Radionorba Vodafone Battiti Live

BattitiLIve2020_Alan Palmieri_Elisabetta Gregoraci
BattitiLIve2020_Alan Palmieri_Elisabetta Gregoraci

Lunedì 24 agosto in prima serata su Italia 1, quarta puntata di “RADIONORBA VODAFONE BATTITI LIVE”, l’unico appuntamento televisivo dell’estate musicale italiana presentato da Alan Palmieri con Elisabetta Gregoraci.

Per questa 18esima edizione il palco di Radionorba, primo a riportare la musica live in televisione, avrà un’unica scenografia, il Castello Aragonese di Otranto, ma la kermesse manterrà la sua forte identità itinerante. 15 esibizioni, infatti, si svolgeranno “on the road” in altrettante location pugliesi: Alberobello, Altamura, Andria, Bari, Brindisi, Castellana Grotte, Foggia, Gallipoli, Lecce, Mesagne, Molfetta, Ostuni, Taranto, Trani e Vieste.

Oltre a queste città, che ospiteranno le esibizioni di altrettanti cantanti, saranno coinvolte anche cinque località marittime: Giovinazzo, Manfredonia, Mola di Bari, Monopoli e Porto Cesareo. In ogni puntata l’attrice e webstar Mariasole Pollio darà la possibilità al pubblico che seguirà lo show in spiaggia, di interagire con gli artisti sul palco.

Come sempre, la rassegna accoglierà alcuni dei nomi più importanti della musica italiana e internazionale. Protagonisti della quarta puntata: Irama, Annalisa, Francesco Gabbani, The Kolors, Gigi D’Alessio, J-Ax, Clementino, Le Vibrazioni, Elodie, Takagi&Ketra, Chadia Rodriguez, Federica Carta, Shade, Diodato, Mr Rain, Emma Muscat, Astol, Gaia, Ernia, Il Tre.

La regia è affidata a Luigi Antonini.

Calcio & Champagne – Marco Filadelfia feat Astol

Marco Filadelfia
Marco Filadelfia

“Calcio & Champagne” in uscita oggi, giovedì 1°Marzo, -racconta Marco Filadelfia- è un parallelismo tra il sogno di un adolescente di divenire campione del calcio e i sacrifici che nella quotidianità ciascuno di noi si trova ad affrontare per raggiungere i propri obiettivi.
Così come l’eufemismo “Calcio Champagne” sta ad indicare una partita di grande classe, nella vita quotidiana il Calcio e lo Champagne simboleggiano la passione più famosa del mondo ed il brindare ad un evento straordinario che è divenuto realtà.

Il calcio regala speranza, passione, sofferenza, amore, attaccamento e tenacia, il calcio ci educa a valori veri, allo spirito di squadra, al rispetto dell’altro, all’integrazione sociale, alla lealtà e alla sana competizione. Bisogna tornare a giocare anche nei campetti di periferia perché il calcio è magia …. e noi siamo abituati a ripartire .

Con questo brano, Marco Filadelfia ed Astol non solo ci parlano della loro passione per il calcio ma ci raccontano anche di come ogni sogno sia realizzabile grazie all’impegno e alla dedizione, che si tratti un sogno, un traguardo lontano o un amore quasi irraggiungibile…”
Marco Filadelfia, anche conosciuto come “Much Fila”, è un personaggio molto attivo e seguito sui social.

Non esiste un unico termine per definire ciò che fa: i suoi followers lo acclamano come “Web Star”, ma più semplicemente, Marco Filadelfia è un comunicatore, e lo fa con tutti i mezzi che la società moderna gli mette a disposizione: internet, social network, scrittura, sport, foto, video e musica.

Con i suoi video ha iniziato a parlare alle nuove generazioni, con le sue capacità atletiche gioca nella Nazionale Italiana Cantanti, grazie alle sue idee ha scritto un romanzo, ed ora, racconta di se e della sua generazione anche attraverso i suoi brani.
Ad oggi, Marco Filadelfia vanta un romanzo edito da Mondadori dal titolo “Con il cuore tra le nuvole”, ha già pubblicato diversi singoli musicali, si occupa in prima persona della gestione della propria identità social.

Nel 2016 debutta, come centrocampista in Nazionale Cantanti e, come lui stesso ama raccontare “ mi sono trovato dal campetto dietro casa allo Stadio Olimpico di Roma in mezzo alle più grandi star della musica italiana e ….non era più solo un sogno”.
E’ sempre più evidente che Marco Filadelfia sia un comunicatore 2.0, ovvero una figura in grado di far sentire la propria voce pur rimanendo celato dietro ad un monitor, ma è altrettanto evidente che presto o tardi questa furia comunicativa lo porterà a fare grandi cose.