Rinascimento.Il Genio e il potere dai Medici ai Borgia

strukul_electa
copertina

Cent’anni, dalla cupola di Filippo Brunelleschi al Sacco di Roma. Dal sogno che divenne realtà, con la cupola impossibile di un orafo fiorentino pazzo e geniale, fino al più spietato e terrificante saccheggio mai perpetrato nella storia dell’umanità.

Nel mezzo, i capitani di ventura, Donatello e il suo David, Leonardo da Vinci e il dipinto perduto della Battaglia d’Anghiari; e poi Marsilio Ficino, Pico della Mirandola e l’Accademia neoplatonica, La nascita di Venere di Sandro Botticelli e la corte di Lorenzo il Magnifico.

E ancora, il lato oscuro del Rinascimento con Lucrezia Borgia, il Valentino, i lanzichenecchi, ma anche il coraggio di uomini d’arme come Giovanni dalle Bande Nere.

Il volume si articola in otto capitoli: brevi saggi divulgativi, racconti, scampoli di biografia, scene d’azione, riflessioni a cortoraggio. E poi tele straordinarie e affreschi, disegni, illustrazioni,fotogrammi, monete, spade, stemmi, in una giostra di elementi
grafici e visivi.

L’autore consegna al lettore un’Italia vista nello splendore delsuo Rinascimento, raccontando in modo avvincente e fortemente divulgativo scintille d’arte fra architettura, pittura, storia e letteratura.

In libreria per Mondadori Electa illustrati dal 13 novembre

La riscossa del Belìce parte dalla cultura

margherita-la-rocca-ruvolo-sindaco-montevago-
margherita-la-rocca-ruvolo-sindaco-montevago-

Dal 9 al 15 luglio 2018 il muro esterno del campo sportivo Queen Elizabeth II di Montevago sarà il luogo dell’intervento di Street Art curato dall’Associazione CaravanSerai per il progetto “Riscossa” promosso dalle associazioni Assae e La Smania Addosso e dall’Ordine dei Cavalieri di Montevago con il sostegno e il finanziamento del comune di Montevago.

L’intervento di Street Art sarà realizzato dagli artisti Collettivo Fx, I mangiatori di Patate, Luogo Comune e Zeno, i quali lavoreranno in sinergia per realizzare un’unica opera artistica che sia al contempo narrazione della memoria collettiva del sisma del ‘68 dell’area del Belìce e momento di confronto e riappropriazione di un luogo fortemente identitario della comunità.

“Riscossa” si inserisce tra la serie di interventi ed azioni puntuali di risemantizzazione dei luoghi del centro storico di Montevago, avviate da qualche anno volte ad innescare, nel più ampio processo in atto di valorizzazione e rigenerazione del territorio, una ri-costruzione dell’identità culturale locale, l’attivazione di percorsi di cittadinanza attiva ed interculturale, la promozione di nuove economie per una fruizione dei luoghi sana e sostenibile e una riappropriazione degli spazi urbani collettivi.

L’iniziativa artistico-culturale trasformerà quello che oggi è un “muro di confine-contenimento”, superficie afona, in uno spazio osmotico eloquente.
Si va quindi ad aggiungere un ulteriore tassello in quello che è il mosaico di risemantizzazione del centro storico di Montevago, ancor oggi luogo devastato dal terremoto e lasciato all’oblio, per il quale è in atto un processo virtuoso di rigenerazione per un spazio urbano che possa diventare luogo di promozione e valorizzazione di una cultura non solo locale ma anche sovralocale mediterranea tra arte, terra e cultura.

“E’ un progetto artistico e culturale di grande importanza – ha detto il sindaco Margherita La Rocca Ruvolo – per la rigenerazione urbana di Montevago e nello stesso tempo per mantenere viva la memoria e l’identità di una comunità ancora fortemente segnata da terremoto del 1968. Ringrazio i promotori e gli artisti coinvolti nel progetto che l’amministrazione comunale continuerà a sostenere con convinzione, certa che dal recupero dei luoghi attraverso l’arte e la cultura passino anche nuove opportunità per il rilancio turistico nel nostro territorio”.

Bollate: Le Iscrizioni per Giocotanto 7su7

giocotanto-giochi-
giocotanto-giochi-

Un mese in più per le iscrizioni a Giocotanto 7su7, il centro per la prima infanzia del Comune di Bollate. Il termine non sarà più il 31 maggio ma il 30 giugno 2018, con domanda esclusivamente online.

Giocotanto propone a bambine e bambini, da 18 a 36 mesi, uno spazio di prima socializzazione in cui fare esperienze di gioco adatte ai bisogni di questo intenso periodo di crescita. La scoperta dei coetanei e delle prime regole dello stare insieme viene favorita dalla possibilità di accedere liberamente alle diverse proposte di gioco psicomotorio.

ORARIO: Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì in orario 8.00/12.00 e accoglie 15 bambini al giorno. Sono previste modalità di frequenza diversificate: bisettimanale, trimestrale, e per tutta la settimana.
COSTI DA SOSTENERE: E’ richiesto il pagamento di una retta mensile, differenziata per fascia ISEE.
COME ISCRIVERSI: Le domande per l’accesso alle graduatorie per l’anno educativo 2018/2019 sono aperte fino al 30 giugno 2018; possono essere presentate esclusivamente on-line, collegandosi al sito: www.bollate.ecivis.it.

Giocotanto 7su7 fa parte del Progetto Passi Piccoli, avviato da poco grazie alla collaborazione di Koinè Cooperativa sociale, Azienda Consortile Comuni Insieme, Comune di Bollate, Associazione culturale Nudoecrudo, Associazione IRIS, Consorzio SiR, Istituto Italiano di valutazione.

OnDance di Roberto Bolle

ondance-
ondance-

OnDance – Accendiamo la danza è una grande festa della danza ideata e voluta dall’ “Étoile dei Due Mondi”, Roberto Bolle, che letteralmente travolgerà la città di Milano dall’11 al 17 giugno. Un invito a ballare e far ballare, un inno alla danza in ogni sua forma, come battito universale del cuore dell’uomo. ondance,danza moderna,str
Spettacoli, eventi, workshop gratuiti di danza classica, contemporanea e street con maestri di caratura internazionale, corsi accademici dedicati ai vari generi di danza, laboratori di disegno del movimento, giocodanza, lezioni alla sbarra per tutta la città, flash mob, mostre fotografiche e installazioni live, ritrovi notturni di tango, maratone di swing.

Un calendario fittissimo, una settimana di cultura del ballo ricca di iniziative per vivere la danza come non la si è mai vissuta, per chi è già un appassionato e per chi semplicemente vuole godersi lo spettacolo o provare ad assaggiare questo mondo così variegato e coinvolgente.

OnDance non è solo classica. Dalla danza moderna alla street, dal tango al giocodanza a tutte le discipline preparatorie: un caleidoscopio gioioso di movimento che letteralmente travolgerà la città di Milano.

Molti i luoghi di Milano che diventeranno palcoscenico nella settimana di OnDance che si chiuderà con una grande festa, un djset organizzato da Radio Deejay all’Arco della Pace con un momento di ballo collettivo diretto da Roberto Bolle.

“Tempesta”: nuova produzione Aterballetto

Tempesta foto Viola Berlanda
Tempesta foto Viola Berlanda

Dal 12 al 14 giugno al Teatro Strehler
Tempesta

Aterballetto
Coreografia di Giuseppe Spota

Martedì 12 giugno debutta, in prima assoluta al Teatro Strehler, Tempesta, una coreografia di Giuseppe Spota sulle musiche, scritte appositamente per lo spettacolo, di Giuliano Sangiorgi, con la drammaturgia di Pasquale Plastino, le scene di Giacomo Andrico, la consulenza critica di Antonio Audino, i costumi di Francesca Messori e le luci di Carlo Cerri.

Con Tempesta Aterballetto affronta una sfida: mettere alla prova la capacità della danza di raccontare una narrazione teatrale, illuminandone le storie e i personaggi in modo originale, osservandoli da nuovi punti di vista, garantendo una chiara leggibilità della vicenda originale senza rinunciare ad aprire dimensioni visionarie.

E allora lo spettacolo partirà proprio da una tempesta: quella che, possiamo immaginare, ha portato Prospero e Miranda a naufragare sull’isola, per poi ripercorrere la linea degli eventi delineata da Shakespeare, evidenziando alcuni nuclei tematici di forte profondità umana.