30.1 C
Milano
sabato, Giugno 25, 2022

Rugby: a Dublino Italia in 13 dal primo quarto

DUBLINO – Nel catino bollente di un Aviva Stadium completamente sold-out, l’Italia paga carissima la regola del no-contest dovendo giocare tre quarti di gara con due uomini meno, per il duplice effetto dell’infortunio a Lucchesi e del cartellino rosso al suo sostituto Faiva.

Salatissimo il conto, nove mete subite contro le due trasformazioni firmate da Padovani e Garbisi, con punteggio fissato sul 57 a 6 ed Azzurri a lasciare il campo a testa comunque alta per una prestazione completamente stravolta nel piano di gioco, ma a tratti esaltante per spirito combattivo ed atteggiamento complessivo.

Primo Tempo.

Kick-off Irlanda, che muove subito palla testando la cerniera difensiva ospite sul doppio fronte, velocizzando al massimo i punti di collisione. I ritmi sono davvero alti, gli Azzurri tengono ma su spunto di Carbery pagano dazio pesante regalando la meta che rompe il ghiaccio dopo quattro minuti. Trasforma lo stesso Carbery, 7 a 0. Gli attacchi irlandesi sono continui, Lucchesi resta colpito duro ed esce all’8’ ma la squadra si compatta e trova minuti in campo avversario, con penalty a favore calciato con successo da oltre 50 metri da Padovani al 14’ per il meritato parziale di 7 a 3. È un’Italia ruvida, che lavora bene nel gioco a terra costringendo i padroni di casa a falli ripetuti. Al 18’ intervento del TMO per un placcaggio pericoloso di Faiva: il giudizio è una sentenza letale, cartellino rosso e mischia italiana che si trova senza tallonatori di ruolo. Le conseguenze sono disastrose: Bruno deve uscire per Nemer, Halafihi è costretto ad uscire per il regolamento no-contest, i verdi approfittano subito e al 21’ Gibson-Park è già in meta per il 14 a 3 dopo la conversione di Carbery. In doppia inferiorità numerica dietro, ogni mischia diventa un’occasione facile per i verdi, che difatti alla mezz’ora esatta fiondano Lowry in meta per il 19 a 3 dopo un ingaggio dentro i 22. Passano altri sette minuti, e O.Mahoney trova la meta del bonus offensivo: l’Italia difende prudentemente per evitare danni al largo, ma questo favorisce gli attaccanti del trifoglio, che risucchiano giocatori per poi liberare il loro capitano sul corridoio di sinistra, comodo a planare oltre la linea bianca per il 24 a 3. I ragazzi di Crowley non mollano e con coraggio tornano a giocare in attacco: al 40’ la difesa è fallosa, Garbisi chiama i pali e la frazione si chiude sul 24 a 6.

Secondo Tempo.

Entrano Fusco e Pasquali, l’Italia è iper-aggressiva e si guadagna un penalty al primo minuto, ma Garbisi calibra largo e il punteggio non cambia. L’Irlanda cerca spazio, gli Azzurri sono encomiabili e placcano avanzanti con lucidità, impedendo danni eccessivi per qualche minuto, ma al 52’ cedono regalando la meta a Lowe che finalizza. Lo sforzo difensivo è enorme, entra Sexton che lavora subito un pallone che libera Lowry per la doppietta personale: lo stesso Sexton trasforma, 36 a 6. Per l’Italia è guerra su tutto il fronte, con Ruzza e Fischetti feroci nell’uno-contro-uno e Fusco bravo a dare ritmo attorno ai raggruppamenti. Proprio il mediano di mischia campano è però vittima di un infortunio tecnico, calcolando male la pressione di Baird su calcio nel box: il seconda linea è un falco sul pallone e intercetta volando poi indisturbato fino alla meta dopo l’ottimo controllo sulla presa a terra. 43 a 6, il gap si allarga malgrado l’atteggiamento stoico degli Azzurri. Al 75’ ingenuità di Steyn, che butta fuori volontariamente la palla tentando di arginare l’ennesimo attacco verde: per il TMO pochi dubbi, cartellino giallo ed Italia in dodici. L’Irlanda è spietata, e al primo possesso muove al largo per Lowe che con tre difensori in meno vola felice in bandierina: Sexton è il solito cecchino sublime, lo score va sul 50 a 6. A tempo scaduto l’ultimo acuto del trifoglio: tocca a Treadwell marcare, Sexton non sbaglia nemmeno l’ultimo calcio, finisce 57 a 6, con nove mete subite ed il rimpianto di una gara entrata sul binario decisamente sbagliato troppo presto.

Il tabellino del match:

Dublino – Aviva Stadium
Domenica 27 febbraio 2022
Guinness Six Nations – Terza Giornata

Irlanda v Italia 57-6 (24-6)

MarcatoriPT 4’ m. Carbery, t. Carbery (7-0); 14’ cp Padovani (7-3); 21’ m. Gibson-Park, t. Carbery (14-3); 30’ m. Lowry, nt (19-3); 38’ m. O’Mahoney, nt (24-3); 40’ cp Garbisi (24-6). ST 52’ m. Lowe, nt (29-6); 57’ m. Lowry, t. Sexton (36-6); 70’ m. Baird, t. Sexton (43-6); 75’ m. Lowe, t. Sexton (50-6); 80’ m. Treadwell, t. Sexton (57-6)

Irlanda: 15 Lowry; 14 Hansen, 13 Ringrose (3’ – 9’ Hume; 54’ Hume), 12 Henshaw (68’ Ringrose HIA), 11 Lowe; 10 Carbery, 9 Gibson-Park (61’ Casey); 8 Doris (54’ Conan), 7 Van der Flier, 6 O’Mahony (c); 5 Baird, 4 Beirne (61’ Treadwell); 3 Furlong (61’ Bealham), 2 Sheehan (69’ Herring), 1 Porter (44’ Kilicoyne)

A disposizione: 16 Herring, 17 Kilcoyne, 18 Bealham, 19 Treadwell, 20 Conan, 21 Casey, 22 Sexton, 23 Hume

Italia: 15 Padovani; 14 Bruno (20’ Nemer), 13 Brex, 12 Marin (66’ Zanon), 11 Ioane; 10 Garbisi, 9 Varney (41’ Fusco); 8 Halafihi, 7 Lamaro (c), 6 Pettinelli (54’ Steyn; 62’ Pettinelli HIA); 5 Ruzza, 4 Cannone (49’ Zuliani); 3 Ceccarelli (41’ Pasquali), 2 Lucchesi (9’ Faiva), 1 Fischetti

A disposizione: 16 Faiva, 17 Nemer, 18 Pasquali 19 Sisi, 20 Zuliani, 21 Steyn, 22 Fusco, 23 Zanon

Arbitro: Nika Amashukeli (Georgia)
Assistenti: Matthew Carley (Eng), Christophe Ridley (Eng)
TMO: Eric Gauzins (France)

Cartellini: 18’ rosso a Faiva (ITA); 75’ giallo a Steyn (ITA)

Calciatori: Carbery 2/5; Padovani 1/1; Garbisi 1/1; Sexton 4/4

Note: Terreno di gioco in perfette condizioni, stadio completamente esaurito, temperatura 9°. Azzurri in campo con segno nero di lutto sulle maglie per la scomparsa di Franco Ascantini. Al polso della squadra nastro azzurro e giallo per solidarietà con il popolo ucraino.

Player of the Match: Van der Flier (IRL)

Rugby

Altri articoli di Rugby su Dietro la Notizia

 

0 Condivisioni

Articoli

Ferrara: ultimi giorni per poter visitare De Pisis “Il silenzio delle cose”

Ultimo fine settimana per poter visitare De Pisis. Il silenzio delle cose. Fino a domenica 26 giugno la mostra, allestita nella Sala dei Comuni...

“Un altro giorno d’amore”, la colonna sonora dell’omonimo film

Esce oggi25 giugno 2022 per Lost Generation Records (e in distribuzione Believe) "Un altro giorno d'amore - official extended soundtrack", la colonna sonora ufficiale...

“Patient Number 9”, il nuovo album di Ozzy Osbourne

Uscirà il 9 settembre ed è già disponibile in pre-order “PATIENT NUMBER 9” (Epic Records/Sony Music) (https://ozzyosbourne.lnk.to/PatientNumber9_), il nuovo album del candidato alla Rock...

Resta Connesso

1,478FansLike
396FollowersFollow
141FollowersFollow
- Advertisement -

Ultimi Articoli

Ferrara: ultimi giorni per poter visitare De Pisis “Il silenzio delle cose”

Ultimo fine settimana per poter visitare De Pisis. Il silenzio delle cose. Fino a domenica 26 giugno la mostra, allestita nella Sala dei Comuni...

“Un altro giorno d’amore”, la colonna sonora dell’omonimo film

Esce oggi25 giugno 2022 per Lost Generation Records (e in distribuzione Believe) "Un altro giorno d'amore - official extended soundtrack", la colonna sonora ufficiale...

“Patient Number 9”, il nuovo album di Ozzy Osbourne

Uscirà il 9 settembre ed è già disponibile in pre-order “PATIENT NUMBER 9” (Epic Records/Sony Music) (https://ozzyosbourne.lnk.to/PatientNumber9_), il nuovo album del candidato alla Rock...

Pearl Jam, all’Autodromo di Imola nella loro unica data in Italia

Un grande, attesissimo, ritorno quello dei Pearl Jam in Italia che si esibiranno il 25 giugno all’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola...

Fino al 3 luglio, al Teatro Studio Melato: Carbonio Oltre la scena

Anche intorno a Carbonio, lo spettacolo scritto e diretto da Pier Lorenzo Pisano, con Federica Fracassi e Mario Pirrello (al Teatro Studio Melato fino...