“Romanzo Criminale” su Cine34

Romanzo Criminale
Romanzo Criminale

«Romanzo Criminale»: 30.09.2005 – 30.09.2020

Mercoledì 30 settembre, in prima serata, – a 15 anni esatti dall’uscita in sala – “Cine34″ celebra l’Opera-Culto di Michele Placido

A 15 anni esatti dall’uscita nelle sale cinematografiche, mercoledì 30 settembre, in prima serata, “Cine34” celebra l’opera-culto di Michele Placido: quel «Romanzo criminale» che vantava uno dei cast più promettenti di sempre, oggi attori consacrati e più volte premiati nel corso delle rispettive carriere.
Kim Rossi Stuart: Il Freddo. Pierfrancesco Favino: Il Libanese. Claudio Santamaria: Il Dandi. Stefano Accorsi: il Commissario Scialoja. Riccardo Scamarcio: Il Nero. Jasmine Trinca: Roberta. Stefano Fresi: Il Secco. Elio Germano: Il Sorcio. Gianmarco Tognazzi: il Dr. Carenza. Virginia Raffaele: la fidanzata di Gemito. Massimo Popolizio: Il Terribile.

Dall’omonimo romanzo di Giancarlo De Cataldo al successo cinematografico (e poi, clamorosamente, anche seriale), «Romanzo criminale» narra le imprese della famigerata Banda della Magliana.
Piàmose Roma propone il Libanese che – col Freddo e il Dandy – aspira a controllare la Capitale degli Anni ’70 e ’80: i tre sono il nucleo centrale di quella che è stata la più potente organizzazione criminale che vi abbia mai operato. Un’organizzazione alla quale sono stati attribuiti legami con Cosa nostra, Camorra, ‘ndrangheta, esponenti della politica, della massoneria, della loggia P2, dell’estrema destra eversiva, dei servizi segreti deviati e del Vaticano.

Terreno fertile per un poliziottesco esplosivo, serrato e adrenalinico, premiato con otto David di Donatello e cinque Nastri d’argento.
Una pellicola, «Romanzo criminale» che si contraddistingue anche per una colonna sonora ricca delle numerose hit del periodo, tra cui una versione di I Heard It Through the Grapevine superbamente cantata da Giorgia, e da una ricostruzione di ambientazioni e costumi davvero notevole.

Un risultato ottenuto grazie alla solida sceneggiatura firmata da Sandro Petraglia e Stefano Rulli, unanimemente ritenuti tra i migliori sceneggiatori italiani di sempre. Alla produzione targata Cattleya. Alla distribuzione di Warner. Alla fotografia caravaggesca di Luca Bigazzi. Alla scenografia di Paola Comencini.

«Romanzo criminale» ha incassato 4.9 milioni di euro ed è considerato il miglior film italiano di genere dei primi anni Duemila e il più riuscito di Placido regista.

Alberto Sordi: 15 giugno 1920 – 15 giugno 2020

Alberto Sordi
Alberto Sordi

Alberto Sordi: 15 giugno 1920 – 15 giugno 2020

Nel centennale della nascita l’omaggio Mediaset con uno Speciale Tg5 e tanti film-culto

Su Canale 5, Retequattro e Cine34:
dal 13 al 20 giugno, in day-time, access, prime-time e seconda serata

Nel centenario della nascita, Alberto Sordi (15 giugno 1920 – 15 giugno 2020) – l’arci-italiano per antonomasia; l’eclettico attore, regista, comico, sceneggiatore, compositore, cantante e doppiatore; l’amatissimo protagonista di film che hanno accompagnato (e continuano a farlo) generazioni e generazioni di italiani – è al centro di un omaggio delle reti Mediaset.

Canale 5, Retequattro e Cine34 illuminano la propria programmazione raccontando il Sordi pubblico e quello privato, per un ritratto a tutto tondo del più autentico romano de Roma di sempre.

Canale 5: narra Sordi con uno Speciale TG5, previsto in seconda serata, sabato 13 giugno. L’approfondimento di Clemente J. Mimun – dal titolo Magnifico Testimone – è affidato ad Anna Praderio, che ripercorre la lunga carriera dell’Albertone nazionale attraverso le sue stesse parole, in due interviste del 1995 e del 1999. Il percorso prosegue con le testimonianze dei colleghi Carlo Verdone, Enrico Montesano e Gigi Proietti, che si conclude con le parole della storica publicist di Alberto Sordi, Paola Comin. Dalle ore 14.00, domenica 14, coronano il ricordo della rete diretta da Giancarlo Scheri, i super classici In viaggio con papà e Io so che tu sai che io so.

Retequattro: lunedì 15 giugno, in day-time, propone il lungometraggio Polvere di stelle.

Cine34: dedica sei serate ad Alberto Sordi, dal 15 al 20 giugno. La rassegna Sordi 100, per un totale di 18 pellicole, va in onda in access, prime-time e seconda serata.

• lunedì 15: Il prof. Dott. Guido Tersilli primario della clinica Villa Celeste convenzionata con le mutue
(1969, di Luciano Salce);
Il vigile
(1960, di Luigi Zampa, con Vittorio De Sica, Sylva Koscina, Marisa Merlini);
Tutti dentro
(1984, con Joe Pesci e Dalila Di Lazzaro);
• martedì 16: Lo scapolo
(1955, di Antonio Pietrangeli, con Nino Manfredi);
Sono un fenomeno paranormale
(1985, di Sergio Corbucci, con E. Brigliadori);
Quelle strane occasioni
(1976, di Comencini, Loy, Magni, con P. Villaggio e S. Sandrelli);
• mercoledì 17: Il comune senso del pudore
(1976, di e con Alberto Sordi; con Cochi Ponzoni, Giò Stajano, Florinda Bolkan,
Claudia Cardinale, Philippe Noiret, Ugo Gregoretti, Marina Cicogna…);
Finché c’è guerra c’è speranza
(1974, di e con Alberto Sordi e Marcella Di Folco);
Allegro squadrone
(1954, di Paolo Moffa, con V. De Sica, D. Gélin, Paolo Stoppa)
• giovedì 18: Io so che tu sai che io so
(1982, di e con Alberto Sordi e Monica Vitti);
Polvere di stelle, in versione restaurata
(1973, di e con Alberto Sordi e Monica Vitti);
Buonanotte… avvocato!
(1955, di Giorgio Bianchi, con G. Masina e V. Caprioli);
• venerdì 19: Il medico e lo stregone
(1957, di Mario Monicelli, con V. De Sica, M. Mastroianni, M. Merlini);
Il presidente del Borgorosso Football Club
(1970, di Luigi Filippo D’Amico);
Dove vai in vacanza?
(1978, di Mauro Bolognini, Luciano Salce, Alberto Sordi);
• sabato 20: Il Conte Max;
(1957, di Giorgio Bianchi, con Vittorio De Sica e Alberto Sordi);
In viaggio con papà;
(1982, di e con Alberto Sordi e Carlo Verdone)
Nestore, l’ultima corsa
(1994, di e con Alberto Sordi)