Incontri musicali al Castello Sforzesco

Orch. Barocca Civica C. Abbado
Orch. Barocca Civica C. Abbado

Incontri Musicali con l’Orchestra Barocca della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado – XVI edizione

Milano, Castello Sforzesco, Sala della Balla

ore 16.00

ingresso gratuito con accesso dallo Scalone del Cortile della Rocchetta

fino a esaurimento posti disponibili

14 dicembre 2019/30 maggio 2020

in collaborazione con il Civico Museo degli Strumenti Musicali di Milano

22 febbraio 2020

Complessità e semplificazione: la crisi stilistica nella musica strumentale del primo ‘700

Vanni Moretto, direttore

Il concerto dell’Orchestra Barocca della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado del 22 febbraio, diretto da Vanni Moretto, si presenta come un viaggio alla ricerca delle motivazioni che contribuirono alla nascita di un nuovo stile musicale pan-europeo. Stile “galante”, secondo la terminologia dell’epoca, o “rococò” o, ancora, pre-classico. In ogni caso, proprio in quell’ambito stilistico nacque la sinfonia, come la intendiamo oggi, e fiorì il cosiddetto stile classico. Il viaggio musicale pensato da Vanni Moretto si muove cronologicamente nel periodo che va dal primo decennio del XVIII secolo fino agli anni ’70; geograficamente, si sposta attraverso l’Europa: Svezia, regni germanici, Ducato di Milano, Austria e Boemia.

In programma musiche dello svedese Johan Helmich Roman, dei tedeschi Telemann e Ernst Eichner, degli gli italiani Sammartini e Chelleri, del boemo Jan Krtitel Vanhal.

programma

Johan Helmich Roman (Stoccolma 1694 – Haraldsmala 1758)

Musique vid Parentationen

Georg Philipp Telemann (Magdeburg 1681 – Hamburg 1767)

Ouverture in mi minore TWV55e6

Giovanni Battista Sammartini (Milano 1701 – Milano 1775)

Sinfonia in fa maggiore J-C 38 1732

Fortunato Chelleri (Parma 1690 – Kassel 1757)

Sinfonia n. 5 in re maggiore 1742

Jan Krtitel Vanhal (Boemia 1739 – Vienna 1813)

Sinfonia op. 25 n. 5 A6 in la maggiore 1769

Ernst Eichner (Arolsen 1740 – Potsdam 1777)

Sinfonia n. 1 op. 5 in do maggiore 1772

° ° ° ° ° ° ° ° ° °

Orchestra Barocca della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado di Milano

Vanni Moretto, direttore

Direttore d’orchestra, compositore, ricercatore e violonista, Vanni Moretto si occupa di musica dall’età di 6 anni e a 14 si iscrive al Conservatorio “G. Verdi” di Milano, frequentando i corsi di contrabbasso, musica elettronica, composizione e direzione d’orchestra. È direttore stabile dell’Orchestra Classica Atalanta Fugiens, direttore Editoriale della collana “Archivio della Sinfonia Milanese”, Casa Ricordi. Obiettivo l’esecuzione e la pubblicazione del repertorio sinfonico milanese del secolo XVIII. Ha diretto prestigiose orchestre, tra le quali I Pomeriggi Musicali, I Solisti Aquilani, Orchestra Barocca di Siviglia,La Venexiana, Milano Classica, Il Giardino Armonico, Orchestra dell’Angelicum, realizzando incisioni discografiche per Sony, Amadeus, Dynamic e per la rivista Le Stelle. Le sue composizioni, edite da Ricordi, Sonzogno e Bèrben, si qualificano in concorsi quali “V. Bucchi”, “G. Petrassi”, “R. Rodio”, “Fiumara d’Arte”, e vengono eseguite da importanti istituzioni, come New European Ensemble, Sentieri Selvaggi, Nederlandse Bachvereniging, Biel Solothurn Orchester, Atalanta Fugiens, RAI di Milano, Fenice di Venezia, Accademia Chigiana, Milano Classica, e da solisti come Mario Brunello e Vittorio Ghielmi. Tiene lezioni e conferenze presso diverse importanti istituzioni, tra cui Mozarteum di Salisburgo, Tafelmusik di Toronto, Università di Milano, Collegio Ghislieri di Pavia. Organizza e presiede corsi di perfezionamento in prassi strumentale classica.

Come violonista, ha suonato nelle più importanti sale di tutti i continenti (tra cui Carnegie Hall NY, Suntori Hall Tokyo, Opera House di Sydney, Philharmonie Berlin, Scala di Milano, Opéra di Parigi, Colòn di Buenos Aires, Santa Cecilia di Roma, etc…) registrando per le più importanti case discografiche, tra cui Teldec, Decca e Amadeus.

L’Orchestra Barocca della Civica, realtà unica in Italia, è costituita da studenti iscritti ai corsi di alta formazione della scuola e provenienti da tutto il mondo: Brasile, Argentina, Polonia, Giappone, Francia, Spagna, Grecia, Cile. L’Orchestra, che vanta normalmente un organico dai 15 ai 30 strumentisti, è spesso accolta in spazi prestigiosi, ed è guidata da maestri che insegnano all’interno dell’istituzione e da rinomati direttori ospiti: l’Istituto di Musica Antica della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, tra le altre attività, offre infatti agli studenti l’occasione di esibirsi con professionisti del panorama internazionale. I concerti aperti al pubblico sono il punto d’arrivo di un percorso di studio e concertazione che ha luogo presso Villa Simonetta, sede della Civica: nel corso di ogni anno accademico l’Orchestra prepara ed esegue alcune produzioni destinate all’esterno: il repertorio, per cui vengono utilizzate copie di preziosi strumenti antichi, spazia dal primo Barocco fino al Classicismo.

Calendario

22 febbraio 2020

Complessità e semplificazione: la crisi stilistica nella musica strumentale del primo ‘700

Vanni Moretto, direttore

28 marzo 2020

Handel, Vivaldi e Albinoni

Lorenzo Ghielmi, direttore

18 aprile 2020

Europa in consort

Rodney Prada, direttore

30 maggio 2020

Concertato Veneziano: Per far maggior li ripieni con ogni sorte d’instromento

Luca Colombo, direttore

↓ Gli altri appuntamenti con la Civica al Castello Sforzesco

⬅️ I Martedì del Fortepiano

Due appuntamenti di musica da camera

Milano, Castello Sforzesco, Sala della Balla, ore 16.00

a cura di Paolo Rizzi e Andrea Di Renzo

17 marzo 2020

19 maggio 2020

⬅️ Progetto Medioevo

Musica alla corte papale di Avignone

Milano, Castello Sforzesco, Sala della Balla, ore 16.00
9 maggio 2020
Ensemble di Musica Medievale diretto da Claudia Caffagni

Musica Scolpita: l’eleganza del classicismo – Cappella Musicale/Civica Scuola di Musica Claudio Abbado

Artem Dzeganovskyi violino
Artem Dzeganovskyi violino

Chiesa di San Giuseppe

via Verdi, Milano, ingresso libero

Studenti della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado

Musica scolpita: l’eleganza del Classicismo

Wolfgang Amadeus Mozart Sonata per violino e fortepiano KV 380 (1756-1791)

Franz Joseph Haydn Cantata Arianna a Naxos Hob.XXVI b:2 (1732-1809)

Nitta Masato contralto

Artem Dzeganovskyi violino

Andrea Di Renzo fortepiano

Domenica 16 febbraio alle ore 17, nella chiesa di San Giuseppe, Nitta Masato e Artem Dzeganovskyi, studenti della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, concluderanno il breve ciclo di concerti che, organizzato dall’Associazione Culturale La Cappella Musicale, figura tra gli eventi collaterali della mostra “Canova | Thorvaldsen. La nascita della scultura moderna”, esposta presso le Gallerie d’Italia – Piazza Scala, museo di Intesa Sanpaolo a Milano.

Al fortepiano Andrea di Renzo, docente della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado; in programma musiche di Mozart e Haydn.

Chiesa di San Giuseppe, via Verdi

MM Montenapoleone, tram 1, 2, 12, 14

Info Associazione Culturale La Cappella Musicale

via Vincenzo Bellini 2 – Milano tel. 02.76317176
office@lacappellamusicale.com – www.lacappellamusicale.com

Notti Trasfigurate 2018, Musica a Villa Simonetta

Notti Trasfigurate - Musica a Villa Simonetta
Notti Trasfigurate – Musica a Villa Simonetta

Notti Trasfigurate è la tradizionale rassegna estiva della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, che ha luogo nel grande cortile di Villa Simonetta. La manifestazione, che quest’anno ha inizio il 19 giugno, suscita da sempre interesse e attese e si inserisce nell’affollato palinsesto milanese, per offrire alla città sempre nuove occasioni di musica e intrattenimento.

La sua presenza tra gli appuntamenti estivi ha saputo esprimere nel tempo proposte di valore e la costante apertura verso generi e diverse forme espressive musicali.

Ogni anno la Civica Scuola di Musica Claudio Abbado cerca infatti di recepire quegli stimoli che fanno della musica un linguaggio in continua trasformazione, distinguendosi per l’esigenza continua di rinnovamento, nonché per la volontà di intendere la cultura come servizio sociale sul territorio.

Notti Trasfigurate rappresenta quindi il desiderio di andare incontro a un pubblico sempre nuovo, e consente alla creatività dell’ascoltatore di seguire un proprio percorso nel mondo dei suoni.

Lo spirito dell’iniziativa resta quello di sempre: offrire ai giovani musicisti degli Istituti che compongono la Civica l’opportunità di dimostrare il proprio talento nei più diversi ambiti.

Sono proprio la vocazione verso i diversi generi di musica, l’offerta indirizzata a un pubblico di tutte le età, la riflessione sul passato, i progetti legati al presente e al rapporto con la città, secondo un’idea che ha le sue radici nella storia ma che si apre verso la prospettiva di una musica “per tutti”, a comporre il calendario della stagione 2018, che propone, come di consueto, numerosi solisti e gruppi di studenti provenienti da tutto il mondo, a cui è data la possibilità di confrontarsi con l’entusiasmante avventura del palcoscenico.

Anche quest’anno Notti Trasfigurate offre quindi una panoramica ricca e articolata sulla musica antica, classica e contemporanea, ponendo attenzione particolare all’incrocio dei linguaggi e alle contaminazioni.

Dal 19 giugno all’11 luglio si spazierà dalla musica antica alla classica, dalla contemporanea al jazz, con incursioni nel mondo del cinema: dieci appuntamenti che presentano un vivace affresco di generi e stili differenti.

Notti Trasfigurate 2018
Musica a Villa Simonetta
19 giugno – 11 luglio 2018 ingresso libero
Milano, cortile di Villa Simonetta – via Stilicone, 36 ore 21.00
→ ore 19.30, Aperitivo in musica – ingresso libero

Teatro Niccolini di Firenze: Alessio Allegrini

Alessio Allegrini - credit Marco Caselli Nirmal pic
Alessio Allegrini – credit Marco Caselli Nirmal pic

Selezionato a soli 23 anni da Riccardo Muti come primo corno del Teatro alla Scala, solista ospite dei Berliner Philarmoniker e pupillo del compianto Claudio Abbado – che lo ha voluto in tutti i suoi progetti più importanti – Alessio Allegrini e tra i massimi virtuosi del proprio strumento.

Lunedì 23 e martedì 24 aprile torna al fianco dell’Orchestra da Camera Fiorentina nel duplice appuntamento al Teatro Niccolini (ore 21 – via Ricasoli 3 – Firenze – biglietti 20/15 euro) che lo vede nei ruoli di direttore e solista.

In programma una delle sue interpretazioni più apprezzate, il “Concerto per corno e orchestra op. 11” di Richard Strauss, seguita dall’ottava Sinfonia di Sinfonia di Ludwig van Beethoven. Apre la prima assoluta di “Oxitocina” del compositore contemporaneo Neri Monici.

Richard Strauss compose il “Concerto per corno e orchestra op. 11” quasi ottantenne, mentre in Europa infuriava la seconda guerra mondiale: la partitura è dominata da un’idea melodica che ricorre nei tre movimenti, e segna un certo ritorno alla classicità.

Ad affiorare è infatti il ricordo del padre, Franz Joseph Strauss, a lungo primo corno presso l’orchestra di corte di Monaco di Baviera (e fervente antiwagneriano).

Opera breve e atipica, la “Sinfonia n. 8 in fa maggiore op. 93” di Ludwig van Beethoven segna un ritorno ad una forma decisamente classica, consona ai modelli di Mozart e Haydn.

Vincitore di importanti riconoscimenti internazionali, tra i quali il Prague Spring Competition e il concorso A.R.D. di Monaco di Baviera, Alessio Allegrini inaugura il ciclo di concerti che la stagione 2018 dell’Orchestra da Camera Fiorentina dedica ai solisti dell’Orchestra di Santa Cecilia, di cui è primo corno.

Allegrini ha suonato sotto la direzione di direttori quali Abbado, Muti, Chung, Tate e Antonio Pappano. Tra le incisioni, impossibile non ricordare l’integrale live dei Concerti per corno e orchestra di Mozart, con l’Orchestra Mozart diretta da Claudio Abbado.

Biglietti 20/15 euro (riduzioni per studenti e over 65). Si ricorda che ai titolari della “Firenze Card” del Comune di Firenze è riservato uno sconto del 15% (o tre biglietti al prezzo di due). Biglietto a 5 euro per i titolari della “Carta Giò – Io studio a Firenze” del Comune di Firenze. Ingresso gratuito fino a 12 anni.

Prevendite nei punti www.boxofficetoscana.it/punti-vendita e online su www.boxol.it. Prevendita anche al Teatro Niccolini nei giorni dei concerti, dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 21.

La 38esima stagione dell’Orchestra da Camera Fiorentina è realizzata con il sostegno di Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Regione Toscana, Città Metropolitana di Firenze, Comune di Firenze, Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, Banca CR Firenze e Leggiero Foundation.

Programma concerti lunedì 23 e martedì 24 aprile 2018
N. Monici Oxitocina (prima esecuzione assoluta)
R. Strauss Concerto per corno e orchestra n. 1 in mi bemolle maggiore op.11
L. V. Beethoven Sinfonia n. 8 in fa maggiore op. 93

Informazioni e prenotazioni
Segreteria Orchestra tel. 055-783374 – www.orchestrafiorentina.it – info@orchestrafiorentina.it

Biglietti, riduzioni e sconti
Biglietto intero 20 euro. Biglietto ridotto a 15 euro per studenti (muniti di tesserino) e over 65 (muniti di un documento). Ai titolari della “Firenze Card” del Comune di Firenze è riservato uno sconto del 15% (o tre biglietti al prezzo di due). Biglietto a 5 euro per i titolari della “Carta Giò – Io studio a Firenze” del Comune di Firenze. Ingresso gratuito fino a 12 anni.

Prevendite
Box Office – via delle Vecchie Carceri, 1 (Firenze) – tel. 055 210804. Orario: mar/sab 10/19.30 – Lun 15.30/19.30 – www.boxol.it. Prevendita anche presso gli spazi che ospitano gli spettacoli, nei giorni dei concerti, dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 21.