Cineforum Novate Milanese

 

4 aprile 2013, di Elisa Zini – Inizia oggi giovedì 4 aprile 2013, presso il cinema Nuovo di Novate Milanese, l’atteso cineforum giunto alla sua 26° edizione.

Da più di dieci anni l’iniziativa “Riflettere attraverso un film” riscuote molto successo tanto da promuovere un ciclo di film nella stagione autunnale e uno nella stagione primaverile. Pubblico affezionato e molti film da scoprire attraverso la visione e la condivisione di impressioni, emozioni, sensazioni.

Un ciclo di 8 film di qualità offrirà l’opportunità di migliorare il proprio senso critico e di affrontare insieme tematiche importanti.

Una novità: in questo ciclo di film non sarà presente il critico cinematografico Celeste Colombo, che da sempre aveva introdotto i film e guidato la discussione a fine proiezione. Ci sarà una breve presentazione del film, seguirà la proiezione e non ci sarà il dibattito finale.

L’inizio della presentazione è prevista per le 21,15.

Come di consueto, al termine del cineforum, seguirà un rinfresco offerto dal cinema Nuovo a tutti i presenti.

4 aprile La migliore offerta Regia di Giuseppe Tornatore

11 aprile Gli equilibristi Regia di Ivano De Matteo

18 aprile Argo Regia di Ben Affleck

25 aprile La bicicletta verde Regia di Haifaa Al Mansour

2 maggio Les miserables Regia di Tom Hooper

9 maggio Il comandante e la cicogna Regia di Silvio Soldini

16 maggio Viva la libertà Regia di Roberto Andò

23 maggio La regola del silenzio Regia di Robert Redford

Per informazioni: tel. 02/3541641

CINEFORUM A NOVATE MILANESE

21 settembre 2012, di Elisa Zini – Inizia oggi venerdì 21 settembre 2012, presso il cinema Nuovo di Novate Milanese, l’atteso cineforum giunto alla sua 25° edizione.

Da più di dieci anni l’iniziativa “Riflettere attraverso un film” riscuote molto successo tanto da promuovere un ciclo di film nella stagione autunnale e uno nella stagione primaverile. Pubblico affezionato e molti film da scoprire attraverso la visione e la condivisione di impressioni, emozioni, sensazioni. Una novità: in questo ciclo di film oltre al critico cinematografico Celeste Colombo, che da sempre introduce i film e guida la discussione a fine proiezione, promuovendo il dibattito, saranno presenti, a rotazione, altri due critici cinematografici. Lo scambio di visioni e di idee è assicurato.

Questa sera in anteprima verrà proiettato il film “Piccole Bugie tra amici” di Guillaume Canet e a partire dal 27 settembre inizieranno le proiezioni del 25° ciclo di film che si concluderanno il 6 dicembre 2012. Come di consueto, al termine del cineforum, seguirà un rinfresco natalizio offerto dal cinema Nuovo a tutti i presenti.

Giovedì  27 settembre  “Sister” di Ursula Meier

Giovedì  4 ottobre   “Marigold Hotel” di John Madden

Giovedì  11 ottobre “17 ragazze” di M. e D. Coulin

Giovedì  18 ottobre “Il pescatore di sogni” di Lasse Hallstrom

Giovedì  25 ottobre “Tutti i nostri desideri” di Philippe Lioret

Martedì  30 ottobre “Un amore di gioventù” di Mia Hansen-Love

Giovedì 8  novembre “Romanzo di una strage” di Marco Tullio Giordana

Giovedì 22 novembre  “La guerra è dichiarata” di Valèrie Donzelli

Giovedì 29 novembre  “Margin call” di J.C. Chandor

Speciale 6 dicembre 2012  REALITY Vincitore “Grand Prix” Festival di Cannes 2012

(diretto dal regista di Gomorra)

BUON CINEMA A TUUTI

Per informazioni:

Cinema Nuovo di Novate Milanese

Tel. 02/3541641

CINEFORUM – riflettere attraverso un film

2 aprile 2012, Elisa Zini – Presso il cinema Nuovo di Novate Milanese è iniziato il 24° ciclo di Cineforum “Riflettere attraverso un film”. Pubblico affezionato e molti film da vedere e capire grazie al dibattito con il critico Celeste Colombo. Un modo per condividere impressioni, emozioni, sensazioni: tutte rigorosamente a caldo dopo la proiezione della pellicola. Dalle 21.00 alle 21.15 il critico cinematografico Colombo introdurrà il film parlando, in breve, del regista, degli attori protagonisti e degli aneddoti di cui regalerà un piccolo assaggio. A fine proiezione, per chi vorrà, seguirà il dibattito con il pubblico.

Programma:

giovedì 22/3 “Midnight in Paris” di Woody Allen, U.S.A.

giovedì 29/3 “Le idi di marzo” di George Clooney, U.S.A.

giovedì 5/4   SOSPESO con i migliori auguri di Buona Pasqua

giovedì 12/4 “Una separazione” di Asghar Farhadi, IRAN

giovedì 19/4 “La kryptonite nella borsa” di Ivan Cotroneo, ITALIA

giovedì 26/4 “Miracolo a le Havre” di Aki Kaurismäki, GERMANIA, FRANCIA, FINLANDIA

giovedì 3/5  “The Artist” di Michel Hazanavicius, FRANCIA

giovedì 10/5   SOSPESO

venerdì 18/5 “Le nevi del Kilimangiaro” di Robert Guèdiguian, FRANCIA

venerdì 25/5 “J. Edgar” di Clint Eastwood, U.S.A.

venerdì 1/6 “Almanya (La mia famiglia va in Germania)” di Yasemin Samdereli, GERMANIA

Per informazioni rivolgersi alla cassa del cinema in orari di apertura oppure

e-mail: ci-nuovo-novate-mi@hdinformatica.it

Cineforum a Novate

17 settembre 2011, di Elisa Zini – A partire dal mese di ottobre, presso il cinema Nuovo di Novate Milanese, riparte l’atteso cineforum giunto alla sua 23° edizione.

Da più di dieci anni l’iniziativa “Riflettere attraverso un film” riscuote molto successo tanto da promuovere un ciclo di film nella stagione autunnale e uno nella stagione primaverile. Pubblico affezionato e molti film da scoprire attraverso la visione e la condivisione di impressioni, emozioni, sensazioni. Il critico cinematografico Celeste Colombo introdurrà i film e promuoverà il dibattito a fine proiezione. La rassegna inizierà giovedì 6 ottobre e terminerà venerdì 2 dicembre con un film a sorpresa, scelto tra i migliori proiettati al Festival di Venezia 2011. Come di consueto, al termine del cineforum, seguirà un rinfresco natalizio offerto dal cinema Nuovo a tutti i presenti.

Venerdì 30 settembre, in anteprima, sarà proiettato il film capolavoro “Noi credevamo”: quattro episodi che narrano gli avvenimenti della storia italiana dal 1828 fino all’alba della Nazione (1861).

Film in proiezione:

Giovedì 6 ottobre “The tree of life” di Terrence Malick

Giovedì 13 ottobre “Hereafter” di Clint Eastwood

Giovedì 20 ottobre “Habemus Papam” di Nanni Moretti

Giovedì 27 ottobre “Il primo incarico” di Giorgia Cecere

Giovedì 3 novembre “Il ragazzo con la bicicletta” di J.P. Dardenne

Giovedì 17 novembre “Tutti per uno” di Romain Goupil

Giovedì 24 novembre “Le donne del 6° piano” di Philippe Le Guay

Venerdì 2 dicembre FILM A SORPRESA

Dapartures

Regia di Yojiro Takita

Con Masahiro Motoki, Ryoko Hirosue, Tsutomu Yamazaki, Kazuko Yoshiyuki, Takashi Sasano

Drammatico, GIAPPONE 2008

Elisa Zini – Daigo (Motoki Masahiro) suona il violoncello in una prestigiosa orchestra di Tokyo. L’inaspettato scioglimento dell’ orchestra, complice un pubblico sempre più esiguo, lascia Daigo senza lavoro.  Decide così di rientrare al paese  natale, in campagna, alle porte di Yamagata, insieme alla moglie Mika (Hirosue Ryoko). Daigo vende il suo amato violoncello con il desiderio di ricominciare una nuova vita. Alla  ricerca di un  lavoro Daigo risponde ad un annuncio: Departures, “partenze”. Crede cerchino qualcuno per lavorare in un’ agenzia di viaggio e si accorge che il viaggio è nell’aldilà. Il becchino, Sasaki (Yamazaki Tsutomu) è alla ricerca di un aiutante ma sa che non è facile trovare qualcuno disposto a lavorare con lui. Daigo, per necessità, accetta ma la moglie Mika, una volta scoperto il nuovo lavoro del marito, scappa di casa e promette di tornare solo se Daigo cambierà  occupazione. Anche gli abitanti del paese cominciano ad evitarlo per il suo lavoro. L’esperienza della morte cambierà Daigo più di quanto avesse mai potuto immaginare.

Vincitore dell’Oscar come miglior film straniero all’Academy Award, Departures è un film raffinato e profondo che lascia incantati: una commovente celebrazione della vita attraverso il rispetto per la morte. Una storia delicata che riflette sulla morte con coraggio e consapevolezza, riprendendo le tradizioni nipponiche e riportandole con  dolcezza nella civiltà moderna. Il rito della deposizione – la cura del nokanshi – è una tradizione giapponese, un modo prezioso per dare l’estremo saluto alla persona deceduta: la pulizia del corpo, il trucco sul viso e la vestizione sono le ultime simboliche carezze fatte alla persona cara, prima di lasciarla andar via per sempre. Il capo Sasaki, interpretato con grande intensità dal raffinato attore Yamazaki Tsutomu, scardina la visione macabra e cupa che solitamente accompagna il mestiere di becchino per sostituirla con una cerimonia rispettosa e intrisa di tradizioni. Un composto e rispettoso silenzio che dice molto più di tante parole.