Nada: “Dove sono i tuoi occhi”

NADA_1_credits Claudia Pajewski
NADA_1_credits Claudia Pajewski

S’intitola “DOVE SONO I TUOI OCCHI”, il nuovo singolo di NADA, disponibile da oggi, venerdì 23 novembre. Il brano anticipa il nuovo disco di inediti che uscirà nel 2019 per Woodworm Label / distr. Artist First.

Il nuovo lavoro discografico si arricchisce della preziosa produzione di John Parish, già produttore, insieme a PJ Harvey, dell’album di Nada del 2003, “Tutto l’amore che mi manca”.

Protagonista della musica italiana, interprete e autrice dalla classe e dalla sensibilità uniche, fin dai suoi esordi Nada firma alcuni dei grandi successi italiani divenuti internazionali.

La sua “Senza un perché”, ad esempio, è stata recentemente inserita da Paolo Sorrentino all’interno della colonna sonora della serie TV “The Young Pope”, un successo mondiale distribuito in oltre centoquaranta paesi.

NADA PARLA DEL BRANO “DOVE SONO I TUOI OCCHI”
E poi ci sono momenti di mancanza, di assenza. Momenti in cui avverti il disperato bisogno di avere chi non riesci ad accettare che non ci sia. Ci illudiamo che chiamandolo forte, urlando il suo nome, possa sentirci e capire che senza la sua presenza la nostra vita non ha nessun valore e si piega su se stessa.

Miss Italia: Jesolo sempre protagonista

miss italia 2018
miss italia 2018

“E’ con grande soddisfazione che posso comunicare le prime novità della 79ma edizione di Miss Italia e, in particolare, che le 200 candidate elette nelle regioni saranno ospitate dal 3 all’8 settembre a Jesolo, la ‘città delle miss’, per partecipare alle Prefinali nazionali”: è l’annuncio fatto ieri da Patrizia Mirigliani, patron del Concorso.

Il numero delle candidate – ha aggiunto – sarà ridotto gradualmente fino all’individuazione delle 30 ragazze che si contenderanno il titolo di Miss Italia domenica 16 settembre in diretta dagli studi televisivi di Milano di Infront Italy, la prestigiosa società di sport marketing che da quest’anno gestirà la produzione, in collaborazione con Miren, delle due prime serate in onda il 13 e il 16 Settembre su La7.

“Alla vigilia dell’80° anniversario della nascita di Miss Italia – ha detto Patrizia Mirigliani – stiamo preparando un’edizione sempre più moderna e innovativa che coinvolge Jesolo ed anche Venezia, già lo scorso anno in stretta collaborazione con il concorso. Jesolo, che rimane ad ogni effetto la base delle selezioni nazionali di Miss Italia, avrà quest’anno uno spazio televisivo ben maggiore rispetto al passato, con il coinvolgimento dell’intero suo territorio e delle sue grandi risorse naturalistiche e turistiche. La città sarà protagonista anche durante la finale live.

Italo e la Polfer viaggiano insieme

firma italo polfer
firma italo polfer

Andrea Faragalli Zenobi, Presidente di Italo NTV e Roberto Sgalla, Direttore Centrale delle Specialità della Polizia di Stato hanno siglato oggi un importante accordo, mirato a rendere ancora più sicuri gli spostamenti dei tanti viaggiatori che quotidianamente utilizzano i servizi di Italo,attraverso la collaborazione tra la Polizia Ferroviaria ed NTV.

La tutela dei viaggiatori è la mission istituzionale della Polizia Ferroviaria,il cui compito è volto a garantire la sicurezza di coloro che frequentano le stazioni o utilizzano il treno per i propri spostamenti attraverso la prevenzione e repressione dei reati.

E’ una priorità anche per NTV che dedica investimenti e progetti in tale ambito. L’accordo di oggi viaggia in questa direzione: una sinergia mirata alla tranquillità ed alla sicurezza degli utenti del mezzo ferroviario.

Da giugno 2017 sui treni Italo saranno presenti operatori della Polferin uniforme, per essere facilmente riconoscibili e per poter costituire un sicuro punto di riferimento per i passeggeri oltre che per il personale ferroviario, grazie anche al contatto telefonico diretto tra gli agenti ed i membri dell’equipaggio.

L’iniziativa prevede l’attivazione di mirati servizi di scorta a cura della Polfer sui treni NTV, nonché incontri periodici per uno scambio informativoutile ad orientare al meglio le attività operative.

“Ringrazio la Polfer perché oggi, grazie alla firma di questo accordo, un altro tassello è stato aggiunto al nostro lavoro volto a rendere sempre più unica l’esperienza di viaggio dei nostri passeggeri” dichiara Andrea Faragalli Zenobi, Presidente di Italo Ntv. “Italo crede molto nella prevenzione e investe tempo e risorse nella sicurezza dei suoi viaggiatori. Lo testimonia, in questi quasi 5 anni di attività, il grande impegno profuso dall’azienda nel costante lavoro di ottimizzazione delle procedure di prevenzione e sicurezza e nel lavoro quotidiano messo in campo dal personale di bordo e di stazione”.

“In un contesto come quello ferroviario, frequentato ogni giorno da milioni di persone, il concetto di sicurezza – dichiara il Pref. Roberto Sgalla, Direttore Centrale delle specialità della Polizia di Stato- non può più essere abbinato soltanto alla riduzione dei reati: in questo senso i dati relativi al 2016 ci confortano con un calo dei furti del -27%. Per “fare sicurezza” occorre sempre più agire sul senso di sicurezza percepita, nella consapevolezza che solo attraverso una presenza costante e visibile delle pattuglie, in stazione ed a bordo treno,si può effettivamente “rassicurare”. La convenzione con NTV si pone in questa direzione: solo un approccio sinergico ed integrato può favorire le condizioni per offrire standard di qualità del servizio di trasporto in linea con le aspettative dei viaggiatori, che pongono sempre più la sicurezza tra le proprie necessità”.

Carceri: “Ricerca ‘Space’ “

donato-capece
donato-capece

“La ricerca ‘Space’, lo studio sul sistema penitenziario dei 47 Paesi membri del Consiglio d’Europa, arriva fuori tempo passivo. La situazione penitenziaria italiana è di nuovo allarmante, a livello di affollamento e di eventi critici contro la Polizia Penitenziaria anche a seguito di vigilanza dinamica e regime penitenziario aperto”.

Lo dichiara Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, il primo e più rappresentativo dei Baschi Azzurri del Corpo.

“Al 28 febbraio 2017 i detenuti in Italia erano quasi 56mila, 55.929. Sono oltre 3.500 rispetto ai dati forniti nel Rapporto Space, che può indurre in errore se si pensa che i numeri sono riferiti ad oggi. Così non è. I detenuti in attesa di giudizio sono 9.831, gli appellanti 4.633 ed i ricorrenti 3.632: ossia, oggi oltre 18mila persone sono in attesa di un giudizio definitivo”.

“C’è un dato che viene omesso e che invece andrebbe evidenziato”, aggiunge Capece. “Contiamo ogni giorno gravi eventi critici nelle carceri italiane, episodi che vengono incomprensibilmente sottovalutati dall’Amministrazione Penitenziaria.

Ogni 9 giorni un detenuto si uccide in cella mentre ogni 24 ore ci sono in media 23 atti di autolesionismo e 3 suicidi in cella sventati dalle donne e dagli uomini del Corpo di Polizia Penitenziaria. Aggressioni risse, rivolte e incendi sono all’ordine del giorno e i dati sulle presenze in carcere ci dicono che il numero delle presenze di detenuti in carcere è in sensibile aumento.

Ed il Corpo di Polizia Penitenziaria, che sta a contatto con i detenuti 24 ore al giorno, ha carenze di organico pari ad oltre 7.000 Agenti …”.
“Da quando sono stati introdotti nelle carceri vigilanza dinamica e regime penitenziario aperto sono decuplicati gli eventi critici in carcere”, conclude. “Se è vero che il 95% dei detenuti sta fuori dalle celle tra le 8 e le 10 ore al giorno, è altrettanto vero che non tutti sono impegnati in attività lavorative e che anzi trascorrono il giorno a non far nulla. Ed è grave che sia aumentano il numero degli eventi critici nelle carceri da quando sono stati introdotti vigilanza dinamica e regime penitenziario aperto. Nell’anno 2016 ci sono infatti stati 39 suicidi di detenuti, 1.011 tentati suicidi, 8.586 atti di autolesionismo, 6.552 colluttazioni e 949 ferimenti. E questo deve fare capire in quali condizioni sono costretti a lavorare i poliziotti penitenziari in Italia, spesso vittime loro stessi della follia delinquenziale di certi detenuti”.

Apertura vendite “Madama Butterfly”

teatro_alla_scala4
teatro_alla_scala4

A partire da venerdì 7 ottobre il Teatro alla Scala mette in vendita i biglietti per la Prima di Madama Butterfly di Giacomo Puccini diretta dal Maestro Riccardo Chailly per la regia di Alvis Hermanis, opera inaugurale della Stagione 2016/2017.

Da venerdì 7 ottobre i biglietti per la sola data del 7 dicembre sono in vendita in Biglietteria Centrale dalle ore 9.00 (Galleria del Sagrato, Piazza del Duomo, Stazione metropolitana Duomo) e online dalle ore 12.
Per informazioni tel. 02 72 00 37 44.

Come avviene dal 2011, anche quest’anno il Comune di Milano ha deciso di rendere disponibili i biglietti riservati all’Amministrazione per la Prima del 7 dicembre, per la Madama Butterfly di Puccini. Il ricavato della vendita, per il sesto anno consecutivo, sarà interamente destinato a un progetto di utilità sociale, una scelta che unisce sobrietà e solidarietà.
I biglietti del Comune sono acquistabili solo online dalle ore 12.

Da martedì 11 ottobre, sempre dalle 9 in Biglietteria Centrale e dalle 12 online, sono in vendita i biglietti per tutte le altre rappresentazioni (10, 13, 16, 18, 23 dicembre 2016, 3 e 8 gennaio 2017).

Il percorso di avvicinamento alla Prima di Sant’Ambrogio include quest’anno due importanti appuntamenti di approfondimento: il convegno internazionale di studi “Madama Butterfly” curato da Franco Pulcini che si terrà il 10 e 11 novembre nel Ridotto dei Palchi del Teatro alla Scala accompagnando la produzione con un momento pubblico di riflessione musicologica e culturale, e la mostra “Madama Butterfly, l’Oriente ritrovato”, a cura di Vittoria Crespi Morbio, che racconta le meraviglie dischiuse sulla scena scaligera da registi, scenografi e costumisti, da Caramba a Foujita fino a Keita Asari.

MADAMA BUTTERFLY
Convegno internazionale di studi
Ridotto dei Palchi Arturo Toscanini, 10 e 11 novembre 2016

Il 10 e 11 novembre si terrà al Teatro alla Scala, nel Ridotto dei Palchi Arturo Toscanini, un convegno internazionale di studi sul capolavoro pucciniano che segnerà l’apertura delle iniziative culturali a Milano in vista dell’inaugurazione di stagione il 7 dicembre.

Sono previsti interventi tra gli altri di Simonetta Puccini, del M° Riccardo Chailly, del biografo di Puccini professor Dieter Schickling, del professor Arthur Groos della Cornell University di New York, del professor Virgilio Bernardoni dell’Università di Bergamo, membro del Comitato Nazionale per l’Edizione delle Opere di Giacomo Puccini, del professor Michele Girardi dell’Università di Pavia, del critico musicale Elvio Giudici e del Maestro Herbert Handt.