CINEFORUM A NOVATE MILANESE

21 settembre 2012, di Elisa Zini – Inizia oggi venerdì 21 settembre 2012, presso il cinema Nuovo di Novate Milanese, l’atteso cineforum giunto alla sua 25° edizione.

Da più di dieci anni l’iniziativa “Riflettere attraverso un film” riscuote molto successo tanto da promuovere un ciclo di film nella stagione autunnale e uno nella stagione primaverile. Pubblico affezionato e molti film da scoprire attraverso la visione e la condivisione di impressioni, emozioni, sensazioni. Una novità: in questo ciclo di film oltre al critico cinematografico Celeste Colombo, che da sempre introduce i film e guida la discussione a fine proiezione, promuovendo il dibattito, saranno presenti, a rotazione, altri due critici cinematografici. Lo scambio di visioni e di idee è assicurato.

Questa sera in anteprima verrà proiettato il film “Piccole Bugie tra amici” di Guillaume Canet e a partire dal 27 settembre inizieranno le proiezioni del 25° ciclo di film che si concluderanno il 6 dicembre 2012. Come di consueto, al termine del cineforum, seguirà un rinfresco natalizio offerto dal cinema Nuovo a tutti i presenti.

Giovedì  27 settembre  “Sister” di Ursula Meier

Giovedì  4 ottobre   “Marigold Hotel” di John Madden

Giovedì  11 ottobre “17 ragazze” di M. e D. Coulin

Giovedì  18 ottobre “Il pescatore di sogni” di Lasse Hallstrom

Giovedì  25 ottobre “Tutti i nostri desideri” di Philippe Lioret

Martedì  30 ottobre “Un amore di gioventù” di Mia Hansen-Love

Giovedì 8  novembre “Romanzo di una strage” di Marco Tullio Giordana

Giovedì 22 novembre  “La guerra è dichiarata” di Valèrie Donzelli

Giovedì 29 novembre  “Margin call” di J.C. Chandor

Speciale 6 dicembre 2012  REALITY Vincitore “Grand Prix” Festival di Cannes 2012

(diretto dal regista di Gomorra)

BUON CINEMA A TUUTI

Per informazioni:

Cinema Nuovo di Novate Milanese

Tel. 02/3541641

Sopralluogo Isola Pedonale Navigli 2012

 

Anche per il 2012 l’inizio della nuova fase di gestione dell’area dei NAVIGLI mostra le difficoltà ed i problemi spesso segnalati – ma inascoltati – negli scorsi anni.
Il degrado, il mancato rispetto delle regole, l’incapacità di attrarre nuove utenze e nuove attività non si combattono solo modificando l’organizzazione di un luogo, la quotidianità della comunità residente, e vietando l’uso delle auto, ma con un insieme di progetti, d’iniziative e d’incentivi e anche di divieti che danno prospettive diverse e indirizzi più appropriati a un luogo. Forse è necessario avere il coraggio di scontentare qualcuno e non sempre gli stessi i soliti noti che da anni subiscono le conseguenze di una frequentazione troppo spesso mal tollerata.
Nella passeggiata che i referenti del Comitato dei Navigli hanno svolto col la prospettiva non solo di denunciare ma anche di proporre, molti degli aspetti che rappresentiamo da anni si sono ripresentati come un cliché a puntate. Rumore, degrado, aree di spaccio, gestori di locali in completa anarchia a causa della ben nota assenza di controlli efficaci. Ma qualche piccolo segnale positivo lo rileviamo. Vie, un tempo assediate dai locali notturni e oggi finalmente in parte liberate anche per la loro chiusura, sono state restituite alla comunità residente e si sono rivelate più vivibili e belle.
Continueremo a guardare e a indicare alle istituzioni ciò che non cambia, come anche ciò che mostra un volto nuovo e positivo.
Per questi motivi inviamo le osservazioni che abbiamo scritto su una serata di “movida” sui Navigli.

Media Day 2012

Meneghin

Meneghin: “Sarà dura ma ho fiducia”. Petrucci: “La Nazionale è la cosa più importante”. Pianigiani: “Massimo impegno”

“E via verso una nuova avventura!”. Con queste parole Dino Meneghin, presidente Fip, ha inaugurato il Media Day 2012, giornata dedicata alla comunicazione nella quale la Nazionale Azzurra incontra la stampa, gli sponsor e i tifosi. La sede della Edison, in Foro Buonaparte a Milano, è stata la cornice che ha tenuto a battesimo la squadra che questa estate affronterà le qualificazioni ad EuroBasket 2013 a partire dal 15 agosto.

“Con la Edison, che ringrazio per averci ospitato, siamo ormai amici di vecchia data – ha detto Meneghin – e spero che questo sodalizio possa continuare ancora per molto tempo. Ringrazio il presidente del Coni Gianni Petrucci per essere intervenuto e a lui faccio i miei migliori auguri per la spedizione Azzurra che sta partendo per l’Olimpiade. Per la nostra Nazionale non sarà semplice, perché tutte le squadre che affronteremo (Turchia, Rep. Ceca, Bielorussia e Portogallo, n.d.r.) ci daranno del filo da torcere e lo dimostra la Grecia, che con la Nigeria ha perso l’opportunità di partecipare ai Giochi. Ci aspetta una strada faticosa ma siamo fiduciosi e non vogliamo accontentarci. Sono certo che le società saranno contente di concederci i loro giocatori perché abbiamo bisogno di una Nazionale forte. L’ho sempre detto e torno a ripeterlo: la Nazionale è la parte più importante del nostro movimento”.

Lo ribadisce con forza il presidente del Coni Gianni Petrucci (“la mia candidatura alla presidenza Fip è ciò che dice il mio cuore, ma ne riparliamo dopo l’Olimpiade”), che ai giocatori ha detto: “Vivrete la vostra completezza di atleti solo quando sarete riconosciuti per la strada. E questo potrà avvenire solamente vincendo con la Nazionale. Solo la Maglia Azzurra potrà completarvi come atleti; potrete vincere Eurolega, Scudetti e Supercoppe, ma quello che vi darà l’Italia non potrà mai essere pareggiato. Io sono ottimista, come lo sono sempre stato, anche quando sono arrivato alla presidenza del Coni e venivano tagliati i fondi allo sport del 50%. Da allora e anche oggi siamo tra i primi 10 Paesi al mondo come movimento olimpico. A coach Pianigiani dico di essere sereno e ottimista: da presidente della Fip scelsi Ettore Messina per guidare la Nazionale e allora ci furono critiche per la sua giovane età. A Karlsruhe arrivammo tra il 9° e il 12° posto ma negli anni a venire avemmo una Nazionale vincente. Anche la squadra femminile di quest’anno sembrava avere dei problemi insormontabili legati al ringiovanimento e al ricambio generazionale, ma poi è andata in campo e ha sbaragliato la concorrenza. Tutte le Federazioni hanno momenti negativi, ed è naturale, ma voi dovete crederci e per citare Steve Jobs dovete avere ‘follia e fame’. Volendo si può ottenere tanto”.

Il ct Simone Pianigiani ha risposto a Petrucci promettendo massimo impegno e tanto entusiasmo: “Dobbiamo sentirci, da oggi, responsabili per coloro che lavorano tutto l’anno per far si che la gente possa amare la Maglia Azzurra, a prescindere da chi la indossi. La professionalità dimostrata dalla Fip è esemplare: la macchina organizzativa messa in piedi dalla Federazione e sempre più proiettata in un futuro reale è pronta ed efficiente per capire che il movimento cestistico è cambiato tantissimo in questi anni e il progetto della Nazionale Sperimentale ne è testimonianza. Ci vuole unità di intenti per avere un linguaggio tecnico comune come accade nelle altre Nazioni. La Fip ha permesso a giovani giocatori di fare un lavoro post season ed una esperienza internazionale che altrimenti sarebbe stata impossibile con i club. Ora ci aspettano quasi due mesi di raduno serrato e siamo pronti a lavorare sodo. Voglio ringraziare Marco Mordente, che ha avuto un periodo durissimo ma che aveva dato la sua disponibilità ad essere capitano di questa squadra in maniera incondizionata. Il nuovo capitano Azzurro sarà Stefano Mancinelli; sono due ragazzi diversi ma hanno in comune la passione smodata e sincera per questo sport e naturalmente il grande entusiasmo. Ci faremo un gran ‘mazzo’, lo dobbiamo a tanta gente ed è un impegno che vogliamo assumerci”.

Ampio spazio è stato dedicato all’esperienza della Nazionale Sperimentale: coach Luca Dalmonte ha illustrato il progetto citando Massimo Chessa e Daniele Magro, entrambi approdati alla Nazionale maggiore: “Un mese bello e intenso – ha detto – vissuto con voglia, volontà e passione. Abbiamo affrontato test che ci hanno maturato e dato importanti verifiche”.

Impossibile non citare la splendida cavalcata vincente della Nazionale Femminile, qualificatasi con autorevolezza all’EuroBasket Women del prossimo anno in Francia. A rappresentare le Azzurre sono intervenuti coach Roberto Ricchini, la Responsabile del Settore Squadre Nazionali Femminili Sandra Palombarini, il capitano Raffaella Masciadri e Martina Crippa.

Il Media Day 2012, presentato dalla voce di Sportitalia Niccolò Trigari, ha fornito l’occasione per ribadire ancora una volta il forte legame tra la Federazione Italiana Pallacanestro e i propri partner. Lorenzo De Salvo, responsabile Business Development  di RCS Sport e Nicola Tolomei, responsabile area marketing, eventi e comunicazione della Fip, hanno salutato Sportitalia e Trentino come nuovi partner della Fip e confermato quanto di buono fatto in questi anni: “La Fip è una Federazione ambiziosa e moderna – ha detto De Salvo – che ha voglia di cambiare il concetto dello sport e implementare quello di marketing”.

Bruno Bogarelli, presidente di Sportitalia, ha portato i saluti dell’emittente che negli ultimi mesi ha dimostrato con i fatti il grande attaccamento alla Maglia Azzurra, dedicandole programmi e speciali.

Da stasera la squadra si trasferirà a Folgaria, dove dal 17 al 24 luglio avrà luogo il ritiro di preparazione in vista delle qualificazioni a EuroBasket 2013. Gli Azzurri, che saranno ospiti di Blu Hotels presso il Golf Hotel di Folgaria, saranno protagonisti della Trentino Basket Cup dl 25 al 27 luglio con Montenegro, Finlandia e Bosnia Erzegovina.

PREMIO ANDREA PARODI

 

Dal pop d’autore con i Tazenda a un percorso solistico di grande valore e di rielaborazione delle radici: questo è stato Andrea Parodi, un artista fondamentale e originale per la musica sarda ma anche per quella italiana, che nel tempo è diventato un riferimento internazionale della world music intrecciandosi anche col jazz e collaborando con artisti come Al Di Meola e Noa.

A lui è intitolato il Premio Andrea Parodi, che ha preso il via alla sua quinta edizione con l’unico concorso nazionale dedicato alla world music in tutte le sue forme, la cui scadenza è stata prorogata al 31 agosto. La Fondazione Andrea Parodi ha infatti indetto il nuovo bando legato al Premio, che si svolgerà sotto forma di festival nel novembre 2012 a Cagliari con la direzione artistica di Elena Ledda e che ha visto tra gli ospiti degli scorsi anni artisti di rilievo come Mauro Pagani, Fausto Mesolella, Ester Formosa, Gavino Murgia, Luciano Biondini, Tenores di Bitti “Remunnu `e Loccu” e Angel Parra.

Il Premio intende valorizzare le nuove tendenze nell’ambito della musica dei popoli o “World Music”, ovvero proposte che attingono alle tradizioni culturali ma le rinnovano e contaminano.

Le domande di iscrizione al concorso dovranno essere inviate entro e non oltre il 31/08/2012, tramite il format presente su www.fondazioneandreaparodi.it oppure tramite e-mail all’indirizzo di posta elettronica fondazione.andreaparodi@gmail.com .

Dovranno contenere:

– due brani musicali in mp3, indicando quale dei due partecipa al concorso;

– Il modulo di iscrizione compilato e firmato che, unitamente al bando, è scaricabile dal sito www.fondazioneandreaparodi.it ;

– il testo della canzone in gara e dell’eventuale traduzione, qualora il testo non fosse in italiano;

– curriculum artistico del concorrente (singolo o gruppo);

– copia del documento di identità del concorrente se artista singolo o del rappresentante del gruppo.

Per iscriversi occorre essere maggiorenni ed essere autori o coautori del testo o della musica del brano in gara.

La Commissione artistica istituita dalla Fondazione, che selezionerà, in maniera anonima, 10 concorrenti (finalisti) che si esibiranno al festival “Premio Andrea Parodi”, è divisa in Giuria Tecnica (addetti ai lavori, autori, musicisti, poeti, scrittori e cantautori) e Giuria Critica (giornalisti), le quali, in sede di festival, decreteranno, rispettivamente, il Vincitore del Premio Andrea Parodi, le varie Menzioni e il Premio della Critica. Entrambe le giurie, come negli scorsi anni, saranno composte da autorevoli esponenti del settore.

Il Premio consiste in una somma in denaro erogata a copertura di tutti i costi di masterclass, eventuale acquisto o noleggio di strumenti musicali, corsi e quant’altro il vincitore sceglierà per la propria crescita artistica e musicale, per un importo massimo di 2.500 euro. Inoltre, verrà offerta al vincitore  l’opportunità di esibirsi alla successiva edizione del Premio Andrea Parodi (2013) in qualità di ospite, al prestigioso festival musicale “European jazz expo”, a cura di Jazz In Sardegna, che si terrà a Cagliari nel 2013, e al Negro Festival, che si terrà alle Grotte di Pertosa (SA) ad agosto 2013. 

Per maggiori informazioni:

www.fondazioneandreaparodi.it

fondazione.andreaparodi@gmail.com

Teatro San Rocco di Seregno:Stagioni teatrali 2012/2013

ALESSANDRO PREZIOSI

“CYRANO DE BERGERAC”

di Edmond Rostand

regia di Alessandro Preziosi

16,17 e 18 novembre 2012

NANCY BRILLI

“LA LOCANDIERA”

di Carlo Goldoni

regia di Giuseppe Marini

30 novembre – 1 e 2 dicembre 2012

COMPAGNIA DELLA RANCIA

Tratto dal film vincitore di 4 premi Oscar

 “RAIN MAN”

Adattamento per il teatro di Dan Gordon tratto dal film della MGM

con Luca Lazzareschi e Luca Bastianello

regia di Saverio Marconi

22, 23 e 24 gennaio 2013

GABRIELE PIGNOTTA e FABIO AVARO

“TI SPOSO MA NON TROPPO”

scritto e diretto da Gabriele Pignotta

5, 6 e 7 febbraio 2013

GIANFRANCO JANNUZZO

“CERCASI TENORE”

di Ken Ludwing

con la partecipazione di Milena Miconi

regia di Giancarlo Zanetti

22, 23 e 24 febbraio 2013

TEATRO DEGLI INCAMMINATI / DIABLOGUES

“L’UOMO LA BESTIA E LA VIRTU’”

di Luigi Pirandello

regia di Enzo Vetrano e Stefano Randisi

15, 16 e 17 marzo 2013

JUSTINE MATTERA, CRISTIAN GINEPRO e PIETRO PIGNATELLI

“SUGAR THE MUSICAL”

tratto dal film “A QUALCUNO PIACE CALDO”

basato sull’omonimo film di Billy Wilder e I.A.I. Diamonds  “Some like it hot”

regia di Federico Bellone

5, 6 e 7 aprile 2013