Alla periferia della gioia

MILANO foto Castello Sforz LOI MARTINELLI

Giovedì 13 dicembre allo Spazio Oberdan: prima nazionale del medio-metraggio di Giovanni Martinelli “ALLA PERIFERIA DELLA GIOIA. Tre generazioni di poeti raccontano Milano” con introduzione di Morando Morandini.

Giovedì 13 dicembre, alle ore 21.00, presso la Sala Alda Merini dello Spazio Oberdan, Viale Vittorio Veneto 2, proiezione del medio-metraggio  “Alla periferia della gioia – Tre generazioni di poeti raccontano Milano” di Giovanni Martinelli, prodotto dall’’Associazione culturale La Musa di Parma, con introduzione di Morando Morandini.

A seguire, un dialogo tra i poeti protagonisti del film – Franco Loi, Milo De Angelis, Italo Testa (tre diverse generazioni di testimoni della vita della città a confronto) – con lo scrittore Luca Doninelli e il critico d’arte Flavio Arensi.

Tutti gli ospiti sono chiamati a confrontarsi sugli spunti offerti dalle opere dei tre poeti: da una parte una Milano che non c’è più ricordata nelle rime di Loi e dall’altra una città da scoprire nelle zone meno note nei versi di Testa e De Angelis: una Milano nostalgica che conserva in alcuni quartieri memoria del suo passato recente ma anche scenografie inconsuete dai nomi insoliti come Porto di Mare.

L’iniziativa è promossa dalla Provincia di Milano/Assessorato alla cultura e dal Centro Culturale di Milano. Sarà presente Il Vice Presidente e Assessore alla cultura Novo Umberto Maerna.

L’ingresso è libero.

Milano raccontata da tre generazioni di poeti, che hanno colloquiato negli anni e nello spazio con lei: la città dagli anni quaranta ad oggi nei versi dell’ottantenne Franco Loi. La periferia nord del sessantenne Milo De Angelis, (Lambrate e dintorni) quella a sud del giovane Italo Testa, quasi non luogo, sorta da grandi spazi che fuoriescono dal corpo della città.

Il film ripercorre attraverso i versi i luoghi di una Milano popolare che con Loi  “non fa mai una voce sola”, a quella della periferia che si spinge all’Idroscalo suggerita da De Angelis,  fino a quella spalmata nei grandi spazi metropolitani di confine del giovane Testa.

Si aggiunge ai tre poeti l’ottantenne direttore della fotografia milanese dei primi film di Ermanno Olmi e poi di Lattuada, Lamberto Caimi, che nel 2003, come regista con l’opera “Desmentegas”, ripropone anche le disastrose immagini dei bombardamenti dell’agosto del 1943,drammaticamente sottolineate  dai versi di Franco Loi.

Giovanni Martinelli, nato a Parma, ha frequentato la scuola di cinema del Comune di Milano, realizzando opere cinematografiche in 16 mm (fiction e documentari)  passando in seguito al video e realizzando molti  corti e mediometraggi.

Riceve diversi  premi e riconoscimenti nazionali nei festival di cinema indipendente.

Realizza video poetici con i più grandi poeti nazionali: Attilio Bertolucci, Mario Luzi, Franco Loi, Pier Luigi Bacchini, Alda Merini.

Fonda con la musicista Luisa Pecchi l’Associazione culturale LA MUSA, tenendo reading di poesia e producendo nel 2011 (in occasione del centenario della nascita)  il video “La nazione Parma per Attilio Bertolucci”.

Per informazioni:

– Spazio Oberdan tel. 02.7740.6388/6302, www.provincia.milano.it/cultura