“Il senso del ridicolo”: Festival sull’umorismo

Cortellesi
Cortellesi

Il festival, diretto da Stefano Bartezzaghi, promosso dalla Fondazione Livorno, è gestito e organizzato dalla Fondazione Livorno – Arte e Cultura, con la collaborazione del Comune di Livorno e il patrocinio della Regione Toscana.

Alle ore 10, in Piazza dei Domenicani, la giornalista Irene Soave parlerà con umorismo della singletudine femminile su cui si è lungamente documentata tramite i galatei e la manualistica dedicata all’argomento.

Alle ore 11, in Piazza del Luogo Pio, Francesco Costa, un giornalista che ha seguito da molto vicino le primarie e le elezioni americane, e Giuseppe Civati, un politico che dopo essere stato parlamentare è tornato a fare politica «dal basso», discuteranno di come nell’ambito della politica, com’è che una volta dare del «buffone» a un onorevole era un insulto cocente, mentre i politici contemporanei arrivano a fare scene da puro cabaret.

Alle ore 12, in Piazza dei Domenicani, Michele Smargiassi ci racconterà di come in fotografia l’arte che si imprime con la luce che colpisce la realtà possa arrivare a essere perfettamente surreale, comica, assurda, mentre alle ore 15, in piazza dei Domenicani, il critico musicale Ernesto Assante ci parlerà di come la musica possa essere un veicolo o un fattore stesso di comicità.

Alle ore 16,30, in Piazza del Luogo Pio, conversando con la critica Sara Chiappori, Lucia Poli ripercorrerà, in una conversazione alternata a letture di autori e soprattutto autrici che ama, ricordi ed episodi della carriera tra palcoscenico e televisione, scegliendo qualche perla dalla collana del suo repertorio.

Alle ore 17,30, in Piazza dei Domenicani ci sarà l’incontro con la scrittrice e conduttrice radiofonica Loredana Lipperini; alle 18,45, in Piazza del Luogo Pio, Matteo Caccia proseguirà la sua ricerca di storie e luoghi, presentando il risultato di un’esplorazione etnologico-immobiliare della città.

In serata alle ore 21, al Teatro Vertigo verrà proiettato il film “Kamikazen – Ultima notte a Milano” di Gabriele Salvatores (1987) nell’ambito della rassegna dei film curata da Gabriele Gimmelli.

“Guarire con il metodo Gerson”

n2724679
n2724679

Charlotte Gerson e Beata Bishop  hanno scritto un libro esaustivo sulla terapia metabolica scoperta e introdotta dal medico tedesco Max Gerson.

“Guarire con il Metodo Gerson” diventa così un manuale, prezioso, per conoscere meglio i delicati equilibri che regolano il corpo umano e un modo per difendersi dalla tossicità del mondo in cui viviamo.

Con estrema chiarezza Charlotte Gerson ripercorre le tappe che hanno portato suo padre a credere nella possibilità di curare molte malattie, comprese quelle croniche e il cancro, con metodi alternativi rispetto ai protocolli scientifici ufficialmente approvati dalla comunità medica.

Charlotte è fondatrice del “Gerson Institute” e ha personalmente partecipato all’addestramento del personale medico che ha permesso a molti medici e terapeuti di applicare il Metodo Gerson in ospedali e cliniche in tutto il mondo.

Beata Bishop, psicoterapeuta, scrittrice e giornalista della BBC, dopo essere guarita da un melanoma grazie alla terapia Gerson è tra i fondatori del “Gerson Support Group” in Gran Bretagna.

La terapia Gerson si basa sulla teoria che la malattia, di qualunque origine, sia causata da un accumulo nel corpo di sostanze tossiche. Clisteri di caffè, appropriati integratori e una dieta vegetariana ricca di succhi di verdure e frutta, secondo il Metodo Gerson sono in grado di purificare il corpo, rafforzare il sistema immunitario e stimolare correttamente il metabolismo permettendo la completa guarigione della malattia.

L’unica clinica attualmente autorizzata si trova in Tijuana, in Messico, con costi di circa 4.000$ a settimana. Esiste anche la possibilità di avere precise indicazioni per una terapia domiciliare.

Nel libro si trovano numerose ricette che possono essere utilizzate anche da persone non malate unitamente a preziosi consigli sui metodi di cottura per non alterare le proprietà degli enzimi e dei sali minerali contenuti nei cibi. Utilissima l’interpretazione degli esami di laboratorio in corso di terapia Gerson.

Insieme al libro è presente un DVD: “Se solo avessimo saputo…” film-documentario con interviste, testimonianze e approfondimenti per un quadro completo della famosa terapia nutrizionale.
Un libro importante da leggere con attenzione e conservare.
(Recensione di Elisa Zini)

Titolo:Guarire con il Metodo Gerson

Autrici: Charlotte Gerson e Beata Bishop

Macro Edizioni 365 pag.