-bordello
festival-di-villa-arconati-gogol-bordello

Mercoledì 18 Luglio, ore 21

GOGOL BORDELLO: PURO METICCIATO ALTAMENTE COINVOLGENTE

I Gogol Bordello sono un gruppo musicale formatosi in un quartiere di New York nel 1993, che mescola reggae, punk, hip hop e musica tradizionale ucraina, rientrando nel genere del gypsy punk.

Gli strumenti musicali che usano sono i più diversi, dalla fisarmonica al fiddle, un simil-violino, oltre al sax presente in alcuni dischi, il tutto mescolato a cabaret, punk e dub.

Le performance dal vivo sono rese spettacolari dalle coreografie, dalle due percussioniste e dall’estro del cantante.

Molte delle loro canzoni traggono ispirazione dalla musica tzigana, anche perché la maggior parte dei componenti è immigrato dall’Europa orientale, a partire dal loro leader, l’eccentrico e talentuoso musicista e attore, Eugene Hütz, ucraino di origine, allontanatosi dalla repubblica sovietica nel 1986 a causa del disastro di Chernobyl e approdato a New York nel 1993.

Qui conosce Vlad Solofar, Sasha Kazatchkoff ed Eliot Fergusen, quest’ultimo aggiunge una nota rock al suono del gruppo. Successivamente si unisce il violinista Sergei Riabtsev, già direttore teatrale a Mosca e perfetto per dare una ulteriore dose di bizzarria alla band.