Vasca di laminazione Parco Nord

Vasca laminazione parco Nord
Vasca laminazione parco Nord

Vasca di laminazione Parco Nord, Evi (M5S): gravi rischi per la salute dei cittadini, sollecitata la Commissione Ue

“I lavori per la realizzazione della vasca di laminazione del Seveso nel parco Nord devono essere interrotti: l’opera, che Regione Lombardia e Comune di Milano hanno deciso di costruire in uno dei pochi polmoni verdi nella zona a nord di Milano, presenta gravi rischi per la salute dei cittadini residenti nell’area circostante a causa della presenza di inquinanti chimici e cancerogeni nelle acque del fiume. Rischi che non sono stati adeguatamente valutati nell’ambito della Valutazione di Impatto Ambientale e che risultano ulteriormente aggravati dall’emergenza dovuta alla diffusione del Covid-19. Infatti i lavori di realizzazione dell’opera prevedono la movimentazione di fanghi potenzialmente contaminati da tracce di Covid-19 e altri patogeni e il passaggio di mezzi pesanti che aumenterà fortemente i livelli di inquinamento da polveri sottili, laddove vari studi hanno dimostrato che alti livelli di particolato nell’aria possono aumentare la mortalità per infezione da Covid-19”, dichiara Eleonora Evi, europarlamentare del Movimento 5 Stelle.

“Se Comune di Milano e Regione Lombardia sono sordi alle esigenze dei cittadini altrettanto non può esserlo l’Europa. Per questo ho interpellato la Commissione europea chiedendo se non sia da considerarsi necessario un aggiornamento della Valutazione di Impatto Ambientale, soprattutto alla luce delle mutate condizioni sanitarie legate all’emergenza. Io rimango al fianco dei cittadini che da anni si battono contro questo progetto scellerato e antistorico, un’opera che, non solo non risolve il problema delle esondazioni del Seveso, ma rappresenta anche un attentato alla salute pubblica”, conclude Evi.

 

NO vasca laminazione Parco Nord

Vasca laminazione parco nord
Vasca laminazione parco nord

Vasca laminazione Parco Nord, Evi (M5S): Comune di Milano e Regione Lombardia ignorano i richiami di Bruxelles

“L’apertura del cantiere di realizzazione della vasca di laminazione del fiume Seveso all’interno del Parco Nord è uno schiaffo ai moltissimi cittadini che da anni si oppongono all’opera sulla base di legittime e fondate preoccupazioni per la loro salute. Non solo, questo avanzamento conferma la volontà, di Comune di Milano e Regione Lombardia, di ignorare i rilievi sollevati dal Parlamento europeo sul progetto delle vasche di laminazione, che in seguito all’esame dell’opera, grazie alle petizioni inviate dai cittadini di Bresso e di Senago, è intervenuto presso le autorità proponenti per esprimere forte preoccupazione, evidenziando le criticità del progetto”, dichiara Eleonora Evi, europarlamentare del Movimento 5 Stelle.

“È inaccettabile che anche i richiami provenienti dal Parlamento europeo vengano così bellamente ignorati. Anziché esultare per l’inizio dei lavori l’Assessore Maran dovrebbe pensare a rispondere alle molte lettere e solleciti che il Comune di Milano ha ricevuto dal Parlamento UE sulla questione delle vasche, che a distanza di anni ancora attendono una risposta”, conclude Evi.