Carlo Mey Famularo: “Donna Nera”

Carlo Mey Famularo foto crediti Gaetano Morbioli
Carlo Mey Famularo foto crediti Gaetano Morbioli

Da oggi, giovedì 10 dicembre, è disponibile in streaming e in digital download “DONNA NERA” (Cieffe Label/Soundrop), il nuovo brano del cantautore napoletano CARLO MEY FAMULARO, interprete maschile della sigla della celebre soap-opera “Un Posto Al Sole”. “DONNA NERA” è il secondo singolo estratto dall’album “Cuba Cafè” in uscita nel 2021.

Prodotto e arrangiato da Max Marcolini (producer di Zucchero “Sugar” Fornaciari), “DONNA NERA” è un brano che mescola musicalità blues, afro e la melodia Italiana. Gli autori del brano sono Carlo Mey Famularo e Max Marcolini. “Donna nera” è stato registrato nello studio ART MUSIC STUDIO di Max Marcolini (http://www.maxmarcolini.com/biografia.html).

«Durante la mia infanzia ho vissuto per 6 anni in Venezuela nella città di Caracas – racconta Carlo Mey Famularo – durante quegli anni avevo una bambinaia che si prendeva cura di me: Ines, una bellissima ragazza di colore. Questa canzone è dedicata a lei. Grazie a lei, fin da bambino, ho capito che non esistono differenze di razza e di colore. Con lei avevo instaurato un bellissimo rapporto d’amicizia, d’affetto e di condivisione. Un rapporto sincero che annulla qualsiasi differenza. In Venezuela ho capito cosa fosse la vera integrazione. Questa canzone è un omaggio alla bellezza fisica e spirituale della Donna Nera che mi ha cresciuto».

Integrazione comunicato chiusure Milano Serravalle S.p.A.

autostrada-serravalle-fotogramma-kNJ-835x437@IlSole24Ore-Web
autostrada-serravalle-fotogramma-kNJ-835×437@IlSole24Ore-Web

Il precedente comunicato del 5 dicembre viene integrato dal presente, limitatamente a tratta e lavorazioni qui richiamate.

A7 MILANO-SERRAVALLE
Per lavori di pavimentazione di competenza SATAP, si rendono necessarie le seguenti chiusure:
– Dalle ore 22:00 di Mercoledì 9 Dicembre alle ore 06:00 di Giovedì 10 Dicembre 2020, verrà chiuso al traffico il ramo di svincolo dell’Interconnessione A7-A21 (Km 62+757) in uscita per Torino da carreggiata sud (direzione Genova). Il percorso alternativo prevede l’indirizzamento del traffico al casello di Tortona (Km 63+647).
– Dalle ore 22:00 di Giovedì 10 Dicembre alle ore 06:00 di Sabato 12 Dicembre 2020, esclusivamente in pari orario notturno per due (2) notti consecutive, verranno chiusi al traffico i rami di svincolo dell’Interconnessione A7-A21 (Km 62+757) in uscita per Torino da entrambe le carreggiate nord (direzione Milano) e sud (direzione Genova). Il percorso alternativo prevede l’indirizzamento del traffico ai caselli di Casei Gerola (Km 49+980) e Tortona (Km 63+647).

Integrazione comunicato 6 novembre – Milano Serravalle

milanoserravalle logo
milanoserravalle logo

Milano Serravalle comunica che il precedente comunicato del 6 novembre viene integrato dal presente, limitatamente a tratta e lavorazioni qui richiamate.

A7 MILANO-SERRAVALLE
Per lavori di pavimentazione di competenza SATAP, si rendono necessarie le seguenti chiusure:
– dalle ore 22:00 di Venerdì 13 Novembre alle ore 06:00 di Sabato 14 Novembre 2020, verranno chiusi al traffico i rami di svincolo dell’Interconnessione A7-A21 (Km 62+757) in uscita per Torino e Piacenza da carreggiata sud (direzione Genova).

Il percorso alternativo prevede l’indirizzamento del traffico al casello precedente di Casei Gerola (Km 49+980) per il successivo ingresso in A21 attraverso la viabilità ordinaria al casello di Voghera, o in alternativa al casello successivo di Tortona (km 63+647).

Snodo Mandrione Estate

Snodo Mandrione
Snodo Mandrione

Roma rinasce e, dopo il lockdown, regala al territorio un nuovo luogo dell’estate nel cuore popolare della città: Snodo Mandrione Estate.
Situato nel quartiere Mandrione, in Via del Mandrione 63, Snodo Mandrione nasce restituendo al territorio, e valorizzandolo, un antico smorzo, snodo ferroviario e legnameria romana, che operava in quell’area urbana tanto popolare quanto ricca di diversità e culture, che costeggia tutt’oggi l’Acquedotto Felice.

Già attivo durante l’emergenza coronavirus come APS di supporto alle fasce socialmente fragili, dal 21 giugno 2020 Snodo Mandrione apre le porte a tutti, inaugurando una novità dell’estate capitolina: Snodo Mandrione Estate.
“Nella sua offerta quotidiana di iniziative, l’obiettivo di Snodo Mandrione Estate è intercettare e portare al pubblico le più interessanti tendenze artistiche contemporanee, raccontando la Roma di oggi nelle sue molte sfaccettature, con un occhio particolare al sociale, all’incontro di culture e al racconto attuale della città, con le sue mille meravigliose anime” spiega il direttore artistico Tiziano Rizzuti.

A partire dalla prima serata, quella del 21 giugno, che vede in scena la staffetta esilarante di The Comedy Club che per l’occasione trasformerà Snodo Mandrione Estate nella casa di chi ama la Satira e la Stand Up Comedy con una carrellata unica di artisti: Luca Ravenna, Velia Lalli, Mauro Fratini, Daniele Fabbri, Francesco De Carlo, Saverio Raimondo, Pietro Sparacino.

“Dopo 3 mesi di quarantena, chiusi in casa, senza spettacoli di Stand up Comedy, senza lievito, finalmente torniamo con la satira sul palco, dal vivo. Celebriamo l’essere sopravvissuti con un super evento irripetibile, 7 tra i migliori comedian italiani sullo stesso palco (uno alla volta, e senza leccare il microfono stavolta)” dichiara Pietro Sparacino, presentatore e ideatore della serata.

Oltre agli appuntamenti, Snodo Mandrione (Circolo ARCI) è anche attenzione alla qualità a Km0 e ai più piccoli con l’area food a cura di Grandma Bistrot e l’area bimbi, con centro estivo mattutino.
Snodo Mandrione  come da antica vocazione di quartiere, sarà laboratorio di integrazione e inclusione, luogo di incontro e confronto tra identità, culture e comunità per crearne una sola, diversa, altra, multiforme, aperta.

Per la serata del 21 giugno, ingresso 13 euro e posti limitati. Apertura botteghino ore 20.00, apertura sala ore 20.45, inizio spettacolo ore 21.30.

Roma riparte dal sociale: Apre Snodo Mandrione

Snodo MAndrione area bimbi
Snodo MAndrione area bimbi

Roma riparte dal sociale. Quando l’emergenza covid non è più sostanzialmente solo sanitaria, ma si trasforma in urgenza sociale, alla ricerca di soluzioni per ricominciare da chi ne ha più bisogno e dai soggetti fragili maggiormente colpiti, nel cuore di Roma apre Snodo Mandrione: un luogo fisico, innanzitutto, ma anche una rete di sinergie sociali che va a intervenire in un territorio dalla difficile storia e dalle grandi sfumature in un periodo che vede più che mai esposte le fasce sociali più a rischio.

Da sempre laboratorio a cielo aperto di integrazione e inclusione, culla del “metodo Zammataro”, il Mandrione conferma la sua vocazione di “fabbrica” sociale e di recupero grazie a Snodo Mandrione, il nuovo centro Polifunzionale, APS e Circolo Arci, nato all’interno di quella che era un’antica legnameria romana. Tipico spaccio capitolino, sito in quell’area urbana che costeggia per gran parte l’Acquedotto Felice, lo snodo cadde in disuso negli anni Ottanta, trasformandosi in uno scheletro di archeologia industriale che raccontava ancora la storia di una Roma ormai scomparsa.

Dopo anni di degrado, le baracche di Via del Mandrione vengono restituite a nuova vita e si trasformano in Snodo Mandrione.

Crescita culturale, socialità, mutualismo, partecipazione e senso della comunità: sono queste le parole chiave del Circolo Arci Snodo Mandrione, attraverso le quali il centro e l’associazione decli-nano le diverse attività che in questo luogo vanno a incontrarsi e confluire.

In attesa di potersi aprire, come da progetto, a eventi culturali, l’associazione di promozione sociale Snodo Mandrione riparte in fase 2 da attività di sostegno sociale e azioni di solidarietà, insieme alla gestione di laboratori formativi permanenti e progetti di inclusione sociale. Un insieme di buone pratiche, nell’ottica della promozione del territorio, della sua valorizzazione e dell’apertura alla cittadinanza, come spazio inclusivo, mettendo insieme e facendo incontrare privato sociale e istituzioni.

Aps Snodo Mandrione propone alla città iniziative destinate al reinserimento sociale, ma anche all’integrazione e alla crescita sociale e culturale: tutto per uno snodo che diventi, come da antica vocazione di quartiere, laboratorio di integrazione e inclusione, luogo di incontro e confronto tra identità, culture e comunità per crearne una sola, diversa, altra, multiforme, aperta… e solidale in questo periodo di emergenza.

Nella fase 2, i progetti di inclusione e creazione di reti sono le attività principali di Snodo Mandrione che ha attivato tre progetti iniziali: il progetto inclusione, che prevede il reinserimento sociale dei soggetti fragili; lo sportello sociale di orientamento al lavoro; il polo d’ascolto territoriale in collaborazione con gli uffici UEPE, destinato a utenti in detenzione domiciliare.