Mensile “Bell’Italia” – Speciale Palermo

Bit_SP_PALERMO_COPERTINA.
Bit_SP_PALERMO_COPERTINA.

BELL’ITALIA, il mensile di Cairo Editore diretto da Emanuela Rosa-Clot, è in edicola con un allegato speciale dedicato alla scoperta di Palermo, destinazione unica nel Mediterraneo e in carica come Capitale Italiana della Cultura.

Proprio questo riconoscimento per il 2018 suggella la rinascita del capoluogo dell’isola maggiore. Sempre più accogliente e apprezzata da visitatori italiani e stranieri, Palermo è tornata ad essere considerata tra le grandi città d’arte con il suo sguardo rivolto all’intero Mediterraneo, culla delle civiltà che hanno definito la sua anima.

Lo speciale monografico di 72 pagine raccoglie servizi che, grazie anche alle foto di una città dai mille volti, raccontano le tante sfaccettature di Palermo: i capolavori arabo normanni, il trionfo del barocco e dei suoi stucchi, le ville e i palazzi liberty, il verde con l’orto botanico e i giardini urbani, la biennale d’arte.

Un’attenzione particolare è dedicata anche ai sapori della città: partendo del cibo da strada dei mercati storici, passando per i ristoranti gourmet, per arrivare ai dolci del convento di Santa Caterina.

“Quando una città riparte lo si sente nell’aria. Tornare a Palermo dopo qualche anno mi ha dato proprio questa impressione – dichiara Emanuela Rosa-Clot – Questo accade anche grazie a chi ha messo la cultura al centro dell’azione politica. Nel 2018 Palermo è Capitale Italiana della Cultura, ma bisognerebbe dire delle culture: dai Fenici ai Greci, dagli Arabi agli ebrei, tutti rappresentati nel logo di Palermo Capitale. Quando una città riparte bisogna esserci”.

Questo l’invito al viaggio del direttore di BELL’ITALIA, in un itinerario urbano imperdibile che sintetizza il crogiolo di culture che hanno reso e rendono Palermo una città unica.

Bell’Italia di febbraio: ilGolosario – primo volume in edicola

Il Golosario
Il Golosario

Un’edizione speciale de ilGolosario, la guida alle cose buone d’Italia firmata da Paolo Massobrio uscirà col numero di febbraio di BELL’ITALIA – il mensile di Cairo Editore diretto da Emanuela Rosa-Clot – per tre mesi consecutivi, per accompagnare i lettori in un itinerario lungo tutto lo Stivale alla scoperta delle botteghe e degli artigiani dei sapori che hanno esteso la loro offerta alla ristorazione.

“Andare direttamente alla fonte. È quello che da oltre vent’anni fanno Paolo Massobrio e gli amici del Golosario, in giro per l’Italia a visitare aziende agricole, produttori, artigiani del gusto, botteghe dove si può comperare il meglio della grande e variegata tradizione enogastronomica italiana. Un viaggio alla ricerca delle eccellenze su strade che anche noi di Bell’Italia percorriamo. Era naturale incontrarsi, prima o poi – spiega il direttore Emanuela Rosa-Clot – ilGolosario è un irrinunciabile vademecum per il viaggiatore buongustaio”.

Tre volumi che, a soli 2 euro in più, saranno allegati al mensile di riferimento per i viaggiatori golosi con 900 pagine complessive e 2.400 consigli d’autore che segnaleranno, regione per regione, i posti giusti in cui acquistare salumi, formaggi, pane, dolci, frutta, verdura, birre e liquori ma anche dove è possibile fermarsi per una sosta seduti comodamente a tavola: su 2.400 segnalazioni sono 700 le botteghe che offrono anche da mangiare.

Con Bell’Italia di febbraio sarà in edicola il primo volume dedicato a Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria e Lombardia, con il numero di marzo il secondo volume dedicato a Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Marche e Toscana, e ad aprile il terzo volume con Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna.

“Questa iniziativa – dichiara Paolo Massobrio – intercetta una tendenza sempre più diffusa, che è quella di un momento di gusto più informale. Questa formula, è a metà strada fra lo street food e l’osteria e molto spesso si focalizza su singole specialità da assaggiare dove il vino diventa un contorno importante”.

E a proposito di vino, non manca la segnalazione di oltre 100 cantine che a loro volta propongono pietanze.
Inoltre il viaggio di Bell’Italia alla scoperta del Bel Paese continua con uno speciale in regalo di 76 pagine dedicato alle meraviglie delle Marche.

Bell’Italia: lo speciale coi Capolavori scelti da Vittorio Sgarbi

BELL'ITALIA SPECIALE CAPOLAVORI COVER
BELL’ITALIA SPECIALE CAPOLAVORI COVER

BELL’ITALIA, il mensile di Cairo Editore diretto da Emanuela Rosa-Clot, in edicola, regala agli appassionati di cultura lo speciale di 72 pagine CAPOLAVORI Scelti e raccontati da Vittorio Sgarbi: un viaggio alla scoperta del patrimonio artistico italiano, attraverso 12 capolavori, commentati dal noto critico e storico d’arte. Ogni articolo riporterà anche le informazioni utili per visitare il museo e la città dove è ospitata l’opera.

“Dopo il grande successo dell’anno scorso, riproponiamo una selezione di opere d’arte scelte e raccontate da Vittorio Sgarbi, dodici letture critiche e iconografiche, raccolte in un unico volume – il commento del direttore Emanuela Rosa-Clot – Sono tutte opere che, secondo il critico d’arte, valgono il viaggio. Molto note, come la Canestra di frutta di Caravaggio conservata alla Pinacoteca Ambrosiana di Milano, o da scoprire, come la pala d’altare di Roberto d’Oderisio, una Crocifissione giottesca di metà Trecento, nel Museo Diocesano di Salerno. Per un anno all’insegna dell’arte”.

Le opere e i luoghi che le ospitano:

o ORAZIO GENTILESCHI, Annunciazione, Galleria Sabauda (Torino)
o CARAVAGGIO, Canestra di frutta, Pinacoteca Ambrosiana (Milano)
o PIETRO LONGHI, Il rinoceronte, Ca’ Rezzonico (Venezia)
o BERNARDO STROZZI, La cuoca, Palazzo Rosso (Genova)
o MASACCIO, Trittico di San Giovenale, Museo Masaccio (Cascia di Reggello, FI)
o GIOVANNI BELLINI, Pala dell’Incoronazione della Vergine, Musei Civici (Pesaro)
o GIAN LORENZO BERNINI, Apollo e Dafne, Galleria Borghese (Roma)
o FRANCESCO PAOLO MICHETTI, Le serpi e Gli storpi, Museo Michetti (Francavilla al Mare, CH)
o ROBERTO D’ODERISIO, Crocifissione, Museo Diocesano (Salerno)
o MATTIA PRETI, Predica di San Giovanni Battista, Museo Civico (Taverna, CZ)
o UMBERTO BOCCIONI, Ines, Galleria Comunale d’Arte (Cagliari)
o PIETRO NOVELLI, Vergine in gloria tra i santi Rosalia e Giovanni Battista, Galleria Regionale della Sicilia (Palermo)

Bell’Italia: “L’Italia del Gusto” – Cairo Editore

bitgusto17copertina
bitgusto17copertina

Torna L’ITALIA DEL GUSTO, il numero speciale di BELL’ITALIA – il mensile di Cairo Editore diretto da Emanuela Rosa-Clot – in edicola dal 20 novembre dedicato agli itinerari culturali sulle strade dei sapori, alla scoperta del patrimonio enogastronomico del Bel Paese.

«Per il secondo viaggio di Bell’Italia con L’Italia del Gusto – racconta Emanuela Rosa-Clot – abbiamo apparecchiato una dozzina di itinerari, dall’Alto Adige alla Sicilia, dal Piemonte alla Sardegna, per il viaggiatore goloso che, accanto a una visita a un museo, una chiesa, un palazzo, ama esplorare un altro tipo di patrimonio, quello dei sapori. Anch’esso patrimonio culturale, come dimostra la scelta del ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini di dichiarare il 2018 “Anno del Cibo Italiano”».

L’ITALIA DEL GUSTO conduce il lettore in un viaggio tra le specialità e i luoghi rappresentativi della migliore tradizione italiana a tavola e nell’arte. Gli itinerari proposti da BELL’ITALIA – che da sempre valorizza e racconta il rapporto tra cibo e territorio, agricoltura e paesaggio – danno spunti per piccole fughe di mezza stagione, dall’autunno alla primavera, sul filo della bellezza e dei sapori.

Gli itinerari segnalati nello speciale contengono anche tutte le informazioni pratiche con gli indirizzi delle “buone soste”: ristoranti, cantine, frantoi, caseifici, negozi, botteghe storiche, le indicazioni sui monumenti da visitare e una selezione di indirizzi della migliore ospitalità di charme.

«I servizi di questo speciale sono concepiti come itinerari automobilistici in una o più regioni italiane, seguendo un filo conduttore geografico o tematico alla ricerca delle eccellenze locali», prosegue il direttore. «In tutto, più di 550 indirizzi, compresa una selezione di ristoranti stellati. Per ogni itinerario abbiamo chiesto a uno chef tre ricette dal suo menu per comporre un pranzo rappresentativo della tradizione gastronomica locale, spesso rivisitata in chiave contemporanea».

GLI ITINERARI DE “L’ITALIA DEL GUSTO”

ü LIGURIA: DA FINALE LIGURE A CAMOGLI, LE DUE RIVIERE A TAVOLA FRA TERRA E MARE – I dolci, il pesce, i prodotti unici – il chinotto di Savona, il basilico ligure Dop, lo sciroppo di rose – e gran finale con la focaccia di Recco.
ü LIGURIA: LA MILANO-SANREMO DEL GUSTO – Soste golose lungo la strada per il mare seguendo il percorso finale di una grande “classica” del ciclismo italiano.
TRENTINO, LOMBARDIA, VENETO: IL “GIROTONDO” DEL LAGO DI GARDA – L’olio extravergine, le cantine d’eccellenza, le limonaie e i borghi affacciati sul lago in un paesaggio dove natura alpina e tepori già mediterranei si fondono.
ü LOMBARDIA: I VINI D’ECCELLENZA – Dall’Oltrepò Pavese ai vini valtellinesi a etichette di nicchia da riscoprire, come il Buttafuoco.
ü ALTO ADIGE: DA MERANO A SESTO – Per malghe e latterie seguendo il filo bianco del latte di qualità.
ü FRIULI VENEZIA GIULIA: DA TRIESTE A SAURIS – Dall’Adriatico alle Alpi, sul filo del prosciutto crudo, eccellenza regionale, e della Ribolla Gialla, uno dei migliori bianchi d’Italia.
ü PIEMONTE: DA TORINO A NOVARA – Sulle strade dei vini reali, dai monti del Canavese alle terre del riso sulle due sponde del Sesia.
ü EMILIA ROMAGNA: DA BOLOGNA A REGGIO EMILIA – Lambrusco, acetaie, Parmigiano Reggiano e pasta fresca sulla strada dei colli reggiani e modenesi.
ü LA GRANDE SALUMERIA IN LOMBARDIA ED EMILIA ROMAGNA – Viaggio nella tradizione di due regioni italiane attraverso 10 specialità certificate DOP e IGP.
ü UMBRIA: DA NARNI A ORVIETO – Tartufi, frantoi, cantine storiche e l’arte della norcineria.
ü CAMPANIA: DA CAPUA A VAIRANO – Dal latte alle sorgenti, i tesori nascosti dell’Alto Casertano: la pizza migliore d’Italia, gli ortaggi antichi e le fonti della Ferrarelle, diventate parco del FAI-Fondo Ambiente Italiano.
ü PUGLIA: CUCINA E TRADIZIONI NELLA PATRIA DELLO STREET FOOD – Dal panzerotto ai sospiri di Bisceglie, la ricchezza di una terra dove il cibo di strada non è moda ma antica tradizione.
ü SICILIA: DA SIRACUSA A PIAZZA ARMERINA – Viaggio goloso nel cuore del Barocco siciliano, tra dolci, cantine, conserve di pesce e ristoranti stellati.
ü SARDEGNA: DA NUORO A ORANI – L’autunno in Barbagia è una festa per gli occhi e per il palato, dal pane di semola ai migliori Cannonau.