Massimo Priviero

Massimo Priviero

Il 26 ottobre all’Alcatraz di Milano  Massimo Priviero,  il “poeta del rock”, chiuderà l’importante tour di “ALI DI LIBERTÀ” celebrando così i suoi venticinque anni di carriera artistica.

Il concerto del rocker veneto, da tanti anni trapiantato a Milano, percorrerà le tracce di un ultimo lavoro di grande impatto emotivo, mescolate ai brani classici del suo repertorio.

A conclusione di un anno ricco di concerti e soddisfazioni, la data milanese sarà un’occasione unica per vedere dal vivo il “menestrello di strada”, che con la sua voce springsteeniana e i suoi testi privi di compromessi è uno dei pochi rocker italiani rimasti.

Intervista

Suonare a Milano alla fine del tour è forse più una “una festa di ritorno a casa”…

“Milano è la mia casa adottiva… Il lungomare veneziano è la mia terra madre… Ma suonare qui è speciale più di ogni altra cosa. Speriamo sia anche una festa.. ”

C’è stata una esperienza particolare, che ti ha “arricchito” in questo tour ?

“L’amore della mia gente fa sempre la differenza rispetto ad ogni altra cosa. La forza che si trasmette a vicenda. Un modo di fare musica che è anche un modo di stare al mondo.
Questa è sempre la ricchezza più grande”

Con chi  ti piacerebbe fare un duetto ?

“Non è mai stata un’idea importante quella dei duetti… non saprei dirti… magari non necessariamente con un musicista…”