Nuova avventura per Ornella Vanoni

OrnellaVanoni_BMG_low
OrnellaVanoni_BMG_low

Nuova avventura per Ornella Vanoni: firma con Bmg ed entra in studio per un album di inediti, annunciato a suggello della sua carriera discografica

Milano, 25 maggio 2020 – Ornella Vanoni, fra le stelle più luminose della musica italiana, guarda ancora e sempre avanti. L’artista, classe 1934 e un’energia senza tempo, ha infatti firmato un accordo discografico con BMG e si prepara ad entrare in studio per registrare quello che viene annunciato come il suggello della sua lunghissima carriera nonché il primo album di inediti a 7 anni dalla pubblicazione di “Meticci (io mi fermo qui)”.

A rivelarlo a sorpresa è proprio la stessa Ornella Vanoni: “In questi giorni ho firmato con BMG. Ha uno staff di persone molto giovani e vitali e mi piacciono molto”.

BMG, nella persona del suo Managing Director Dino Stewart, saluta con queste parole l’inizio della collaborazione: “Sono elettrizzato pensando al lavoro che ci aspetta nei prossimi mesi: so già che avremo un album di altissimo profilo e di una modernità visionaria, come la sua interprete. Considero Ornella la grande eccezione dell’arte, non solo musicale, italiana. Una donna e un’artista di enorme talento, divertente, entusiasta e curiosa, che mi ha letteralmente conquistato con la sua personalità, così viscerale in ogni aspetto. Il suo lato ironico, divenuto pubblico solo negli anni più recenti, l’ha resa, se possibile, ancora più iconica, ma con quel suo modo unico di essere un’icona terrena, sempre pronta ad agire, operosa, profondamente cittadina di Milano e allo stesso tempo universale. Per questo – spero di non essere irriverente – la considero l’artista più punk che l’Italia abbia mai conosciuto”.

La produzione esecutiva del nuovo album, che vedrà la luce fra l’autunno e l’inverno prossimi, è di Adele Di Palma, altra grande protagonista della musica italiana, dall’esperienza professionale che non ha rivali, come manager – fra gli altri – di Fabrizio De Andrè, Ivano Fossati, Samuele Bersani, Gianna Nannini, Enrico Nigiotti. Adele, galvanizzata dal progetto che sta mettendo a punto, manifesta così la propria attitudine dinamica, creativa e concreta: “Ritrovare Ornella per lavorare a questo album mi entusiasma particolarmente. Ho già collaborato con lei diversi anni fa, quando avevo appena cominciato a occuparmi di management. Ero giovane del mestiere e da lei ho imparato tanto, inclusa l’importanza dei dettagli solo all’apparenza trascurabili. Ornella è in grado di fare tutto, conosce ogni singolo aspetto del nostro lavoro e potrebbe insegnare tutto a tutti. Anche per questo è un’artista unica, per la mia esperienza lo è senza dubbio alcuno”.

Ornella Vanoni ha iniziato come attrice con Giorgio Strehler all’Accademia di Arte Drammatica del Piccolo Teatro di Milano a metà anni ’50. In seguito non abbandona mai la carriera di attrice, prendendo parte a diversi film con registi e attori come Antonello Falqui e Ugo Tognazzi, ma è la musica a dare l’opportuno risalto alla sua personalità senza eguali e a una versatilità che spazia dalla bossanova, al jazz, dalla canzone d’autore al pop, sempre ad altissimo livello. La prima incisione discografica risale al 1958 con la Ricordi, che grazie a lei apre la propria sezione di musica popolare contemporanea. Sempre alla Ricordi, che nel 1961 pubblica il suo primo album omonimo, Ornella incontra nei primi anni ’60 Gino Paoli, uno fra i tanti autori eccelsi con i quali crea un sodalizio artistico duraturo negli anni. Fra le altre innumerevoli collaborazioni basti ricordare quelle con Toquinho e Vinìcius de Moraes, con Gil Evans e Herbie Hancock, con Dario Fo, Fabrizio De Andrè, Lucio Dalla, Luigi Tenco, Giorgio Conte, fino a Lorenzo Jovanotti, Paolo Fresu e Claudio Baglioni. Con 39 album di inediti all’attivo e successi come La Musica è Finita, Tristezza, Senza Fine, Insieme a te, Vai Valentina, sono tanti anche i riconoscimenti, fra i quali spiccano due Premi Tenco e una Targa Tenco, unica donna e prima artista a raggiungere tale traguardo.

Ornella Vanoni, intanto, con l’entusiasmo che la contraddistingue, non resta a guardare e recentemente ha prestato la voce a due diversi progetti. Insieme ad altri colleghi, ha partecipato alla realizzazione corale del brano Ma il Cielo è sempre più Blu di Rino Gaetano, a favore della Croce Rossa Italiana. Inoltre troviamo un suo prezioso featuring nel nuovo singolo di Paolo Fresu e Rita Marcotulli, Domani è un altro giorno, brano già del suo repertorio che i due musicisti jazz hanno reinterpretato per tromba e pianoforte.

Sito Web: www.bmg.com FB: BMGItaly IG: BMGitaly

 

Roberta Finocchiaro: “Save Lives WithThe Rhythm”

Roberta Finocchiaro
Roberta Finocchiaro

È “SAVE LIVES WITH THE RHYTHM” il titolo del nuovo album di inediti della cantautrice e chitarrista catanese ROBERTA FINOCCHIARO, che sarà disponibile in digitale da venerdì 5 giugno.

“SAVE LIVES WITH THE RHYTHM”, in uscita su etichetta Tillie Records e distribuito da Believe, è una nuova grande sfida per Roberta che in quest’album si è avvicinata molto di più all’uso della chitarra elettrica, concedendo spazi maggiori anche agli assoli musicali, e ha cercato di far convogliare in tutto il progetto i due elementi fondamentali per la sua musica: la Vita e il Groove.

“SAVE LIVES WITH THE RHYTHM” è un album dal sapore internazionale che vanta l’apporto di importanti musicisti “d’oltre oceano” e la produzione di uno dei grandi della musica internazionale, STEVE JORDAN, noto soprattutto come batterista dei “The Blues Brothers” e del “John Mayer Trio”, oltre che come autore e co-produttore del progetto “Keith Richards and the X-pensive Winos” e turnista insieme ad Eric Clapton.

Roberta, in questi giorni di lockdown, ha costantemente coltivato e condiviso la sua passione per la chitarra intrattenendo il suo pubblico con “acoustic live” e duetti virtuali a distanza insieme ad altri amici musicisti. Inoltre, nell’arco di questo periodo, la cantautrice catanese si è anche aggiudicata la vittoria del contest lanciato sui suoi social da Alex Britti, in qualità di artista più completa, sia per la voce sia per le composizioni inedite, vincendo la possibilità di potersi esibire sul palco in duetto con Alex Britti, quando si potrà tornare nuovamente a suonare live.

Micol Martinez: “Buoni spropositi”

martinez by marco salom
martinez by marco salom

Da oggi, mercoledì 18 marzo, è disponibile sulle piattaforme streaming e in digital download “I BUONI SPROPOSITI”, il nuovo album di inediti della cantautrice MICOL MARTINEZ.

Fin da bambina Micol Martinez inizia a sviluppare una passione per la scrittura, all’età di 6 anni con la poesia e a 18 con il suo primo romanzo mai pubblicato. Studia recitazione al Teatro Libero di Milano e decide di fare della musica il suo lavoro.

Nel 2010 si fa promotrice del movimento culturale “Milano l’è bela” ed è parte attiva nell’organizzazione di iniziative culturali sul territorio.
“I BUONI SPROPOSITI” raccoglie pezzi di vita, riflessioni sul mondo, fotografie di stati d’animo e spezzoni dell’universo dell’artista. Micol Martinez in qualche brano confessa i suoi sentimenti più reconditi, in altri denuncia problemi della nostra società e in altri ancora racconta storie di vita altrui.

«La nostra voce cambia a seconda del momento della giornata, della persona con cui parliamo, dello stato emotivo in cui siamo: per un album, se scritto con sincerità, è lo stesso – racconta la cantautrice – In questo disco ci sono canzoni per riflettere, per gioire, per giocare, per fluttuare nell’aria, per commuoversi, per ricordare. Amo la diversità, sempre, di qualunque diversità si tratti, e amo la complessità resa semplice».

Management presenta “Sumo” il nuovo album di inediti

Management_Ph_SimoneCecchetti
Management_Ph_SimoneCecchetti

Management in tour per presentare “Sumo” il nuovo album di inediti

I Concerti

21 febbraio Conversano (BA) // Casa delle Arti (ore 22.30; ingresso 14 euro)
28 febbraio Segrate (MI) // Magnolia (ore 22.00; ingresso 12 euro + d.p.)
29 febbraio Roma // Monk (ore 22.00; ingresso 13 euro + d.p.)

Il Management è in tour per presentare “SUMO”, il nuovo album di inediti del duo composto da Luca Romagnoli (voce e testi) e Marco di Nardo (chitarra e compositore), già noti come Management del Dolore Post-Operatorio.

In programma ancora una manciata di appuntamenti per il mese di febbraio, in cui il Management porterà dal vivo i brani del nuovo lavoro discografico che sta già incontrando riscontri positivi da critica e pubblico. “Sumo”, infatti, è stato anticipato dal video e singolo “Come la luna”, che ha totalizzato oltre mezzo milione di streaming e che ha posizionato stabilmente il Management nelle più rilevanti playlist e classifiche digitali.

L’album è stato presentato, con intervista e minilive, nella trasmissione televisiva “L’Italia con voi” in onda su Rai Italia e, in radio, a Rai “Radio1 Music Club”, Rai Radio2 Social Club, Rai Radio2 “Lo Stato Sociale Show” e a “Minisonica” su Radio Popolare Network. La band, inoltre, è stata anche ospite, con intervista e minilive, a “Webnotte di giorno” con Ernesto Assante online su La Repubblica.

Il Management ha parlato dell’album “Sumo” con interviste anche a Rai Radio Live, Rai Radio1 Musica, Radio Kiss Kiss e in moltissime emittenti in frequenza regionale e locale.
Numerose anche le interviste e le recensioni su diverse testate stampa e online, tra cui Robinson de La Repubblica, Il Fatto quotidiano, Blowup, Rumore, XL di La Repubblica e molte altre.

Pochi giorni prima della partenza del tour di presentazione di “Sumo”, la band, inoltre, ha rilasciato la versione cover di “Un giorno dopo l’altro” di Luigi Tenco: un omaggio sincero e delicato a un brano speciale di Tenco, realizzato dal Management insieme a Nicola Ceroli, ex batterista della band, che è ospite fisso del tour del Management, esibendosi in apertura a tutti i concerti di febbraio.

“Thanks for the Dance”, album postumo di Leonard Cohen

Leonard Cohen
Leonard Cohen

Oggi, venerdì 22 novembre, esce “Thanks for the Dance”, album di inediti postumo di LEONARD COHEN, realizzato grazie all’impegno e alla passione del figlio Adam, con la collaborazione di illustri amici e colleghi che hanno lavorato con Leonard negli anni.

“Thanks for the Dance” non è una raccolta commemorativa di B sides e di tracce scartate, ma un vero e proprio disco che esce a sorpresa, composto da nuove canzoni, eccitanti e vitali, la reale continuazione del lavoro del Maestro.

Sette mesi dopo la morte di suo padre, Adam Cohen si era ritirato nel garage in cortile, vicino alla casa di Leonard, per lavorare di nuovo con il padre e per stare in compagnia della sua voce.

Della loro precedente collaborazione in “You Want It Darker” erano rimasti dei bozzetti musicali, a volte poco più delle semplici tracce vocali. Leonard al tempo aveva chiesto a suo figlio di portare a termine questo lavoro e così è stato.

Grazie a  questo, è nato “Thanks For The Dance”, il nuovo album di Leonard Cohen che riesce misteriosamente a ricreare davvero l’essenza del suono dell’artista.

«Nel comporre e arrangiare la musica affinché si adattasse alle sue parole, abbiamo seguito la sua impronta musicale, tenendolo così con noi» racconta Adam Cohen «Ciò che mi ha davvero commosso è stata la sorpresa di coloro che hanno ascoltato questo album, “Leonard è vivo!” hanno esclamato uno dopo l’altro»

L’album sarà disponibile in digitale, in versione CD e vinile.

Tracklist:
1. Happens to the Heart (video: https://youtu.be/2AMMb9CiScI)
2. Moving On
3. The Night of Santiago
4. Thanks for the Dance
5. It’s Torn
6. The Goal (video: https://youtu.be/mszJwXsZwKM)
7. Puppets
8. The Hills
9. Listen to the Hummingbird