Olanda: paese delle biciclette

L’Olanda è il paese dove si pedala di più e questo veicolo a due ruote rappresenta una vera e propria icona nazionale, pertanto la promozione nel nuovo anno sarà dedicata all’insegna della  bicicletta e ha lo scopo di  porre l’attenzione sulle opportunità uniche che offre agli amanti delle due ruote e di attirare nuovi visitatori a scoprirne le bellezze.

Le due ruote fanno  parte del DNA degli olandesi che iniziano a pedalare fin da piccolissimi quando ancora non sono in grado di camminare in quanto è il mezzo preferito per recarsi al lavoro, a scuola, per fare la spesa, per incontrare gli amici e naturalmente anche per fare escursioni. 

Basti pensare che in Olanda il numero di biciclette (18 milioni)  supera quello degli abitanti (16,6 milioni) e risulta la densità di biciclette più alta al mondo. Ci sono 32.000 km di piste ciclabili distribuite su un territorio pianeggiante particolarmente favorevole e su città realizzate totalmente a misura di ciclista.

In città le biciclette godono di particolari agevolazioni rispetto agli altri mezzi e al ciclista è garantita una circolazione sicura, veloce e agevole. Fuori dall’ambiente urbano, invece, impagabile è un’escursione a pedali tra i campi di tulipani in fiore, oppure itinerari lungo gli innumerevoli corsi d’acqua o ancora percorsi ciclabili che collegano tra di loro diverse cittadine storiche. La scelta degli itinerari è vastissima come pure la lunghezza che può variare da 5 ai 365 chilometri.

E nella città di Eindhoven si sta realizzando l’Hovenring una rotatoria per ciclisti sospesa nel vuoto cioè un ponte circolare sospeso sull’autostrada A2 che agevola l’attraversamento di cicli e motocicli in un punto strategico diventato ormai troppo trafficato. Si tratta della prima rotatoria ciclabile sospesa nel mondo progettata nel 2008: ha un diametro di 72 metri ed è tenuta sospesa da 24 cavi che si estendono da una colonna centrale alta 70 metri.

Sempre nei  pressi di Eindhoven, all’interno dell’itinerario ciclabile lungo 335 km sulle tracce di Van Gogh nella provincia del Brabant, è in fase di realizzazione una pista ciclabile innovativa e interattiva lunga 600 metri, posizionata tra 2 suggestivi mulini ad acqua. Questo percorso, unico nel suo genere, prevede l’utilizzo di migliaia di pietre luminose  in grado di accumulare luce solare durante il giorno e di emetterla durante la sera, creando un mix suggestivo tra luce e poesia, tra cultura e innovazione. Il percorso sarà arricchito da un design interattivo che ripercorrerà la storia e le opere di Van Gogh, attraverso immagini significative della  sua carriera e sarà inoltre caratterizzato da una segnaletica orizzontale luminosa e da  indicazioni relative alle condizioni della pista in caso di ghiaccio o neve.

Utrecht è la città della bici per eccellenza in Olanda e il Comune intende  mantenere questo primato per favorire il mezzo di trasporto più importante in città. Pertanto è allo studio un progetto per l’ampliamento di un parcheggio coperto nei pressi della Stazione Centrale per le due  ruote che ospiterà 12.500 bici  (che  andranno ad aggiungersi ai 315.000 già esistenti) e sarà il più grande del mondo. Gli effetti concreti del progetto si tradurranno in maggiore spazio per pedalare, migliori collegamenti e numerose possibilità di parcheggio.

Carlo Torriani