Editors, concerto primo maggio

Editors
Editors

EDITORS
AL CONCERTO DEL PRIMO MAGGIO 2017

Piazza San Giovanni in Laterano, ROMA

…oltre ai già annunciati
EDOARDO BENNATO – PLANET FUNK – BRUNORI SAS
BOMBINO – ARA MALIKIAN – ERMAL META
FRANCESCO GABBANI – SAMUEL
LE LUCI DELLA CENTRALE ELETTRICA – EX-OTAGO

Gli EDITORS, una delle band più amate del rock indipendente mondiale, si esibiranno al CONCERTO DEL PRIMO MAGGIO 2017 di Roma per la prima data italiana del loro prossimo tour europeo.

Originari di Birmingham, gli Editors arrivano al successo già con l’album di debutto THE BACK ROOM (2005), acclamato dalla critica e primo nelle classifiche di vendita inglesi. L’album ottiene anche una nomination al prestigioso Mercury Prize come migliore album dell’anno.
Il successo si allarga in America e li porta a suonare in festival importanti come Coachella e Lollapalooza.
Nel 2007 sono al festival di Glastonbury e poco dopo esce il secondo album “AN END HAS A START” che entra immediatamente al primo posto della classifica inglese, e che procura alla band una nomination ai Brit Awards come Migliore band Inglese. Nel 2007-2008 aprono in tutta Europa i concerti dei R.E.M. con i quali condividono il produttore Jacknife Lee. Nel 2009 arriva “IN THIS LIGHT AND ON THIS EVENING”, album che segna una svolta verso suoni più elettronici (sempre al n°1 in classifica). Prodotto dal mitico Flood (Depeche Mode) contiene un brano che diventerà il gran finale di tutti i concerti degli Editors: “Papillon” (un grande classico della band che ha totalizzato quasi a 90 milioni di streaming). Nel 2013 è la volta del nuovo capitolo “THE WEIGHT OF YOUR LOVE”. Questo è il momento in cui gli Editors diventano ‘mainstream’ anche in Italia con il singolo “A Ton Of Love” che scala le classifiche di airplay e diventa uno dei pezzi più passati dalle radio commerciali italiane. Nel 2015 è la volta di “IN DREAM”. È in preparazione un nuovo album di cui a breve si avranno notizie ufficiali.

Promosso come sempre da CGIL, CISL e UIL e organizzato anche quest’anno da iCompany e Ruvido Produzioni, dal 1990 il tradizionale appuntamento raduna nel giorno della Festa dei Lavoratori migliaia di spettatori in Piazza San Giovanni in Laterano, per 8 intense ore di musica, in diretta dalle 15.00 a mezzanotte su Rai 3.

In attesa dell’annuncio della conduzione e degli altri nomi presenti nella lineup dell’edizione 2017 del Concerto del Primo Maggio, sono questi gli artisti di cui è già stata confermata la presenza: EDITORS, EDOARDO BENNATO, PLANET FUNK, BRUNORI SAS, BOMBINO, ARA MALIKIAN, ERMAL META, FRANCESCO GABBANI, SAMUEL, LE LUCI DELLA CENTRALE ELETTRICA, EX-OTAGO.

NOTA: Sarà possibile richiedere accrediti stampa e pass photo entro e non oltre il 24 aprile 2017, data dopo la quale non si accetteranno ulteriori richieste.

Concerto del 1° Maggio a Bologna: Eugenio Finardi, direttore artistico

Finardi
Finardi

EUGENIO FINARDI, per il secondo anno consecutivo, è il direttore artistico del CONCERTO DEL 1° MAGGIO a Bologna che l’anno scorso ha fatto il suo esordio con una programmazione variegata e di grande successo.

In Piazza Maggiore la musica comincerà a suonare dalle 17.30 in poi: OSTERIA DEL MANDOLINO, LADRI DI CARROZELLE, MULINI A VENTO, LI BASSI, SARA LORENI, ANTICO, DIMARTINO, DARDUST, BANDABARDO’ si avvicenderanno sul palco fino a notte. Ma non ci sarà solo musica, la giornata sarà anche ricca di iniziative sui grandi temi di attualità, insieme alle sorprese sul palco ancora da annunciare.

Sulla scelta del cast artistico, il cantautore aggiunge «Anche quest’anno ho voluto mettere insieme due elementi: l’attenzione all’attualità e l’atmosfera di festa e partecipazione che caratterizza questa città, anche nei momenti più bui: sul palco vedremo quindi avvicendarsi artisti molto diversi tra loro ma ugualmente uniti dalla tenacia nel loro lavoro e in grado di dare a Piazza Maggiore un positivo scossone di energia, confermando il PRIMOMAGGIO BOLOGNA come una tradizione.

Ecco chi sono gli artisti che calcheranno il palco di Piazza Maggiore:
OSTERIA DEL MANDOLINO, una formazione musicale che nasce con lo scopo di portare alla luce e all’attenzione del pubblico la musica che si sviluppa in Italia dalla seconda metà dell’800 fino ai giorni nostri, attraverso autori illustri, virtuosi musicisti e soprattutto attraverso il ballo;

LADRI DI CARROZZELLE che mostrano che la disabilità non è un limite… nemmeno nel fare rock;

I MULINI A VENTO che si definiscono una band di “musica resistente contro l’indifferenza”;

LI BASSI un groove irresistibile da Torino, musicisti eccezionali (tra cui l’intera sezione ritmica della rock band di Eugenio Finardi) e testi accattivanti, tutti da ballare!

SARA LORENI resa famosa dal suo “NO” a X Factor ma confermata nel cuore del pubblico per aver introdotto grazie sue affascinanti performance live un nuovo senso al termine “cantautrice”;

ANTICO un vero onore avere sul palco del Primo Maggio un’icona vivente come il siciliano Alfio Antico, tra i percussionisti più importanti d’Europa nonché artefice di suoni ancestrali a metà fra passato e futuro che, col suo nuovo progetto accompagnato da Lorenzo Urciulo (Colapesce) ha pubblicato uno tra i dischi più belli del 2016;

DIMARTINOstraordinario autore capace di interpretare con uguale intensità le istanze della scena alternative e il bisogno di ritorno alle origini e alla tradizione di questo Paese;

DARDUST il prezioso e sorprendente progetto tra elettronica e minimalismo di Dario Faini (anche autore di alcune tra le maggiori hit radiofoniche degli ultimi anni), un vero suono internazionale ;

BANDABARDO’ uno “scalcinato e irriverente accrocchio di musicisti” tanto forti e originali con la loro storia da essere diventati un’istituzione dei palchi italiani.

#PRIMOMAGGIOBOLOGNA
#EUGENIOFINARDI
www.eugeniofinardi.it
www.facebook.com/EUGENIOFINARDIOFFICIAL

Ecco i nove artisti finalisti dell’1M Next 2016

concerto-primo-maggio
concerto-primo-maggio

Dalle oltre 1000 iscrizioni pervenute entro il 29 febbraio, ai 100 artisti selezionati e annunciati lo scorso 22 marzo e successivamente ascoltati e votati dalla Giuria di Qualità e dal Pubblico della Rete, si giunge oggi alla proclamazione dei 9 artisti finalisti dell’1MNext 2016, il contest del Concerto del Primo Maggio di Roma, che si avvia così alla sua terza e penultima fase di valutazione.

I 9 finalisti selezionati sono: 2elementi (Roma), Banda Rulli Frulli (Finale Emilia), Carboidrati (Crotone), Davide Campisi (Enna), I Santi Bevitori (Roma), Il geometra Mangoni (Pistoia), Simone Costanzo Shark (Catania), Stip’ Ca Groove (Bari) e Toot (Roma). Le selezioni sono state effettuate attraverso il conteggio delle valutazioni ottenute sommando, in quota ponderata, il voto del web (con quota di influenza del 35%) e il voto della giuria di qualità (con quota di influenza del 65%).
NOTA: (alla valutazione dei 100 Selezionati non ha partecipato il giurato Carlo Massarini per improrogabili impegni personali; Massarini sarà invece presente alle finali live).

A questi finalisti, andranno ad aggiungersi poi altri 3 artisti selezionati attraverso il Circuito Keepon Live, il Circuito dei Live Club italiani.

Le finali dal vivo si svolgeranno venerdì 22, sabato 23 e domenica 24 aprile presso il Contestaccio di Roma, noto live club la cui direzione artistica è affidata a Marina Luca.
Durante le tre serate sarà presente la Giuria di Qualità al completo, che avrà il compito di scegliere i 3 artisti che si esibiranno durante il Concerto del Primo Maggio di Roma, in Piazza San Giovanni In Laterano. Il vincitore assoluto sarà poi proclamato durante il Concertone.

Nasce inoltre un’importante partnership tra 1MNEXT e Rete dei Festival.
Attraverso la Rete dei Festival, 1MNext amplierà infatti i propri premi, garantendo al vincitore assoluto un mini tour nazionale in alcuni tra i principali Festival della “Rete”.
Saranno infatti 4 i festival aderenti alla Rete ad ospitare il vincitore dell’1MNext2016, con ultima tappa al MEI di Faenza, che quest’anno si terrà tra il 23 e il 25 settembre.

La giuria di qualità dell’1MNEXT 2016 è composta da:
Massimo Bonelli, produttore, manager ed editore, Ceo di iCompany e organizzatore del Concerto del Primo Maggio; Massimo Cotto, giornalista, autore e speaker radiofonico, per anni in Rai come conduttore e autore; Carlo Martelli, label manager e talent scout, ha lavorato in BMG ed EMI Music seguendo il percorso di numerosi artisti tra cui Frankie-hinrg e Caparezza; Carlo Massarini, giornalista, conduttore televisivo e radiofonico. Tra le ultime trasmissioni da lui condotte ci sono Ghiaccio Bollente e Cool Tour per Rai 5; Luisa Melis, figlia d’arte, dal 2004 è organizzatrice e direttrice artistica del Premio Fabrizio De Andrè; Riccardo Sinigallia, produttore, cantautore e musicista, ha lavorato con Niccolò Fabi, Tiromancino, Luca Carboni, Max Gazzè e tanti altri; Maria Cristina Zoppa, conduttrice e autrice radiofonica e co-direttrice artistica del Festival Meraviglioso Modugno.

Quest’anno, il Concerto del Primo Maggio sarà condotto per la prima volta da Luca Barbarossa. Il cast è composto da nomi di grande prestigio, anche internazionale: gli Skunk Anansie, che sulle note dei loro inni alternative rock faranno ballare l’intera piazza; Vinicio Capossela, che presenterà in anteprima alcuni brani del disco “Canzoni della Cupa”, accompagnato dall’inconfondibile sound di frontiera dei Calexico; l’incontro di musiche e suoni del mondo degli Asian Dub Foundation; il balkan rock dei bosniaci Dubioza Kolektiv; il folk d’autore dei Modena City Ramblers, che si esibi-ranno con la Fanfara di Tirana, per una performance che si preannuncia davvero unica; il cantautorato d’avanguardia dei TheGiornalisti ed, infine, il crossover tra canzone d’autore e rap di Coez.

www.primomaggio.net
www.facebook.com/primomaggioroma
www.twitter.com/primomaggioroma
www.instagram.com/primomaggioroma

Luca Barbarossa è il conduttore dell’edizione 2016 del Concerto del Primo Maggio

Luca Barbarossa
Luca Barbarossa

E’ Luca Barbarossa il conduttore dell’edizione 2016 del CONCERTO DEL PRIMO MAGGIO, il tradizionale appuntamento, promosso come sempre da CGIL, CISL e UIL ed organizzato anche quest’anno da iCompany e Ruvido Produzioni, che dal 1990 raduna nel giorno della Festa dei Lavoratori migliaia di spettatori in una delle piazze più importanti di Roma, Piazza San Giovanni in Laterano, per 8 ore di musica.

Luca Barbarossa condurrà per la prima volta la manifestazione, portando sul palco tutta la sua esperienza di musicista e conduttore. Barbarossa infatti, è da 7 anni alla guida del programma radiofonico di successo “Radio2 Social Club”, dove da sempre crea scambi musicali interessanti e vivaci tra gli artisti ospiti. Proprio per questo Luca è stato scelto per condurre il Concertone, per quella sua capacità di interagire con gli altri artisti e di coinvolgerli, una dote sicuramente importante sul palco di questo evento.

«Sono particolarmente emozionato nel tornare sul palco del Primo Maggio di Roma come conduttore – dichiara Luca Barbarossa – Da cantante so bene che scarica di adrenalina si riceve da quella piazza. È un’onda positiva in cui si fondono musica e contenuti importanti che riguardano tutti noi. Ringrazio gli organizzatori per la fiducia che mi hanno accordato».

La conduzione di Luca Barbarossa va ad arricchire un cast composto anche quest’anno da nomi di grande prestigio, anche internazionale: gli Skunk Anansie, che sulle note dei loro inni alternative rock faranno ballare l’intera piazza; Vinicio Capossela, che presenterà in anteprima alcuni brani del disco “Canzoni della Cupa”, accompagnato dall’inconfondibile sound di frontiera dei Calexico; l’incontro di musiche e suoni del mondo degli Asian Dub Foundation; il balkan rock dei bosniaci Dubioza Kolektiv; il folk d’autore dei Modena City Ramblers, che si esibiranno con la Fanfara di Tirana, per una performance che si preannuncia davvero unica; il cantautorato d’avanguardia dei TheGiornalisti ed, infine, il crossover tra canzone d’autore e rap di Coez.

www.primomaggio.net
www.facebook.com/primomaggioroma
www.twitter.com/primomaggioroma
www.instagram.com/primomaggioroma

 

Vinicio Capossela con i Calexico, al Concerto del 1° Maggio

Capossela e Calexico_foto di Enrico Chico De Luigi_b
Capossela e Calexico_foto di Enrico Chico De Luigi_b

Ai primi nomi già annunciati di Skunk Anansie, Asian Dub Foundation, Dubioza Kolektiv, Modena City Ramblers & Fanfara di Tirana, TheGiornalisti e Coez, si aggiunge anche quello di VINICIO CAPOSSELA con i CALEXICO al cast del CONCERTO DEL PRIMO MAGGIO di Roma. Questo sarà l’unico appuntamento live per il cantautore prima del tour estivo.
Il tradizionale appuntamento, promosso come sempre da CGIL, CISL e UIL ed organizzato anche quest’anno da iCompany e Ruvido Produzioni, dal 1990 raduna nel giorno della Festa dei Lavoratori migliaia di spettatori in una delle piazze più importanti della capitale, Piazza San Giovanni in Laterano, per 8 ore di musica.

Sul palco del Concerto del Primo Maggio, Vinicio Capossela presenterà in anteprima alcuni nuovi brani estratti dall’album “Canzoni della Cupa”, in uscita il prossimo 6 maggio. Insieme a lui, l’inconfondibile sound di frontiera dei Calexico, la band di Austin, Texas, capitanata da Joey Burns e John Convertino.

«Seguire la strada per Calexico in tutti questi anni è stato come seguire il cammino della polvere – racconta Vinicio Capossela –  Una polvere che si prende i riflessi del metallo cromato e della frontiera. Ci siamo incontrati diverse volte in questo cammino, sui palchi e nelle registrazioni, e ogni volta è come mettersi il vestito nuovo, un vestito con le spalline larghe, l’acqua di colonia e indossare camicie con l’ottimismo del mattino. Ho iniziato queste canzoni poco dopo averli sentiti per la prima volta in concerto, accompagnati da quattro mariachi, e subito mi è venuto di ribattezzare il paese dell’origine, dove nei paesaggi selvatici e nella ferrovia abbandonata ritrovavo la sensazione della frontiera, Calixtrico. Finalmente abbiamo fuso le x con le elle, ed è un segno del fato potere dare il battesimo a questa uscita, alzando la polvere sul palco del primo maggio con Joey Burns, John Convertino e Alessandro Asso Stefana. Iniziare così il cammino della polvere nel giorno che si sono dati gli uomini, per celebrare le loro fatiche sulla terra».