David Anzalone nel Teatro del Carcere di Opera

anzalone
anzalone

Opera Liquida, che incontra ogni giorno gli uomini reclusi nel carcere di Opera, con i quali lavora anche presso lo spazio in Idroscalo e agisce, attraverso la prassi teatrale, in assenza di giudizio, vuole con questo Festival affermare un manifesto che ha a che fare con il profondo valore dell’essere umano, anche se ristretto o in fase di reinserimento.

“Continuare a condividere un evento culturale con la popolazione reclusa ha il sapore di un atto di inclusione volto a modificare il sentire della comunità” (Ivana Trettel, direttore artistico Opera Liquida).

Giovedì 19 ottobre 2017 – ore 21
Teatro Stabile in Opera – Casa di Reclusione
Via Camporgnago 40 – Milano

DAVID ANZALONE in
TARGATO H – contro-mono-logo
testo di David Anzalone e Alessandro Castriota – regia e musiche Alessandro Castriota

TARGATO H è uno spettacolo comico in cui si tratta il tema dell’handicap. Il filo conduttore è il costante ribaltamento in chiave ironica delle concezioni comuni che si hanno nei confronti dell’handicap e dell’handicappato. Contro-mono-logo quindi, ovvero il rifiuto di ogni strumento di omologazione e di qualsiasi pretesa di “targare” il diverso.

All’interno del monologo teatrale, oltre al tema centrale, si può trovare molto altro: nascita, amore, ricerca delle proprie origini, affermazione della propria dignità. Targato H contro-mono-logo è la rappresentazione della consapevolezza di chi guarda in faccia alla realtà, la chiama con il proprio nome e per questo ne esce vincente, contro quella cultura caritatevole che genera il pregiudizio. Dalla narrazione del quotidiano, rielaborato in chiave comica, scaturisce la risata che demolisce la classificazione castrante tra normalità e anormalità e fa riflettere sulle iniquità che albergano nella vita di tutti i giorni.

Lo spettacolo è per pubblico misto di detenuti e civili. Possono entrare anche i minori, se accompagnati.

Wikipedia, Mappe Libere e Musei

galleria-Leonardo-Da-Vinci
galleria-Leonardo-Da-Vinci

Per celebrare la cultura libera, Wikimedia Italia in collaborazione con  il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci organizza a Milano un lungo evento di due giorni fitto di appuntamenti. Le diverse iniziative coinvolgeranno i professionisti del settore museale, delle protezioni civili e della pubblica amministrazione, gli esperti di mappatura libera, numerosi appassionati di open content e soci di Wikimedia Italia e più in generale chiunque sia interessato a conoscere da vicino il dietro le quinte di Wikipedia e il mondo dell’open content.

 Venerdì 20 maggio avrà inizio OSMIT a BASE Milano, sede di Wikimedia Italia, il raduno italiano della comunità di OpenStreetMap. Durante la giornata si terrà un convegno avente ad oggetto le applicazioni di OpenStreeMap per la pubblica amministrazione, che comprendono ad esempio servizi open source per i cittadini e gli strumenti di rilievo e monitoraggio delle attività commerciali tramite OpenStreetMap.

Parteciperanno al convegno rappresentanti di Regione Piemonte, Regione Liguria, Comune di Bergamo, Politecnico di Milano, C.A.I. di Pisa e AMAT Milano e altri importanti enti e istituzioni. Si segnala in particolare una tavola rotonda dal titolo Volunteered Geographic Information, la P.A. coglierà la sfida? Dalla collaborazione alla contaminazione, moderata da Luca Percich di AMAT Milano.

Durante la giornata inoltre si terranno sessioni parallele dedicate all’aggiornamento dei mappatori sulle tematiche care alla comunità.

 Sabato 21 maggio l’evento proseguirà a BASE con una serie di tavole rotonde e approfondimenti sulle novità di maggiore interesse per la comunità OpenStreetMap.

In parallelo, il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci sarà invece sede di diversi incontri: al mattino si terrà un appuntamento per i professionisti museali e la comunità di Wikimedia per presentare il progetto “Wikipediano in residenza”, attraverso le testimonianze delle collaborazioni in corso; al pomeriggio le attività coinvolgeranno i visitatori del Museo, che potranno scoprire come viene realizzata Wikipedia e collaborare ad aggiornare voci e fornire immagini per l’enciclopedia libera più famosa al mondo, grazie a un’edit-a-thon e a un mapping party.

La giornata, organizzata anche in collaborazione con ICOM (International Council of Museums) Italia e Museimpresa, vedrà la partecipazione del MUSE – Museo delle Scienze di Trento, del Museo Galileo – Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze e di BEIC, Biblioteca Europea di Informazione e Cultura.

La giornata di sabato 21 maggio si concluderà con un party a BASE Milano, durante il quale il Direttivo, lo staff e la comunità wikimediana saranno a disposizione di tutti per scambiare opinioni, approfondire le tematiche legate al mondo “open” e brindare alla nuova sede di Wikimedia Italia.