Previsti disagi Trenord e Malpensa Express per sciopero sindaco Orsa

Malpensa Express
Malpensa Express

Da Orsa ennesimo sciopero pretestuoso che mira a procurare disagio sociale.  Nessuna violazione degli accordi su turni di lavoro e formazione del personale

Nonostante il periodo di difficoltà che coinvolge tutto il territorio nazionale a causa dell’emergenza pandemica e il richiamo al senso di responsabilità giunto dalla Commissione di Garanzia, il sindacato Or.S.A ha proclamato uno sciopero dalle ore 3 di domenica 24 gennaio alle ore 2 di lunedì 25.

A causa dell’agitazione, i treni regionali, suburbani e a lunga percorrenza di Trenord e il servizio Malpensa Express potranno subire limitazioni e cancellazioni. Trattandosi di una giornata festiva, non sono previste fasce di garanzia. Per quanto riguarda i collegamenti aeroportuali, circoleranno autobus sostitutivi senza fermate intermedie per le eventuali corse non effettuate tra Milano Cadorna (in partenza da via Paleocapa 1) e Malpensa Aeroporto. Informazioni sull’andamento della circolazione saranno comunicate su sito e App Trenord e nelle stazioni, tramite i monitor e gli annunci sonori.

Nel promuovere un’agitazione per l’intera giornata in questo periodo di emergenza sanitaria, ancora una volta il sindacato Or.S.A utilizza lo strumento dello sciopero in modo pretestuoso, senza mostrare alcuna sensibilità per la situazione straordinaria che la Regione e il Paese stanno vivendo. Contrariamente da quanto affermato, non si è verificata alcuna violazione degli accordi sui turni di lavoro, così come non vi sono stati ritardi nella formazione del personale che, solo nel 2020, ha registrato 20mila ore erogate.

Un atteggiamento ulteriormente aggravato dal rifiuto opposto dal sindacato alla Commissione nazionale di Garanzia che, dopo un confronto con l’azienda, ha richiamato la stessa OrSA al senso di responsabilità, chiedendo di limitare l’orario dell’astensione fino alle ore 18 di domenica 24.

“Or.S.A persegue infondati pretesti conflittuali – ha scritto Trenord dando notizia dello sciopero al Prefetto di Milano – tesi a minare le relazioni industriali, a procurare disagio sociale e a screditare l’azienda dinanzi alle pubbliche Autorità con campagne denigratorie a diversi livelli”.

Le disposizioni per il viaggio

Si ricorda che a bordo dei convogli è in vigore il limite del 50% di posti occupabili definito dalle Autorità. Per questo, è richiesto ai viaggiatori di occupare tutti i posti a sedere, evitando di sostare in piedi nei corridoi o negli spazi di discesa e salita dalle carrozze. Inoltre, a bordo è necessario indossare la mascherina correttamente – su naso e bocca – per tutta la durata del viaggio, come ricordato da una campagna di comunicazione installata sui treni e nelle stazioni, che segnala le regole da rispettare per viaggiare in modo responsabile.

 

“Edizioni Curci – Una Storia Italiana da 160 anni”

Copertina_HR
Copertina_HR

Questa è la storia, e non l’apologia, di una famiglia che ha servito, e serve, da centossessant’anni la causa della musica e della cultura musicale in Italia.
Storia semplice, scandita dai fatti e dalle opere, dove le persone, pur mantenendo vivi e inconfondibili i loro caratteri e i loro apporti d’ingegno e di volontà, s’inseriscono in un tessuto di attiva intelligenza.

È disponibile nelle librerie fisiche e online il libro “EDIZIONI CURCI – UNA STORIA ITALIANA DA 160 ANNI” (Edizioni Curci – AA.VV. – 240 pagine – 29.90 euro), un volume imperdibile che percorre la vita, dalla fondazione nel 1860 fino ai giorni nostri, delle Edizioni Curci, una delle realtà indipendenti più importanti e rinomate nel panorama dell’editoria musicale italiana.
Il libro è anche disponibile in versione inglese.

Questo volume, arricchito da foto, riproduzioni di manifesti e lettere d’epoca, racconta sia 160 anni di una famiglia che, con cura e passione, ha trasmesso di padre in figlio i valori e le abilità imprenditoriali alla base del grande successo della casa editrice, sia la storia di un Paese di cui le Edizioni Curci hanno saputo interpretare e tradurre in musica l’identità e la cultura, scommettendo sempre con entusiasmo sulla creatività e sul futuro.

Quattro le macro-sezioni in cui è suddiviso il libro:
1. Un vivace debutto (1860/1910)
2. La svolta editoriale (1910/1960)
3. Un lungo successo (1960/2010)
4. La Curci oggi (2010/2020)
Ogni sezione presenta inoltre un’introduzione a firma, nell’ordine, di Angelo Foletto (Presidente Associazione nazionale critici musicali), Luca Ciammarughi (pianista e critico musicale), Gianpietro Quiriconi (Avvocato) e Andrea Laffranchi (giornalista e critico del Corriere della Sera).

La direzione delle Edizioni Curci è affidata al Dott. Alfredo Gramitto Ricci che, nel pieno rispetto della tradizione passata, ha saputo rinnovare l’azienda reinterpretandola con taglio moderno, anche grazie alla preziosa collaborazione dei suoi direttori generali: Claudia Mescoli per la sezione dedicata alla Musica Leggera e Laura Moro per la divisione di Musica Classica.
Arricchito di anno in anno, il roster delle Edizioni Curci oggi vanta autori e interpreti appartenenti ai più svariati generi musicali.
Pur svolgendo una proficua attività nell’ambito del genere classico, operistico e didattico, infatti, le Edizioni Curci sono universalmente conosciute per aver dato voce alla tradizione di musica leggera e popolare in Italia con brani divenuti successi internazionali e senza tempo. Da Domenico Modugno a Giovanni D’Anzi, da Pino Donaggio ad Astor Piazzolla, da Toto Cutugno a Giorgio Gaber passando per Vasco Rossi, Tiziano Ferro, Pacifico, Daniele Silvestri e Diodato e con un catalogo in continua espansione comprendente i repertori di Claudio Baglioni, Antonello Venditti e Francesco Renga, le Edizioni Curci sono la casa dei più importanti nomi della musica di ieri, oggi e domani.

Giornata internazionale delle persone con disabilità

L'immagine può contenere: una o più persone, il seguente testo "Città di Novate Milanese Consulta Impegno Civile 3 Dicembre Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità Arricchiamoci delle nostre reciproche differenze. (Paul Valéry"
Oggi un abbraccio forte e immenso, voglio darlo a tutte le persone speciali.
Mi piacerebbe molto che le loro storie, le loro vite e le loro meraviglie, venissero ascoltate e considerate più spesso.
Personalmente, cerco e cercherò di fare sempre ogni giorno qualcosa in più per loro.
E’ una promessa di tanti anni fa.
Vi voglio bene,
Davide  Falco 🙂
Presidente associazione mondodisabile.it
Direttore Dietrolanotizia

Daniel Greco “Il 2020″

daniel_greco_il_2020
daniel_greco_il_2020

Dal 4 dicembre sarà disponibile in rotazione radiofonica “IL 2020” (Grey Light Records), ultimo brano di DANIEL GRECO già disponibile su tutte le piattaforme di streaming.

Un anno che non dimenticheremo facilmente, questo 2020. Ecco perché DANIEL GRECO ha scelto di dedicarvi il titolo e la tematica del suo singolo d’esordio, “IL 2020”, un brano in cui la goliardia del sound si contrappone al dramma sociale di quello che abbiamo subito in questi mesi, e le parole non sono altro che un focus specifico su molte polemiche o eventi mediatici che hanno caratterizzato questa annata, il tutto condito da un racconto in prima persona di vicissitudini quotidiane.
Spiega Daniel Greco a proposito del suo primo inedito: «Ho deciso di voler dedicare una canzone ad un anno nefasto come il 2020 lo scorso settembre. Per mesi ho pubblicato video comici e parodie sulle mie pagine social dedicate al trend del momento: il COVID. Ho deciso di voler ripercorrere gli highlights di questo 2020 attraverso una canzone che avesse però un ritmo in contrasto col testo.Ed è così che è nato il mio primo inedito».

“il 2020” è disponibile su Spotify al seguente link:https://spoti.fi/33bSOs0

Biografia

Daniel Greco si diploma al Mas, centro di formazione per lo spettacolo più grande d’Europa, nel 2005. Dopo aver partecipato in qualità di cantante, attore e ballerino a numerosi musical, tra i quali “We will rock you” ispirato alle canzoni dei Queen, decide nel 2017 di reinventarsi portando un progetto di video comici e parodie musicali sui social media. Molti dei suoi video diventano virali, le sue parodie vengono trasmesse in molti servizi di programmi Mediaset e ricondivise dagli autori originali dei brani tra i quali: Emma Marrone, Anna Tatangelo, Arisa, Ambra ed Elettra Lamborghini. Conta 50k followers su Instagram e più di 125K followers su Facebook.
Dopo aver girato l’Italia come ospite delle più grandi realtà LGBTQI italiane e aver cantato a numerosi Pride nazionali, debutta col suo primo inedito “il 2020” firmato Grey Light Records, domenica 15 novembre. Il brano sarà in radio dal 4 dicembre.

IGhttps://www.instagram.com/danielgreco_/
FBhttps://www.facebook.com/DanielGrecoo

Ganoona

deserto
deserto

Dal 20 novembre è disponibile in rotazione radiofonica “DESERTO” (Noize Hills Records), nuovo inedito di GANOONA disponibile online dal 19 novembre e scelto tra i primi 61 brani selezionati per l’ultima edizione di Sanremo Giovani.

Abbiamo il cuore raro come un gorilla albino, se ci mettiamo in gabbia moriremo sicuro”: un amore indomabile va salvaguardato, anche quando non ne siamo capaci. Il prezzo da pagare in caso di fallimento è assistere al processo di inaridimento di quell’amore, fino a trasformarsi in un deserto. “DESERTO”, nuovo brano di GANOONA, è la ballata di un amore agli sgoccioli, la fotografia dell’istante in cui l’idealizzazione di un rapporto cede il posto all’inevitabile presa di coscienza.

Spiega l’artista a proposito del suo nuovo inedito: «Come sempre, scrivo per elaborare quello che mi succede, e “Deserto” non è un’eccezione. L’ho scritta di getto ed è stato estremamente liberatorio, quasi rivelatore. Riascoltarla a distanza di mesi è doloroso per il periodo che racconta. Nel brano però non ci sono solo immagini malinconiche, perché questa canzone è una presa di coscienza, in positivo e in negativo. “Io non scappo più, e so quello che voglio” per me significa: sono pronto ad affrontare le conseguenze delle mie scelte e so dove sto andando, non è un sentiero facile, ma non ho paura».

Il videoclip ufficiale del brano, diretto da Lorenzo Chiesa, narra e mostra la passeggiata di Ganoona insieme a una ragazza. Dalle immagini si percepisce che il rapporto tra i due è giunto alla fine e, anche se fisicamente vicini, sembra che ormai ci sia un “deserto” immenso a dividerli.

Biografia

Ganoona é un cantante, rapper e songwriter italo messicano, con base a Milano. La sua musica è una combinazione di sonorità black, latin e Pop, accompagnata da liriche intense ed originali. Fin dalle sue prime pubblicazioni indipendenti si distingue per originalità e per i suoi live energici e coinvolgenti. A dicembre 2018 il brano in collaborazione con Kayla, prodotto da Polezski, viene selezionato da Youtube Music come “Artists to watch – il suono del 2019”. Oggi Ganoona collabora a tutti gli aspetti del progetto artistico, spesso è anche compositore dei suoi brani.

Nel 2020 pubblica tre singoli che segnano una maturazione della sua cifra stilistica, tra cui “Bad Vibes” e “Cucurucucù”, entrambe presenti nelle playlist ufficiali di TIM music. I videoclip ufficiali dei due brani vengono pubblicati in anteprima rispettivamente su Billboard Italia e su Wired Italia. Con il suo ultimo brano, “Deserto”, Ganoona si classifica nei 61 partecipanti di Sanremo Giovani 2020. La canzone sarà disponibile in digitale dal 19 novembre e in radio dal 20 novembre.

Facebook: https://www.facebook.com/Ganoona

Instagram: https://www.instagram.com/ganoona__/?hl=it