JAZZaltro- secondo appuntamento

logo JAZZaltro
logo JAZZaltro

Dopo il live inaugurale dei Fanfara Station entra nel vivo l’undicesima edizione di
JAZZaltro, la manifestazione che dal 2010 propone lungo l’asse della Strada del Sempione e del fume Olona, in provincia di Varese, una serie di appuntamenti legati alle musiche del mondo (dal jazz allo swing, dal blues al folk, dal tango alla bossanova ma non solo), “aprendosi” sempre più spesso a ulteriori forme espressive e artistiche, dalla danza al teatro, dalla scultura alla fotografia.

Sabato 11 luglio, a Castellanza, nel cortile del Municipio, si esibirà il trio composto da Giovanni Falzone (tromba), Arsene Duevi (voce, basso e chitarra) e Tetè Da Silveira (percussioni) per un imperdibile e travolgente show in equilibrio tra jazz e world music, tra improvvisazione e ritmi africani (ore 21, ingresso libero, prenotazione obbligatoria inviando un’email a management@abeatrecords.com; in caso di maltempo, il concerto si svolgerà al Teatro Dante).

“QUANTI NOCC”: disco live di Davide Van De Sfroos

Davide Van De Sfroos_ph Enza Procopio
Davide Van De Sfroos_ph Enza Procopio

Il 22 novembre esce “QUANTI NOCC” (MyNina / Artist First), il nuovo disco live del cantautore e scrittore DAVIDE VAN DE SFROOS, in versione digitale, doppio CD e triplo vinile. L’album è disponibile da lunedì 4 novembre, in pre-order in edizione limitata autografata al seguente link: https://musicfirst.it/717-davide-van-de-sfroos-quanti-nocc.

Il disco live è lo specchio fedele del ritorno sul palco dell’artista, un intenso anno di concerti e viaggi ricchi di emozioni che ha reso ancora più forte il legame con il suo pubblico.

Al via dal 23 novembre da Varese l’instore tour, speciali appuntamenti in cui l’artista incontrerà i fan ed eseguirà i brani del nuovo disco.

Di seguito il calendario dell’Instore tour:

23 novembre, Varese Dischi – VARESE (ore 19.00)
24 novembre, CC Le Due Torri – STEZZANO BG (ore 16.00)
25 novembre Feltrinelli via Quattro Spade – VERONA (ore 18.00)
26 novembre Feltrinelli via Cantù – COMO (ore 20.00)
27 novembre Mediamarkt c/o CC Lugano Sud – LUGANO (ore 15.30)
28 novembre Feltrinelli Piazza Piemonte MILANO (ore 18.30)

«Un album di foto, di istantanee scattate in luoghi diversi, in città e serate differenti, dove lo spirito di ogni brano e di ogni suono si intrecciava alla notte e al pubblico in modo differente – spiega DAVIDE VAN DE SFROOS in merito al nuovo album – Abbiamo scelto tra centinaia di esecuzioni quelle che ci sembravano permeate da maggior forza ed eseguite con più convinzione, trasportati dal flusso possente delle esibizioni effettuate nel corso del TOUR DE NOCC che è stato seguito con molto affetto nei teatri e del VAN TOUR estivo che ha visto sotto il palco moltissime persone cantare e ballare nelle notti estive all’aperto nelle località più disparate. Sarebbe stato impossibile per me non desiderare un disco che riproponesse e fermasse nel tempo queste emozioni. La combinazione straordinaria dei musicisti e degli strumenti suonati mi ha fatto ritrovare dopo tante esecuzioni nel tempo, ancora una volta delle sorprese emotive tingendo le canzoni anche più famose con nuovi colori che le hanno rese uniche nel loro momento. Uno spruzzo di jazz, il folk che scherza insieme al Reggae, le ballate morbide con la suggestione di flauto, violino, fisarmonica e percussioni speciali, il rock che subentra teso e che poi si rilassa, sono ingredienti importanti del disco “Quanti Nocc” che oltre ai numerosi pezzi raccolti, testimonia anche un istante ben preciso nel corso di queste stagioni di concerti».

Dancing On The Strings

Eleonora Bordonaro
Eleonora Bordonaro

Si chiude nel segno del folk, dei suoni, dei colori e degli umori della Sicilia la terza edizione di “Dancing On The Strings”, rassegna musicale senza limiti di genere nata per proporre progetti in cui i protagonisti principali sono stati gli strumenti a corda, ma che ha ospitato anche formazioni e artisti impegnati in progetti con una forte componente originale e innovativa.

È questo, più che mai, il caso di Eleonora Bordonaro, straordinaria cantastorie in arrivo da Paternò (Catania), che si esibirà venerdì 16 novembre al Cineteatro Astrolabio di Villasanta (inizio live ore 21.30; ingresso 8-10 euro): in scaletta l’album di esordio “Cuttuni e lamé – Trame streuse di una canta storie”, uscito nell’ottobre del 2017 e realizzato insieme al polistrumentista e compositore Puccio Castrogiovanni, con la collaborazione di alcuni dei musicisti siciliani più rappresentativi (da Alfio Antico allo storico gruppo dei Lautari, dal talento jazz del pianista Seby Burgio e del chitarrista Denis Marino a Mario Incudine).

Interprete dalla vocalità duttile ed intensa, Eleonora Bordonaro canta in italiano, siciliano, portoghese, inglese, spagnolo e gallo-italico e, nel corso della sua carriera, ha collaborato con alcune importanti formazioni tra le quali l’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica di Roma diretta da Ambrogio Sparagna.

Impegnata a sperimentare le molteplici possibilità espressive della voce, Eleonora ricerca e interpreta canti siciliani di tradizione orale, dalla poesia popolare a quella dei cantastorie, dal repertorio contadino a quello sacro, con particolare attenzione al racconto del mondo femminile.

“Cuttuni e lamé – Trame streuse di una canta storie” è un autentico lavoro di ricerca musicale e culturale, in cui si mescolano il nuovo e l’antico, la Sicilia e le donne, l’ironia e la leggerezza, la spiritualità, la determinazione e la furbizia in un racconto musicale che incrocia i cantastorie, la melodia e i suoni contemporanei.

Estate Sforzesca: WrongOnYou in concerto

WrongOnYou-
WrongOnYou-

Il cantautore romano dal sound internazionale WRONGONYOU, dopo una serie di concerti in Europa che lo hanno portato in Francia, Inghilterra, Germania e Olanda, torna ad esibirsi in Italia con un tour estivo che domani, mercoledì 11 luglio, farà tappa al Castello Sforzesco di Milano, un appuntamento che si inserisce nella rassegna Estate Sforzesca (Piazza Castello 3 – inizio ore 21.00 – biglietti disponibili su Ticketone e Mailticket).

Sarà l’occasione per ascoltare live il suo album d’esordio “Rebirth” (Carosello Records), che sta ricevendo ottimi consensi sia in Italia che all’estero. Il disco incarna perfettamente lo spirito dell’artista e la direzione che ha preso la sua musica nell’ultimo anno: un eclettico mix di folk ed elettronica, con un sound internazionale, fresco e contemporaneo.

Special guest sul palco con Wrongonyou per un set inedito sarà Dardust, aka del compositore e pianista Dario Faini, che unirà la musica del suo pianoforte alla voce del cantautore.

Con Wrongonyou sul palco la sua band composta da Gianmarco Ricasoli (chitarra), Graziano Sessa (basso) e Flavio Zampa (batteria).

Il concerto è organizzato da Comune di Milano, Shining Production, BPM Concerti e WOODOO Fest.

Premio Città di Loano

elenaledda_PierluigiManca2_preview
elenaledda_PierluigiManca2_preview

Voce della Sardegna per eccellenza, è la cantante Elena Ledda che si aggiudica con Lantiàs (S’Ard Music) il Premio Nazionale Città di Loano per la Musica Tradizionale Italiana assegnato al Miglior Album del 2017.

Giunto alla 14a edizione, il Premio Loano è il principale riconoscimento per la musica di tradizione in Italia ed è consegnato ogni anno alla migliore produzione musicale di ambito folk da una giuria composta da oltre sessanta giornalisti specializzati.

Dal 23 al 27 luglio cornice della manifestazione – la prima a cura del nuovo direttore artistico Jacopo Tomatis – sarà come sempre l’omonima cittadina ligure in provincia di Savona e avrà come titolo riGenerazioni.

Un’edizione dedicata dunque ai passaggi generazionali nella musica di tradizione, con un occhio rivolto agli sviluppi contemporanei più vivaci e originali della scena folk italiana.

Al secondo posto si classifica Canti, ballate e ipocondrie d’ammore di Canio Loguercio e Alessandro D’Alessandro (Squilibri); mentre il Canzoniere Grecanico Salentino conquista il terzo posto con Canzoniere (Ponderosa).

Quest’anno debutta inoltre anche il Premio Loano Giovani, assegnato dalla giuria di giornalisti alla miglior produzione musicale di musicisti under 35 che non abbiano pubblicato più di due album. Il disco più votato è stato La muta vita delle Lame da Barba (autoproduzione).

La direzione artistica e l’organizzazione del Premio Loano hanno attribuito come di consueto il Premio alla Carriera e il Premio alla Realtà Culturale, rispettivamente a Gastone Pietrucci (La Macina) e ai Trouveur Valdotèn.