Teatro Manzoni: “Due” con Raoul Bova e Chiara Francini

DUE_Raoul Bova e Chiara Francini R fabiolovino
DUE_Raoul Bova e Chiara Francini R fabiolovino

Dopo il successo della scorsa stagione, confermato da numerosi “tutto esaurito”, approda al Teatro Manzoni Due, una produzione di Michele Gentile per la Compagnia Enfi Teatro diretta da Luca Miniero che vede sulla scena Raoul Bova e Chiara Francini nei panni di una coppia alla soglia della convivenza che si interroga sul futuro.

Due, che ha debuttato a febbraio dell’anno scorso, rappresenta un ritorno al palcoscenico, per Raoul Bova, dopo vent’anni di cinema e televisione, una conferma per Chiara Francini, che ha alle spalle numerose esperienze sul palco, e un esordio per Luca Miniero, dopo i successi sul grande schermo. La tournée prosegue fino ad aprile 2018 toccando numerose città.

La scena è una stanza vuota. L’occasione è l’inizio della convivenza che per tutti gli essere umani, sani di mente, è un momento molto delicato. Che siano sposati o meno, etero oppure omo. Marco è alle prese con il montaggio di un letto matrimoniale, Paola lo interroga sul loro futuro di coppia. Sapere oggi come sarà Marco fra 20 anni, questa è la sua pretesa. O forse la sua illusione.

La diversa visione della vita insieme emerge prepotentemente nelle differenze fra maschile e femminile. Entrambi i due giovani evocheranno facce e personaggi del loro futuro e del loro passato: genitori, amanti, figli, amici che come in tutte le coppie turberanno la loro serenità.

Presenze interpretate dagli stessi due protagonisti che accompagneranno fisicamente in scena dei cartonati con le varie persone evocate dal loro dialogo. Alla fine il palco sarà popolato da tutte queste sagome e dai due attori: l’immagine stilizzata di una vita di coppia reale, faticosa e a volte insensata. Perché non sempre ci accorgiamo che in due siamo molti di più. E montare un letto con tutte queste persone intorno, anzi paure, non sarà mica una passeggiata.
Luca Miniero

Raoul Bova e Chiara Francini al Teatro delle Muse di Ancona

Due- Bova e Franceschini
Due- Bova e Francini

Prosegue con successo la Stagione Teatrale 16 17 di Ancona curata da MARCHE TEATRO.
Uniche date nelle Marche da giovedì 23 a domenica 26 febbraio (ore 20.45 e domenica pomeriggio ore 16.30) al Teatro delle Muse di Ancona per Raoul Bova e Chiara Francini protagonisti di Due, commedia scritta da Luca Miniero e Astutilio Smeriglia e diretta dal Luca Miniero, con aiuto regia Paola Rota.

Due parla dell’inizio di una convivenza, momento delicato per ogni coppia. La scena è una stanza vuota e mentre Marco (Raoul Bova) è alle prese con il montaggio di un letto matrimoniale Paola (Chiara Francini) lo interroga sul loro futuro, su come saranno tra vent’anni.

La diversa visione dei due della vita insieme emergerà prepotentemente ed entrambi i personaggi evocheranno personaggi dal loro passato e ne immagineranno altri nel loro futuro: genitori, amanti, figli, amici che, come in tutte le coppie, concorrono a turbare la loro serenità.

Alla fine, il palcoscenico rappresenterà la vita di coppia reale, faticosa e a volte insensata che non è mai formata da due sole persone, ma da molte di più. Montare un letto con tutte queste persone intorno non sarà certo una passeggiata.
Due, spettacolo diretto dal regista e sceneggiatore Luca Miniero, ci racconta dei difficili rapporti di coppia e di come si possa entrare in crisi sin dal primo giorno di convivenza, ancor prima di aver finito di montare il letto matrimoniale.

“Buona Giornata” in Frecciarossa.

Dopo aver inaugurato una nuova era del viaggiare ed aver già lasciato un segno nelle abitudini e nei costumi degli italiani, il nuovo Frecciarossa 4 livelli – il treno per tutti – diventa protagonista di uno degli episodi dell’ultima pellicola dei fratelli Vanzina.

 

“Buona Giornata”, prodotto da Medusa Film, tradizionale commedia all’italiana che ha nel cast attori del calibro di Christian De Sica, Lino Banfi, Diego Abatantuono, Chiara Francini, Vincenzo Salemme e Tosca D’Aquino, è stato presentato oggi in anteprima a Roma e sarà nelle sale dal 30 marzo.

 

A trecento chilometri all’ora sulla prestigiosa carrozza Executive. Questa la cornice dell’episodio di “Buona Giornata” girato sul nuovo Frecciarossa, un concentrato di innovazione e tecnologia della flotta AV Trenitalia che dall’1 aprile disporrà di 18 convogli rinnovati. Sono stati 25 milioni (+20% rispetto all’anno precedente) i clienti che nel 2011 hanno scelto l’Alta Velocità di Ferrovie Italiane con un risparmio di 600mila tonnellate di CO2.

 

Standard, Premium, Business ed Executive sono i 4 livelli del nuovo Frecciarossa.

Non più classi ma quattro treni in un unico treno che offre più spazio per passeggeri e bagagli (+30%), 62 monitor per informazioni e intrattenimento oltre a un sistema wi-fi a disposizione dei viaggiatori. Insomma una nuova esperienza con l’opportunità di viaggiare veloci e comodi spendendo poco, in Standard, e di concedersi un viaggio full optional, all’insegna dell’eleganza e della massima raffinatezza, in Executive.

 

Con una scelta che si amplia con i livelli intermedi Premium e Business e si caratterizza ulteriormente, in Business, se si prenota il plus di relax e riservatezza offerto dai due salottini a 4 posti, rinnovati e dotati di due ampi monitor, oppure un posto nella cosiddetta Area del Silenzio, dove si può viaggiare senza il fastidioso sottofondo di suonerie e conversazioni telefoniche